6° CONVEGNO NAZIONALE DEI DIRETTORI DIOCESANI
Download
1 / 21

DAGLI ATTI DEGLI APOSTOLI (cap. 2) - PowerPoint PPT Presentation


  • 124 Views
  • Uploaded on

6° CONVEGNO NAZIONALE DEI DIRETTORI DIOCESANI DELLA PASTORALE MISSIONARIA E LORO COLLABORATORI Oleggio (Novara), 15-18 settembre 2009 NELLE NOSTRE LINGUE DICONO LE GRANDI OPERE DI DIO ( At 2,11) 40 anni di pastorale missionaria nelle Chiese locali in Italia. DAGLI ATTI DEGLI APOSTOLI (cap. 2).

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' DAGLI ATTI DEGLI APOSTOLI (cap. 2)' - robert-page


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

6° CONVEGNO NAZIONALE DEI DIRETTORI DIOCESANIDELLA PASTORALE MISSIONARIA E LORO COLLABORATORIOleggio (Novara), 15-18 settembre 2009NELLE NOSTRE LINGUEDICONO LE GRANDI OPERE DI DIO (At 2,11)40 anni di pastorale missionaria nelle Chiese locali in Italia


Dagli atti degli apostoli cap 2
DAGLI ATTI DEGLI APOSTOLI(cap. 2)

La Parola


1 Mentre stava compiendosi il giorno della Pentecoste, si trovavano tutti insieme nello stesso luogo. 2 Venne all’improvviso dal cielo un fragore, quasi un vento che si abbatte impetuoso, e riempì tutta la casa dove stavano. 3Apparvero loro lingue come di fuoco, che si dividevano, e si posarono su ciascuno di loro, 4 e tutti furono colmati di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, nel modo in cui lo Spirito dava loro il potere di esprimersi. 5 Abitavano allora a Gerusalemme Giudei osservanti, di ogni nazione che è sotto il cielo. 6 A quel rumore, la folla si radunò e rimase turbata, perché ciascuno li udiva parlare nella propria lingua. 7 Erano stupiti e, fuori di sé per la meraviglia, dicevano: “Tutti costoro che parlano non sono forse Galilei? 8 E come mai ciascuno di noi sente parlare nella propria lingua nativa? 9 Siamo Parti, Medi, Elamiti, abitanti della Mesopotamia, della Giudea e della Cappadòcia, del Ponto e dell’Asia, 10 della Frìgia e della Panfìlia, dell’Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirene, Romani qui residenti, 11Giudei e prosèliti, Cretesi e Arabi, e li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio”. 12 Tutti erano stupefatti e perplessi, e si chiedevano l’un l’altro: “Che cosa significa questo?”.


  • Si parla insistentemente di lingue (vv. 3, 4, 6, 8, 11), ma soprattutto si fa riferimento alla ricchezza e chiarezza di una comunicazione: un fenomeno che oggi assume effetti insieme decisivi (ed eccessivi) nella nostra vita, ma che qualifica da subito con precisione il modo di essere della comunità dei discepoli di Gesù: la Chiesa nasce per annunciare, comunicare, evangelizzare (= dire la buona notizia).


  • Vi è un’origine di tutto il movimento: lingue come di fuoco…, perché il dono dello Spirito è protagonista della trasformazione dei discepoli in apostoli e della comunità in Chiesa missionaria: Dio è all’opera e le sue opere sono al centro delle parole di tutti.


  • Se gli apostoli sono in grado di farsi intendere da persone di lingue differenti è perché sono divenuti capaci di farsi carico del punto di vista dell’altro, dei suoi strumenti conoscitivi e comunicativi, della sua storia: è sotto ogni punto di vista (ecclesiale, sociale, personale…) il saper farsi carico di un punto di vista diverso, far spazio all’altro, ascoltare lingue e culture, tendere la mano per essere accolti e condividere la buona notizia, prima che portare soluzioni e progetti frutti di pregiudizi e di relazioni unilaterali.


  • Le lingue che si rimettono a comunicare rappresentano l’anti-Babele: un’immagine capace di interpellare il tempo del villaggio globale e dei suoi fenomeni ambigui; l’esperienza della globalità non esclude incontro, dialogo e accoglienza, stabilire ponti e abbattere muri.


  • Non contento della molteplicità delle lingue, l’autore biblico ci mette davanti anche una mappa geografica: Luca spesso esprime la molteplicità e universalità dei popoli chiamati al vangelo (cf Lc 10: l’invio dei settantadue), a ricordare che proprio tutti sono inclusi nella chiamata e nessuno è escluso; la geografia della salvezza diventa essenziale come criterio di lavoro nell’ambito della missione.


Strutture nazionali della pastorale missionaria
STRUTTURE NAZIONALI biblico ci mette davanti anche una mappa geografica: Luca spesso esprime la molteplicità e universalità dei popoli chiamati al vangelo (cf DELLAPASTORALE MISSIONARIA


COMPITI DELLA biblico ci mette davanti anche una mappa geografica: Luca spesso esprime la molteplicità e universalità dei popoli chiamati al vangelo (cf PASTORALE MISSIONARIA


Livello nazionale della pastorale missionaria
LIVELLO NAZIONALE DELLA biblico ci mette davanti anche una mappa geografica: Luca spesso esprime la molteplicità e universalità dei popoli chiamati al vangelo (cf PASTORALE MISSIONARIA


APPLICAZIONI DELLA biblico ci mette davanti anche una mappa geografica: Luca spesso esprime la molteplicità e universalità dei popoli chiamati al vangelo (cf PASTORALE MISSIONARIA


Il nostro percorso qui a oleggio
IL NOSTRO PERCORSO biblico ci mette davanti anche una mappa geografica: Luca spesso esprime la molteplicità e universalità dei popoli chiamati al vangelo (cf QUI A OLEGGIO


1 memoria
1. MEMORIA biblico ci mette davanti anche una mappa geografica: Luca spesso esprime la molteplicità e universalità dei popoli chiamati al vangelo (cf

  • non di anniversari vuoti o testi inerti…: la vita arriva prima dei documenti e la realtà sorpassa gli schemi e i pregiudizi

  • memoria per avere coscienza di ciò che “è” davvero la missione nelle nostre comunità e di chi “siamo” noi

  • memoria per aver cura e custodia del principio e fondamento

  • L’amore di Cristo ci sospinge (n. 2): “Al cristiano non serve una vocazione in più per essere missionario: basta la vocazione che ha!”.


2 ombre
2. OMBRE biblico ci mette davanti anche una mappa geografica: Luca spesso esprime la molteplicità e universalità dei popoli chiamati al vangelo (cf

  • pastorale missionaria e CMD in nicchia / in isolamento / non incisivI sulle comunità e sulla gente

  • azioni missionarie: frammentazione / protagonismo / messaggi ambigui

  • clericalismo negli incarichi e nei processi decisionali

  • ecclesiocentrismo / orizzonti ristretti: quale mondo? quale Regno?

  • quale risposta delle giovani chiese al nostro agire / partire?


3 fenomeni
3. FENOMENI biblico ci mette davanti anche una mappa geografica: Luca spesso esprime la molteplicità e universalità dei popoli chiamati al vangelo (cf

  • la missione è connotata storicamente, quindi cambia essa stessa (e fa cambiare la storia)

  • se la missione cambia volto…

    • mancanza di vocazioni

    • partenze di laici

    • moltiplicazione di soggetti missionari “spontanei”

    • scambio tra le chiese del Sud del mondo

    • presenza tra noi di operatori apostolici del Sud del mondo

    • diversa considerazione delle altre religioni, ora presenti tra noi

  • …ci chiediamo:

    • quali vie vecchie stanno morendo?

    • quali vie nuove di relazione tra chiese sorelle?

    • quale volto di missione oggi? di missionario o missionaria?


4 un colpo d ala
4. UN COLPO D’ALA? biblico ci mette davanti anche una mappa geografica: Luca spesso esprime la molteplicità e universalità dei popoli chiamati al vangelo (cf

  • per aiutare le nostre comunità non a contrapporre, ma a unire la missione dell’invio con la missione dentro la Chiesa locale: un “paradigma” tutto da esprimere

  • per la missio vitae: appassionarsi per la vita dell’uomo, del popolo, della gente

  • per far tornare la parrocchia (parà-oikìa) “luogo missionario sperimentale”


  • attenzioni specifiche: biblico ci mette davanti anche una mappa geografica: Luca spesso esprime la molteplicità e universalità dei popoli chiamati al vangelo (cf

    • discernimento come metodo di lavoro comune

      • cura per l’essenzialità e criteri di priorità

      • profezia

    • soggetti e “destinatari” della missione:

      • cura delle relazioni e reciproco riconoscimento

      • condivisione con chi è “fuori le mura”

    • vivere con mezzi poveri e verificare i modelli creati dalla missione


5 elementi fondamentali
5. ELEMENTI FONDAMENTALI biblico ci mette davanti anche una mappa geografica: Luca spesso esprime la molteplicità e universalità dei popoli chiamati al vangelo (cf

  • il fondamento:

    • tavolo di comunione

    • luogo di spiritualità


  • l’azione: biblico ci mette davanti anche una mappa geografica: Luca spesso esprime la molteplicità e universalità dei popoli chiamati al vangelo (cf

    • lavorare insieme

    • formare mentalità

    • progettare l’animazione

    • accompagnare il “partire”


  • i “nostri” temi biblico ci mette davanti anche una mappa geografica: Luca spesso esprime la molteplicità e universalità dei popoli chiamati al vangelo (cf

    • la priorità dell’annuncio

    • la lettura e discernimento dei segni dei tempi

    • il privilegio ai temi di mondialità

    • la ricerca di elementi di sintesi tra mondi culturali diversi


ad