Universita’ degli Studi di Catania
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 24

Universita’ degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia PowerPoint PPT Presentation


  • 140 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Universita’ degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia Policlinico Universitario “G.Rodolico” – Catania Unità Operativa Complessa di Ginecologia e Ostetricia Direttore Prof. A. Cianci. DIAGNOSTICA SENOLOGICA

Download Presentation

Universita’ degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Universita’ degli Studi di Catania

Facoltà di Medicina e Chirurgia

Policlinico Universitario “G.Rodolico” – Catania

Unità Operativa Complessa di Ginecologia e Ostetricia

Direttore Prof. A. Cianci

DIAGNOSTICA SENOLOGICA

Prof . M. Panella


IL PERCORSO DIAGNOSTICO –TERAPEUTICO DI UNA PAZIENTE CON UNA LESIONE MAMMARIA è CARATTERIZZATO DA UN APPROCCIO INTEGRATO MULTIDISCIPLINARE A PARTIRE DALLA PRIMA VISITA FINO ALLA CONCLUSIONE DEL TRATTAMENTO

I MEZZI DI CUI LA DIAGNOSTICA SENOLOGICA STRUMENTALE DISPONE SONO LA MAMMOGRAFIA L’ECOTOMOGRAFIA E LA RM, IN VARIA MISURA ASSOCIABILI ALL’ESAME CLINICO ED ALLA CITOLOGIA PER AGOASPIRAZIONE


ESAME CLINICO

La PALPAZIONE delle mammelle deve essere eseguita muovendo i polpastrelli delle dita lungo una direzione, radiale o circolare,esaminando l’intera ghiandola, incluso il prolungamento ascellare.


L’esplorazione va praticata:

In fase postmestruale :per una minore tensione mammaria e perché si assiste alla regressione dei fisiologici addensamenti mammari aspecifici tipici di questa fase.

In posizione supina con braccia abdotte e le mani dietro il capo e in posizione seduta facendo esercitare alla pz un movimento di spinta delle mani sulle ossa del proprio bacino per contrarre il m. grande pettorale e rilevare un’eventuale retrazione del profilo cutaneo

Spremitura del capezzolo per evidenziare la presenza di eventuali secrezioni

Esame delle stazioni linfonodali locoregionali a livello dell’ascella, clavicola e collo


MAMMOGRAFIA

  • RAPPRESENTA UN’INDAGINE DIAGNOSTICA FONDAMENTALE IN AMBITO SENOLOGICO SIA PER L’IDENTIFICAZIONE DELLE NEOPLASIE IN FASE PRECLINICA SIA PER LE PZ SINTOMATICHE.

  • Le alterazioni semeiotiche fondamentali identificate alla mammografia, sono rappresentate da:

  • Microcalcificazioni

  • Lesioni nodulari focali

  • Distorsioni del disegno fibro-stromale

  • la sensibilità nella identificazione delle lesioni neoplastiche o sospette varia a seconda del tipo di struttura ghiandolare, è maggiore per una mammella a prevalente struttura adiposa rispetto a quelle con componente fibroghiandolare densa.


ECOGRAFIA

E’ UN ESAME PARTICOLARMENTE INDICATO NELLE DONNE GIOVANI ,IN CUI,CONSENTE DI EVIDENZIARE LA NATURA CISTICA O SOLIDA DI LESIONI DI PICCOLE DIMENSIONI IN STRUTTURE GHIANDOLARI DENSE DIFFICILMENTE VALUTABILI CON LA MAMMOGRAFIA

Viene eseguita con tecnica manuale , sonde di elevata frequenza (7,5-13 mhz) e fornisce un’immagine tomografica della mammella

L’ECOTOMOGRAFIA E’ INOLTRE LA METODICA FONDAMENTALE NELLA ESECUZIONE DELLE AGOBIOPSIE MIRATE


ESAME CITOLOGICO SU AGOASPIRATO

COSTITUISCE UN UTILE APPROFONDIMENTO DIAGNOSTICO PER LE LESIONI MAMMARIE DIGNOSTICATE ALL’ESAME CLINICO O STRUMENTALE.

LA PROCEDURA VIENE ESEGUITA SULLA GUIDA DELL’IMMAGINE ECOGRAFICA O MAMMOGRAFICA (STEREOTASSI) CON AGO A FORI TAGLIENTI (TRANCIANTE)


AGOBIOPSIA

  • CONSISTE NEL PRELIEVO DI UN SOTTILE FRAMMENTO A FORMA DI CILINDRO, EFFETTUATO CON APPOSITO AGO.

  • TALE METODICA VIENE UTILIZZATA:

  • COME CONFERMA DELLA PROBABILE BENIGNITA’ DI UNA LESIONE PER EVITARE LA BIOPSIA CHIRURGICA

  • CONFERMA DI DIAGNOSI DI LESIONE INVASIVA PER SOPRASSEDERE ALL’ESAME ISTOLOGICO INTRAOPERATORIO


DUTTOGALATTOGRAFIA

  • CONSISTE NELL’ESECUZIONE DI UNA MAMMOGRAFIA DOPO PERFUSIONE DEL DOTTO SECERNENTE CON MEZZO DI CONTRASTO RADIO-OPACO.

  • CONSENTE DI EVIDENZIARE DIFETTI DI RIEMPIMENTO DEL DOTTO DETERMINATI DALLA PRESENZA DI VEGETAZIONI INTRADUTTALI.

  • L’ESAME E’ INDICATO NEI CASI DI SECREZIONE EMATICA O SIERO-EMATICA DEL CAPEZZOLO.


MASTOPATIA FIBROCISTICA DISPLASIA MAMMARIA BENIGNA

  • DIAGNOSI

  • ANAMNESI

  • ESAME PALPATORIO DELLE MAMMELLE

  • MAMMOGRAFIA

  • ECOGRAFIA

  • AGOASPIRAZIONE


MASTOPATIA FIBROCISTICA DISPLASIA MAMMARIA BENIGNA

  • TERAPIA

  • OCCORRE RICORDARE CHE LA FASE DI MAZOPLASIA PUò EVOLVERE VERSO LA GUARIGIONE SPONTANEAMENTE,O A SEGUITO DELL’INSORGENZA DI UNA GRAVIDANZA

  • SI UTILIZZA LA TERAPIA CON:

  • PROGESTINICI /PROGESTERONE

  • APPLICAZIONE LOCALE DI CREMA O GEL AL PROGESTERONE

  • 17 ALFA ETINILTESTOSTERONE (INDUCE L’ATTIVAZIONE DEI RECETTORI PER GLI ANDROGENI NEL TESSUTO MAMMARIO, BLOCCANDO COSì QUELLI DEGLI ESTROGENI E DEL PROGESTERONE)

  • BROMOCRIPTINA-CARBEGOLINA (NELLE PZ CON LIVELLI BASALI DI PROLATTINA ELEVATI)

  • TAMOXIFENE


MASTOPATIA FIBROCISTICA DISPLASIA MAMMARIA BENIGNA

  • TERAPIA

  • LE CISTI VANNO ASPIRATE QUANDO:

  • SONO DOLENTI

  • ALTERANO IL PROFILO DELLA CUTE

  • ESISTONO DUBBI SUL CONTENUTO

  • SE COMPRIMENDO RENDONO INATTENDIBILE IL QUADRO MAMMOGRAFICO

IL LIQUIDO VA UTILIZZATO PER L’ESAME CITOLOGICO


FIBROADENOMA

  • LA DIGNOSI DI CERTEZZA, PUR ESSENDO UN TUMORE BENIGNO SI Può FARE SOLO CON L’ESAME ISTOLOGICO

  • TUTTAVIA L’EXERESI è SOPRATTUTTO GIUSTIFICATA SE LA LESIONE :

  • TENDE A CRESCERE RAPIDAMENTE

  • HA RAGGIUNTO UN DIAMETRO DI 4-5 CM

  • SE LA PZ HA UN’Età >35aa


PAPILLOMA INTRADUTTALE

LA DIGNOSI VIENE FATTA CON LA GALATTOGRAFIA

LA LESIONE è COMUNQUE BENIGNA E RARAMENTE DEGENERA,MA DEVE ESSERE ASPORTATA PER POTERE,CON L’ESAME ISTOLOGICO,ESCLUDERE CON CERTEZZA IL CARCINOMA INTRADUTTALE PAPILLARE


TUMORE FILLOIDE

  • LA DIAGNOSIDI CERTEZZA SI OTTIENE ALL’ESAME ISTOLOGICO

  • LA TERAPIA CONSISTE NELLA:

  • MASTECTOMIAPER LE FORME Più VOLUMINOSE

  • RESEZIONE MAMMARIA AMPIA PER LE PICCOLE NEOFORMAZIONI CONPRENDENTE ANCHE IL TESSUTO SANO CIRCOSTANTE, perché IL TUMORE è PRIVO DI CAPSULA ED ESISTE UN RISCHIO DI RECIDIVE LOCALI, ANCHE A DISTANZA DI MOLTI ANNI, CHE OBBLIGANO ALLA MASTECTOMIA


CARCINOMA MAMMARIO

  • DIAGNOSI PRECOCE

  • OCCORRE UNO SCREENING CHE COINVOLGA TUTTE LE DONNE PRESUNTE SANE A PARTIRE DAI 30 AA ED ANCHE PRIMA SE IL SOGGETTO PRESENTA UNO DEI FATTORI DI RISCHIO

  • I MEZZI A DISPOSIZIONE PER LO SCREENING SONO:

  • AUTOCONTROLLO O AUTOESAME MENSILE DELLE MAMMELLE (POCO SENSIBILE MA UTILE)

  • CONTROLLO PERIODICO ISPETTIVO E PALPATORIO DA PARTE DEL MEDICO

  • MAMMOGRAFIA

  • ECOGRAFIA

  • CITOLOGIA DELLE EVENTUALI SECREZIONI

  • BIOPSIA


CARCINOMA MAMMARIO

  • LA MAMMOGRAFIA IN PARTICOLARE è GIUSTIFICATA:

  • A QUALSIASI Età SE ESISTE IL SOSPETTO CLINICO DI CANCRO

  • NELLE PZ OLTRE I 35 aa AD ALTO RISCHIO ( FAMILIARITà, IPERPLASIA EPITELIALE TIPICA O ATIPICA)

  • NELLE DONNE ASINTOMATICHE DAI 50aa IN POI ,OGNI ANNO


CARCINOMA PRE-INVASIVO

  • CARCINOMA LOBULARE IN SITU:

  • TENENDO PRESENTE CHE IL RISCHIO DI TRASFORMAZIONE IN UN CARCINOMA INVASIVO A LUNGO TERMINE (15-20aa) E’ DEL 15-20%, NON GIUSTIFICA UN INTERVENTO ABLATIVO, MA E’ NECESSARIO UN:

  • MONITORAGGIO CLINICO

  • MAMMOGRAFICO

  • ECOGRAFICO

MOLTO

ACCURATO


CARCINOMA PRE-INVASIVO

CARCINOMA DUTTALE IN SITU:

TENENDO PRESENTE CHE VA INCONTRO AD UN RISCHIO DI TRASFORMAZIONE IN CARCINOMA INVASIVO ENTRO 10 aa

IL TRATTAMENTO : QUADRANTECTOMIA IN QUANTO LA MASTECTOMIA NELLA MAGGIOR PARTE DEGLI STUDI E’ CONSIDERATA UN SOVRATRATTAMENTO


CARCINOMA INVASIVO O INFILTRANTE

STADIAZIONE:

LA CLASSIFICAZIONE CLINICA IN STADI DEI CARCINOMI MAMMARI SI FONDA SUL SISTEMA TNM ( T=TUMORE ,N=LA PRESENZA O ASSENZA DI METASTASI AI LINFONODI, M=LA PRESENZA O ASSENZA DI METASTASI A DISTANZA) CATEGORIE OTTENUTE GRAZIE ALL’ESAME CLINICO E ALLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI


CARCINOMA INVASIVO O INFILTRANTE

  • STADIAZIONE:

  • INOLTRE PER UNA CORRETTA STADIAZIONE OCCORRE ANCHE ESEGUIRE PREOPERATORIAMENTE:

  • MARCATORI TUMORALI CA15.3 CEA E SE IL TUMORE E’ IN UNO STADIO AVANZATO ANCHE, CA125 E MCA

  • TC TOTAL-BODY

  • SCINTIGRAFIA OSSEA (NELLO STADIO III E IV E NELLE PZ SINTOMATICHE)

  • ESAMI EMATOLOGICI COMUNI


CARCINOMA INVASIVO O INFILTRANTE

  • TERAPIA

  • T <= 1cm

  • RESEZIONE MAMMARIA AMPIA

  • DISSEZIONE LINFONODI ASCELLARI

  • RADIOTERAPIA

  • T >1 T<= 3 cm

  • QUADRANTECTOMIA

  • DISSEZIONE LINFONODI ASCELLARI

  • RADIOTERAPIA

  • T > 3 cm

  • MASTECTOMIA

  • DISSEZIONE LINF.ASCELLARI

  • RADIOTERAPIA


CARCINOMA INVASIVO O INFILTRANTE

  • LA CHEMIOTERAPIA HA INDICAZIONE:

  • NEI CASI DI CANCRI ER-( PRIVI CIOèDI RECETTORI PER GLI ESTROGENI)

  • NELLE PAZIENTI CON CARCINOMMA ALLO STADIO I E II IN ADIUVANTE

  • NELLE PZ CON FORME INOPERABILI, COME CHEMIOTERAPIA PALLIATIVA DA SOLI O IN ASSOCIAZIONE CON LA TERAPIA ORMONALE E/O CON QUELLA RADIANTE


CARCINOMA INVASIVO O INFILTRANTE

  • LA TERAPIA ORMONALE O TERAPIA ENDOCRINA ADDITIVA E’ INDICATA:

  • NELLE NEOPLASIE POSITIVE PER LA PRESENZA DEI RECETTORI PER GLI ESTROGENI (ER+) NOTORIAMENTE Più AGGRESSIVE

  • SI UTILIZZANO:

  • I SERMs (MODULATORI SELETTIVI DEL RECETTORE PER GLI ESTROGENI)

  • PROGESTINICI

  • ANALOGHI SINTETICI DEL GnRH


  • Login