Sistema di captazione di raggi cosmici secondari muoni
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 14

Sistema di captazione di raggi cosmici secondari (muoni) PowerPoint PPT Presentation


  • 78 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Sistema di captazione di raggi cosmici secondari (muoni). basato su camere di ionizzazione MRPC realizzato presso il Liceo CAGNAZZI di Altamura. Fonti bibliografiche.

Download Presentation

Sistema di captazione di raggi cosmici secondari (muoni)

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Sistema di captazione di raggi cosmici secondari muoni

Sistema di captazione di raggi cosmici secondari (muoni)

basato su camere di ionizzazione MRPC

realizzato presso il Liceo CAGNAZZI di Altamura


Fonti bibliografiche

Fonti bibliografiche

Il materiale qui riportato (testi ed immagini) è frutto di sintesi effettuate da Romolo Berchicci (Liceo Cagnazzi) derivanti da tesi di laurea (Paola La Rocca, Università di Catania 2005/06; Elisa Bressan, Università di Bologna 2005/06), da monografie (Antonino Zichichi, Progetto “La scienza nelle Scuole” EEE – Extreme Energy Events, Università di Bologna 2005), e dal sito del Centro Fermi: http://www.centrofermi.it/eee/.


I raggi cosmici

I raggi cosmici

L’obiettivo principale del Progetto è quello di capire dove, quando e come nascono i “raggi cosmici” primari (protoni o nuclei), che costituiscono la “cenere” del Big Bang e che viaggiano per milioni e milioni di anni a partire dalle zone più remote dello spazio, ben oltre la Luna, il Sole e le Stelle visibili a occhio nudo.

Quando un protone cosmico incontra uno strato di materia, in particolare l’atmosfera terrestre, interagisce con i nuclei di cui è fatta la stessa materia. Nella interazione vengono prodotte particelle dell’Universo Subnucleare che vivono pochissimo (frazioni di miliardesimi di secondo). Nella loro breve vita si trasformano in altre particelle il cui ultimo stadio sono i cosiddetti muoni. A livello del mare la massima parte della componente elettricamente carica dei raggi cosmici è fatta di muoni. I protoni cosmici primari di altissima energia generano “sciami” estesi, composti da numerosissimi muoni (tanto più numerosi quanto maggiore è l’energia del protone iniziale). L’impronta di uno sciame di altissima energia al suolo copre un’area che può arrivare a decine di chilometri quadrati.


Schema a blocchi del sistema di captazione dei raggi cosmici

SCHEMA A BLOCCHI DEL SISTEMA DI CAPTAZIONE DEI RAGGI COSMICI

FLUSSAGGIO

MRPC

CRATE

FRONT-END

ALIMENTAZIONE

ACQUISIZIONE

ELABORAZIONE

INTERPRETAZIONE


Acquisizione

ACQUISIZIONE

I dati che giungono dalle camere, opportunamente filtrati e amplificati dai TDC e riconosciuti dal Trigger, vengono inviati, tramite il modulo Bridge, all’elaboratore; qui con apposito software sono acquisiti gli eventi che, memorizzati nel PC sotto forma di file binari dotati di time-stamp fornito dal modulo GPS, sono pronti per la successiva elaborazione o condivisione in remoto con altri utenti.

In questo software (Data acquisition) devono precedentemente essere immessi i parametri caratteristici del rivelatore quali le dimensioni, la distanza, l’orientamento nello spazio delle camere, la lunghezza dei cavi.


Elaborazione

ELABORAZIONE

Anche l’elaborazione viene effettuata da un apposito software (Histogram builder) che analizza i file precedentemente acquisiti presentandoli come diagrammi (istogrammi); con questo software è possibile analizzare i segnali provenienti dalle sei schede di Front-End e da ognuno dei due moduli TDC. In questo modo si può verificare l’efficienza di ogni estremità del MRPC e localizzare eventuali strip non funzionanti o malfunzionamenti dell’elettronica.


Interpretazione

INTERPRETAZIONE

L’interpretazione viene eseguita da software (Viewer) che forniscono un rapporto su tutti gli eventi registrati, filtrati dal rumore e caratterizzati dai riferimenti assoluti sia temporali che spaziali provenienti dal modulo GPS, anche al fine di riferirli a stessi eventi rilevati da altre stazioni della rete. Viene inoltre ricostruita la traccia di volo della particella incidente intercettata dalle tre camere, con direzione e verso.


Flussaggio

FLUSSAGGIO

Generalmente si usano miscele di gas con valori della densità di ionizzazione primaria molto alti. Oltre a questi gas pesanti, è necessario utilizzare percentuali di gas elettronegativi, che diminuiscono la dimensione della valanga assorbendo gli elettroni prima che questi possano raggiungere gli elettrodi.

il gas previsto per il riempimento delle camere MRPC del progetto EEE è una miscela di C2H2F4, tetrafluoroetano, chiamato anche freon ecologico SUVA, (98%) e SF6, esafluoruro di zolfo (2%).

Il flusso di gas previsto che deve circolare all’interno delle camere è circa pari a 40 cc/minuto.

Per la realizzazione della miscela dei due gas e la regolazione del flusso totale è stata approntata anche una stazione elettronica.

Questa stazione è dotata di due display elettronici che mostrano il flusso

di ciascuno dei due gas che compongono la miscela, e di due display per le

corrispettive pressioni. Il massimo flusso che tale unità potrà fornire è di 5 l/h.

Alcuni test mostrano che queste camere possono in realtà lavorare in condizioni statiche (cioé in assenza di un flusso continuo di gas) per lunghi periodi di tempo, senza un eccessivo deterioramento delle prestazioni.


Alimentazione

ALIMENTAZIONE

I rivelatori MRPC richiedono elevate tensioni per funzionare correttamente.

La soluzione adottata nel caso del progetto EEE consiste nell’utilizzare degli alimentatori/convertitori di tensione DC-DC: questi dispositivi ricevono in ingresso una bassa tensione compresa tra 0 e 5 V e forniscono linearmente in uscita una tensione compresa tra 0 e 20 kV.

Questi convertitori sono oggetti così compatti da poter essere alloggiati all’interno di piccole scatole di alluminio che potranno essere collegate direttamente ai connettori di alta tensione presenti in ciascuna camera MRPC.

Il tutto è poi alimentato mediante bassa tensione continua (max 5 V) e con modesto assorbimento di corrente.


Crate

CRATE

Ciascun telescopio sarà fornito di un Mini Crate VME, che ospiterà nelle sue slots i moduli necessari per l’acquisizione. Fra questi devono essere presenti dei Time-to-Digital Converter (TDC), necessari per la misura della differenza dei tempi di arrivo dei segnali alle due estremità delle strip.

I segnali che fuoriescono dalle schede di Front-End (FE Card) sono in totale 144 pertanto verranno utilizzati due moduli distinti, uno da 128 canali e l’altro da 64.

All’interno del crate deve essere alloggiato anche una stazione GPS, per fornire le coordinate spaziali e temporali di ciascun evento cosmico misurato dal telescopio: la presenza di tale modulo è resa necessaria dal fatto che, per poter studiare eventuali coincidenze temporali tra raggi cosmici rivelati in telescopi diversi, bisogna riferire ciascun evento ad una scala temporale assoluta come quella fornita dal GPS.

Un’altra slot è occupata da un’unità di Trigger, che ha il compito di stabilire quando il sistema può procedere all’acquisizione. Questa unità realizza la coincidenza fra i sei segnali provenienti dalle tre camere, autorizzando così l’acquisizione solo nel caso in cui una particella cosmica attraversa tutti e tre i piani del telescopio. Tale unità di Trigger, progettata appositamente per tale applicazione, fornisce anche i necessari segnali per i TDC e per il modulo GPS.

La connessione del crate con il computer avviene attraverso un ulteriore modulo, detto Bridge, che in generale gestisce tutte le operazioni che avvengono nel crate. Esso è interfacciato al PC semplicemente attraverso una porta USB.


Mrpc 1

MRPC (1)

Il rivelatore MRPC è un rivelatore estremamente sofisticato. Il suo principio di funzionamento è però quello di un semplice condensatore piano nella cui intercapedine è presente un gas.

Una particella dotata di carica elettrica, nell’attraversare il gas, vi lascia una scia di cariche elettriche in virtù del fenomeno detto “ionizzazione”. Infatti vi è una certa probabilità che la particella, che chiameremo “particella incidente”, urti un atomo (o molecola) del gas e che da quest’ultimo salti fuori un elettrone con carica negativa. L’atomo (o molecola) è inizialmente neutro, ossia con carica elettrica totale nulla, per effetto della compensazione di tutte le cariche elettriche presenti al suo interno: le cariche elettriche positive nel nucleo (i protoni) e quelle negative della nuvola di elettroni che si trova intorno al nucleo. Avendo perso un elettrone in seguito all’urto, l’atomo (o molecola) diventa uno ione con carica positiva. La particella incidente ionizza vari atomi (o molecole) lungo il suo percorso e genera così una scia di cariche. Il fenomeno è di natura elettromagnetica e non avviene se la particella incidente è priva di carica elettrica.

Le cariche elettriche generate nel gas all’interno del condensatore si muovono verso le armature del condensatore: gli elettroni verso l’armatura positivamente carica (detta anodo), gli ioni positivi verso l’armatura negativamente carica (detta catodo). Il movimento di queste cariche verso le armature è all’origine del segnale elettrico indotto sulle armature. È questo segnale elettrico che viene usato per rivelare il passaggio della particella.

Per essere sicuri di rivelare ogni particella carica che attraversa il gas, è necessario che il segnale prodotto sulle armature sia sufficientemente grande. Ciò è possibile se lo spessore di gas nell’intercapedine è adeguato e se il campo elettrico nel condensatore è molto elevato, ossia se la differenza di potenziale tra le armature è molto grande (in tal caso si dice che il sistema è operato ad alta tensione). Infatti gli elettroni prodotti nel gas per ionizzazione, essendo circa duemila volte più leggeri degli ioni, vengono fortemente accelerati dal campo elettrico e sono in grado, a loro volta, di ionizzare altri atomi (o molecole) del gas. Si creano così, per moltiplicazione del numero iniziale di cariche di ionizzazione, delle piccole valanghe elettromagnetiche lungo il percorso della particella incidente. Il moto collettivo delle valanghe verso le armature assicura che il segnale sia ben evidente e dunque che il dispositivo abbia un’elevata efficienza di rivelazione delle particelle incidenti.


Mrpc 2

MRPC (2)

La proprietà fondamentale del rivelatore MRPC è quella di rivelare con grande precisione la posizione (il punto) e l’istante di tempo in cui avviene il passaggio della particella incidente.

A tale scopo:

1) le facce delle armature metalliche (quindi conduttrici) del condensatore a contatto con il gas sono rivestite di materiale dielettrico, detto anche resistivo: per esempio, vetro o plastica;

2) le armature metalliche, dette elettrodi di raccolta dei segnali, sono segmentate in striscioline (strip) o rettangolini (pad);

3) l’intercapedine contenente il gas tra le armature è suddivisa in tante sotto-intercapedini (gas gap) di piccolissimo spessore tramite sottili piani intermedi di materiale resistivo.

Il punto 1 garantisce che il segnale indotto dal movimento delle valanghe, prodotte lungo il percorso della particella incidente, non si sparpagli su tutta l’area dell’elettrodo ma rimanga confinato in una piccola zona. Grazie alla segmentazione dell’elettrodo stesso (punto 2), il segnale sarà così “visto” da una sola strisciolina. In questo modo il punto di passaggio della particella incidente potrà essere determinato con la precisione che deriva dalle dimensioni della strisciolina stessa.

Il punto 3 garantisce la precisione temporale. Infatti, a seconda della posizione in cui è prodotta una valanga nello spessore di gas tra gli elettrodi, lungo il percorso della particella incidente, vi sarà una variazione del tempo di comparsa del segnale sugli elettrodi. Diminuendo lo spessore dell’intercapedine di gas, questa variazione viene ridotta al minimo. La precisione temporale dipende in realtà dal tempo che impiega la luce a percorrere quel determinato spessore ed è quindi determinata dallo spessore stesso delle sotto-intercapedini: tanto più sono sottili, tanto più aumenta la precisione.


Mrpc 3

MRPC (3)

Il sistema di rivelazione modulare del Progetto EEE è un telescopio costituito da tre piani di rivelatori MRPC.

Ogni piano sarà capace di misurare con grande precisione il punto d’impatto della particella cosmica incidente e il suo tempo di attraversamento.

L’area sensibile di ogni piano è di (1.6 × 0.82) mq. Il sistema di lettura (readout) dei segnali avviene tramite elettrodi metallici suddivisi in strisce (strip) longitudinali, ciascuna lunga 1.6 m e larga 34 mm. La precisione nella determinazione della coordinata trasversale del punto d’impatto sarà dunque di 34 mm, ma potrà anche risultare migliore nel caso in cui due strip vicine diano segnale.

Ogni strip sarà connessa, a ciascuna delle sue estremità, con un sistema elettronico di lettura e di acquisizione del segnale. La differenza in tempo tra i segnali ai due estremi di ogni strip produrrà la coordinata longitudinale del punto d’impatto, con una precisione di circa 1 cm. Gli elettrodi a strip saranno posizionati in corrispondenza alle due superfici esterne del rivelatore.

Tramite la misura della posizione dei tre punti d’impatto (uno per piano) sarà quindi possibile ricostruire la traiettoria rettilinea della particella che ha attraversato il telescopio. Sarà inoltre possibile conoscere il verso di attraversamento della particella (alto --> basso oppure basso --> alto) grazie alla misura del suo tempo di volo tra un piano e l’altro.


Front end

FRONT-END

i rivelatori MRPC realizzati per il progetto EEE presentano degli elettrodi segmentati per la lettura dei segnali, realizzati con delle strip (strisce) di rame che ricoprono longitudinalmente l’intera lunghezza della camera. Si tratta, in totale, di 24 strip anodiche e 24 strip catodiche per ciascuna camera.

Per poter acquisire i segnali indotti su tali strip è necessario fornire ciascuna camera di un’elettronica di Front-End (FEC). In primo luogo è necessario prelevare questi segnali dalle strip: ciò è realizzato tramite dei cavi twisted pair (ossia doppietti di cavi intrecciati) che vengono saldati ad entrambe le estremità di ciascuna strip, per assicurare la lettura da ambo i lati della camera (necessaria per ricostruire la posizione longitudinale delle particelle che attraversano il rivelatore). Questi cavi trasmettono i segnali ad una scheda di Front-End che ha il compito di amplificarli e discriminarli.

Per ogni camera, sono in totale necessarie due schede (una per ogni estremità), ciascuna delle quali analizza 24 segnali. In base a quanto detto finora, l’elettronica di Front-End di ciascun telescopio fornisce globalmente i segnali: se ogni telescopio è costituito da tre camere MRPC e ciascuna camera necessita di due schede di Front-End a 24 canali, il numero di segnali inviati ai TDC sono in totale 3 × 2 × 24 = 144; i segnali uscenti dai TDC sono invece pari al numero delle schede presenti nel telescopio, e quindi sei.


  • Login