didattica pratica
Download
Skip this Video
Download Presentation
Didattica pratica

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 21

Didattica pratica - PowerPoint PPT Presentation


  • 71 Views
  • Uploaded on

Didattica pratica. CURARE LA BARCA. Non è solo una questione di sicurezza. La seduta di allenamento. In ogni allenamento di distingue: Fase di preparazione Fase principale Fase di chiusura. Fase preparatoria. E’ quella parte dell’allenamento più comunemente chiamata “riscaldamento”.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Didattica pratica' - shubha


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
curare la barca
CURARE LA BARCA

Non è solo una questione di sicurezza.

la seduta di allenamento
La seduta di allenamento
  • In ogni allenamento di distingue:
  • Fase di preparazione
  • Fase principale
  • Fase di chiusura
fase preparatoria
Fase preparatoria

E’ quella parte dell’allenamento più comunemente chiamata “riscaldamento”.

Gli esercizi di riscaldamento innalzano la temperatura corporea promuovendo l’aumento del flusso ematico e facendo si che una maggiore quantità di ossigeno sia utilizzabile da parte dei muscoli.

Il riscaldamento protegge, inoltre, da eventuali danni muscolari o tendinei.

riscaldamento
Riscaldamento

Il riscaldamento predispone fisicamente e psicologicamente alla prestazione

Esercizi di riscaldamento e raffreddamento graduale. Si noti come nel raffreddamento gli esercizi vengano eseguiti in ordine inverso rispetto al riscaldamento.

stiramento
Stiramento

Gli esercizi devono coinvolgere i maggiori gruppi muscolari e le articolazioni.

Gli esercizi devono essere eseguiti senza movimenti violenti e mantenendo per 20-30 secondi la posizione finale di stiramento.

Ogni esercizio va ripetuto 5-6 volte.

Durata minima complessiva da 20 a 30 minuti.

calistenici
Calistenici

Gli esercizi calistenici vanno eseguiti dopo quelli di stiramento.

Sono esercizi attivi: comportano cioè l’esecuzione di contrazioni muscolari.

Devono interessare i gruppi muscolari maggiori direttamente interessati alla competizione.

Contribuiscono ad aumentare la temperatura corporea.

Durata complessiva non meno di 10-15 minuti

specifici
Specifici

Sono esercizi che si avvicinano ai movimenti che saranno effettuati nello svolgimento dell’attività sportiva (braccia, braccia e schiena, carrello fisso, ecc…)

Portano al punto giusto la temperatura corporea.

Migliorano la coordinazione e i meccanismi neuromuscolari

Durata non meno di 10-15 minuti

fase principale
Fase principale
  • Comprende quegli esercizi che determinano lo sviluppo o il consolidamento dello stato di allenamento.
  • Se in una seduta di allenamento si debbono prendere in considerazione più compiti, bisogna tener presente che:
  • Occorre prima esercitare e perfezionare la tecnica.
  • Anche la velocità va esercitata per prima rispetto alla resistenza.
  • Esercitazioni di velocità alla fine della seduta migliorano solo le qualità volitive e di sprint.
fase di chiusura
Fase di chiusura

Questa parte della seduta è determinante per il processo di recupero e, purtroppo, molte volte è trascurata.

In questa fase si deve tendere a ricondurre l’organismo al suo stato funzionale normale.

Si deve ridurre gradualmente l’intensità, oppure si cambiano i mezzi (esercizi con funzione di recupero attivo).

forme di svolgimento
Forme di svolgimento
  • Ogni seduta si può svolgere sotto forma di:
  • Allenamento individuale
  • Allenamento di gruppo
  • Allenamento frontale
  • Allenamento in forma libera.
allenamento individuale
Allenamento individuale
  • Il carico può essere dosato individualmente
  • L’allenatore può intervenire al momento opportuno
  • E’ garantita l’educazione all’autonomia e alla responsabilità
  • Migliorano le capacità volitive, la perseveranza e la fiducia in sé
  • Si ha l’influenza positiva dell’allenatore in caso di sconfitta
  • L’allenamento può essere regolato in base alle necessità
  • Svantaggi
  • Scarso collegamento al collettivo
  • Non ci si allena in condizioni di gara
  • Non c’è effetto stimolante da parte del gruppo.
allenamento in gruppo
Allenamento in gruppo
  • Efficace dal punto di vista dell’insegnamento reciproco
  • Allenamento specifico alla gara
  • Migliorano le capacità volitive in situazioni di competizione
  • Utilizzo dei luoghi di allenamento in modo economico
  • Svantaggi
  • Dosaggi e direzione individuale presentano molti limiti
  • Il grado di efficacia del carico non può essere controllato
  • E’ più dispendioso in termini di tempo
allenamento frontale
Allenamento frontale
  • Tutti eseguono contemporaneamente gli stessi esercizi
  • L’allenatore ha buona visione generale
  • Si forma il collettivo
  • Tutti gli atleti possono essere guidati contemporaneamente
  • Svantaggi
  • Scarso dosaggio individuale del carico
  • Scarso miglioramento dell’autonomia
  • Limiti nella guida individuale
allenamento in forma libera
Allenamento in forma libera
  • Viene incrementata la massima autonomia e cosciente collaborazione.
  • Viene consolidato il rapporto di fiducia tra atleta ed allenatore
  • Si sviluppa in sommo grado la capacità di prendere decisioni in modo autonomo (situazioni di gara)
  • Si responsabilizza l’atleta e lo si spinge a documentarsi
  • Svantaggi
  • Rischio di insubordinazione
  • Rischio di calo di tensione
metodica organizzativa allenamento a stazioni
Metodica organizzativaallenamento a stazioni
  • Gli atleti eseguono determinati esercizi in stazioni differenti.
  • Allenamento adatto per migliorare singole qualità.
  • E’ opportuno farlo eseguire a coppie.
  • Nel canottaggio si usa soprattutto nell’allenamento della forza.
allenamento in circuito
Allenamento in circuito

L’allenamento viene svolto su diverse stazioni di esercitazione, sottoforma di circuito, da precorrere più volte dal primo all’ultimo esercizio.

Il numero delle stazioni è vario

Il tempo di esecuzione è vario e le pause diverse

Il numero di giri è vario

Gli atleti devono essere dello stesso livello tecnico

Lo scopo è quello di potenziare forza o resistenza a carattere generale o specifico.

prima di chiudere
Prima di chiudere

E’ opportuno che prima di congedare gli atleti, si proceda ad una valutazione della seduta di allenamento per l’applicazione pratica dell’allenamento futuro. E’ il momento opportuno per evidenziare le parti buone e quelle sbagliate della seduta appena trascorsa.

Il riesame crea in tal modo un importante anello di congiunzione tra le sedute di allenamento e contribuisce alla soluzione dei compiti formativi ed educativi

dovere di controllo
Dovere di controllo
  • Oltre a programmare e a costruire il processo di allenamento l’allenatore è tenuto a forme di controllo in modo che gli atleti siano preservati da incidenti ed infortuni evitabili.
  • L’allenatore deve:
  • Saper rilevare i possibili momenti di pericolo
  • Rimuovere, se possibile i pericoli
  • Disporre i gruppi di allenamento ponendo sempre atleti esperti con i giovani
  • Accertarsi anche della correttezza di pratiche burocratiche come visite mediche, tesseramenti, iscrizioni a gare etc…
ad