Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 30

ECONOMIA DEL TURISMO Anno Accademico 2009-2010 Fabrizio Pompei PowerPoint PPT Presentation


  • 117 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

ECONOMIA DEL TURISMO Anno Accademico 2009-2010 Fabrizio Pompei. 1. Introduzione al corso: oggetto di studio dell’economia del turismo; definizione di turismo, definizione di turista, i modelli nell’economia del turismo, la misurazione dei fenomeni turistici

Download Presentation

ECONOMIA DEL TURISMO Anno Accademico 2009-2010 Fabrizio Pompei

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

ECONOMIA DEL TURISMOAnno Accademico 2009-2010Fabrizio Pompei

  • 1. Introduzione al corso: oggetto di studio dell’economia del turismo; definizione di turismo, definizione di turista, i modelli nell’economia del turismo, la misurazione dei fenomeni turistici

  • 2. Analisi micro-economica del turismo: la teoria del turista consumatore, la domanda turistica e l’economia delle destinazioni , la produzione nel turismo,le imprese turistiche, il mercato turistico

  • 3. Il Turismo nel sistema economico (Turismo e contabilità nazionale)

  • 4. Analisi macroeconomica del turismo: il turismo nello sviluppo nazionale e regionale, il moltiplicatore turistico, modelli di specializzazione turistica, il turismo nei mercati internazionali

  • 5. Il turismo sostenibile

    Valutazione dell’apprendimento: Esame scritto

Programma dettagliato e materiali didattici li trovate nel sito

http://www.ec.unipg.it/DEFS/economia-del-turismo.html


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

Introduzione all’Economia del Turismo

Definizioni e Contenuti

Branca dell’economia politica che studia il complesso di attività derivanti dal comportamento del turista

ECONOMIA DEL TURISMO

E’ una disciplina che riguarda l’applicazione dell’economia all’industria turistica

VISIONE TRADIZIONALE: TURISTA TIPO

Il turista tipo è colui che lascia una traccia semplice e sicura

Modello: Partenza – Viaggio - Soggiorno

  • Radici storiche: Economics of Outdoor Recreation: Cinque fasi della vacanza

    • i. Anticipazione;

    • ii. Viaggio di andata

    • iii. Esperienza

    • iv. Viaggio di ritorno

    • v. Ricordo


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

Cosa studia l’ Economia del Turismo

Oggetto di studio: l’esperienza del turista, cioè del soggetto che a scopo di vacanza abbandona il proprio soggiorno abituale per recarsi in un luogo di soggiorno e svago

  • L’economia del turismo è quel capitolo dell’economia politica che studia i problemi economici correlati con l’attività del turista:

    • 1. Analisi economica degli spazi turistici;

    • 2. Decisioni di investimento nelle strutture di offerta turistica (ricettività alberghiera ed extra-alberghiera);

    • 3. Decisioni di investimento pubblico (strade, porti, aeroporti, ecc.);

    • 4. Struttura e organizzazione economica del mercato dei viaggi;

    • 5. Analisi della domanda e della spesa turistica

    • 6. Effetti moltiplicativi della spesa turistica su reddito e occupazione

    • 7. Problemi di economia internazionale (mercato dei cambi ed equilibrio della bilancia dei pagamenti).


Il tramonto dell immagine tradizionale del turista tipo

Il tramonto dell’immagine tradizionale del turista tipo

  • Fino a qualche anno fa (prima dell’attuale crisi) questa visione era messa in discussione

  • L’aumento dei redditi reali, del tempo libero, della mobilità delle persone rende sempre più sfumati i contorni dell’oggetto di indagine dell’economia del turismo

  • Il modello partenza-viaggio-soggiorno non è più sempre valido

  • Un turista può essere tale senza soggiornare (al contrario non sempre chi soggiorna in un altro luogo è un turista)

  • Non sempre il turista deve compiere un viaggio per essere tale: le attività ricreative senza deplacement possono dar luogo lo stesso a domanda turistica

  • Gli spazi turistici, cioè il luogo dove il turista si svaga, sono sempre più eterogenei e la loro natura può cambiare velocemente nel tempo (sentieri di montagna che divengono mete per il trekking o escursioni in mountain bike; una campagna spopolata che si rianima grazie al fenomeno agrituristico)

  • Il territorio si trasforma in offerta turistica se la domanda potenziale si trasforma in domanda pagante

  • Tutto diviene più complesso, ma…….


La necessit di astrazione per interpretare e spiegare in modo rigoroso la realt

LA NECESSITÀ DI ASTRAZIONE PER INTERPRETARE E SPIEGARE IN MODO RIGOROSO LA REALTÀ

  • Malgrado i contorni siano più sfumati, l’economia ha bisogno di semplificare molti aspetti della realtà complessa

  • Cogliere alcuni aspetti essenziali

  • Per spiegarne le relazioni che tra questi intercorrono

  • L’insieme dei risultati servono poi per prendere decisioni economiche

  • Decisioni private: imprenditori turistici

  • Decisioni pubbliche: i policymakers del settore o di una regione


L uso dei modelli in economia

L’uso dei modelli in economia

La teoria economica attraverso i modelli fornisce schemi interpretativi coerenti della complessità del reale

Non ci si può limitare a descrivere la realtà, ma si deve cercare di fornire spiegazioni sul perché avvengono certi fenomeni

Il metodo scientifico si applica anche all’economia e consiste nel:

  • Osservare i fenomeni reali

  • Fare assunzioni ed ipotesi sugli stessi attraverso l’induzione

  • Usare il metodo deduttivo al fine di formulare proposizioni partendo dalle ipotesi di partenza e fornire spiegazioni in modo rigoroso e coerente

  • Tornare alla verifica empirica per accettare o rifiutare una teoria

    Esistono vari modi per formulare modelli, anche nell’economia del turismo

    Tuttavia uno dei modelli più semplici e lineari è quello di Leiper (1990), il quale parte dagli elementi di base individuati dall’economia del turismo tradizionale, cioè il processo

    Partenza viaggio soggiorno


Modello di leiper

Modello di Leiper

TURISMO COME SISTEMA - MODELLO DI LEIPER

3 Dimensioni fondamentali

Turisti - Spazio - Industria turistica

I turisti costituiscono gli agenti principali del fenomeno turistico, sono coloro che generano la domanda turistica, la loro natura va ben definita, così come va definita la natura del turismo

Lo spazio si distingue in tre diversi elementi geografici: 1) regione di origine; 2) regione di destinazione; 3) regione di transito

L’industria turistica è un complesso di attività imprenditoriali che produce i beni e servizi turistici


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

Definizioni di Turismo e di Turista

Esiste una forte eterogeneità nelle definizioni

Nel tempo il problema della definizione di turismo e turista si è sempre più legato a doppio filo con il problema statistico della misurazione di tale fenomeno

Definizioni Storiche

Von Schullard (1910) 

“si intende per turismo l’insieme di tutte le attività, principalmente di natura economica, che hanno direttamente a che fare con l’ingresso, il soggiorno e il movimento di stranieri verso l’interno e verso l’esterno di un paese, una città, una regione”

Lega delle Nazioni (1937)

“è considerato turista un soggetto che trascorre un periodo di almeno 24 ore in un paese diverso da quello abituale di residenza”.

International Union of Official Travel Organization* (1968)

“si definisce visitatore una persona che viaggia in un paese diverso da quello in cui ha abituale residenza, per qualunque ragione diversa da quella di un lavoro pagato”.

*Ora tale istituzione si chiama United Nations World Tourism Organization (UNWTO)


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

Definizioni di Turismo e di Turista (2)

Definizioni Statistiche

UNWTO e UNSTAT (1994): “Il turismo è l’attività delle persone che viaggiano verso, e si trovano in, luoghi diversi dal proprio ambiente abituale, per un periodo complessivo non superiore ad un anno consecutivo a scopo di svago, affari o per motivi diversi dall’esercizio di un’attività remunerata all’interno dell’ambiente visitato”

ISTAT: “movimento del turista individuato tramite una definizione tecnica della “vacanza”, cioè di un viaggio di durata non inferiore a cinque giorni che comprende almeno quattro notti di pernottamento fuori casa, effettuato per motivi ricreativi”

  • Queste definizioni più precise consentono di individuare 3 criteri per poter definire un turista:

  • Spostamento al di fuori del luogo abituale di residenza

  • Permanenza nel luogo specifico visitato deve essere inferiore ad una certa durata

  • Scopo del viaggio, qualsiasi motivazione al di fuori di un’attività remunerata: quindi colui che fa un viaggio di lavoro (è remunerato nel paese di origine) è considerato turista, mentre non è turista chi parte per cercare lavoro ed essere remunerato nel luogo di destinazione


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

Definizioni di Turismo e di Turista (3)

Definizioni olistiche: il turismo si presenta come lo spaccato di una società, coinvolgendone tutti gli aspetti della vita sociale, qui quello che conta sono le relazioni che legano insieme soggetti ed elementi:

i. Burkart e Medlik (1974): “sono turismo tutte le relazioni e i fenomeni legati al soggiorno di stranieri in una località in cui essi non esercitano un’importante, permanente o temporanea, attività remunerata”

ii. Jafari (1977): “il turismo è sia lo studio dell’uomo lontano dal suo habitat usuale, sia dell’industria che soddisfa i suoi effetti, e degli impatti da entrambi prodotti sull’ambiente socio-culturale, economico e fisico della comunità d’accoglienza”

iii. British Tourism Society (1979): “il turismo include ogni attività connessa al temporaneo movimento di breve periodo di persone verso destinazioni al di fuori del luogo dove normalmente vivono o lavorano, e di tutte le attività durante il tempo di soggiorno in questa nuova destinazione”


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

La classificazione del turismo

  • Dopo aver dato definizioni che ci consentono in modo preciso di identificare il turista ed il turismo, cerchiamo ora di classificarli:

  • Turismo e turisti possono essere classificati in base allo spostamento:

    1) Turismo in uscita dei residenti di un Paese verso l’estero (Outbound Tourism); 2) Turismo in entrata: turismo all’interno di un Paese effettuato da non residenti (Inbound Tourism); 3) Turismo domestico (Domestic Tourism): effettuato all’interno del paese dai residenti del paese stesso; 4) Turismo di transito: quando una regione è solo attraversata dal turista.

  • Motivazioni del viaggio: 1) motivazioni di piacere e svago (vacanze in generale); 2) motivazioni professionali (lavoro, professioni , convegni seminari); 3) altri motivi (motivi di salute, pellegrinaggi religiosi)

  • Durata della vacanza: all’interno del grande gruppo dei viaggiatori vi possono essere i visitatori (coloro che viaggiano per motivazioni turistiche), i visitatori si possono distinguere in escursionisti: se la visita dura meno di 24 ore e non prevede pernottamento; turisti se la visita dura più di 24 ore. Tra i turisti abbiamo i turisti di vacanza breve (pernottamento da 1 a 3 notti), ed i turisti di vacanza (almeno 4 notti)


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

Le tipologie dei flussi turistici

1 + 3 = turismo nazionale

1+2 = turismo interno

2 + 3 = turismo internazionale


Convenzioni sui visitatori internazionali e nazionali

Convenzioni sui visitatori internazionali e nazionali

Visitatori internazionali:

A) turisti internazionali, coloro che trascorrono almeno 24 ore e meno di un anno nel paese di destinazione per motivazioni diverse da quelle di un lavoro remunerato

B) escursionisti internazionali, coloro che trascorrono meno di 24 ore nel paese di destinazione (escursionisti giornalieri, es. scali aerei; passeggeri di crociere che dormono a bordo)

Visitatori domestici, sono molto più difficili da misurare

  • A) turista domestico: trascorre almeno 24 ore e meno di 6 mesi in una località del Paese diversa da quella abituale

  • B) escursionista domestico: visitatore che trascorre meno di 24 ore nel luogo di destinazione


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

Il prodotto turistico

Candela / Gardini:Il prodotto turistico è un paniere complesso di beni e servizi diversi, eterogenei dal punto di vista merceologico-produttivo, domandati dal visitatore durante l’esperienza della sua vacanza e accomunati dal tipo di bisogno soddisfatto, o meglio da dalla circostanza di essere acquistati durante o per le vacanze

CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO TURISTICO

PLURALITA’

ETEROGENEITA’

la lista di merci diverse che compongono il prodotto turistico

La diversità delle liste che connotano forme varie di turismo


Il paniere di beni e servizi turistici si articola in 4 classi fondamentali

IL PANIERE DI BENI E SERVIZI TURISTICI SI ARTICOLA IN 4 CLASSI FONDAMENTALI

  • 1) Trasporti (treno , nave , aereo, automobile, ecc.)

  • 2) Alloggi e ristorazione (campeggi, hotel, luogo di soggiorno, casa-affitto, caravan, ecc.)

  • 3) Attività (ricreative, convegni, sport festival, ecc.)

  • 4) Shopping (negozi souvenir, mercati di strada, ecc.)

Ricordiamo inoltre che i beni ed i servizi sono resi specifici dalla base di risorse ambientali e culturali, all’interno delle quali vengono consumati, in altre parole nel territorio che caratterizza la destinazione turistica


Eterogeneita e pluralita dei turismi attraverso un esempio

ETEROGENEITA’ E PLURALITA’ DEI TURISMI ATTRAVERSO UN ESEMPIO

I due turisti consumano ciascuno una lista eterogenea di beni e servizi, quindi il paniere è eterogeneo

Le due liste non sono solo fatte di una diversa composizione di beni e servizi ma individuano due diversi tipi di turismo (pluralità)

Anna ha probabilmente famiglia e si affida al turismo delle case-vacanza

Marco è giovane usa meno spiaggia e la sostituisce con discoteca

Quindi le liste individuano due diversi tipi di tipologie turistiche o, si può dire anche che individuano due diversi tipi di turismi

Da ora in poi Tipologia Turistica e Turismo saranno utilizzati come sinonimi


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

La matrice del prodotto turistico

L’insieme di beni e servizi che compongono il prodotto turistico devono inoltre essere riferiti ad una destinazione (una regione) in cui vengono consumati

Eterogeneità e pluralità sintetizzate nella matrice del prodotto turistico

 = [xij] con i = 1, 2, ..., m e j = 1, 2, ..., n

X1X2…Xn

T1x11x12…x1n

 = [xij]=T2x21x22…x2n

……………

Tmxm1xm2…xmn

x sono le quantità di beni e servizi acquistate per giorno di vacanza

Lungo le colonne abbiamo i diversi beni e servizi j=1,..n

Lungo le righe abbiamo i diversi tipi di turismo i=1….m, quindi il turismo di affari, l’agriturismo, il turismo religioso,ecc.

La matrice si riferisce sempre ad una destinazione/località turistica, che si indica con r


Unit di misura nella matrice del prodotto turistico

Unità di misura nella matrice del prodotto turistico

  • L’unità di misura nella matrice del prodotto turistico sono i giorni di vacanza in cui si è consumato un dato bene o si è fatto uso di un dato servizio

Ad esempio immaginiamo che Marco abbia trascorso solo una settimana di vacanza al mare, durante la quale è stato solo 3 volte in discoteca, abbia fatto solo 7 cene a base di pesce, 7 pranzi a base di carne e sia stato in spiaggia solo 5 pomeriggi

Il suo prodotto turistico, vale a dire i consumi giornalieri che si presentano come media dell’intera settimana saranno


Come si misura il fenomeno turismo

Come si misura il fenomeno turismo

  • E’ necessario individuare in modo non equivoco le tracce che il turista lascia

    Le tecniche utilizzate per la rilevazione delle statistiche sul turismo sono:

  • 1) Indagini presso gli intermediari turistici (enterprise survey)

  • 2) Indagini presso le strutture ricettive (accomodation survey)

  • 3) Indagini presso le famiglie (household survey)

  • 4) Indagini presso le frontiere (frontier survey)

    Nel caso del turismo internazionale i passaggi di frontiera (outbound e inbound) e la domanda di valuta nazionale (o estera) effettuata presso le banche da turisti stranieri ( o da turisti che vanno all’estero) costituiscono le tracce più evidenti per calcolare i saldi dei flussi turistici internazionali.

    Più in generale, per i turisti domestici e stranieri, altra traccia visibile è la domanda di alloggio per il soggiorno.

    Molto spesso le tracce dei non turisti si mischiano spesso con quelle dei turisti, quindi il problema della misurazione dei flussi turistici è un problema aperto.


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

Misurazione dei flussi turistici

  • Indici riferentesi alla destinazione turistica

  • Arrivi (A) - numero di visitatori che raggiungono una data destinazione, indipendentemente dal tempo che vi rimarranno;

  • Presenze (P) - ciascuna notte trascorsa dal turista in una data destinazione;

  • Permanenza media (d) - valore medio delle notti trascorse dai turisti in una località r in un dato periodo;d = P / A *

  • *Problema di misurazione nel caso degli escursionisti

  • Indice di saturazione (B) - rapporto tra il numero di presenze e la popolazione locale; B = P / (365 x L)

  • B= 1.000.000 /(5.000 x 365) = 54,8% mezzo turista per ogni residente ogni giorno

  • Indici riferentesi alle caratteristiche della località d’origine del turista

  • Propensione al viaggio (X) - percentuale di turisti (propensione netta - XN) e percentuale di viaggi (propensione lorda - XL) sul totale della popolazione; XN = T / N;XL = V / N

  • Frequenza di viaggio (F) - numero medio di viaggi intrapresi dai turisti; F = V / T


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

La spesa turistica

  • Somma delle spese effettuate dai visitatori per l'acquisto di beni e servizi utilizzati per e durante la vacanza, ovvero nel viaggio e nel soggiorno turistico

  • Ulteriori specificazioni:

    • 1) beni e servizi di consumoacquistati in occasione del viaggio e del soggiorno (è la vera spesa turistica);

    • 2) beni di consumo durevoliacquistati per fini turistici che possono avere un'utilizzazione ripetuta nell'arco di molti anni (sono anche denominati investimenti dei turisti)

    • La definizione di spesa turistica esclude quindi l'investimento dei turisti;

  • Tuttavia è difficile distinguere i consumatori visitatori dagli altri consumatori

Spesa turistica specifica: fatta in conseguenza del viaggio (prodotto

Spesa ordinaria: fatta anche in assenza del viaggio

La spesa turistica specifica è la vera spesa per il prodotto turistico (entra quindi nella matrice del prodotto turistico)


La spesa turistica 2

La spesa turistica (2)

Immaginiamo di riprendere la matrice del prodotto turistico originaria

Ci sono ora 10.000 turisti tipo Marco, che si fermano in media 2 giorni (quindi 20.000 presenze) , e 20.000 turisti di turisti tipo Anna che si fermano 3 giorni (quindi 60.000 presenze)

La spesa turistica si ottiene introducendo i prezzi unitari per ognuno dei beni e servizi venduti


La spesa turistica 3

La spesa turistica (3)

Sommando la spesa per riga si ottiene la spesa complessiva per una tipologia turistica in una data località

Sommando la spesa di tutte le righe, si ottiene la spesa turistica complessiva di tutte le tipologie turistiche presenti in quella data località

Si può così ottenere la spesa turistica giornaliera per quella data località

Dove S è la spesa complessiva

P sono le presenze complessive

O la spesa media individuale per quella data località

Dove S è la spesa complessiva

A sono gli arrivi complessivi


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

INDAGINE ISTAT VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL’ESTERO

Un’indagine che coglie la domanda turistica nazionale (14.000 famiglie per anno, 36.000 individui di ogni età)

Nel 2009 i residenti in Italia hanno effettuato 113 milioni e 46 mila viaggi (con pernottamento), in diminuzione rispetto al 2008 (-8%), a cui sono corrisposte 676 milioni e 244 mila notti, in diminuzione anch’esse (-4,3%) rispetto all’anno precedente

I viaggi effettuati per motivi di vacanza sono stati l’86,6%, mentre il restante 13,4% è stato effettuato per motivi di lavoro. In termini di pernottamenti, il 91,6% delle notti è stato speso in occasione di viaggi di vacanza e l’ 8,4% per i viaggi di lavoro.


Vacanze brevi e vacanze lunghe

VACANZE BREVI E VACANZE LUNGHE

La tendenza alla crescita del numero di vacanze brevi, osservata negli ultimi anni e particolarmente rilevante nel 2008, si è interrotta nel 2009, anno per il quale si manifesta una consistente diminuzione del numero di viaggi di questo tipo (-11,6%), passato da 55 milioni e 919 mila a 49 milioni e 417 mila. Tale andamento influisce in modo determinante nella diminuzione del numero complessivo dei viaggi nell’anno (-8%)

E’ interessante notare come il calo sensibile dei viaggi si sia manifestato nei trimestri autunno-invernali (ottobre-dicembre e gennaio marzo), ma non nei trimestri primaverili estivi, dove invece i viaggi aumentano anche se modestamente


Persone che hanno effettuato almeno un viaggio

PERSONE CHE HANNO EFFETTUATO ALMENO UN VIAGGIO

  • In estate (luglio-settembre) diminuisce il numero di residenti che ha effettuato almeno una vacanza (il 46,8% nel 2009, rispetto al 48,2% del 2008).

  • il 40,4% ha fatto almeno almeno una vacanza lunga, il 14,8% almeno una vacanza breve

  • La quota di turisti per vacanza lunga, comunque elevata in questo periodo dell’anno, è leggermente più contenuta nel 2009 rispetto al 2008 (da 41,3% nel 2008 a 40,4% nel 2009), mentre resta sostanzialmente stabile la quota di turisti per vacanza breve (da 14,3% nel 2008 a 14,8% nel 2009).


Viaggi per tipologia di prenotazione

VIAGGI PER TIPOLOGIA DI PRENOTAZIONE

Nel 2009 non si osservano cambiamenti nelle modalità di organizzazione del viaggio rispetto all’anno precedente. La percentuale di viaggi senza prenotazione è pari al 45,8% e in occasione di brevi spostamenti di vacanza è la forma di organizzazione preferita (59,7%); i soggiorni per i quali si fa una prenotazione diretta sono circa il 43%, con una maggior incidenza in occasione di spostamenti per lavoro (64,1%)

Il ricorso alla prenotazione tramite agenzia o tour operator, che riguarda complessivamente circa il 10% dei viaggi, è invece più frequente per i soggiorni di vacanza lunga (16%) e di lavoro (8,8%)


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

Nel 2009 si conferma la preferenza emersa l’anno precedente per le strutture private: il 51,6% dei viaggi,

infatti, si effettua pernottando in alloggi privati, mentre il 48,4% in strutture ricettive collettive


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

L’82,7% dei viaggi effettuati nel 2009 ha come destinazione una località italiana, mentre il restante 17,3% un paese straniero.

Per i viaggi in Italia si registra, rispetto al 2008, una diminuzione del 9,4%, dovuta in modo determinante al calo delle vacanze brevi (-13,3%).

La riduzione delle vacanze brevi è meno consistente al Centro (-13,3%) e molto rilevante nel Mezzogiorno (-25,3%), dove calano anche le vacanze lunghe (-17,5%).


Economia del turismo anno accademico 2009 2010 fabrizio pompei

Se si considerano le vacanze brevi ai primi posti troviamo regioni del centro-nord, nelle vacanze lunghe troviamo, anche se non ai primi posti, regioni del sud

Per quanto riguarda le destinazioni italiane, si confermano le graduatorie del 2007-2008: Lombardia, Lazio, Toscana, Emilia-Romagna e Veneto sono state le regioni italiane più visitate dai residenti. Queste cinque regioni hanno ospitato complessivamente il 44,3% dei flussi turistici interni, con quote comprese tra il 10,3% della Lombardia e il 6,9% del Veneto.


  • Login