L organizzazione capitalistica del lavoro
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 24

L’organizzazione capitalistica del lavoro PowerPoint PPT Presentation


  • 331 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

L’organizzazione capitalistica del lavoro. La produzione di massa Taylor e il taylorismo: i principi dell’organizzazione scientifica del lavoro Ford e il fordismo: la catena di montaggio La nuova classe operaia. seconda rivoluzione industriale. fine dell’Ottocento

Download Presentation

L’organizzazione capitalistica del lavoro

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


L organizzazione capitalistica del lavoro

L’organizzazione capitalistica del lavoro

La produzione di massaTaylor e il taylorismo: i principi dell’organizzazione scientifica del lavoroFord e il fordismo: la catena di montaggioLa nuova classe operaia


Seconda rivoluzione industriale

seconda rivoluzione industriale

fine dell’Ottocento

l’industria riscopre un periodo di splendore definito come

seconda rivoluzione industriale

Tra le cause…

A. si ampliano bisogni e consumi

B. la sempre più vasta correlazione tra produzione e consumo è alla base della moderna civiltà di massa.

(dal telefono alla macchina per scrivere)

che modificano la vita quotidiana

e trasformeranno completamente l’industria

processo di trasformazione della qualità della vita


La seconda rivoluzione industriale

La Seconda Rivoluzione industriale

vera e propria svolta strutturale dell'economia capitalistica

Innovazioni sul piano dello sfruttamento energetico (elettricità e petrolio) e conseguenti impulsi a altri settori produttivi (siderurgia, meccanica, chimica),

ma soprattutto

Nuova articolazione del mercato

riorganizzazione dell'intero sistema produttivo

Nuova natura delle comunicazioni

Sviluppo della ricerca tecnico-scientifica,

la fabbrica si rinnova e da luogo di produzione diventa macchina di produzione di massa

,

Taylor e Gilbreth

Nuovi modi di produzione

principio della catena di montaggio

applicato per la prima volta da Ford presso la propria fabbrica di Island Park

aumento di produttività delle aziende.

L'attività industriale viene finanziata nelle diverse nazioni dalle banche

le nuove aziende capitalistiche cercano di schiacciare la concorrenza e a tramutarsi in monopolio.

conseguenze politico-istituzionali culturali e sociali

molti piccoli imprenditori cedono il passo al trust dei grossi imprenditori e finanzieri.

attuazione nei singoli stati di misure protezionistiche,

atteggiamenti imperialistici da parte degli stati e dei gruppi economici.


Fenomeni dell et dell industrializzazione

Fenomeni   dell’età dell’industrializzazione

graduale spostamento dei lavoratori dalle campagne alla città, dall’agricoltura agli altri settori dell’attività ;

diffusione terziario;

nascita della piccola e media borghesia ( ceti medi);

sviluppo della figura dell’operaio di fabbrica

Fase successiva:

pressione sul momento della contrattazione con la confederazione degli industriali.

concentrazione di masse considerevoli di operai in uno stesso luogo di lavoro

non più artigiano (che lavorava a mano con gli utensili tradizionali) ma operaio di mestiere (formato attraverso un tirocinio di fabbrica, che sapeva manovrare macchine polivalenti capaci di compiere molte operazioni).

  • progressiva crescita di una coscienza di classe

  • diffusione di scritti a carattere ideologico.

  • nascita dei sindacati

Figli dell'esperienza ottocentesca delle società di mutuo soccorso

Prima fase: dominati dalle aristocrazie degli operai;si muovevano per difendere il mestiere contro la dequalificazione

Spesso i sindacati, di ispirazione socialista, svolsero un ruolo di contestazione del sistema politico.


La produzione di massa

La produzione di massa

seconda rivoluzione industriale

fenomeno della produzione di massa

  • immissione  sul mercato di una grande quantità di manufatti

  • buone possibilità di vendita grazie alle accresciute capacità di acquisto dei consumatori.

  • fondamentale per ogni azienda è:

  • conquistare una fetta consistente di mercato

  • investire grandi risorse nei settori della pubblicità, delle ricerche di mercato, della commercializzazione e distribuzione dei prodotti.

Nasce il rapporto tra industria e consumatori

Nascono le tecniche di persusione e di controllo

Si assiste alla trasformazione del modo e della scala di produzione


Cos la produzione di massa

Cos’è la produzione di massa?

  • la razionalizzazione dei metodi produttivi secondo la logica della tecnologia di fabbrica nell'ambito delle condizioni capitalistiche di produzione

Due significati

2. il largo mercato di beni di consumo connesso alla crescita dei redditi nei paesi economicamente progrediti

Alla vigilia del conflitto mondiale le auto uscivano dalla linea al fantastico ritmo di una ogni due minuti, un tempo che fu più tardi dimezzato. Nel 1914 fu prodotta complessivamente l'incredibile quantità di oltre 300 mila vetture Ford modello T, e nel 1915 più di 500 mila


Divisione del lavoro

DIVISIONE DEL LAVORO

scomposizione del lavoro in operazioni eseguite da diversi lavoratori o gruppi di lavoratori.

costituisce il presupposto della "catena di montaggio".

A. aumento dell'efficienza individuale e collettiva dovuta alla specializzazione e al conseguente aumento di abilità;

B. risparmio di tempo, nell'apprendistato dei lavoratori;

Vantaggio

aumento della produttività

C.Uso continuativo di strumenti che altrimenti resterebbero inutilizzati durante gli spostamenti dei lavoratori da processo a processo;

D. Sviluppo di utensili, macchinari e attrezzature altamente produttivi e specializzati


Produttivit

Produttività

Relazione esistente tra prodotto (beni e servizi) e fattori di produzione (terra, capitale e lavoro) impiegati per ottenerlo.

Massimizzare la produttività globale di tutti i fattori è la chiave che porta al successo economico;

Per incrementare la produttività totale è necessario aumentare l'apporto di capitale (investendo in macchinari) e ridurre l'apporto di lavoro (incrementando quindi la produttività).

Gli aumenti salariali sono spesso legati alla produttività: molte imprese adottano infatti un sistema di retribuzione legato alla performance, talvolta stabilendo già in fase di contrattazione salariale che la concessione di aumenti retributivi possa essere giustificata solo da incrementi nella produttività.

Produttività del lavoro: prodotto per addetto o per ora/lavoro


Taylorismo

Taylorismo

Sistema di organizzazione del lavoro, teorizzato dall'ingegnere statunitense Frederic Winslow Taylor (Criteri scientifici di organizzazione e direzione aziendale, 1911 ).

organizzazione scientifica del lavoro al fine di ottenere una maggiore programmazione dell’attività industriale e, quindi, un aumento della produttività.


Produttivit1

>

produttività…

Per raggiungere questo obiettivo è necessario partire, secondo Taylor, da una duplice divisione del lavoro:

  • una divisione verticale, basata sulla separazione tra concettualizzazione ed esecuzione (affidate rispettivamente ai dirigenti e agli operai)

2. una divisione orizzontale, fondata sulla parcellizzazione delle attività e sulla specializzazione dei compiti, fissi ed elementari.


Cronometraggio dei tempi di lavoro e catene di montaggio

Cronometraggio dei tempi di lavoro e catene di montaggio

tecniche base della razionalizzazione e sfruttamento del sistema industriale.

OBIETTIVI:

1. annullare tutti gli sprechi di tempo – i cosiddetti tempi morti ;

2. eliminare tutti gli sprechi di energia, limitando i movimenti degli operai al minimo indispensabile

osservazione sistematica dei movimenti degli operai e rilevazione cronometrica dei tempi impiegati operai per svolgere le mansioni con lo scopo di fissare le leggi che stabilissero il modo migliore di lavorare. In questo modo fu possibile stabilire il giusto salario per una giusta giornata di lavoro.


Taylorismo e suddivisione del lavoro

Taylorismo e suddivisione del lavoro

Ogni operazione viene fatta da un singolo operaio e preceduta da altre operazioni preliminari eseguite da altri operai…

… ripartizione della responsabilità e del lavoro in maniera uguale tra dirigenti e operai

Il lavoro dell'operaio perde ogni residuo legame con quello dell'artigianato e si fa totalmente ripetitivo e meccanico, mentre acquista sempre maggiore rilievo la figura dell'operatore tecnico-scientifico capace di rendere più efficiente il ciclo produttivo.


La catena di montaggio

La catena di montaggio

Sistema produttivo diviso in tante piccole unità semplici e ripetibili che non consentono alcuno spreco di energia né di tempo.

Gli operai della catena di montaggio svolgono solo determinati movimenti sempre uguali per tutta la durata della giornata lavorativa.

Chi ha la capacità di essere straordinariamente veloce è anche incentivato economicamente con un premio di produzione.

Questo sistema di pagamento viene ancora oggi chiamato cottimo


I principi del pensiero di taylor

I principi del pensiero di Taylor

due punti principali:

Il principio dell’"operaio bue"

Il principio dell’One Best Way (l’unico miglior metodo possibile)

 … il lavoratore deve fare solo quello che gli viene ordinato senza crearsi problemi e senza neanche chiederne la ragione. Deve rispettare regole, impegni e tempi previsti senza anticiparli, né attardarli.

… dinanzi a qualunque problema tecnico o organizzativo esiste una sola soluzione, non una serie di soluzioni alternative fra loro.

Questo significa che la produzione migliore avviene se il lavoratore smette di pensare a quello che deve realizzare ma si concentra solo sui gesti sempre uguali legati al momento produttivo che gli è stato assegnato.

Nella logica tayloristica l’operaio pigro o quello zelante sono sullo stesso piano perché non rispettano i tempi dell’organizzazione scientifica del lavoro.


Critiche e obiezioni

Critiche e obiezioni…

La produttività aumenta al prezzo di una serializzazione delle mansioni e quindi di un costante aumento dell’alienazione operaia!!!!!


Il fordismo

Il fordismo

Termine che indica comunemente la fase industriale che introduce, nel XX secolo, la produzione in serie, determinando una profonda riorganizzazione del sistema di fabbrica.

Deriva dall’industria automobilistica Ford, che a partire dal 1913, con l’introduzione della catena di montaggio, avviò una produzione standardizzata dei suoi prodotti, a cominciare dal primo rivolto a un consumo di massa, il popolare Model T.


Caratteri del fordismo

CARATTERI DEL FORDISMO

non soltanto l’organizzazione della produzione, ma anche gli obiettivi sociali dell'attività produttiva.

L'approccio fordista fece incontrare la produzione in serie (o di massa, resa possibile dal progresso tecnologico) con il consumo di massa, in quanto considerò i lavoratori non soltanto come un fattore di produzione, ma anche come consumatori dei prodotti finali.

Alla diminuzione del costo unitariodei prodotti (ottenuta attraverso un forte aumento della produttività), corrispose un aumento della retribuzione e del consumo (che per la prima volta si configurò come consumo di massa) e di conseguenza aumento della domanda e di nuova produzione.


L intuizione di ford

L’intuizione di Ford

Ford non solo applicò il metodo messo a punto da Taylor ma incentivò i suoi operai con dei salari alti, in modo da consentire alle classi sociali operaie un benessere mai conosciuto. In questo modo anche gli operai, oltre che essere i produttori di un bene, ne divennero anche i consumatori: molti dei modelli della prima auto Ford chiamata "modello T" furono proprio acquistati dagli operai che la costruivano


Gilbreth

Gilbreth

Ingegnere statunitense che si occupò di organizzazione di lavoro

Considerò la relazione spazio-temporale necessaria per comprendere e valutare il processo lavorativo.

Gilbreth riuscì, attraverso l'uso delle tecniche fotografiche più avanzate, a rappresentare visivamente il processo di lavoro fissando lo svolgimento del gesto nello spazio e nel tempo.


Classe operaia

Classe operaia

Classe sociale composta da coloro che svolgono un lavoro manuale in fabbrica, alle dipendenze di un datore di lavoro. Non tutti i dipendenti appartengono alla classe operaia, né tutti coloro che svolgono lavori manuali. Ciò che caratterizza gli operai, e li distingue ad esempio dagli artigiani, è il fatto di non disporre della proprietà degli strumenti del proprio lavoro (i cosiddetti mezzi di produzione) e di essere quindi costretti, per vivere, a vendere la propria capacità di lavorare (ossia la forza lavoro).


I cambiamenti del ruolo della classe operaia

I cambiamenti del ruolo della classe operaia

Un’analisi del ruolo della classe operaia nella moderna società industriale si deve principalmente a Karl Marx, per il quale gli operai, o “proletari”, nella misura in cui acquisiscono una propria coscienza di classe, divengono il principale soggetto sociale contrapposto alla classe dominante (la borghesia).

Nell'odierna società postindustriale la classe operaia ha invece visto diminuire la propria rilevanza, sia numerica, per lo sviluppo dell’automazione nell’industria, sia politica.


Le classi secondo marx

LE CLASSI SECONDO MARX

Marx afferma che, una volta stabilita attraverso le rivoluzioni americana e francese di fine Settecento l'uguaglianza giuridica dei cittadini, la società capitalistica si era sostanzialmente ridotta a due classi in conflitto tra loro: la borghesia e il proletariato

Proletariato: formato da quelle masse di persone che, liberate grazie alle rivoluzioni politiche dai vincoli feudali e corporativi e grazie alla rivoluzione industriale e alla generalizzazione del lavoro salariato dalla dipendenza economica dai prodotti della terra, si sono inurbate e in parte sono state assorbite dalla fabbrica, in parte, quelle rimaste disoccupate, hanno costituito l'"esercito industriale di riserva".

Borghesia: proprietari dei mezzi di produzione e dai loro funzionari;

Piccola borghesia: i ceti che svolgono le funzioni necessarie al funzionamento dello stato e dell'organizzazione sociale (insegnanti, preti, liberi professionisti, impiegati delle amministrazioni ecc.);

Grande borghesia : uomini dell'imprenditoria e della finanza.

Sono porzioni distinte: i proprietari terrieri, legati alla rendita fondiaria (cui di fatto sono assimilati anche i coltivatori diretti, o contadini);


Il primo 900 in italia

Il primo 900 in Italia

Periodo contraddittorio: netta affermazione democratica e progressista che in pochi anni si converte nel suo opposto(1900-1915)

Fine 800

L’Italia è governata da una destra autoritaria, che aveva ristretto le libertà dei cittadini e represso le manifestazioni popolari.

assassinio a Monza del re Umberto nel 1900 per mano dell’anarchico Bresci.

Ripresa cattolica e partecipazione alla vita parlamentare dei cattolici moderati (Patto Gentiloni). Il cattolicesimo politico si rivelò una forza decisiva nella storia italiana, che pose sempre  grande attenzione alle posizioni preminenti nell’amministrazione, nell’economia, nella finanza e in tutte le articolazioni del potere.

Primo 900

Sviluppo del socialismo diretto da Filippo Turati

Affermazione della destra liberale (Sonnino): non era né radicale né violenta, ma si ispirava alla politica di Cavour e di Minghetti.

Potere economico: la grande proprietà fondiaria perdeva terreno di fronte alla borghesia industriale. Per capacità produttive, al nord dell’Italia spettava il primato economico, culturale e politico.


Caratteri del capitalismo italiano dell 900

Caratteri del capitalismo italiano dell’900

protezione delle industrie grazie a un forte sistema di tariffe doganali

no concorrenza estera

concentrazione delle industrie nel Nord del paese e avvio dell’eterno dualismo delle due regioni nella storia italiana.

Diffusione di una concezione politica e culturale legata all’imperialismo e al nazional-imperialismo.

ILLUSIONE di essere una Grande potenza europea


  • Login