I beni archeologici
Download
1 / 6

I BENI ARCHEOLOGICI - PowerPoint PPT Presentation


  • 88 Views
  • Uploaded on

I BENI ARCHEOLOGICI. Capitolo 4. Nardi Roberta matr. 263031 Pasotto Marta matr. 262960 Talato Daniela matr. 262929. Ricerca archeologica e beni archeologici. Capitolo 4. Beni archeologici. Particolarità del bene archeologico Normativa autonoma rispetto i beni culturali :

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' I BENI ARCHEOLOGICI' - shakti


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
I beni archeologici

I BENI ARCHEOLOGICI

Capitolo 4

Nardi Roberta matr. 263031

Pasotto Marta matr. 262960

Talato Daniela matr. 262929


Ricerca archeologica e beni archeologici
Ricerca archeologica e beni archeologici

Capitolo 4. Beni archeologici

  • Particolarità del bene archeologico

  • Normativa autonoma rispetto i beni culturali:

  • Vige la riserva statale su attività di ricerca archeologica (art.88D.Lgs 22 gennaio 2004, n. 42 – Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’articolo 10 della L. 6 luglio 2002 n 137)

    1) Lo Statoè Titolare del diritto di ricerca

    2) Lo Stato è Proprietario dei Beni archeologici (art. 822 e 826 del Codice Civile)

    3) Lo Stato può espropriare o disporre l’occupazione temporanea dei fondi interessati con il pagamento in entrambi i casi di relativo indennizzo


Capitolo 4. Beni archeologici

La scoperta fortuita

  • Nel caso di scoperta fortuita, lo scopritore ha l’obbligo di:

  • denunciare il ritrovamento entro 24 ore al soprintendente, al sindaco o all’autorità di

    pubblica sicurezza;

  • provvedere alla conservazione temporanea delle cose scoperte:

    • lasciandole nelle condizioni e nel luogo dove sono state rinvenute;

      oppure

    • nel caso di cosemobili, di cui non si può altrimenti garantire la custodia, ha la

      facoltà di rimuoverle per meglio garantirne la sicurezza e custodia, e se necessario

      chiedere l’ausilio della forza pubblica;

      fino alla visita dell’autorità competente.


Capitolo 4. Beni archeologici

Le spese sostenute per la custodia, vengono rimborsate dal Ministero.

Proprietario dell’immobile

Concessionario

Scopritore

Se hanno ottemperato agli obblighi precedentemente descritti, hanno diritto ad un premio

Premio

  • stabilito per ciascuno nella misura massima di un quarto del valore delle cose ritrovate;

  • può avvenire tramite:

  • rilascio di una somma in denaro

  • rilascio di alcune cose ritrovate (a)

Ipotesi in cui un bene archeologico entra nel patrimonio di un soggetto diverso dallo Stato:

  • Nel caso (a);

  • Nel caso di cose rinvenute prima del 1909, cioè prima che entrasse in vigore la legge

    che sanciva la proprietà statale.


La destinazione delle cose ritrovate

Capitolo 4. Beni archeologici

La destinazione delle cose ritrovate

La destinazione delle cose ritrovate è regolata:

dall’art. 89 al comma 6del Codice dei beni culturali e del paesaggio stabilisce che:

- è il Ministero a consentire, a richiesta, che gli oggetti ritrovati rimangano alla

Regione o altri enti territoriali

- le cose ritrovate possono rimanere tutte o solo una parte di esse

- la Regione o ente territoriale deve avere fini espositivi

- l’ente deve disporre di sede idonea e garantire la conservazione e custodia delle cose

medesime

Problematiche non risolte dall’art. 89

- discrezionalità per la destinazione dei beni archeologici

- valutazione dell’idoneità delle strutture per la tutela e fruizione del bene


Capitolo 4. Beni archeologici

Nel caso di scoperte fortuite, la destinazione è regolata da:

R.D. 363/1913, art. 121che stabilisce che:

- Le cose provenienti da scavo o da scoperte fortuite […] saranno destinate ad Istituti

governativi della regione donde provengono

- In casi eccezionali il ministro dell'istruzione,[…] potrà destinarle ad altro Istituto

- Oltre al caso speciale, […], potrà il Ministero consentire, […], che tali cose siano

lasciate in deposito, dietro ogni più ampia garanzia di custodia, ad Istituti comunali e

provinciali della regione in cui vennero scoperte.


ad