Il giro vita come fattore di rischio e prognosi delle neoplasie
Sponsored Links
This presentation is the property of its rightful owner.
1 / 51

Il giro vita come fattore di rischio e prognosi delle neoplasie PowerPoint PPT Presentation


  • 131 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Il giro vita come fattore di rischio e prognosi delle neoplasie. Andrea DeCensi SC Oncologia Medica, Ospedali Galliera , Genova. Il sovrappeso e l’obesità appaiono correlati ad una aumentata incidenza di: diabete cardiopatie tumori.

Download Presentation

Il giro vita come fattore di rischio e prognosi delle neoplasie

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Il giro vita come fattore di rischio e prognosi delle neoplasie

Andrea DeCensi

SC Oncologia Medica,

Ospedali Galliera, Genova


Il sovrappeso e l’obesità appaiono correlati ad una aumentata incidenza di:

diabete

cardiopatie

tumori

L’obesità è la seconda causa prevenibile di mortalità nei paesi occidentali

Fernando Botero, 2001

Donna seduta


Lesson from cardiology!The benefit of preventive care on CVD death

From Jemal, A. et al.

CA Cancer J Clin 2010;60:277-300.


La SindromeMetabolicaEpidemia del millennio

I criteri diagnostici adottati dai diversi gruppi di esperti, in generale includono, tra i fattori di rischio:

  • un’elevata glicemia,

  • una dislipidemia aterogena (caratterizzata da elevati livelli di trigliceridi e bassi livelli di HDL colesterolo),

  • livelli normali-alti di pressione arteriosa sistolica e diastolica

  • obesità addominale.


Obesità

Androide (a mela, addominale, viscerale) - “maschile”

  • parte superiore del corpo (viso, collo, spalle, parte dell’addome sopra l’ombelico)

  • sviluppo pronunciato della muscolatura

  • complicanze:

    • diabete, iperlipoproteinemia, ipercolesterolemia, iperuricemia,

    • ipertensione e aterosclerosi

    • cancro

      Ginoide (a pera, sottocutanea) - “femminile”:

    • parte inferiore del corpo (anche, natiche, cosce,

      parte dell’addome sotto l’ombelico)

    • muscolatura molto meno sviluppata

  • complicanze:

    • opinioni discordi


  • Tabella peso per altezza


    BMI (Body Mass Index) IMC


    Obesita maschile italia 2008-12


    Obesita femminile Italia 2008-12


    Prevalence of Metabolic Syndrome (ATP III Criteria) in NHANES III and Italian Population

    NHANES III

    Italy

    %

    Overall 22% for age 20 years and older

    The Italian Cardiovascular Epidemiological Observatory It Heart J 2004 (suppl 3): 49S-92S.

    Ford ES, et al. JAMA. 2002;287(3):356-359.


    Circonferenza Vita (CV)

    • Si correla strettamente alla distribuzione viscerale del tessuto adiposo e al rischio di comorbilità

      Rischio di complicanze metaboliche associate all’obesità


    Un rischio per la salute – tumori

    • Numerosi studi epidemiologici e trials clinici hanno indicato che esiste un’associazione positiva nei due sessi tra obesità ed elevata incidenza o mortalità per tumore


    Un rischio per la salute – tumori

    Associazione tra incremento di BMI e incremento della incidenza di tumori


    Obesity, Diabetes/Insulin Resistance and Cancer:Potential Mechanisms

    Inflammation

    Adipokines

    Hyperinsulinemia

    Obesity

    Cancer

    Hyperglycemia

    Diabetes / Diabetes Drugs

    Diet

    Physical Activity


    Background

    • Insulin and cancer

    • Strong anabolic effect of insulin enhancement of DNA synthesis and cell proliferation

    • IRs are almost ubiquitously present in human BC and have prognostic relevance

    • IRs activate a cascade of proliferative and antiapoptotic events

    • Cross-activation of the insulin-like growth factor (IGF) receptor family

    Michael Pollak: Nature Reviews Cancer 8, 915-928


    Diabetes and cancer: a meta-analysis

    GandiniS, DeCensi A et al JCO 2012 in press


    C-peptide / Insulin and Risk of Breast Cancer

    Pisani P Arch Physiol Biochem 2008; 114:63-70


    Insulin and Breast Cancer Prognosis

    Death p=0.001

    HR

    Distant Recurrence p=0.007

    Insulin Quartiles (pmol/L)

    Goodwin PJ et al. J Clin Oncol 2002


    Stile di vita


    La dieta lombarda


    La mia dieta

    • Colazione: latte magro e 2 formelle di frumento integrale

    • Pranzo: insalata con tonno sgocciolato e aceto balsamico; 1 frutto

    • Cena: dieta libera, se possibile dissociata, con 2-3 bicchieri di vino


    Attività Fisica

    • L’attività fisica raccomandata all’inizio del programma deve essere modesta, basata sulla propensione e sulle capacità del paziente, per poi essere aumentata gradualmente in durata e frequenza fino a 30-45 minuti al giorno di moderata attività aerobica per 3-5 giorni alla settimana (obiettivo: 150 min/settimana).

    • Maggiori livelli di attività fisica, pari ad almeno un’ora al giorno di attività moderata (camminata) o 30 minuti al giorno di attività più vigorosa (jogging) possono essere necessari per ottenere un’efficace perdita di peso a lungo termine.

      ADM–SID Linee-guida e raccomandazioni Diabetes and nutrition Study Group EASD


    Diabetes Drugs

    • Drugs that raise insulin levels

      • Insulin secretagogues – sulfonylureas

      • Human insulin

      • Insulin analogues (e.g. glargine, detemir)

    • Drugs that lower insulin levels

      • Metformin

      • Thiazolidinediones (e.e. rosiglitazone)


    Metformina

    Galegaofficinalis(pelodipuzzola)


    Diabetes Prevention Program (DPP)Schema

    Age ≥ 25

    BMI ≥ 24

    Impaired Glucose Tolerance (140-199mg/dl)

    Elevated Fasting Plasma Glucose (95-125mg/dl)

    Standard lifestyle recommendations

    Randomized

    To prevent or delay the development of type 2 diabetes

    Intensive Lifestyle Metformin Placebo

    (n = 1079) (n = 1073) (n = 1082)


    New onsetofdiabetes under metforminbybaseline BMI and glucoselevel

    *p<.05 forheterogeneity

    DiabetesPreventionProgram, NEJM 346; 2002


    Forest plot for Metformin and cancer incidence

    Monami, 2008

    Currie, 2009

    Libby, 2009

    Home, 2010 (ADOPT)

    Home, 2010 (RECORD)

    SRR adjusted for BMI: 0.74 (0.55-0.99)

    Hense , 2011

    Lee, 2011

    Yang, 2010

    Morden, 2011

    Geraldine, 2012

    Ruiter, 2012

    SRR unadjusted: 0.67 (0.24-1.87)

    I2=93

    Summary RR: 0.66 (0.42-1.03)

    0.1

    0.2

    0.6

    0.8

    1.3

    1.7


    Forest plot for Metformin and cancer mortality

    UKPDS, 1998

    Bowker, 2006

    Landman, 2009

    Libby, 2009

    Bo, 2011

    Melbin, 2011

    Currie, 2012

    SRR adjusted for BMI: 0.58 (0.37-0.92)

    0.2

    0.6

    0.8

    1.0

    1.3

    1.7

    SRR unadjusted: 0.51 (0.20-1.27)

    I2=21

    Summary RR: 0.56 (0.40, 0.78)


    metformin and breast cancer risk: BMI

    Gandini S, Puntoni M et al, 2012


    WOP Trial of Metformin

    Double core biopsy

    SURGERY

    Metformin 850 mg

    qd, dd 1-3

    bid, dd 4-28

    N =200

    stage I/II/IIIa

    not suitable for

    neo-adjuvant therapy

    R

    Stratification by ER

    Placebo

    Primary endpoints: Ki-67


    Effectofmetformin versus placebo on Ki-67 change

    by HOMA index and BMI

    HOMA=fasting glucose (mmol/L)x

    insulin (mU/L)/22.5

    Bonanniet al. JCO May 7, 2012 epub


    Metformin

    850 mg po bid X 5 years

    (includes 4-week ramp-up

    of 850mg po daily)

    T1–3*, N0-3,M0 invasive breast cancer

    diagnosed within 1 year

    Any radiotherapy, chemotherapy**,

    endocrine therapy, trastuzumab, biologics, bisphosphonates

    * If pT1C, ≥ 1 adverse prognostic factor

    ** CXT must be completed

    R

    A

    N

    D

    O

    M

    I

    Z

    E

    Identical Placebo

    One caplet po bid X 5 years

    (includes 4 week ramp-up

    of one caplet po daily)

    NCIC CTG MA.32 STUDY SCHEMA

    FUNDED BY: NCI (US), CCS, BCRF, Apotex Canada, CBCF, Komen


    Silybin

    EGCG

    Estratti naturali e prevenzione del cancro

    Ellagitannin

    Curcumin


    Alcool e cancro.“Una relazione da dosare”

    • Parliamo solo di light drinking (fino a 20 g/die) per l’alta frequenza del fenomeno e le conseguenze sulla salute

    • A dosi>30 g/die l’alcool è sicuramente cancerogeno

    • L’alcool in quantità lievi o moderate (10-20 g/die=1-2 bicchieri) riduce il rischio cardiovascolare del 25-30%

    • Il beneficio cardiovascolare potrebbe essere in parte dovuto agli antiossidanti (studio vino rosso versus gin)

    • Gli eventuali effetti protettivi della componente antiossidante del vino (rosso) e della birra sul cancro sono tuttora poco noti


    Rischio di mortalità CVD in chi beve alcool rispetto a chi non beve (N=1.184.956)

    Ronksey et al BMJ 2011


    Meccanismocancerogenticodell’alcool

    L’acetaldeide, il primo metabolitaprodottonelfegatodall’ossidazionedell’etanolo, è responsabiledell’effettocancerogenosultrattoaereo-digestivo e la mammella a causadell’effettomutagenosul DNA

    Seitz HK, Stickel F. Molecular mechanisms of alcohol mediated carcinogenesis. Nature Reviews, 2007

    39


    Lo studio delle infermiere americane (NHS)

    • 105.986 infermiere arruolate (età > 55 aa)

    • Durata dell’osservazione: dal 1980 al 2008, 7690 casi di carcinoma della mammella


    Quante donne si ammalano in più alla mammella per effetto dell’alcool?


    Incremento del rischio relativo per ogni 10 g d’alcool in più (trend) in base all’età

    Per ogni bicchiere di vino in più

    18 – 40 anni

    > 40 anni

    RR=1.16

    (+16%)

    RR=1.08

    (+8%)

    Chen W.Y. Et al, JAMA, November 2, 2011 – Vol 306, No.17


    Rischiorelativo e incidenzadicancromammario in relazione al numeromassimodialcoliciconsumatiin 1 giorno (binge drinking)

    364392387 414

    Chen W.Y. Et al, JAMA, November 2, 2011 – Vol 306, No.17


    The Million Women Study

    • 1.280.296 donne arruolate (età > 55 aa)

    • 25% non bevitrici

    • Media nelle bevitrici=10 g alcool al dì

    • 68.775 casi di carcinoma invasivo registrati in 7 anni di osservazione

      RISULTATI

    • Il consumo di alcool AUMENTA rischio di sviluppare carcinomi del cavo orale, laringe, esofago, mammella, retto, fegato

    • Il consumo di alcool DIMINUISCE il rischio di sviluppare carcinoma della tiroide, rene e linfomi non Hodgkin


    Rischiodicancro per ogni 10 g in piùdialcool al giorno

    Allen J NatlCancerInst 2009;101: 296 – 305


    Rischiodicancroallamammella per quantità e tipodialcolico

    Allen J NatlCancerInst 2009;101: 296 – 305


    Rischiodicancrodelle vie aereeedesofago per quantitàdialcool e fumo

    Allen J NatlCancerInst 2009;101: 296 – 305


    Conclusioni

    • 1-2 biccheri al dì aumentano rischio di cancro mammario, del cavo orale, faringe ed esofago ma riducono il rischio di cancro del rene, della tiroide e di linfoma NH

    • Il rischio per i tumori delle vie aeree ed esofago si annulla in chi non fuma

    • Il rischio maggiore è per il cancro mammario, che va però confrontato con la forte protezione cardiovascolare

    • Donne con storia o rischio aumentato di cancro mammario dovrebbero bere con cautela (< 1 bicchiere al giorno)

    • Le bevitrici abituali dovrebbero effettuare controlli periodici della mammella


    Andrea, stasera niente degustazione!


    Non c’è nulla come dirigere un’unità di oncologia medica

    per apprezzare la bellezza e l’importanza della prevenzione!


    Grazie per l’attenzione!


  • Login