Pavese mi chiamò
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 30

ITALO CALVINO Cuba 1923 Siena 1985 PowerPoint PPT Presentation


  • 108 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Pavese mi chiamò lo scoiattolo della penna. ITALO CALVINO Cuba 1923 Siena 1985. Cerco di oppormi alla pigrizia mentale di cui danno prova tanti miei colleghi romanzieri nell’uso di un linguaggio quanto mai prevedibile e insipido. Credo che la prosa richieda un investimento

Download Presentation

ITALO CALVINO Cuba 1923 Siena 1985

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Italo calvino cuba 1923 siena 1985

Pavese mi chiamò

lo scoiattolo

della penna

ITALO CALVINO

Cuba1923

Siena 1985


Italo calvino cuba 1923 siena 1985

Cerco di oppormi alla pigrizia mentale di cui

danno prova tanti miei colleghi romanzieri

nell’uso di un linguaggio quanto mai

prevedibile e insipido.

Credo che la prosa richieda un investimento

di tutte le risorse verbali,

tal quale come la poesia:

scatto e precisione nella scelta dei vocaboli,

economia e pregnanza e inventiva nella loro

distribuzione e strategia,

slancio e mobilità e tensione nella frase,

agilità e duttilità nello spostarsi da un

registro all’altro, da un ritmo all’altro.


Che cosa ho fatto

Che cosa ho fatto?

In un mondo di incertezze

ho valorizzato l’intelligenza

e la ragione dell’uomo

Mi piacciono

le scienze

naturali

ed umane

Sono un cosmopolita

e un umanista

convinto e attento

ai modi di essere

uomo

Credo nella

letteratura

come educazione

ed impegno

etico


La scienza nel dna

La scienza nel DNA

  • 1923: nasce a Cuba

  • Padre direttore di una stazione sperimentale di agricoltura

  • Madre ricercatrice in scienze naturali

  • Fratello Biagio geologo

  • 1925: ritorno in Italia (a Sanremo)

  • Educazione laica e umanitaria

  • Liceo classico (Eugenio Scalfari)

  • 1941: si iscrive alla Facoltà di Agraria di Torino


Tra guerra e letteratura

Tra guerra e letteratura

  • 1943: per non prestare servizio nella repubblica di Salò, fugge sulle Alpi

  • Bande partigiane comuniste Garibaldi

  • Si iscrive al PCI

  • 1945: facoltà di Lettere a Torino

  • Collabora al Politecnico

  • Amicizia di Vittorini e Pavese

  • 1946: Referendum

  • 1947: laurea in lettere

  • 1947: Il sentiero dei nidi di ragno


Il sentiero dei nidi di ragno

Il sentiero dei nidi di ragno

  • Tra neorealismo e fiaba

  • Resistenza non di petto, ma di scorcio con gli occhi di un bambino

  • VS Uomini e no e Il partigiano Johnny

  • Pin, un moderno Pinocchio


Italo calvino cuba 1923 siena 1985

Il sentiero dei nidi di ragno

PIN

Pelle nasconde la pistola

in camera della

sorella di Pin

Sanremo

Sottoproletario

Fratello di

prostituta

Ruba una pistola

ai Tedeschi

Si unisce a partigiani

ladruncoli e

conosce

Cugino

Cugino uccide la sorella

di Pin divenuta spia dei

fascisti

La nasconde

in un luogo

segreto

Pelle amico

ma traditore

ruba la pistola

Sboccato

malizioso

petulante

ingenuo

candido

Imprigionato

scappa

grazie a

Lupo Rosso


Italo calvino cuba 1923 siena 1985

MODENA CITY RAMBLERS, Oltre il ponte


La fiaba come allegoria

La fiaba come allegoria

  • 1948: La Costituzione

  • 1948: lavora per Einaudi e con l’Unità

  • 1952: Il visconte dimezzato

  • 1956: raccoglie e traduce le Fiabe italiane

  • 1957: Il barone rampante

  • Esce dal PCI

  • Lavora su Officina con Pasolini

  • 1959: Il cavaliere inesistente


Italo calvino cuba 1923 siena 1985

IL VISCONTE DIMEZZATO

Medardo

di

Terralba

Diviso in due da una palla di cannone

Il Gramo

Il Buono

Ricongiungimento chirurgico

per amore di Pamela

Scissione= conoscenza della realtà


Italo calvino cuba 1923 siena 1985

IL BARONE RAMPANTE

COSIMO DI PIOVASCO DI RONDO’

Dalla rivoluzione francese alla Restaurazione

Vive sugli alberi

È l’universo dell’alienazione

È la condizione

dell’intellettuale

È la tensione

tra la solitudine

nella distanza

e la comunità necessaria

ma infida e disgustosa

È la libertà della natura

per non dimenticare

le responsabilità

della vita e

della storia

Come Alice o Peter Pan


Italo calvino cuba 1923 siena 1985

IL CAVALIERE INESISTENTE

Agilulfo

Paladino di Carlo Magno

combatte

viaggia

amoreggia

però non esiste

Si suicida

Calvino:

un moderno Ariosto


1962 la sfida al labirinto

1962: la sfida al labirinto


Italo calvino cuba 1923 siena 1985

Da una parte c'è l'attitudine, oggi necessaria per affrontare la complessità del reale, di rifiutare le visioni semplicistiche che non fanno che confermare le nostre abitudini di rappresentazione del mondo; quello che oggi ci serve è la mappa del labirinto la più particolareggiata possibile.

Dall'altra parte c'è il fascino del labirinto in quanto tale, del perdersi nel labirinto, del rappresentare questa assenza di vied'uscita come la vera condizione dell'uomo.

Resta fuori chi crede di poter vincere i labirinti sfuggendo alla loro difficoltà; ed è dunque una richiesta poco pertinente quella che si fa alla letteratura, dato un labirinto, di fornirne essa stessa la chiave per uscirne. Quel che la letteratura può fare è definire l'atteggiamento migliore per trovare la via d'uscita, anche se questa via d'uscita non sarà altro che il passaggio da un labirinto all'altro. È la sfida al labirinto che vogliamo salvare, è una letteratura della sfida al labirinto che vogliamo enucleare e distinguere dalla letteratura della resa al labirinto.


1963 marcovaldo

1963: Marcovaldo

  • Un manovale di origine contadina

  • VS alienazione industriale

  • VS emarginazione

  • VS capitalismo


Italo calvino cuba 1923 siena 1985

1963

La giornata di uno scrutatore

Amerigo Ormea al Cottolengo

Un mondo

infernale

Progresso e ragione servono a evitare la sofferenza?

Più mondo

del mondo

Qual è il confine tra umano e non umano?

Perché esistono i ragazzi-pesce, i mostri , i sani, i felici?

L’umano arriva dove arriva l’amore


La narrativa combinatoria

La narrativa combinatoria

  • 1964: sposa Ester Judith Singer a L’Avana

  • Conosce Che Guevara

  • Trasferimento a Parigi

  • Onnivora frequentazione di discipline diversissime: antropologia culturale, linguistica, semiologia, teoria dell’informazione, fisica, biologia

  • Roland Barthes e Raimond Queneau

  • Oulipo (Ouvroir de litterature potentielle)

  • La letteratura= gioco combinatorio di fantasia, umorismo e rigore geometrico

  • 1968: rivoluzione giovanile


Italo calvino cuba 1923 siena 1985

1965

Le Cosmicomiche

12 racconti sulle origini dell’universo

Il narratore è Qfwfq

L’universo come

Infinita combinazione

di possibilità

La retrodatazione

per essere libero

di giocare con la fantasia

Concezione

più

caotica

che

cosmica

Parodia

dell’epistemologia

contemporanea


Italo calvino cuba 1923 siena 1985

1972

Le città invisibili

55 in 11 rubriche

Marco Polo

Le città nascoste

le metropoli

moderne

1277

Kublai Khan

la città

simbolo

della cultura

(VS natura)

Finale aperto

luogo del caos

dell’inautenticità

Accettare l’inferno

e diventarne parte

Cercare chi e che cosa

non è inferno

farlo durare e dargli

spazio


Il gioco degli incastri

Il gioco degli incastri

  • 1973: Il castello dei destini incrociati

  • Protagonisti muti per magia, in un castello, raccontano storie

    attraverso le 78 carte dei tarocchi


L approdo al metaromanzo

L’approdo al metaromanzo

1979

Se una notte d’inverno un viaggiatore

Il Lettore e la Lettrice acquistano il nuovo romanzo di Calvino

(cornice a lieto fine)

Libro illeggibile per difetto di impaginazione

Dieci inizi di romanzi interrotti (poliziesco, realistico, erotico, fantascientifico)

Inconoscibilità del reale

Il piacere di leggere


L ultimo romanzo

L’ultimo romanzo

1983

PALOMAR

Nome di un osservatorio astronomico americano

3 parti di 9 racconti ciascuna

Palomar fa 3 tipi di esperienze conoscitive

I silenzi di Palomar

Cosmo, tempo

Palomar in città

Simboli, linguaggio

Le vacanze di Palomar

Esperienze visive

La descrizione come

esperienza

conoscitiva

La realtà

inconoscibile

L’impossibile descrizione

un’onda


Il ritorno in italia

Il ritorno in Italia

  • 1980: a Roma

  • Corriere della sera e Repubblica

  • Le Lezioni americane richieste da Harvard

    • La leggerezza

    • La rapidità

    • L’esattezza

    • La visibilità

    • La molteplicità

    • La consistenza (abbozzata)

  • 1985: morte a Siena


Italo calvino cuba 1923 siena 1985

Quel che cerco nella trasfigurazionecomica o ironica o grottesca o fumistica è la via d’uscire dalla limitatezza e

univocità di ogni rappresentazione e ogni giudizio

Un intellettuale

deve comprendere

il senso

del complicato

del molteplice

del relativo

senza mai esimersi

dall’indicare agli uomini

un percorso

dentro e oltre

il labirinto della realtà

L’unica cosa che vorrei insegnare

è il modo di guardare, cioè di essere

al mondo


Italo calvino cuba 1923 siena 1985

La mia scrittura si è trovata

di fronte a due strade divergenti

che corrispondono a due tipi di conoscenza:

una si muove nello spazio mentale

d’una razionalità scorporata,

dove si possono tracciare linee

che congiungono punti, proiezioni,

forme astratte, vettori di forze;

l’altra che si muove in uno spazio

gremito di oggetti

e cerca un equivalente verbale

di quello spazio riempiendo le pagine

di parole, con uno sforzo minuzioso

di adeguamento

dello scritto al non scritto,

alla totalità del dicibile e del non dicibile.


Italo calvino cuba 1923 siena 1985

L’arte di scrivere storie sta

nel saper tirare fuori

da quel nulla

che si è capito della vita

tutto il resto;

ma finita la pagina

si riprende la vita

e ci si accorge che

quel che si sapeva

è proprio un nulla.


  • Login