Download
1 / 49

Che cos’è la giornata della memoria? - PowerPoint PPT Presentation


  • 151 Views
  • Uploaded on

Che cos’è la giornata della memoria?. ‘’Il G iorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata in commemorazione delle vittime del nazismo, dell’Olocausto e in onore di coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati.’’ .

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Che cos’è la giornata della memoria?' - scott


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Che cos la giornata della memoria

Che cos’è la giornata della memoria?

‘’Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata in commemorazione delle vittime del nazismo, dell’Olocausto e in onore di coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati.’’


Perch il 27 gennaio

Perché il 27 gennaio?

‘’La Repubblica Italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz da parte delle truppe sovietiche dell’Armata Rossa, ‘’Giorno della Memoria’’, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi raziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte. ‘’

Legge 20 luglio 2000, n. 211, art. 1


Ma perch proprio gli ebrei

..ma perché proprio gli ebrei?

Nel XX secolo, in Russia, fu diffuso dalla polizia segreta zarista, un falso documento nel quale si dichiarava la volontà da parte della popolazione ebraica di impadronirsi del mondo.

Si tratta de I Protocolli dei Savi di Sion, lo scritto inattendibile a cui si ispirò Hitler per affermare il dominio della <<razza>> ariana su tutte le altre.


Per non dimenticare

PER NON DIMENTICARE

Senza capelli in testa

in fila indiana

vanno incontro alla morte.

Vecchi, donne, bambini.

Il vento che porta lontano

il suono delle sirene,

sventola bandiere nere.

Lucida follia

resta sopra ai muri

sale sul treno della morte.

Alcuni non possono dimenticare,

davanti agli occhi

avranno sempre

immagini orribili.


Ma noi che non sappiamo

che non eravamo lì,

non dobbiamo lasciare

che si dimentichi,

che l'orrore, la follia

possano tornare.


Binario 21

Binario 21

Fu dal binario 21 - un binario ferroviario situato nei sotterranei della Stazione di Milano Centrale - che il 30 gennaio 1944circa 650 ebrei tenuti in prigionia nel carcere di San Vittore vennero avviati al campo di concentramento di Auschwitz, ovvero verso morte certa.


Dovevano sbrigarsi, depositare pacchi e valigie sulla banchina dove si affannavano uomini di una magrezza incredibile, con i crani rasati, vestiti con abiti a righe, simili a pigiami.


Le donne furono costrette a spogliarsi. banchina dove si affannavano uomini di una magrezza incredibile, con i crani rasati, vestiti con abiti a righe, simili a pigiami. A quei tempi mettersi nudi davanti a sconosciuti rappresentava un trauma. Per molte di loro, questa fu la prima umiliazione. Poi vennero perquisite fin negli orifizi più intimi, portate sotto le docce, rasate: testa, ascelle, pube. Seguì la distribuzione dei vestiti. Non pigiami o abiti a righe, ma abiti qualsiasi, tutti sbrindellati, di una sporcizia ripugnante. Erano vestiti recuperati nelle valigie delle deportate che le avevano precedute.


Servendosi di una specie di stilografica metallica e di un inchiostro azzurro, incisero nelle loro carni un numero indelebile; contribuiva a privarli dell’ultima cosa che ancora possedevano, il loro nome.

Ormai venivano chiamati solo con quel numero, inciso per sempre sulla pelle.


I simboli d’identificazione dei prigionieri: triangoli in stoffa, cuciti sui vestiti, la cui forma e il cui colore avevano significati precisi.


Triangolo rosso prigionieri politici
Triangolo rosso stoffa, cuciti sui vestiti, la cui forma e il cui colore avevano significati precisi. Prigionieri politici


Triangolo giallo ebrei
Triangolo giallo stoffa, cuciti sui vestiti, la cui forma e il cui colore avevano significati precisi. Ebrei


Triangolo verde criminali
Triangolo verde stoffa, cuciti sui vestiti, la cui forma e il cui colore avevano significati precisi. Criminali


Triangolo nero asociali
Triangolo nero stoffa, cuciti sui vestiti, la cui forma e il cui colore avevano significati precisi. asociali


Triangolo viola testimoni di geova
Triangolo viola stoffa, cuciti sui vestiti, la cui forma e il cui colore avevano significati precisi. Testimoni di Geova


Triangolo rosa omosessuali
Triangolo rosa stoffa, cuciti sui vestiti, la cui forma e il cui colore avevano significati precisi. Omosessuali


Triangolo marrone zingari
Triangolo marrone stoffa, cuciti sui vestiti, la cui forma e il cui colore avevano significati precisi. Zingari


Le torture pi atroci
Le torture più atroci stoffa, cuciti sui vestiti, la cui forma e il cui colore avevano significati precisi.

  • I deportati venivano malmenati, torturati e sottoposti alle più terribili umiliazioni per semplice divertimento delle SS, così da distruggerli sul piano fisico ma soprattutto su quello psicologico;

  • Costrizione escrementizia e alla nudità;

  • Obbligo di mangiare come cani, senza cucchiai, nonostante questi non mancassero;

  • Far restare i deportati per 2 o 3 ore sotto la pioggia a 10-20 gradi sotto zero;

  • ‘’Vitamine’’: erano sottoposti a una serie di esercizi fisici serali o costretti alla marcia sulle ginocchia, sui gomiti o a trasportare per ore pietre pesanti, o ancora a creare ‘’combattimenti tra gladiatori’’.


I metodi di uccisione
I metodi di uccisione: stoffa, cuciti sui vestiti, la cui forma e il cui colore avevano significati precisi.

  • Strangolamento;

  • Impiccagione per i piedi, così procurare una morte più lenta e dolorosa;

  • Fucilazione di vittime riunite in uno stretto corridoio tra due alte staccionate e talvolta costretti ad attendere la morte per giorni;

  • Far precipitare i deportati dall’alto della cava;

  • Camere a gas: si toglieva loro gli abiti, per introdurli poi in locali apparentemente adibiti a docce. In questi locali veniva immesso un gas mortale che li asfissiava rapidamente.



  • Le camere a gas vennero utilizzate dai nazisti durante l'Olocausto. Diversi esperimenti furono condotti per trovare il metodo più rapido ed efficace: inizialmente si usò monossido di carbonio prodotto spesso usando i gas di scarico di camion o carri armati, poi si passò allo Zyklon B, che permetteva di uccidere in maniera veloce un gran numero di persone contemporaneamente (1000-1500 in circa trenta minuti)


Neanche i bambini furono risparmiati.. in tutto, si calcola che almeno un milione e mezzo di bambini e ragazzi sia stato ucciso dai Nazisti e dai loro fiancheggiatori; di queste giovani vittime, più di un milione erano Ebrei, mentre le altre decine di migliaia erano Rom (Zingari), Polacchi e Sovietici che vivevano nelle zone occupate dalla Germania.


Le vittime totali furono da 13 000 000 20 000 000 di cui 6 000 000 ebrei
Le vittime totali furono da 13.000.000 - 20.000.000 (di cui 6.000.000 Ebrei)

Più precisamente:

  • Omosessuali: si va da un minimo di 10.000 fino a un massimo di 600.000

  • Zingari: tra le 500 mila ed il milione e mezzo di vittime

  • Testimoni di Geova: circa 25.000

  • Disabili e Pentecostali: 200.000–250.000

  • Massoni 80.000–200.000 

  • Prigionieri di guerra sovietici 2–3 milioni

  • Dissidenti politici 1-1,5 milioni 

  • Slavi 1-2,5 milioni 


Furono recuperati
Furono recuperati: 6.000.000 Ebrei)

  • 368.820 abiti da uomo

  • 836.255 cappotti e vestiti da donna

  • 5.525 paia di scarpe

  • 13.497 tappeti

  • Molti abiti da bambino

  • 7 tonnellate di capelli


Ma in tutto ci dio dov era
..ma in tutto ciò, 6.000.000 Ebrei)Dio dov’era?


Dio era tra i Giusti, i non-ebrei che hanno trovato il coraggio e la forza d’animo di agire in modo eroico a rischio della propria vita, così da salvarla anche ad un solo ebreo.


Ad oggi, sono stati riconosciuti coraggio e la forza d’animo di agire in modo eroico a rischio della propria vita, così da salvarla anche ad un solo ebreo.

oltre 24.000 Giusti tra le nazioni

Oltre 24.000 uomini hanno sfidato la morte per salvare gli ebrei dalla Shoah


Tra questi 525 erano coraggio e la forza d’animo di agire in modo eroico a rischio della propria vita, così da salvarla anche ad un solo ebreo.

cittadini italiani,

Uomini e donne di ogni ceto che ospitarono e protessero gli ebrei, sacrificando la loro stessa vita.

Giorgio Perlasca, Angelo Rotta, le cui azioni hanno portato alla salvezza migliaia di persone, gestendo reti di assistenza clandestina;

Persone che più semplicemente, ma con uguale dedizione, hanno salvato anche una sola vita;

Giovanni Palatucci, proclamato martire da Papa Giovanni Paolo II, in quanto giudicato responsabile della deportazione di ebrei; solo nel 2013, fu assolto e dichiarato salvatore di decine di deportati.


Giovanni Palatucci coraggio e la forza d’animo di agire in modo eroico a rischio della propria vita, così da salvarla anche ad un solo ebreo.

Giorgio Perlasca

Angelo Rotta


Ad ogni Giusto viene dedicata, oltre ad un posto nel Giardino dei Giusti - museo di Gerusalemme -, la piantumazione di un albero, simbolo di ricordo eterno secondo la tradizione ebraicaC’è un albero per ogni uomo che ha scelto il Bene


<<Non so come ringraziarla.>> Giardino dei Giusti - museo di Gerusalemme -, la piantumazione di un albero, simbolo di ricordo eterno secondo la tradizione

<<Ringrazi Dio, non me. Lui vuole che noi sopravviviamo.

O meglio, è quello che dobbiamo credere.>>

Roman Polanski, Il Pianista


Un piccolo giardino Giardino dei Giusti - museo di Gerusalemme -, la piantumazione di un albero, simbolo di ricordo eterno secondo la tradizione

profumato e pieno di rose

c’è un vialetto sottile

e un bambino vi cammina.

Un bambino piccolo, un bambino dolce

come i boccioli che crescono.

quando i boccioli fioriscono

il bambino non c’è più.

Franta Bass


C’è una voce femminile che si solleva dai campi di sterminio.

E’ la voce di tutte quelle donne passate per i campi,

derubate di tutto,

in pericolo ancor più degli uomini,

assassinate nell’intimo.

Liliana Segre,

sopravvissuta ad Auschwitz


I campi di concentramento e di sterminio erano sotto gli occhi di tutti.

La gente non poteva non sapere.

La gente vedeva ma non guardava.

Gordon J. Horwitz


PER NON DIMENTICARE occhi di tutti.


ad