il costruttivismo di john rawls
Download
Skip this Video
Download Presentation
IL COSTRUTTIVISMO DI JOHN RAWLS

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 23

IL COSTRUTTIVISMO DI JOHN RAWLS - PowerPoint PPT Presentation


  • 187 Views
  • Uploaded on

IL COSTRUTTIVISMO DI JOHN RAWLS. IL COSTRUTTIVISMO KANTIANO la morale come ‘fatto della ragione ’. La moralita’ e’ fondata da una SINTESI A PRIORI: Da un lato: materia → impulsi, inclinazioni, desideri, ecc. Dall’altro lato:

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' IL COSTRUTTIVISMO DI JOHN RAWLS' - quynh


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
il costruttivismo kantiano la morale come fatto della ragione
IL COSTRUTTIVISMO KANTIANOla morale come ‘fatto della ragione ’
  • La moralita’ e’ fondata da una SINTESI A PRIORI:

Da un lato:

materia→ impulsi, inclinazioni, desideri, ecc.

Dall’altro lato:

forma → ‘principio della moralità’ → categoria etica a priori che organizza e dà forma a questa materia

E’ l’ imperativo categorico

prescrive come la volonta debba atteggiarsi

NON quali singoli atti si devono compiere

l imperativo categorico
L’ IMPERATIVO CATEGORICO
  • L’imperativo categorico prescrive di aderire a una legge razionale

(prodotta dall’uomo per mezzo della propria ragione)

E’ il comando di agire

razionalmente

ossia

  • Agire universalmente
  • Considerare ogni uomo come essere razionale
  • Considerare la ragione come fonte della legge

Tre formule dell’imperativo categorico

slide4
Tre formule dell’imperativo categorico:
  • Agisci in modo che tu possa volere che la massima della tua azione divenga universale
  • Agisci in modo da trattare l’uomo, in te come negli altri, sempre anche come fine e non mai solo come mezzo
  • Agisci in modo che la tua volonta’ possa istituire una legislazione universale

La legge morale e’ caratterizzata da

Assolutezza

Formalismo

Autonomia

se la morale dovere obbligatoriet come potr conciliarsi con l assoluta libert della scelta
Se la morale è dovere, obbligatorietà, come potrà conciliarsi con l’assoluta libertà della scelta?

La risposta è nel concetto di autonomia:

L’essere razionale deve

obbedire a un comando (→ obbligatorieta’) che

egli stesso si e’ liberamente dato (→ liberta’)

conformemente alla sua stessa natura razionale

La morale kantiana e’ una morale

AUTONOMA

costruttivismo
COSTRUTTIVISMO

COSTRUZIONE

Possibilita’di combinare l’a priori con il concreto

Possibilita’ di combinare, grazie all’esercizio della ragion pratica, concetti e procedure a priori

con interessi specifici:

il costruttivismo rivendica questa

capacita’ di costruzione della ragione

slide7
La ragione

produce i suoi oggetti e li ordina

secondo procedure a priori

esemplificate dalle

tre formulazioni dell’imperativo categorico

assunto come

rappresentazione di tutti i requisiti dellaragion pratica

sotto forma di procedura deliberativa

slide8
Quindi:

abbiamo una procedura deliberativa

imperativo categorico

che dà forma alla nostra costruzione dei fini

come?

impone dei vincoli ‘dati’

criteri della ragion pratica

comuni a tutti gli esseri razionali

slide9
Con quali ‘materiali’ costruiamo i contenuti della morale?

La costruzione avviene

sullo sfondo di una certa concezione che abbiamo

di noi stessi quando ci rappresentiamo

come agenti razionali

cioe’ agenti che esercitano la ragion pratica

Da dove deriva questa concezione?

dalla riflessione sull’esperienza morale comune

slide10
La morale e’ oggettiva

I giudizi morali sono corretti

se

sono il risultato di una corretta procedura di costruzione applicata correttamente

se

e’ la ragion pratica che ci motiva ad agire

Il punto di vista oggettivo e’ identificato con

il punto di vista delle persone razionali

john rawls 1922 2002
John Rawls1922-2002
  • A Theory of Justice, 1971 (revised 1996).
  • Political Liberalism, 1993.
  • The Law of Peoples, 1999.
  • Collected Papers, 1999.
  • Lectures on the History of Moral Philosophy, 2000.
  • Justice as Fairness: A Restatement, 2001.
  • Lectures on the History of Political Philosophy, 2007.
il costruttivismo di john rawls1
IL COSTRUTTIVISMO DI JOHN RAWLS

Problema:

scelta dei principi di giustizia che

devono modellare le relazioni tra individui

assunti come persone morali

per

costruire una comunita’

basata sulla cooperazione

nel segno della reciprocita’ e del mutuo rispetto

giustizia come ‘equita’

differenze rispetto a kant
Differenze rispetto a Kant
  • La scelta razionale dei principi e’ una scelta collettiva

lettura INTERSOGGETTIVA

dell’imperativo categorico

  • La teoria della “giustizia come equita’”e’

una teoria della giustizia ‘umana’

deve assumere, fra le sue premesse,

descrizioni di fatti e circostanze

che sono proprie disocieta’ umanee di situazioni sociali

la procedura di costruzione
LA PROCEDURA DI COSTRUZIONE

La procedura di ‘costruzione-deliberazione’

serve a

riempire di contenuto i principi di giustizia

in modo che

questi possano essere accettati da persone razionali

il concetto di persona morale

e’

la base di tale procedura

la persona morale
LA PERSONA MORALE

I tratti distintivi della persona morale

vengono identificati a partire dalla

nostra esperienza della moralita’

due capacita’ di ordine superiore: poteri morali

e

tre interessi superiori

poteri morali
POTERI MORALI

Primo potere:

capacita’ di sviluppare un senso di giustizia efficace

comprendere i principi di giustizia,

e applicarli

agendo sulla basedi – e non solo in conformità con–

tali principi

Secondo potere:

capacità di formarsi, rivedere e razionalmente perseguire

una concezione del bene

interessi
Interessi

Ai due poteri/capacita’ morali corrispondono

tre interessi

I primi due, di ‘ordine sommo’ hanno ad oggetto

la realizzazione e l’esercizio dei poteri morali

Il terzo, di ‘ordine superiore’, e’ una

specificazione dei primi due

Interesse per la protezione e promozione piu’ efficace possibile della concezione del bene, qualunque essa sia

poteri interessi e autonomia
Poteri, interessi e autonomia

I lineamenti dell’autonomia sono derivati direttamente

dai poteri e dagli interessi della persona morale

l’autonomia, in senso kantiano, e’

la capacita’di vincolarsi alle norme poste

dall’esercizio della ragion pratica secondo

i requisiti/vincoli della procedura di costruzione

tali requisiti/vincoli sono la specificazione

del concetto di persona morale

slide19
Tali vincoli trasferiscono “il ruolo dell’imperativo categorico a una procedura applicata intersoggettivamente, che si concretizza in determinate condizioni di partecipazione

e in

determinate caratteristiche della situazione.

POSIZIONE ORIGINARIA

posizione originaria
Posizione Originaria

CONDIZIONI: LIBERTA’, EGUAGLIANZA

CARATTERISTICHE DELLA SITUAZIONE:

VELO D’IGNORANZA

Simmetria ed imparzialità

scelta frutto di

un accordo EQUO, razionale e volontariotra persone morali.

slide21
Due principi:
  • ciascun individuo ha diritto al massimo di libertà fondamentale compatibile con simile libertà degli altri;

2) tutti i valori sociali-libertà, opportunità, ricchezza, reddito, e le basi del rispetto di sé- devono essere distribuiti in modo eguale, a meno che una distribuzione diseguale vada a vantaggio di ciascuno”.

IL GIUSTO PRECEDE IL BENE

slide22
I principi di giustizia non vengono presentati come verità prestabilite,

ma sono costruiti:

vengono giustificati attraverso

l’aggiustamento globale di un punto di vista coerente:

Equilibrio riflessivo

giustizia procedurale pura
GIUSTIZIA PROCEDURALE PURA

L’accordo diviene

il sostituto della “ricerca delle verità morali”

il contenuto della legge morale, i principi di giustizia,

quello che è giusto fare,

le persone morali, libere eguali e razionali lo “costruiscono” attraverso l’esercizio,

in chiave dialettica e di reciprocità, della ragion pratica.

Oggettività

Prima della procedura di costruzione, e senza la procedura di costruzione, NON ESISTONO FATTI MORALI

ad