Progetto
Download
1 / 73

Seminario formativo - PowerPoint PPT Presentation


  • 113 Views
  • Uploaded on

Progetto Green economy e sviluppo sostenibile per le imprese del Distretto delle calzature di Fermo Fondo di Perequazione 2009 – 2010 “La disciplina dei rifiuti nelle imprese e le modalità di acceso al sistema di tracciabilità Sistri”. Seminario formativo. del 12/marzo/ 2012.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Seminario formativo' - purity


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Progetto

Green economy e sviluppo sostenibile

per le imprese del Distretto delle calzature di Fermo

Fondo di Perequazione 2009 – 2010

“La disciplina dei rifiuti nelle imprese

e le modalità di acceso al sistema di tracciabilità Sistri”

Seminario formativo

del 12/marzo/ 2012


Codice Ambientale

D.Lgs. 3 aprile 2006 n. 152 (G.U. del 14 aprile 2006) entrato in vigore 29 aprile 2006

Negli anni successivi subisce diverse modifiche ed integrazioni:

  • D.Lgs. 205 del 2010 recepisce la direttiva europea 2008/98/CE

  • Entra in vigore il 25 dicembre 2010

  • Molti dei principi contenuti nel decreto hanno necessità di provvedimenti attuativi.

  • D.Lgs. 7 luglio 2011, n. 121 vigente dal 16 agosto 2011

  • DL 13 agosto 2011, n. 138 vigente dal 13 agosto 2011

  • DL 14 settembre 2011, n. 138 vigente dal 13 agosto 2011

  • DL 6 dicembre 2011, n 201, art 40 c. 8 – semplificazioni per la gestione dei rifiuti a pericolo infettivo di estetisti e tatuatori

  • DL 9 febbraio 2012, n. 5, art.28 - modifiche relative alla movimentazione aziendale dei rifiuti e al deposito temporaneo per aziende agricole


DEFINIZIONI

Rifiuto

Sottoprodotto

Produttore

Detentore

Gestione

Raccolta

Raccolta differenziata

Recupero

Smaltimento

Deposito temporaneo

Centro Comunale di raccolta

PRINCIPI GENERALI

Precauzione

Prevenzione

Sostenibilità

Responsabilizzazione

CLASSIFICAZIONE

Urbani – Speciali

Pericolosi / Non pericolosi

Tracciabilità dei rifiuti: SISTRI

Registro di carico e scarico

Formulari

RESPONSABILITA’

ESTESA

DEL PRODUTTORE

CATASTO DEI RIFIUTI

MUD

PRIORITA’ NELLA GESTIONE

Prevenzione

Preparazione per il riutilizzo

Riciclaggio

Recupero (compresa energia)

Smaltimento

NUOVE DEFINIZIONI

Intermediario

Commerciante

Rifiuto pericoloso.....

AUTORIZZAZIONI

ORDINARIA

SEMPLIFICATA

ESCLUSIONI

Iscrizione Albo Gestori

Ambientali

ORDINARIA

SEMPLIFICATA

DEFINIZIONI CANCELLATE

Luogo di produzione rifiuti

Materia prima secondaria

PARTICOLARI TIPOLOGIE

TERRE E ROCCE DA SCAVO

OLI USATI

ROTTAMI FERROSI

SANZIONI / REATI

Abbandono

privati/enti-imprese

Violazioni del sistema

tracciabilità

dei rifiuti

Omessa

bonifica

ASPETTI PARTICOLARI

Rifiuti da manutenzione

Pulizia manutentiva fogne

Gestione

non autorizzata

Traffico

illecito

Violazione

Registri / Formulari

Divieto

miscelazione e diluizione

rifiuti pericolosi


Principi generali

Art. 178 d.lgs 152/2006 mod. d.lgs 205/2010

° Precauzione ° Prevenzione

° Sostenibilità ° Responsabilizzazione

  • La gestione dei rifiuti nasce già dal coinvolgimento di tutti i soggetti, a partire da coloro che sono attivi nella fasi di produzione, distribuzione, utilizzo, consumo dei beni da cui hanno origine i rifiuti, secondo il principio di chi inquina paga.

  • Questo articolo, nella stessa formulazione, era già presente nel d.lgs 152/2006.

  • La modifica introdotta con il d.lgs 205/2010, art. 178-bis d.lgs 152/2006, rappresenta una generalizzazione di un principio già attuato con riferimento a specifiche filiere produttive e di recupero (es.: veicoli fuori uso, AEE). Disposizione dettata dall’ esigenza di graduare l’introduzione di un principio che aumenta i costi a carico degli operatori, ma che per la comunità europea è legata ad una riduzione e prevenzione dei rifiuti, partendo già dalla fase di progettazione dei beni: incoraggiando lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti ad uso multiplo, durevoli, adatti ad un recupero sicuro. Ciò si traduce nel concetto di

  • RESPONSABILITA’ ESTESA DEL PRODUTTORE


Responsabilità estesa del produttore

Art. 178 bis d.lgs 152/2006 mod. d.lgs 205/2010

E’ prevista la possibilità di introdurre, nell’organizzazione del sistema di gestione dei rifiuti e nell’accettazione dei prodotti restituiti e dei rifiuti che restano dopo l’utilizzo dei prodotti, modalità e criteri per la responsabilità estesa del produttore.

Qualsiasi persona fisica o giuridica che professionalmente sviluppi, fabbrichi trasporti,

tratti, venda o importi prodotti (art. 183 lettera g)

Le modalità e i criteri della responsabilità estesa del produttore potranno essere introdotti con uno o più decreti.


Criteri di priorità nella gestione rifiuti

  • Art. 179 d.lgs 152/2006 mod. d.lgs 205/2010

    prevenzione

    preparazione per il riutilizzo

    riciclaggio

    recupero di altro tipo, es. recupero energia

    smaltimento

  • L’articolo:

  • - definisce un ordine di priorità di ciò che costituisce la migliore opzione ambientale, tenendo conto degli impatti sanitari, sociali ed economici,

  • - dispone che solo in via eccezionale e solo per singoli flussi di rifiuti sia possibile discostarsi dall’ordine di priorità, e solo qualora ciò sia giustificato, in base ad una specifica analisi degli impatti complessivi (produzione e gestione), cioè sia sul profilo socio economico che ambientale sanitario.


Criteri di priorità nella gestione rifiuti

  • Prevenzione:

    la promozione di azioni (strumenti economici, eco bilanci, ecc.) in grado di ridurre la produzione e/o la nocività dei rifiuti;

  • Preparazione per il riutilizzo:

    le operazioni di controllo, pulizia, smontaggio e riparazione attraverso cui prodotti o componenti di prodotti diventati rifiuti sono preparati in modo da poter essere reimpiegati senza altro pretrattamento;

  • Riciclaggio:

    qualsiasi operazione di recupero attraverso cui i rifiuti sono trattati per ottenere prodotti, materiali o sostanze da utilizzare per la loro funzione originaria o per altri fini. Include il trattamento di materiale organico, ma non il recupero di energia né il ritrattamento per ottenere materiali da utilizzare quali combustibili o in operazioni di riempimento;


Criteri di priorità nella gestione rifiuti

  • Recupero di altro tipo, es. recupero energia:

    qualsiasi operazione il cui principale risultato sia di permettere ai rifiuti di svolgere un ruolo utile, sostituendo altri materiali (materie prime) o di prepararli ad assolvere tale funzione, all'interno dell'impianto o nell'economia in generale;

  • Smaltimento:

    qualsiasi operazione diversa dal recupero anche quando l'operazione ha come conseguenza secondaria il recupero di sostanze o di energia.


Esclusioni dal campo di applicazionedei rifiuti

Art. 185, d.lgs 152/2006, mod. d.lgs 205/2010

Non rientrano:

  • a) le emissioni costituite da effluenti gassosi emessi nell'atmosfera;

  • b) il terreno (in situ), inclusi il suolo contaminato non scavato e gli edifici collegati permanentemente al terreno, fermo restando quanto previsto dagli articoli 239 e seguenti relativamente alla bonifica di siti contaminati;

  • c) il suolo non contaminato e altro materiale allo stato naturale escavato nel corso di attività di costruzione, ove sia certo che esso verrà riutilizzato a fini di costruzione allo stato naturale e nello stesso sito in cui è stato escavato;

  • d) i rifiuti radioattivi;

  • e) i materiali esplosivi in disuso;

  • f) le materie fecali, paglia, sfalci e potature, nonché altro materiale agricolo o forestale naturale non pericoloso utilizzati in agricoltura, nella selvicoltura o per la produzione di energia da tale biomassa mediante processi o metodi che non danneggiano l'ambiente né mettono in pericolo la salute umana.


Esclusioni dal campo di applicazionedei rifiuti

Art. 185, d.lgs 152/2006, mod. d.lgs 205/2010

Sono esclusi:

a) le acque di scarico;

b) i sottoprodotti di origine animale, compresi i prodotti trasformati, contemplati dal regolamento (Ce) n. 1069/2009, eccetto quelli destinati all'incenerimento, allo smaltimento in discarica o all'utilizzo in un impianto di produzione di biogas o di compostaggio;

le carcasse di animali morti per cause diverse dalla macellazione, compresi gli animali abbattuti per eradicare epizoozie, e smaltite in conformità del regolamento (Ce) n. 1069/2009 ;

i rifiuti risultanti dalla prospezione, dall'estrazione, dal trattamento, dall'ammasso di risorse minerali o dallo sfruttamento delle cave, di cui al D.lgs 30 maggio 2008, n 117.

Il regolamento (Ce) n. 1069/2009norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale e ai prodotti derivati non destinati al consumo umano abroga a far data dal 4 marzo 2011 il regolamento (Ce) n. 1774/2002


Esclusioni dal campo di applicazionedei rifiuti

Art. 185, d.lgs 152/2006, mod. d.lgs 205/2010

Sono esclusi anche:

i sedimenti spostati all'interno di acque superficiali ai fini della gestione delle acque e dei corsi d'acqua o della prevenzione di inondazioni o della riduzione degli effetti di inondazioni o siccità o ripristino dei suoli se è provato che i sedimenti non sono pericolosi ai sensi della decisione 2000/532/Ce della Commissione del 3 maggio 2000, e successive modificazioni.

il suolo escavato non contaminato e altro materiale allo stato naturale, utilizzati in siti diversi da quelli in cui sono stati escavati, purchè non classificato come rifiuto o possa avere la qualifica di sottoprodotto.


Definizione di sottoprodotto

Art. 183, comma 1, lett. qq) d.lgs 152/2006, mod. d.lgs 205/2010

Qualsiasi sostanza od oggetto

che soddisfa le condizioni di cui all'articolo 184-bis, comma 1,

o che rispetta i criteri stabiliti in base all'articolo 184-bis, comma 2.


Definizione di sottoprodotto

Art. 184-bis, comma 1 d.lgs 152/2006, mod. d.lgs 205/2010

condizioni

a) la sostanza o l'oggetto è originato da un processo di produzione, di cui costituisce parte integrante, e il cui scopo primario non è la produzione di tale sostanza od oggetto;

b) è certo che la sostanza o l'oggetto sarà utilizzato, nel corso dello stesso o di un successivo processo di produzione o di utilizzazione, da parte del produttore o di terzi;

c) la sostanza o l'oggetto può essere utilizzato direttamente senza alcun ulteriore trattamento diverso dalla normale pratica industriale;

d) l'ulteriore utilizzo è legale, ossia la sostanza o l'oggetto soddisfa, per l'utilizzo specifico, tutti i requisiti pertinenti riguardanti i prodotti e la protezione della salute e dell'ambiente e non porterà a impatti complessivi negativi sull'ambiente o la salute umana.


Definizione di sottoprodotto

Art. 184-bis, comma 2 d.lgs 152/2006, mod. d.lgs 205/2010

criteri

possono essere adottate misure per stabilire criteri qualitativi o quantitativi da soddisfare affinché specifiche tipologie di sostanze o oggetti siano considerati sottoprodotti e non rifiuti.

ATTENZIONE

All'adozione di tali criteri si provvede con uno o più decreti del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 4001, in conformità a quanto previsto dalla disciplina comunitaria.


Definizione di rifiuto

Art. 183, comma 1, lett. a) d.lgs 152/2006 , mod. d.lgs 205/2010

“Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l'intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi ”

Allo stesso articolo viene definito anche quando un rifiuto è pericoloso (comma 1 lett. b)

“Rifiuto che presenta una o più caratteristiche di cui all'allegato I della Parte IV del medesimo decreto”

Art. 184-ter, comma 1 d.lgs 152/2006, mod. d.lgs 205/2010

Un rifiuto cessa di essere tale, quando è stato sottoposto ad un'operazione di recupero, incluso il riciclaggio e la preparazione per il riutilizzo......


Definizione di rifiuto pericoloso

Art. 183, comma 1, lett. b) d.lgs 152/2006 , mod. d.lgs 205/2010

Art. 184, comma 4,5, 5-ter d.lgs 152/2006 , mod. d.lgs 205/2010

Tutti i rifiuti che recano le caratteristiche di cui all’allegato I della parte IV del d.lgs. 152/2006.

L’elenco dei rifiuti di cui all’allegato D alla parte IV del d.lgs. 152/06 include i rifiuti pericolosi e tiene conto dell’origine e della composizione dei rifiuti e, ove necessario dei valori limite di concentrazione delle sostanze pericolose.

L’allegato D è vincolante per quanto concerne la determinazione dei rifiuti da considerare pericolosi. L'inclusione di una sostanza o di un oggetto nell'elenco non significa che esso sia un rifiuto in tutti i casi, ferma restando la definizione di cui all'articolo 183.

Ante D.Lgs. 205/2010: Sono pericolosi i rifiuti non domestici indicati espressamente come tali, con apposito asterisco nell’elenco di cui all’allegato D alla Parte quarta del presente decreto, sulla base degli allegati G, H e I alla medesima Parte IV. Gli allegati G, H sono stati eliminati.


Definizione di rifiuto pericoloso

Art. 183, comma 1, lett. b) d.lgs 152/2006 , mod. d.lgs 205/2010

Art. 184, comma 4,5, 5-ter d.lgs 152/2006 , mod. d.lgs 205/2010

La declassificazione da rifiuto pericoloso a rifiuto non pericoloso non può essere ottenuta attraverso una diluizione o una miscelazione del rifiuto che comporti una riduzione delle concentrazioni iniziali di sostanze pericolose sotto le soglie che definiscono il carattere pericoloso del rifiuto.

Ante D.Lgs. 205/2010:

E’ vietato miscelare categorie diverse di rifiuti pericolosi di cui all’Allegato G … ovvero rifiuti pericolosi con rifiuti non pericolosi.


Definizione di cessazione di qualifica di rifiuto

Art. 184-ter d.lgs 152/2006, mod. d.lgs 205/2010

Un rifiuto cessa di essere tale, quando

è stato sottoposto a un'operazione di recupero, incluso il riciclaggio e la preparazione per il riutilizzo,

e soddisfi i criteri specifici, da adottare nel rispetto delle seguenti condizioni:

a) la sostanza o l'oggetto è comunemente utilizzato per scopi specifici;

b) esiste un mercato o una domanda per tale sostanza od oggetto;

c) la sostanza o l'oggetto soddisfa i requisiti tecnici per gli scopi specifici e rispetta la normativa e gli standard esistenti applicabili ai prodotti;

d) l'utilizzo della sostanza o dell'oggetto non porterà a impatti complessivi negativi sull'ambiente o sulla salute umana.


Extra disciplina sui rifiuti

Disciplina sui rifiuti(d.l.gs 3 aprile 2006 n. 152 e successive modifiche ed integrazioni)

“RIFIUTO”

“SOTTOPRODOTTO”dalla fase originaria

“MPS” materia prima seconda

Smaltimento

cessa di essere RIFIUTOdopo la fase del recupero

Recupero


Responsabilità della gestione dei rifiuti

Art. 188, comma 1 d.lgs 152/2006

Il produttore iniziale o altro detentore di rifiuti provvedono:

- direttamente al loro trattamento,

- oppure li consegnano ad un intermediario,o commerciante, a ente o impresa

che effettua le operazioni di trattamento dei rifiuti,

- o ad un soggetto pubblico o privato addetto alla raccolta dei rifiuti.

Deve essere garantita LA TRACCIABILITA' dalla loro produzione sino alla loro destinazione finale


Definizioni -nuove definizioni

Art. 183, comma 1 d.lgs 152/2006 , mod. d.lgs 205/2010

INTERMEDIARIO

.... qualsiasi impresa che dispone il recupero o lo smaltimento dei rifiuti per conto di terzi, compresi gli intermediari che non acquisiscono la materiale disponibilità dei rifiuti.

COMMERCIANTE

.... qualsiasi impresa che agisce in qualità di committente, al fine di acquistare e successivamente vendere rifiuti, compresi i commercianti che non prendono materialmente possesso dei rifiuti.


Definizioni -cancellate

LUOGO DI PRODUZIONE

.... luogo di produzione dei rifiuti: uno o più edifici o stabilimenti o siti infrastrutturali collegati tra loro all'interno di un'area delimitata in cui si svolgono le attività di produzione dalle quali sono originati i rifiuti.

MPS (materie prime secondarie)

.... le materie prime secondarie vengono generate dalle operazioni di recupero effettuate sui rifiuti, attraverso trattamenti meccanici, termici, chimici o biologici, incluse la cernita o la selezione, così come indicato nell'allegato C alla parte quarta del decreto.


Classificazione rifiuti

Art. 184 d.lgs 152/2006

I rifiuti sono classificati:

  • secondo l'origine in:

  • - rifiuti urbani

  • - rifiuti speciali

  • secondo le caratteristiche di pericolosità in:

  •   - rifiuti non pericolosi

  • - rifiuti pericolosi


Classificazione rifiuti

i rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da

locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione;

b) i rifiuti non pericolosi provenienti da locali e luoghi

adibiti ad usi diversi da quelli indicati sopra, assimilati

ai rifiuti urbani per qualità e quantità, ai sensi dell'art.

198, comma 2, lettera g);

c) i rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade;

d) i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti

sulle strade ed aree pubbliche o aree private ad uso

pubblico o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive

dei corsi d'acqua;

e) i rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali

giardini, parchi e aree cimiteriali;

f) i rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni,

nonché gli altri rifiuti provenienti da attività cimiteriale

diversi da quelli di cui alle lettere b), c) ed e).

Rifiuti urbani


Classificazione rifiuti

a) i rifiuti da attività agricole e agro-industriali,

ai sensi e per gli effetti dell'articolo 2135 C.c ;

b) i rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione,

nonché i rifiuti che derivano dalle attività di scavo, fermo

restante quanto disposto dall’articolo 184bis;

c) i rifiuti da lavorazioni industriali;

d) i rifiuti da lavorazioni artigianali;

e) i rifiuti da attività commerciali;

f) i rifiuti da attività di servizio;

g) i rifiuti derivanti da attività di recupero/smaltimento rifiuti,

i fanghi prodotti da potabilizzazione e

da altri trattamenti acque, depurazione acque reflue e

abbattimento di fumi;

h) i rifiuti da attività sanitarie.

Rifiuti speciali

art. 2135 C.c: definizione di imprenditore agricolo,è tale chi esercita una fra le seguenti attività: coltivazione fondo, silvicoltura, allevamento di animali e attività connesse


Assimilazione rifiuti urbani

Ai sensi dell’articolo 195, comma 2, lettera e) d.lgs 152/2006

Competenza dello Stato di determinare (con successivo decreto del Ministro dell’Ambiente) i criteri qualitativi e quali-quantitativi per l’assimilazione, ai fini della raccolta e dello smaltimento, dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani.

  • Esclusione dalla possibilità di assimilazione:

  • Rifiuti prodotti nelle strutture di vendita

  • • No assimilazione per strutture con superfici > 450 mq in comuni fino a 10.000 res. e > 750 mq in comuni > 10.000 res.

  • Rifiuti derivanti da aree produttive compresi i magazzini

  • • No assimilazione salvo i rifiuti prodotti da uffici, mense, bar ecc.

  • Imballaggi secondari e terziari

  • • No tariffa se avviati dal produttore direttamente al recupero

I COMUNI concorrono a disciplinare la gestione dei rifiuti assimilabili con appositi

regolamenti (art. 198, comma 2 d.lgs 152/2006)


Attribuzione codici CER /1

L'esatta attribuzione del codice CER è di fondamentale importanza per la individuazione delle più appropriate modalità di trasporto, trattamento o smaltimento dei rifiuti.

La procedura per la corretta attribuzione dei codici CER da attribuire ai rifiuti è individuata nell' all. D Parte Quarta del D.Lgs. 152/2006.

Tale procedura deve essere sempre applicata con molta attenzione, rispettando la sequenza operativa prevista.


Attribuzione codici CER/2

Per la corretta individuazione del codice CER da attribuire al rifiuto, il PRODUTTORE deve quindi:

  • identificare il processo produttivo che ha originato il rifiuto consultando i capitoli da 01 a 12 o da 17 a 20.

  • E’ possibile che un determinato impianto o stabilimento debba classificare le proprie attività riferendosi a capitoli diversi, in funzione delle varie fasi della produzione. Per esempio un fabbricante di automobili può reperire i rifiuti che produce sia nel capitolo 12 (rifiuti dalla lavorazione e dal trattamento superficiale di metalli), che nel capitolo 11 (rifiuti inorganici contenenti metalli provenienti da trattamento e ricopertura di metalli) o ancora nel capitolo 08 (rifiuti da uso di rivestimenti).

    • ricercare tra i sottocapitoli quello indicante la propria attività specifica e quindi la tipologia di rifiuto che si intende gestire (recupero/smaltimento).


  • Attribuzione codici CER/3

    Inoltre

    • se nessuno dei codici dei capitoli suddetti risulta adeguato, occorre esaminare i capitoli 13, 14, 15

    • se il rifiuto non è ancora correttamente individuato, occorre utilizzare il capitolo 16

    • se il rifiuto non è ancora individuabile, è necessario utilizzare come ultime due cifre il codice '99' preceduto dalle quattro cifre che corrispondono al capitolo e al sottocapitolo relativo all'attività.

    • Si evidenzia in particolare che ai sensi di tale procedura l'utilizzo dei CER 99 ha carattere residuale.


    Analisi: obblighi e scadenze

    Campionamenti ed analisi sono previsti dall’art. 8 del D.M. 05.02.1998.

    L’articolo specifica anche le modalità esecutive delle stesse.

    La periodicità delle verifiche analitiche sono indicate sempre allo stesso art. 8, si prevede infatti che queste “devono essere effettuate ad ogni inizio d'attività e, successivamente, ogni due anni e, comunque, ogni volta che intervengano delle modifiche sostanziali nel processo di recupero dei rifiuti”.


    Analisi: obblighi e scadenze

    Campionamento

    La corretta esecuzione del campionamento è fondamentale per garantire la rappresentatività del campione nonché per la corretta conduzione delle prove e degli accertamenti analitici. Pertanto, è necessario che al campionamento attenda personale qualificato alle dipendenze del laboratorio incaricato delle analisi o da esso designato e, comunque, terzo, rispetto al produttore del rifiuto o del recuperatore di esso.

    Certificati analitici

    I certificati analitici e di prova devono indicare chiaramente le modalità di prelievo del campione, le metodiche impiegate per le determinazioni, le generalità e la qualifica del personale addetto al prelievo nonché ogni altra informazione atta a collegare il campione prelevato al rifiuto che rappresenta.


    Analisi: obblighi e scadenze

    Caratterizzazione e Classificazione

    Il produttore del rifiuto ha l'obbligo e l'onere della caratterizzazione e classificazione (attribuzione del CER) del rifiuto, in base alle normative vigenti (direttiva MinAmbiente 9 aprile 2002, ciò è attualmente riportato nel:

    • D.lgs 152/2006, parte IV, relativa alla classificazione dei rifiuti pericolosi,

    • D.lgs 36/2003 relativo alle discariche dei rifiuti,

    • Dm 3 agosto 2005 relativo ai criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica,

    • Dm 5 febbraio 1998 relativo al recupero dei rifiuti non pericolosi con procedure semplificate)

      Nello specifico caso dei rifiuti recuperabili in procedura semplificata tale regola appare ancora di più logica: il produttore del rifiuto, infatti, deve conoscere sin dall'origine se il proprio rifiuto rientra tra le fattispecie di rifiuti presenti nel Dm 5 febbraio 1998 e successive modifiche e integrazioni e se le caratteristiche chimico-fisiche del rifiuto rispettino le prescrizioni del Dm.


    Analisi: obblighi e scadenze

    Obblighi e Oneri

    Fermo restando l'obbligo e l'onere del produttore,

    il gestore dell’impianto (recupero o smaltimento ) è conveniente che esegua, a sua convalida, a campione qualche analisi al fine di essere sicuro che gli venga conferito un rifiuto avente le caratteristiche riportate nel certificato analitico che dovrà accompagnare il rifiuto e che questo sia conforme ai rifiuti che può trattare in base all’autorizzazione dell’impianto stesso, fatto di cui risponde in termini di responsabilità seppure in solido con il produttore.


    Deposito temporaneo

    Art. 183, comma 1, lett. bb) d.lgs 152/2006

    Il raggruppamento dei rifiuti effettuato prima della raccolta, nel luogo in cui gli stessi sono prodotti o per gli imprenditori agricoli di cui all'articolo 2135 del Codice civile, presso il sito che sia nella disponibilità giuridica della cooperativa agricola di cui gli stessi sono soci.

    testo aggiunto DL 9/02/2012

    Raccolta: l’operazione di prelievo, cernita preliminare e deposito,

    compresa la gestione dei centri di raccolta, ai fini del

    loro trasporto in un impianto di trattamento.


    Condizioni per il Deposito Temporaneo

    Rifiuti

    pericolosi

    Con cadenza almeno trimestrale

    o

    Quando il deposito raggiunge i 30 mc

    di cui al massimo 10 mc di rifiuti pericolosi

    Rifiuti

    non

    pericolosi

    In ogni caso, il Deposito Temporaneo non può mai superare l’anno anche se non si raggiungono mai i suddetti quantitativi max.


    Condizioni per il Deposito Temporaneo

    Il deposito Temporaneo deve essere effettuato per categorie

    omogenee di rifiuti e nel rispetto delle relative norme tecniche

    Nel rispetto delle norme che disciplinano:

    - il deposito delle sostanze pericolose in essi contenuti;

    - l’imballaggio e l’etichettatura dei rifiuti pericolosi.

    Rifiuti

    pericolosi

    Deve essere effettuato in condizioni tali da non causare alterazioni che comportino rischi per la salute;

    - durata massima di 5 giorni dal momento della chiusura del contenitore;

    - può essere esteso a 30 giorni per quantitativi inferiori a 200 litri nel rispetto dei requisiti di igiene e sicurezza e sotto la responsabilità del produttore. (art. 8 DPR 254/2003).

    Rifiuti

    Sanitari


    Oneri del Produttore

    Art. 188 e seg., d.lgs 152/2006

    DIVIETO DI

    ABBANDONO

    Priorità:

    a) autosmaltimento dei rifiuti (non vigente)

    b) conferimento a terzi autorizzati;

    c) conferimento al servizio pubblico di raccolta

    previa convenzione.

    • Rispetto limiti deposito temporaneo;

    • Registro cronologico (SISTRI) se tenuto

    • in alternativa Registri carico e scarico;

    • Conferimento a soggetti autorizzati;

    • Scheda movimento (SISTRI) se tenuto

    • in alternativa Formulario


    TRACCIABILITA’ DEI RIFIUTI

    Art. 188-bis d.lgs 152/2006 (ripristinato)

    La tracciabilità dei rifiuti deve essere garantita dalla loro produzione sino

    alla loro destinazione finale.

    A tale fine, la gestione dei rifiuti deve avvenire:

    nel rispetto degli obblighi istituiti attraverso il sistema di controllo della

    tracciabilità dei rifiuti (Sistri),

    b) nel rispetto degli obblighi relativi alla tenuta dei registri di carico e scarico

    nonché del formulario di identificazione di cui agli articoli 190 e 193.

    Il soggetto che aderisce a (Sistri), non è tenuto ad adempiere agli obblighi

    relativi alla tenuta:

    dei registri di carico e scarico di cui all'articolo 190, nonché

    dei formulari di identificazione dei rifiuti di cui all'articolo 193.

    Durante il trasporto effettuato da enti o imprese i rifiuti sono accompagnati

    dalla copia cartacea della scheda di movimentazione Sistri.


    SISTRI

    Art. 188-tris d.lgs 152/2006 (ripristinato)

    Questi i punti nodali dei nuovi commi 2, 3 e 3-bis dell'articolo 6,

    come approvati dal Senato della Repubblica:

    1) Ripristino del Sistri e ulteriore periodo transitorio per consentirne la progressiva

    entrata in operatività, in 2 fasi:

    — fino al 15 dicembre 2011 il MinAmbiente viene incaricato di assicurare

    la verifica tecnica delle componenti software e hardware,organizzando test di

    funzionamento con l'obiettivo della più ampia partecipazione degli utenti,

    — il termine di entrata in operatività del Sistri per tutti i soggetti coinvolti

    slitta al 9 febbraio 2012. Fanno eccezione i piccolissimi produttori in relazione

    ai quali viene confermata la previsione di proroga del Dl 70/2011.

    2) Il MinAmbiente avrà 90 giorni di tempo per individuate specifiche tipologie di

    rifiuti, alle quali applicare le procedure previste per i rifiuti speciali non pericolosi.

    3) Gli operatori che producono esclusivamente rifiuti soggetti a ritiro obbligatorio

    da parte di sistemi di gestione regolati per legge possono delegare la realizzazione

    dei propri adempimenti relativi al Sistri ai consorzi di recupero, secondo le

    modalità già previste per le associazioni di categoria.


    SISTRI Approvazione definitiva della legge di conversione del Dl 216/2011 ("Milleproroghe") avvenuta il 23 febbraio 2012

    Slittamento al 30 giugno 2012 l’operatività del SISTRI

    dei rifiuti per i produttori medio-grandi e i gestori di rifiuti

    (termine fissato dall’originaria formulazione del Dl 216/2011 al 2 aprile 2012)

    Rimane in ogni caso ferma l'eccezione introdotta dal Dl 70/2011 a favore dei piccoli

    produttori di rifiuti pericolosi (< di 10 dipendenti), infatti per questi il MinAmbiente

    deve stabilire una data successiva di operatività del Sistri

    che comunque non potrà essere antecedente — sempre alla luce del Dl 216/2011 —

    al30 giugno 2012.


    SISTRI

    Art. 188-bis d.lgs 152/2006 (ripristinato)

    Il registro cronologico e le schede di movimentazione Sistri:

    * sono resi disponibili all'autorità di controllo quando ne faccia richiesta,

    * sono conservate in formato elettronico da Parte del soggetto obbligato per

    almeno 3 anni dalla data di registrazione e di movimentazione dei rifiuti,

    * unica eccezione riguarda le discariche per le operazioni di smaltimento.

    In questo caso i documenti devono essere conservati a tempo indeterminato

    ed al termine dell'attività devono essere consegnati all'autorità che ha

    rilasciato l'autorizzazione.

    Inoltre, per gli impianti di discarica, il registro cronologico deve essere

    conservato fino al termine della fase di gestione post operativa della

    discarica.


    SISTRI STRUMENTI

    I dati devono essere inseriti nel sistema SISTRI in diverse sezioni:

    • Sezione “Area Registro Cronologico” - sostituisce i registri di carico e

    Scarico;

    • Sezione “Area Movimentazione” - sostituisce i formulari;

    • Sezione “Area Trasporti” – all’interno della quale si trovano le funzioni

    del ‘conducente’, area nella quale può operare l’autista del mezzo per le

    funzioni di sua competenza.

    • Sezione “WEBMAIL PEC” – casella di posta elettronica certificata

    associata all’azienda per cui si opera, es. il produttore riceve su questa

    mail le comunicazioni di avvenuto smaltimento generate dal sistema in

    modo automatico (4 copia formulario).


    SISTRI

    Ilregistro cronologico

    • “sostituisce” il registro di carico e scarico

    • “sono creati ed assegnati dal sistema”,

    l’utente non ha la possibilità di apportare delle modifiche (aggiungere

    o cancellare registri), in pratica sono creati in base all’impostazione data

    dall’impresa all’atto dell’iscrizione a SISTRI)

    Il produttore è il soggetto che per primo inizia il percorso della compilazione

    delle varie operazioni finalizzate alla tracciabilità.


    SISTRI

    L’area movimentazione / SCHEDA MOVIMENTAZIONE

    • “sostituisce” il formulario di identificazione per il trasporto,

    • è compilata, per le rispettive parti,

    – dal delegato dell’impresa produttore/detentore,

    – dal delegato dell’impresa di trasporto,

    – dal conducente del mezzo di trasporto,

    – dal delegato dell’impresa di destinazione (impianto di gestione).


    SISTRI

    Art. 188-tris d.lgs 152/2006 (ripristinato)

    L’articolo contiene la disanima:

    • di tutti i soggetti tenuti ad aderire al sistema (Sistri),

    • come pure coloro che possono farlo su base volontaria.

    • Nel caso di produzione accidentale di rifiuti pericolosi il produttore è tenuto

    • a procedere alla richiesta di adesione al Sistri entro tre giorni lavorativi

    • dall'accertamento della pericolosità dei rifiuti.


    Registro di carico e scaricoFormulario trasporto rifiutiRegime transitorio

    Articolo 12, comma 2 del Decreto  17  dicembre  2009

    Al fine di garantire l'adempimento degli obblighi di legge e la verifica della piena funzionalità del sistema Sistri, per un mese successivo all'operatività del Sistri rimangono comunque tenuti agli adempimenti di cui agli articoli 190 e 193 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152


    Registro di carico e scarico

    Art. 190 , comma 6, d.lgs 152/2006

    I soggetti di cui all'articolo 188-ter, comma 2, lettera a) e b)

    che non hanno aderito su base volontaria al Sistri (art. 188-bis, comma 2, lettera a)

    devono

    adempiere agli obblighi relativi alla tenuta dei registri di carico e scarico (art. 190)


    Registro di carico e scarico

    Art. 190 , comma 6, d.lgs 152/2006

    Sono esclusi (con modifica introdotta d.lgs 7 luglio 2011 n. 121):

    * gli imprenditori agricoli di cui all'articolo 2135 del Codice civile che raccolgono e trasportano i propri rifiuti speciali non pericolosi art. 212, comma 8,

    * le imprese e gli enti che, ai sensi dell'articolo 212, comma 8, raccolgono e trasportano i propri rifiuti speciali non pericolosi di cui all'articolo 184, comma 3, lettera b (cioè imprese edili).


    Registro di carico e scarico

    Art. 190 , comma 6, d.lgs 152/2006

    Sono esclusi (modifica introdotta DL n 201 del 6/12/2011 art. 40):

    i soggetti che svolgono le attività di estetista, acconciatore, trucco permanente e semipermanente, tatuaggio, piercing, agopuntura, podologo, callista, manicure, pedicure e che producono rifiuti pericolosi e a rischio infettivo (Cer 180103: aghi, siringhe e oggetti taglienti usati) possonotrasportarli, in conto proprio, per una quantità massima fino a 30 kg al giorno, sino all’impianto di smaltimento tramite termodistruzione o in altro punto di raccolta, autorizzati ai sensi della normativa vigente. L’obbligo di registrazione sul registro di carico e scarico dei rifiuti e l’obbligo di comunicazione al Catasto dei rifiuti tramite il MUD, di cui al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, si intendono assolti, anche ai fini del trasporto in conto proprio, attraverso la compilazione e conservazione, in ordine cronologico, dei formulari di trasporto di cui all’ articolo 193 del medesimo decreto.

    I formulari sono gestiti e conservati con modalità idonee all’effettuazione del relativi controlli così come previsti dal predetto articolo 193 del decreto legislativo n. 152 del 2006.

    La conservazione deve avvenire presso la sede dei soggetti esercenti le attività di cui al presente comma.


    Registro di carico e scarico

    Art. 190 d.lgs 152/2006

    • Sempre valido il Registro conforme al D.M. 148 del 1 aprile 1998 modelli A e B e la CIRCOLARE 4 agosto 1998, esplicativa sulla compilazione dei registri di carico scarico dei rifiuti e dei formulari di accompagnamento dei rifiuti.

    • I registri sono numerati e vidimati dalle CCIAA territorialmente competente.

    • A fronte della vidimazione deve essere corrisposto il diritto di segreteria (al momento pari ad Euro 25).

    I registri sono numerati, vidimati e gestiti con le procedure e le modalità

    fissate dalla normativa sui registri IVA.

    Gli obblighi connessi alla tenuta dei registri di carico e scarico si intendono

    correttamente adempiuti anche qualora sia utilizzata carta formato A4,

    regolarmente numerata.


    Registro di carico e scarico

    Art. 190 d.lgs 152/2006

    • Sono tenuti presso ogni impianto di produzione o, nel caso in cui ciò risulti eccessivamente oneroso, nel sito di produzione, e integrati con i formulari di identificazione, o con la copia della scheda movimento Sistri.

    • Sono conservati per 5 anni dalla data dell'ultima registrazione.

    • Per i soggetti obbligati la cui produzione annua di rifiuti non eccede le 10t di rifiuti non pericolosi, possono adempiere all'obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti anche tramite le associazioni imprenditoriali interessate o società di servizi di diretta emanazione delle stesse, che provvedono ad annotare i dati previsti con cadenza mensile, mantenendo presso la sede dell'impresa copia dei dati trasmessi.


    Registro di carico e scarico

    Art. 190 d.lgs 152/2006

    • Le informazioni contenute nel registro di carico e scarico sono rese disponibili in qualunque momento all'autorità di controllo qualora ne faccia richiesta.

    • I produttori di rifiuti pericolosi non inquadrati in un'organizzazione di ente o impresa, sono soggetti all'obbligo della tenuta del registro di carico e scarico e vi adempiono attraverso la conservazione, in ordine cronologico, delle copie delle schede movimento Sistri, relative ai rifiuti prodotti, rilasciate dal trasportatore dei rifiuti stessi.

    • I centri di raccolta (art. 183, comma 1, lettera mm), per le operazioni di gestione, sono:

    • escluse dagli obblighi per i rifiuti non pericolosi,

    • obbligate per i rifiuti pericolosi e la registrazione del carico e dello scarico può essere effettuata contestualmente al momento in uscita dei rifiuti dal centro, in maniera cumulativa.


    Formulario trasporto rifiuti

    Art. 193, comma 1, d.lgs 152/2006

    Per gli enti e le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti non

    pericolosi di cui all'articolo 212, comma 8, e che non aderiscono su base

    volontaria al Sistri i rifiuti devono essere accompagnati da un formulario

    di identificazione dal quale devono risultare almenoi seguenti dati:

    a) nome ed indirizzo del produttore e del detentore;

    b) origine, tipologia e quantità del rifiuto;

    c) impianto di destinazione;

    d) data e percorso dell’instradamento;

    e) nome ed indirizzo del destinatario.


    Formulario trasporto rifiuti

    Art. 193 d.lgs 152/2006

    • Resta valido il Formulario rifiuti conforme al DM 145 del 1 aprile 1998 e la CIRCOLARE 4 agosto 1998, esplicativa sulla compilazione dei registri di carico scarico dei rifiuti e dei formulari di accompagnamento dei rifiuti.

    • La numerazione e vidimazione devono essere effettuate dagli Uffici dell’Agenzia delle Entrate o dalle Camere di Commercio o dagli Uffici regionali o provinciali competenti in materia di rifiuti e devono essere annotati sui registri IVA acquisti.

    • La vidimazione è gratuita e non è soggetta ad alcun diritto o imposizione tributaria.


    Formulario trasporto rifiuti

    Art. 193 d.lgs 152/2006

    Il formulario deve essere redatto in quattro esemplari, compilato, datato e firmato dal produttore dei rifiuti e controfirmate dal trasportatore che in tal modo dà atto di aver ricevuto i rifiuti.

    Una copia del formulario deve rimanere presso il produttore e le altre tre, controfirmate e datate in arrivo dal destinatario, sono acquisite una dal destinatario e due dal trasportatore, che provvede a trasmetterne una al predetto produttore dei rifiuti.

    Le copie del formulario devono essere conservate per cinque anni e se dovuto integrate con i registri di carico e scarico.


    Formulario trasporto rifiuti

    Art. 193 , comma 5, d.lgs 152/2006

    • Le disposizioni relative al formulario non si applicano:

      • né al trasporto di rifiuti urbani effettuato dal soggetto che gestisce il servizio pubblico,

      • né ai trasporti di rifiuti non pericolosi effettuati dal produttore dei rifiuti stessi, in modo occasionale e saltuario, che non eccedano la quantità di 30 kg o di 30 l,

      • né al trasporto di rifiuti urbani effettuato dal produttore degli stessi ai centri di raccolta (art. 183, comma 1, let. mm).

    • Sono considerati occasionali e saltuari i trasporti di rifiuti, effettuati complessivamente per non più di 4 volte l'anno non eccedenti i 30 kg o di 30 l al giorno e, comunque, i 100 kg o 100 l l'anno.


    Formulario trasporto rifiuti

    Art. 193 , comma 9-bis, d.lgs 152/2006 (modifica introdotta con il DL n 5 del 9 febbraio 2012)

    • La movimentazione dei rifiuti tra fondi appartenenti alla medesima azienda agricola, ancorché effettuati percorrendo la pubblica via, non è considerata trasporto ai fini del presente decreto qualora risulti comprovato da elementi oggettivi ed univoci che sia finalizzata unicamente al raggiungimento del luogo di messa a dimora dei rifiuti in deposito temporaneo e la distanza fra i fondi non sia superiore a dieci chilometri.

    • Non è altresì considerata trasporto la movimentazione dei rifiuti effettuata dall'imprenditore agricolo di cui all'articolo 2135 del Codice civile dai propri fondi al sito che sia nella disponibilità giuridica della cooperativa agricola di cui è socio, qualora sia finalizzata al raggiungimento del deposito temporaneo.

      viene anche introdotta una variazione all’art. 183, comma 1, lettera bb) del d.lgs 152/2006, in relazione alla definizione di deposito temporaneo, cioè:

      «nel luogo in cui gli stessi sono prodotti» sono inserite le seguenti: «o, per gli imprenditori agricoli di cui all'articolo 2135 del codice civile, presso il sito che sia nella disponibilità giuridica della cooperativa agricola di cui gli stessi sono soci»


    Formulario trasporto rifiuti

    Art. 193 d.lgs 152/2006

    • Il formulario costituisce documentazione equipollente alla scheda di trasporto di cui:

      • all'articolo 7 – bis del D.lgs. 21 novembre 2005 n° 286 e

      • al D.M. delle infrastrutture e dei trasporti 30 giugno 2009.


    Formulario trasporto rifiuti

    Art. 193 d.lgs 152/2006

    La microraccolta dei rifiuti, intesa come la raccolta di rifiuti da parte di un unico raccoglitore o trasportatore presso più produttori o detentori svolta con lo stesso automezzo, deve essere effettuata nel più breve tempo tecnicamente possibile. Sui i formulari devono essere indicati, nello spazio relativo al percorso, tutte le tappe intermedie previste.

    Se il percorso dovesse subire delle variazioni, nello spazio relativo alle annotazioni va indicato a cura del trasportatore il percorso realmente effettuato.


    Formulario trasporto rifiuti

    Art. 193 d.lgs 152/2006

    Gli stazionamenti dei veicoli in configurazione di trasporto, nonché le soste tecniche per le operazioni di trasbordo, ivi compreso quelle effettuate con cassoni e dispositivi scarrabili non rientrano nelle attività di stoccaggio di cui all'articolo 183, comma 1, lettera v), purché le stesse siano dettate da esigenze di trasporto e non superino le 48 ore, escludendo dal computo i giorni interdetti alla circolazione.


    Formulario trasporto rifiuti

    Art. 193 d.lgs 152/2006

    Nel caso di trasporto intermodale di rifiuti, le attività di carico e scarico, trasbordo, soste tecniche nei porti o scali ferroviari, interporti, impianti di terminalizzazione e scali merci non rientrano nelle attività di stoccaggio, se effettuate nel più breve tempo possibile e non superino i 6 giorni dalla data di inizio le attività.

    Diversamente il detentore del rifiuto deve darne indicazione, nello spazio relativo alle annotazioni, prima della scadenza del termine, a Comune e Provincia territorialmente competente.


    Formulario trasporto rifiuti

    Art. 193 d.lgs 152/2006

    Il detentore del rifiuto dovrà adottare a propri costi e spese tutte le iniziative opportune per prevenire eventuali danni ambientali e nocivi per la salute umana.

    Se il periodo è superiore a 30 giorni (dalla data di inizio l'attività) il detentore del rifiuto è obbligato a conferire, a propri costi e spese, i rifiuti ad un intermediario, commerciante, o impresa che effettua le operazioni di trattamento dei rifiuti, o ad un soggetto pubblico o privato addetto alla raccolta dei rifiuti, in conformità agli articoli 177 e 179.


    SANZIONI

    Decreto legislativo 7 luglio 2011, n. 121

    Modifiche al D.lgs 3 dicembre 2010, n. 205 Articoli 3 e 4

    2-bis ......., fino alla decorrenza degli obblighi di operatività del Sistri i soggetti di cui all'articolo 188-bis, comma 2, lettera a), del D.lgs 152/2006, e successive modificazioni, che non adempiono alle prescrizioni di cui all'art. 28, comma 2, del DM 18 febbraio 2011, n. 52, sono soggetti alle relative sanzioni previste dall'art. 258 del d.lgs 152/2006, nella formulazione precedente all'entrata in vigore del presente decreto.

    2-ter. Anche in attuazione di quanto disposto al comma 1, le sanzioni previste dall'art. 258 del D.lgs 152/2006, nella formulazione previgente a quella di cui al D.lgs 3 dicembre 2010, n. 205, per la presentazione del MUD si applicano ai soggetti tenuti alla comunicazione di cui all'art. 28, comma 1, del citato DM 18 febbraio 2011, n. 52, e successive modificazioni, secondo i termini e le modalità ivi indicati.

    A seguire uno schema per quanto riguarda le sanzioni relative ai diversi aspetti:


    SANZIONI: violazione degli obblighi di comunicazione ,tenuta errata od incompleta registri e formulari art. 258 D.lgs 152/2006

    c. 1: i soggetti di cui all’art. 190 (non obbligati al SISTRI) -- sanzione amministrativa da 2.600 a 15.500 Euro

    c. 2: i produttori di rifiuti pericolosi non inquadrati in Enti/Imprese -- sanzione amministrativa da 15.500 a 93.000 Euro

    c. 3: nel caso in cui le imprese appartenenti al c. 1 ed occupino meno di 15 dipendenti -- sanzione amministrativa da 1.040 a 6.200 Euro

    c. 4: i trasportatori di cui all’art. 212 comma 8 che non applicano l’art. 193 (non aderenti su base volontaria al SISTRI) -- sanzione amministrativa

    da 1.600 a 9.300 Euro. Si applica la pena di cui all’art. 483 del c. p. se sono fornite informazioni false sul certificato di analisi dei rifiuti

    c. 5: se le informazioni sui registri e formulari sono incomplete ma riconducibili ad informazioni esatte -- sanzione amministrativa da 260 a 1.550 Euro


    SANZIONI: violazione degli obblighi di comunicazione,

    tenuta errata od incompleta registri e formulari art. 258 D.lgs 152/2006

    c. 5 bis: i soggetti di cui all’art. 220 comma 2 (CONAI) in assenza di comunicazione (prevista dalla legge 70/94) -- sanzione amministrativa da 2.600 a 15.500 Euro;

    se effettuata entro il 60° giorno dalla scadenza (prevista dalla legge 70/94) -- sanzione amministrativa da 26 a 160 Euro

    c. 5 ter: i sindaco del comune in assenza di comunicazione (prevista dalla legge 70/94) -- sanzione amministrativa da 2.600 a 15.500 Euro;

    se effettuata entro il 60° giorno dalla scadenza (prevista dalla legge 70/94) -- sanzione amministrativa da 26 a 160 Euro;


    SANZIONI: obblighi di iscrizione al SISTRI e relativo versamento art. 39 comma 2 D.lgs 205/2010

    fino alla data di partenza .... nessuna sanzione

    nei successivi 8 mesi .... una sanzione del 5% del dovuto per l’iscrizione

    nei successivi 4 mesi .... una sanzione del 50% del dovuto per l’iscrizione

    dopo il primo anno .... una sanzione da 2.600 a 15.500 se non p.

    dopo il primo anno .... una sanzione da 15.500 a 93.000 se pericoloso


    SANZIONI: omissione del registro cronologico e scheda movimentazioneSISTRI – rifiuti non pericolosi art. 260 bis, comma 3 D.lgs 152/2006

    fino alla data di partenza .... nessuna sanzione

    nei successivi 8 mesi .... una sanzione da 260 a 1.550

    nei successivi 4 mesi .... una sanzione da 520 a 3.100

    dopo il primo anno .... una sanzione da 2.600 a 15.500


    SANZIONI: omissione del registro cronologico e scheda

    movimentazioneSISTRI – rifiuti pericolosi

    art. 260 bis, comma 4 D.lgs 152/2006

    fino alla data di partenza .... nessuna sanzione

    nei successivi 8 mesi .... una sanzione da 1.550 a 9.300

    nei successivi 4 mesi .... una sanzione da 3.100 a 18.600

    dopo il primo anno .... una sanzione da 15.500 a 93.000


    SANZIONI: inadempienza ed ulteriori obblighi previsti dal SISTRI – rifiuti non pericolosi

    art. 260 bis, comma 5 D.lgs 152/2006

    fino alla data di partenza .... nessuna sanzione

    nei successivi 8 mesi .... una sanzione da 260 a 1.550

    nei successivi 4 mesi .... una sanzione da 520 a 3.100

    dopo il primo anno .... una sanzione da 2.600 a 15.500


    SANZIONI: inadempienza ed ulteriori obblighi previsti dal SISTRI – rifiuti pericolosi

    art. 260 bis, comma 5 D.lgs 152/2006

    fino alla data di partenza .... nessuna sanzione

    nei successivi 8 mesi .... una sanzione da 1.550 a 9.300

    nei successivi 4 mesi .... una sanzione da 3.100 a 18.600

    dopo il primo anno .... una sanzione da 15.500 a 93.000


    SANZIONI: trasporto effettuato senza scheda movimento SISTRI e certificato analitico (se dovuto) in copie cartacee art. 260 bis, comma 7 D.lgs 152/2006

    fino alla data di partenza .... nessuna sanzione

    nei successivi 8 mesi .... una sanzione da 160 a 930

    nei successivi 4 mesi .... una sanzione da 320 a 1.860

    dopo il primo anno .... una sanzione da 1.600 a 9.300


    SANZIONI: quando le condotte indicate al comma 7 non pregiudicano la tracciabilità dei rifiuti

    art. 260 bis, comma 9 D.lgs 152/2006

    fino alla data di partenza .... nessuna sanzione

    nei successivi 8 mesi .... una sanzione da 26 a 155

    nei successivi 4 mesi .... una sanzione da 52 a 310

    dopo il primo anno .... una sanzione da 260 a 1.550


    SANZIONI: chi con un'azione od omissione viola diverse disposizioni o commette più violazioni della stessa disposizione art. 260 bis, comma 9 bis D.lgs 152/2006

    A chi con un'azione od omissione viola diverse disposizioni si

    applica una sanzione amministrativa per la violazione più grave, aumentata sino al doppio.

    La stessa sanzione si applica anche a chi, in tempi diversi,

    commette con più azioni od omissioni, più violazioni della

    stessa o di diverse disposizioni.

    Ovviamente fra quelle riportate al presente articolo.


    ad