slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
Dott. Luciano Destefanis Logopedista c/o C.A.S.A. – S.C. NPI, ASL CN1, sede di Mondovì

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 14

Dott. Luciano Destefanis Logopedista c/o C.A.S.A. – S.C. NPI, ASL CN1, sede di Mondovì - PowerPoint PPT Presentation


  • 139 Views
  • Uploaded on

Modulo. 26 ottobre e 30 novembre 201. Dott. Luciano Destefanis Logopedista c/o C.A.S.A. – S.C. NPI, ASL CN1, sede di Mondovì [email protected] Scaletta

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Dott. Luciano Destefanis Logopedista c/o C.A.S.A. – S.C. NPI, ASL CN1, sede di Mondovì' - qamar


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Modulo

26 ottobre e 30 novembre 201

Dott. Luciano Destefanis

Logopedista c/o C.A.S.A. – S.C. NPI, ASL CN1, sede di Mondovì

[email protected]

slide2

Scaletta

• interazione comunicativa e genesi delle competenze di comunicazione attraverso il gioco e l’azione condivisa con la mediazione del PC;

• la modalità CPC (Creative PC=Uso Creativo del Computer) a livello abilitativo;

• elementi pratici di base interessanti nell’utilizzo del software e del PC

• l’uso di strumenti ‘autore’ (Microsoft ‘PowerPoint’, ‘Presentazione’ o ‘Impress’ di OpenOffice…);

• costruzione in tempo reale di albums informatici interattivi

• costruzione anticipata e differita di semplici giochi informatici di interazione e di apprendimento di conoscenze

Luciano Destefanis 2012, C.A.S.A. ASL CN1 sede Mondovì

slide3

Alcune considerazioni teoriche

di cornice alla pratica Computer Creativo

Il protocollo di aiuto alla crescita della comunicazione e del linguaggio che abbiamo elaborato e seguito in questi anni come logopedisti nell’ambulatorio presso il Centro Autismo e Sindrome di Asperger dove lavoriamo è stato denominato SCaN:

Stimolazione della Comunicazione attraverso Negoziazione

I principi si ispirano, tra altri apporti, agli studi ed alla prospettiva di Bruner sullo sviluppo della comunicazione e del linguaggio (cfr. Danna & Destefanis 2004)

Luciano Destefanis 2012, C.A.S.A. ASL CN1 sede Mondovì

slide4

Alcune considerazioni teoriche

di cornice alla pratica Computer Creativo

Fondamentale viene considerata l’allestimento o costruzione di situazioni condivise ed emozionalmente positive di interazione con il bambino attraverso il gioco ed altre attività motivanti.

In queste situazioni di azione congiunta vengono portati in vari modi (sufficiente grado di strutturazione spaziale e temporale dell’ambiente, adattato al singolo soggetto; C.A.A. nella misura e nelle forme necessarie e quando necessaria; facilitazione nel gioco; uso creativo di nuove tecnologie) gli aiuti utili ad uno sviluppo graduale di sistemi coerenti e convenzionali di significati e di segnali condivisi.

Luciano Destefanis 2012, C.A.S.A. ASL CN1 sede Mondovì

slide5

Alcune considerazioni teoriche

di cornice alla pratica Computer Creativo

Vi è analogia tra questo sistema di aiuti ed il LASS (Language Acquisition Support System = Sistema di Supporto all’Acquisizione del Linguaggio) che secondo Bruner è il dispositivo di supporto messo in atto in modo naturale ed implicito da chi interagisce col bimbo a partire dalla nascita, per permettere l’acquisizione del linguaggio.

Si utilizza quindi la costruzione di un dispositivo di supporto tipo LASS ‘aumentato’ che faciliti l’acquisizione da parte del bambino con autismo delle abilità di interazione, delle competenze di comunicazione, dell’uso di codici, possibilmente del linguaggio verbale.

La funzione di ’aiuto’ del dispositivo viene definita come il fornire una impalcatura o ‘scaffolding’ agli apprendimenti.

Luciano Destefanis 2012, C.A.S.A. ASL CN1 sede Mondovì

slide6

Alcune considerazioni teoriche

di cornice alla pratica Computer Creativo

Le facilitazioni provengono da vari modelli che abbiano basi di evidenza e si adattano a seconda delle necessità del singolo caso

La partecipazione dell’adulto e del bambino alla crescita delle competenze di azione condivisa, di comunicazione e linguistiche viene considerata come un processo di negoziazione attiva da parte di entrambi

Il lavoro sulla comunicazione è diffuso a tutto il team che comprende al suo interno anche la famiglia, la scuola e le altre istituzioni sociali ed educative

Luciano Destefanis 2012, C.A.S.A. ASL CN1 sede Mondovì

slide7

Uso creativo del Computer (CPC)

  • Il computer è considerato come uno degli oggetti e dei modi per giocare, quindi per poter aiutare – fare da impalcatura - nel dare origine e nello sviluppare le situazioni di azione condivisa
  • In particolare, accanto all’utilizzo di programmi di tipo educativo e ludico già pronti, di tipo commerciale o gratuitamente rinvenibili, si applica una prospettiva di costruzione creativa di software attraverso l’uso di programmi autore.

Luciano Destefanis 2012, C.A.S.A. ASL CN1 sede Mondovì

slide8

Uso creativo del Computer (CPC)

  • CreativePC si basa attualmente e principalmente sull’uso di due software autore:
  • PowerPoint di Microsoft
  • Impress o ‘Presentazioni’ di OpenOffice.
  • Stiamo attendendo che si possano trovare buoni strumenti simili per i Tablet di tipo Android e di altro tipo.
  • Anche stiamo cercando software autore comunque più facilmente ed efficacemente utilizzabili.
  • Sto sperimentando Scratch, interessante e freeware: da provare!

Luciano Destefanis 2012, C.A.S.A. ASL CN1 sede Mondovì

slide9

Uso creativo del Computer (CPC)

Usiamo questi programmi autore in modo creativo, sviluppando costruzioni

in tempo reale o in differita rispetto agli incontri con i soggetti in carico

dando vita attraverso essi a scenari o formati di interazione o azione condivisa (J.S. Bruner, 1987)

all’interno dei quali si negoziano sistemi di significati e sistemi di segnali progressivamente più condivisibili, più funzionali, più convenzionali.

Luciano Destefanis 2012, C.A.S.A. ASL CN1 sede Mondovì

slide10

Uso creativo del Computer (CPC)

Proponiamo anche ai famigliari ed alle scuole, quando ciò sia possibile, di utilizzare questi programmi autore in modo creativo.

Si organizzano momenti di incontro dove si danno le istruzioni necessarie per acquisire le competenze sufficienti a gestire il software, l’acquisizione di immagini e la registrazione di suoni e permettere così di costruire semplici sequenze multimediali di diapositive.

Luciano Destefanis 2012, C.A.S.A. ASL CN1 sede Mondovì

slide11

Uso creativo del Computer (CPC)

  • Le ricchezze di questo uso del PC sono:
  • possibilità di
  • Individualizzazione
  • Gradualità
  • Interattività
  • Progettazione e costruzione diretta
  • Dare alle strutture la forma desiderata
  • Invitare a negoziare forme di organizzazione nei modi desiderati ed a volte in modi inaspettati

Luciano Destefanis 2012, C.A.S.A. ASL CN1 sede Mondovì

slide12

Uso creativo del Computer (CPC)

  • Una presentazione testuale della modalità CPC e della cornice in cui si inserisce è sul sito
  • Un’altra è in progetto e consiste nell’implementazione di una guida animata e sonora pensata per genitori, insegnanti, altri operatori; di seguito è allegata una prima versione della guida, pensata come ‘tutorial’.
  • Immetterò sul sito http://autismo.aslcn1.it/Percorsi-e-Progetti/Percorso-per-logopedistile costruzioni finora implementate secondo questa modalità di creazione e le descrizioni degli utilizzi che le hanno originate e di cui hanno fatto parte.

Luciano Destefanis 2012, C.A.S.A. ASL CN1 sede Mondovì

slide13

Uso creativo del Computer (CPC)

  • Sarà fondamentale, come invece per ora non viene fatto nella presentazione pratica di CPC allegata, poter leggere le descrizioni di come i vari software sono stati sviluppati, perché ciascuno, pur mantenendo poi vita autonoma, ha preso origine in un momento della storia di lavoro di aiuto con uno specifico bambino o adulto in carico, con le sue caratteristiche ed in una certa fase della sua evoluzione.
  • Ogni sequenza di diapositive è d’altra parte essa stessa in continua evoluzione e adattamento.

Luciano Destefanis 2012, C.A.S.A. ASL CN1 sede Mondovì

slide14

Cenni bibliografici

  • Bruner, J.S. (1987): Il linguaggio del bambino: come il bambino impara ad usare il linguaggio. Roma: Armando.
  • Bruner, J.S. (2003): La ricerca del significato: per una psicologia culturale. Torino: Bollati.
  • Danna, E. & Destefanis, L. (2004): Una esperienza di logopedia con bambini. In: Autismo e disturbi dello sviluppo, Vol. 2, n. 1, gennaio. Trento: Erickson.
  • Tomasello, M. (2009), Le origini della comunicazione umana. Milano: Raffaello Cortina.

Luciano Destefanis 2012, C.A.S.A. ASL CN1 sede Mondovì

ad