Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 41

Corso di POPOLAZIONE TERRITORIO E SOCIETA’ 1 AA 2013-2014 PowerPoint PPT Presentation


  • 69 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Corso di POPOLAZIONE TERRITORIO E SOCIETA’ 1 AA 2013-2014. LEZIONE 3. ASSOCIAZIONE GEOGRAFICA. Misura il grado di associazione tra due variabili (quantitative/qualitative) osservate su unità territoriali.

Download Presentation

Corso di POPOLAZIONE TERRITORIO E SOCIETA’ 1 AA 2013-2014

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

Corso di POPOLAZIONE TERRITORIO E SOCIETA’ 1AA 2013-2014

LEZIONE 3


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

ASSOCIAZIONE GEOGRAFICA

Misurailgrado di associazionetra due variabili (quantitative/qualitative) osservatesuunitàterritoriali

L’associazione IMPLICA un legamefunzionaletra le variabili. cioè I valorimedi. espressi in relazione ad un medesimoambitoterritoriale. variano in modoconcorde


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

Cisipuòchiedere: quale relazione?

  • RELAZIONE CAUSA/EFFETTO?

  • ASSOCIAZIONE GENERICA?

  • CORRELAZIONE (MUTUA INFLUENZA)?

Si verificaquando la distribuzione di unavariabilecorrispondealladistribuzione di un’altra ma non c’èunarelazionecausa/effetto


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

  • ESEMPIO

  • Consideriamounacittàdivisa in 76 quartieri

  • Per ogniquartieresiosservano 2 variabili:

  • Presenzadellapopolazione di origineispanica

  • Reddito

  • Si vuoleverificarel’ipotesiche la popolazioneispanicasiasvantaggiatarispetto al restodellapopolazione. quindisivuoleverificareche

  • NEI QUARTIERI

  • UNA PIU’ ELEVATA PRESENZA DI ISPANICI

  • corrisponda a un

  • PIU’ BASSO LIVELLO DEL REDDITO

  • (associazionenegativa)


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

TRASFORMAZIONE IN VARIABILI CATEGORICHE

0 – 14.999

15.000 – 19.999

>= 20.000

17.000 REDDITO MEDIANO

REDDITO

QL < 0.5

0.5<= QL < 1.5

QL > 1.5

POPOLAZIONE ISPANICA

QL quoziente di localizzazione


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

Associazionenegativa?

Verificarechesiano >=5!!!


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

(gdl = (n-1)*(m-1)

L’associazionetrapresenza di ispanici e basso redditoèstatisticamenteconfermata. essendocimeno dell’0.5% delleprobabilitàche tale associazionesiadovuta al caso.


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

ESEMPIO

40 sezioni di censimento di un comune

2 gruppietniciMarocco. Egitto

Si vuoleverificare la tendenza a presentarsicongiuntamente

I quozienti di localizzazionesonostaticlassificati in 2 classi:

QL <1 (bassapresenza); QL >= 1 (altapresenza)

Frequenzeosservate

Frequenzeattese

L’associazionegeograficaèstatisticamentesignificativa al livello 1%


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

REGRESSIONE ECOLOGICA

L’associazionegeograficaèunaproprietàdei quartieri e non degliindividui

Possibilità di incorrerenell’erroreecologico: la relazioneosservatasul piano aggregatopuò non esserevera a livelloindividuale (es. Durkheim 1800. “ilprotestantesimofavorisceilsuicidio”. Carroll 1975 “I grassianimalifavorisconol’insorgenza del cancro al seno”).

Due motivi: MAUP e confounding (es. effettistrutturali)

Riguardanotuttiglistudiinferenziali

Robinson (1950) introdusse la distinzionetra

correlazioneecologica

e

correlazioneindividuale

Osservatatra due variabilimisuratesuunitàstatistiche INDIVISIBILI

Osservatatra due variabilimisuratesu GRUPPI DI INDIVIDUI

La correlazioneecologicaèspessonecessaria. quando non sidisponedeidatiindividuali. anche se l’obiettivoèsemprequello di inferire sui comportamentiindividuali


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

ESEMPIO

Robinson ha studiato la relazionetral’origineetnica (stranierosi/no) e l’analfabetismo (si/no).

Il calcolo del coefficiente di correlazionelineare ha datoluogoaiseguentirisultati:

livelloindividualer = 0.203

livelloecologico (44 statiamericani) r = 0.773

livelloecologico(9grandiripartizioni) r = 0.946

La forzadellarelazioneèdiversa


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

COME SUPERARE IL PROBLEMA DELL’ERRORE ECOLOGICO….

Due possibilistrategie:

METODO DELLA REGRESSIONE ECOLOGICA

METODO DEI CONFINI


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

METODO DELLA REGRESSIONE ECOLOGICA

Se siverificanoalcunecondizionièpossibiletrasferire la relazionetrovata a livelloecologico al piano individuale

ESEMPIO

Si consideriilcasodeidatielettorali: I candidatisono 2(CH e CNH) e la popolazionerisultadivisa in 2 gruppi (H e NH).

Dei datirelativi a ciascunCollegiosiconoscono

le proporzioni di votoaicandidati (x. 1-x)

e

le proporzioni di popolazioneappartenentiai 2 gruppi (y. 1-y)

Obiettivo: stimarela proporzione di persone del gruppo H chevota per ilcandidato CH


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

Minimiquadrati

Con

= frazione di votantiappartenenti a NH chevota per CH (solo se x=0. non ci sonovotanti H)

= la proporzione di votantiappartenenti a H chevota per CH (per x=1. tutti I votantisono H)

L’inferenzasull’appartenenza al gruppo (H e NH) èfattapartendodaidatirelativiallalorodistribuzioneterritorialeneicollegi; tale inferenzasibasasull’ipotesi di costanzadellepreferenze di votoneisottogruppiindipendentementeda come sonocomposti I collegiispettoaisottogruppi


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

ESEMPIO: proporzione di stranieri e redditielevatinei 50 statiamericani

L’85% deglistatisarebbecaratterizzatodall’avereunaelevataproporzione di stranieri e di redditielevati; circa il 30% deglistatiavrebbeinveceunabassaproporzione di stranieri e redditielevati.

Qui iltrasferimentosul piano individualedellarelazionetraappartenenza ad un gruppoetnico e reddito (“l’85% deglistranieri ha redditielevati”)

NONsipuò fare

perchésibaserebbesull’ipotesi (ERRATA!) cheilredditodeglistranieriècostante e NON dipende da come sonocompostiglistatirispettoallapopolazione

La spiegazione. infatti. èche le quote più elevate di stranierisihannoproprio dove I nativihannoredditipiùelevati


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

METODO DEI CONFINI

(Duncan & Davis 1953)

Foreign

Born

Native

Born

Low Income

High Income


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

  • E’ sufficientecalcolare I confini di una sola cella

  • Avendoricavato per ogni sub-area le frequenzeminime e massimesiè in grado di calcolareper sommailminimo e ilmassimodell’areacomplessiva

  • A volte questometodo da luogo a confinitroppoampi


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

LE MIGRAZIONI

  • Le migrazionisonoilprincipaletemademograficotrattatonelleanalisiterritoriali.

  • Riflessioni

  • Definire le migrazioni

  • Spostamentiinterni o esterni / duratatemporanei o permanenti/ volontari o forzati

  • Carattersitichespecifichedellemigrazionirispettoallealtrevariabilidemografiche

  • Elemento di scelta / ripetibilità / effettisu due popolazioni / differenzatramigrazione e migrante

  • La migrazioneèindipendentedalladistanzageografica

  • La migrazionedipendedalla forma e dall’ampiezzadell’area. in generale:piùègrandeminoreèilnumero di migrazioni


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

Area 1

Area 2

B

E

D

A

F

C

SMR tende a diminuireall’aumentaredell’area R; se R èl’interopianeta SM = 0.

D’altro canto. SM = 0 puòindicaresituazioni diverse

I = E = 0

I = E ≠ 0

Il saldomigratoriodevesempreessereaccompagnatoalmeno dal turnover (=I+E)


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

Conoscendo I flussisipossonoinoltrecalcolaremoltemisure

ESEMPIO: Canada


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

PROBABILITA’ DI TRANSIZIONE

Matricedeiflussimij da i verso j in un certointervallo di tempo

Dove Piè la popolazione di i. cheè in vita e da qualche parte nelsistemaalla fine del periodo

Allora:

E’ la matricedelleprobabilità di transizione da i a j nell’intervalòlo di tempo


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

ESEMPIO

O. 384

è la probabilitàche ha un soggetto. chealla fine del periodositrovi in S. di provenire da NE cinqueanni prima.

Attenzione!!! La somma per riga da’ 1


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

TASSI MIGRATORI

(lordi)

(netti)


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

EFFICACIA DEMOGRAFICA (Indicemigratorio)

Tj = - Nj

Tj = Nj

Ij + Oj = - (Ij – Oj)

Ij + Oj = Ij – Oj

Ij = 0

Oj = 0

Massimacapacitàespulsiva

Massimacapacitàattrattiva

Inoltre


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

EFFICACIA DEL SISTEMA di un certonumero di regioni

TRASFERIMENTI DI RESIDENZA TRA COMUNI PER RIPARTIZIONE DI ORIGINE E DESTINAZIONE. Anno 2011

Il 20% circa deimovimentimigratorisiètradotto in un ricambiodemograficodelleripartizioni


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

L’efficacia del sistemaèmassimaquando la sommadeiflussi in uscitadallearee “esporattrici” èugualeallasommadeiflussi in entratadellearee “importatrici”


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

ESEMPIO

10

10

10

20

10

10

10


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

EFFICACIA DEI FLUSSI tra due regioni

TRASFERIMENTI DI RESIDENZA TRA COMUNI PER RIPARTIZIONE DI ORIGINE E DESTINAZIONE. Anno 2011


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

cioè vi è un travaso di popolazione da j verso i

cioè vi è un travaso di popolazione da i verso j

Inoltre:

Quandogliscambisonoequilibrati


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

ESEMPIO

10

10

10


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

RELAZIONI TRA IMMIGRAZIONI ED EMIGRAZIONI

INTERNE A UN SISTEMA CHIUSO

Esisteunarelazionetra I flussi in entrata e in uscitadalleregioni di un sistema?

Metodi per esaminare le asimmetrietra I flussi in entrata e in uscitatraregioni di un sistema:

a) misura per la valutazione del contributo dei flussi al mutamento demografico

b) metodo per confrontare la differente variabilità dei flussi (in entrata e in uscita)

c) Strategia per distinguere modelli di spostamento “polarizzati” da quelli “dispersi”


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

Regioni economicamente svantaggiate

NMR < 0

Esisteunarelazionetra I flussi in entrata e in uscitadalleregioni di un sistema?

Regioni in condizioni economiche favorevoli

NMR > 0

PROSPETTIVA INTUITIVA


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

Aree metropolitane economicamente depresse

RELAZIONE POSITIVA

Aree metropolitane in cond. economiche favorevoli

TURNOVER DEL MERCATO DEL LAVORO

COMPOSIZIONE PER ETA’

STOCK DI FLUSSI


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

RELAZIONE ASIMMETRICA DI LOWRY

Non significativa!!!

I, j due aree

Li = ForzaLavoro

ui = proporzionedisoccupati

wi = livellodeisalari

dij = distanzatra I e j


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

APPROCCIO DI BEALE


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

Metodi per esaminare le asimmetrietra I flussi in entrata e in uscitatraregioni di un sistema:

  • a) misura per la valutazione del contributo dei flussi al mutamento demografico (Criesberg & Vining)

contributo delle immigrazioni al mutamento demografico della popolazione nel periodo t-t+1

contributo delle emigrazioni al mutamento demografico della popolazione nel periodo t-t+1


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

ESEMPIO

Nell’intervallo di tempo 1 – 2 il mutamento (aumento in questo caso) demografico della popolazione dovuto alle migrazioni è +20 unità.

Il 75% di tale mutamento si deve alla riduzione delle emigrazioni mentre solo il 25% si deve all’aumento delle immigrazioni.


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

ESEMPIO: Giappone

Il contributodelleemigrazioni ha superatoilsaldomigratorio

Il contributodelleimmigrazioni ha superatoilsaldomigratorio


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

metodo per confrontare la differente variabilità dei flussi (in entrata e in uscita)

In generale la variabilità dei tassi di immigrazione è maggiore di quella dei tassi di emigrazione.

il grado di diversità del pool di persone che sono considerate a rischio di immigrazione incide sulla probabilità di immigrazione.

Il calcolo del tasso di immigrazione corretto utilizzando al denominatore la la reale popolazione a rischio di immigrare (e non la popolazione destinazione), in un sistema chiuso questo è possibile, mette in evidenza la reale variabilità dei flussi.

TRASFERIMENTI DI RESIDENZA TRA COMUNI PER RIPARTIZIONE DI ORIGINE E DESTINAZIONE. Anno 2011

s = 3,74

s = 5,18

s = 1,12


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

Strategia per individuare i modelli “polarizzati” e “dispersi”

Entropia delle emigrazioni e delle immigrazioni.

Siano ad esempio per le emigrazioni

Allora

E=0 entropia minima, cioèmassimauniformitàdelladistribuzione;

E=lnentropiamassima, cioèmassimadiversità

Si ha POLARITA’ quando la migrazionetende ad esserespazialmentefocalizzata verso unacertadestinazione; altrimentisi ha DISPERSIONE

La polaritàsiconfigura come la situazione in cui l’entropiadellerighe (emigrazioni) è piùelevatadiquelladellecolonne (immigrazioni)

emigrazioni

immigrazioni


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

ESEMPIO

Polarita’

Dispersione


Corso di popolazione territorio e societa 1 aa 2013 2014

ESEMPIO


  • Login