Gabriele Bezzi
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 5

L'archivio si racconta Bologna 9 dicembre 2009 PowerPoint PPT Presentation


  • 63 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Gabriele Bezzi Responsabile della Conservazione Polo Archivistico Regionale. L'archivio si racconta Bologna 9 dicembre 2009. Legge Regionale n. 17 del 29/10/2008, Art. 8 Modifiche alla legge regionale n. 29 del 1995:

Download Presentation

L'archivio si racconta Bologna 9 dicembre 2009

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


L archivio si racconta bologna 9 dicembre 2009

Gabriele Bezzi

Responsabile della Conservazione Polo Archivistico Regionale

L'archivio si racconta

Bologna 9 dicembre 2009


Contesto normativo

  • Legge Regionale n. 17 del 29/10/2008, Art. 8

  • Modifiche alla legge regionale n. 29 del 1995:

  • 1. Al comma 1 dell’articolo 2 della legge regionale 10 aprile 1995, n. 29 (Riordinamento dell’Istituto dei beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna) è aggiunta la seguente lettera:

  • "f bis) svolge la funzione di archiviazione e conservazione dei documenti informatici, con le modalità previste dalla normativa vigente, prodotti dalla Regione e, mediante apposita convenzione, dei documenti prodotti da Province, Comuni e altri soggetti pubblici."

“Una legge per ParER”

  • L’ Istituto regionale per i Beni artistici, culturali e naturali è stato individuato quale soggetto giuridico atto ad accogliere le funzioni di ParER, in ragione delle caratteristiche di autonomia organizzativa, gestionale tecnico-scientifica di cui gode, delle specifiche funzioni che ricopre nell’ambito della valorizzazione dei beni culturali e dell’esperienza maturata nel coordinamento degli enti del territorio

  • .È un soggetto pubblico, con personalità giuridica propria- e quindi ente terzo rispetto agli enti - con autonomia tecnico-scientifica e una struttura logistica e un organico proprio, con professionalità qualificate che assommano conoscenze di natura archivistica, organizzativa, giuridica e informatica;

  • LaSoprintendenza archivistica per l’Emilia-Romagnasvolgerà un ruolo di vigilanza per verificare che il processo di conservazione avvenga in modo conforme alla normativa e ai principi di corretta e ininterrotta custodia

Contesto normativo


Delibera giunta n 877 del 22 06 2009

  • Ritenuto di affidare a IBACN, nell’ambito della riorganizzazione del patrimonio documentale regionale e secondo quanto previsto del D.Lgs. 42/2004 “Codice dei beni culturali e del paesaggio” in tema di obblighi di protezione e conservazione degli archivi e dei documenti e di fruizione e valorizzazione dei beni culturali, oltre alla cura dell’archiviazione e conservazione dei documenti informatici prodotti dalla Regione, anche la gestione delle funzioni di archivio di deposito e storico, nell’ottica di istituire l'Archivio storico regionale, nella ormai prossima scadenza del primo quarantennio di vita della Regione, e di una progressiva confluenza del patrimonio archivistico regionale in un sistema che ne migliori la fruibilità e ne garantisca, nell’ambito delle migliori tecnologie disponibili, la conservazione e l'opportuna valorizzazione

  • Delibera di affidare a far data dal 1/1/2010 la gestione delle funzioni di archivio di deposito e storico regionale nell'ambito dei locali di San Giorgio di Piano all'IBACN

Delibera Giunta n. 877 del 22/06/2009


Non solo digitale gli archivi di s giorgio

  • Dal 1° gennaio 2010, il Polo archivistico gestirà l'archivio di deposito e storico della Regione a San Giorgio di Piano.

  • In questo modo sarà possibile ricondurre a una gestione unitaria e integrata l'intero patrimonio documentario dell'ente, sia esso digitale o cartaceo, con importanti vantaggi in termini di efficacia ed efficienza di tutto il processo di gestione documentale.

  • Il progetto di ristrutturazione degli immobili consentirà inoltre di ampliare gli spazi di conservazione degli archivi cartacei (ulteriori 18 Km di scaffalatura) e di disporre di ampie sale di studio e per riunioni.

Non solo digitale: gli archivi di S. Giorgio


L archivio si racconta bologna 9 dicembre 2009

Grazie per l’attenzione….


  • Login