slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
Citomegalovirus e gravidanza

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 30

Citomegalovirus e gravidanza - PowerPoint PPT Presentation


  • 402 Views
  • Uploaded on

Citomegalovirus e gravidanza. Patrizia Vergani Clinica Ostetrica e Ginecologica. CMV e GRAVIDANZA. E’ l’infezione congenita più frequente da quando la vaccinazione contro la rosolia si è diffusa

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Citomegalovirus e gravidanza ' - pomona


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Citomegalovirus e gravidanza

Patrizia Vergani

Clinica Ostetrica e Ginecologica

cmv e gravidanza
CMV e GRAVIDANZA
  • E’ l’infezione congenita più frequente da quando la vaccinazione contro la rosolia si è diffusa
  • L’infezione primaria è stimata essere tra 0,7- 4% con tasso di infezione feto-neonatale del 30-40%
  • La reinfezione, stimata del 13.5%, può avvenire per un nuovo ceppo virale ma più spesso per la riattivazione di un virus endogeno con tasso di trasmissione del 0.15 – 2%
cmv e feto
CMV e FETO

La gravità della malattia fetale dipende

1 - Dall’etàgestazionale dell’infezione materna

2 - Dalla forma sintomatica o asintomatica della malattia

3 - Dal carattere primario o secondario dell’infezione

cmv e feto1
CMV e Feto
  • Trasmissione verticale può avvenire in qualsiasi stadio della gravidanza
  • Il rischio di sequele è maggiore quando avviene nel 1° trimestre
  • Sequele severe anche nel 3° trimestre
severit della infezione primaria da cmv ed et gestazionale
Severità della infezione primaria da CMV ed età gestazionale

Sequele

  • Primo Trimestre 40%
  • Secondo Trimestre 15%
  • Terzo Trimestre 3%
  • 10% dei feti-neonati sono sintomatici
  • 90% sono asintomatici e nel 5% dei casi svilupperanno sequele neurosensoriali entro 7-8 anni.
cmv forma sintomatica ed ecografia
CMV: forma sintomatica ed ecografia

La sorveglianza ecografica del feto permette di individuare le forme sintomatiche:

1- Se vi è stata infezione primaria materna non diagnosticata, mediante le ecografie di screening alla 18-20 settimana ed alla 32 settimana

2- In presenza di diagnosi di infezione primaria nella madre, in presenza di anomalie fetali e degli annessi

durante la viremia da cmv la placenta il primo organo che si infetta
Durante la viremia da CMV la placenta è il primo organo che si infetta

Le prime alterazioni istologiche

1- trombosi intervillosa

2- villite acuta

sono visibili all’ecografia come un aumento di spessore della placenta stessa

durante la viremia da cmv la placenta il primo organo che si infetta1
Durante la viremia da CMV la placenta è il primo organo che si infetta

Le alterazioni istologiche croniche

1- villite necrotica

2- villite calcifica

sono visibili anch’esse all’ecografia

infezione sintomatica da cmv segni ecografici
Infezione sintomatica da CMV segni ecografici
  • Ventricolomegalia
  • Microcefalia, alterazioni della sostanza bianca
  • Calcificazioni intracraniche
  • Epatosplenomegalia
  • Ileo da meconio
  • Ascite
epatite fetale
Epatite fetale

Normale

CMV

diagnosi di infezione fetale da cmv
Diagnosi di infezione fetale da CMV
  • L’ecografia prenatale individua la quota di feti infetti che presentano sintomi
  • Come gestire l’infezione materna primaria con feto che non presenta anomalie ecografiche?
diagnosi di infezione primaria
Diagnosi di infezione primaria
  • Conversione da stato negativo a stato positivo
  • IgM possono persistere diversi mesi dopo l’infezione acuta
  • IgM non sono utili per differenziare infezione primaria dalla reinfezione
  • Incremento di 4 volte delle IgG dopo 3 – 4 settimane
diagnosi di infezione primaria1
Diagnosi di infezione primaria
  • Test di Avidità delle IgG
  • Malgrado esperienza per Toxoplasmosi, difficoltà diagnostica per il CMV
come rispondere migliorando l accuratezza
Come rispondere migliorando l’accuratezza?
  • IgM positive verificate con metodo VIDAS
  • Avidità < 0,8 con metodo VIDAS

vengono inserite in protocollo specifico che prevede:

Invio del campione sierologico esaminato c/o Microbiologia di Monza insieme a nuovi campioni di sangue materno e urine,

all’Istituto di Virologia di Milano per la valutazione:

- del Titolo anticorpale (IgG;IgM)

- dell’Avidità delle IgG mediante Bouty Test

- della PCR qualitativa

-della eventuale presenza dell’antigenemia virale (Pp65- p72)

slide22
Testati campioni di sangue materno prelevati ogni 2 mesi per studiare l’andamento dell’Avidità delle IgG specifiche
  • Counseling alla coppia
  • Monitoraggio ecografico seriato
  • Bouty Test > 45% =>INFEZIONE PRECONCEZIONALE
  • Bouty Test <45%, PCR negativa, antigenemia virale negativa =>INFEZIONI PERICONCEZIONALI
  • Avidità indosabile e/o antigenemia virale positiva su sangue o urine =>INFEZIONE PRIMARIA ACUTA
diagnosi di infezione fetale se ecografia negativa
Diagnosi di infezione fetale se ecografia negativa??
  • Prelievo di sangue fetale: abbandonato per alto tasso di falsi positivi ed i falsi negativi
  • I test usati nella prima metà della gravidanza sono poco utili forse a causa dell’immaturità del sistema immune del feto
  • L’intervallo tra l’infezione materna ed il test influenza l’esito
  • La presenza del virus nel LA non predice la severità della malattia
test invasivi e cmv qualunque sia il test utilizzato l incidenza di falsi negativi del 10 20
Test invasivi e CMV: qualunque sia il test utilizzato l’incidenza di Falsi Negativi è del 10-20%
royal college og
Royal College OG
  • Le evidenze disponibili non indicano l’utilità di eseguire lo screening per il citomegalovirus in gravidanza
american college og
American College OG
  • Il test sierologico di routine per il CMV durante la gravidanza non è raccomandato
  • Anche se il virus non è altamente contagioso attenzione ad alcune categorie a rischio
  • Gravide che curano bambini devono avere precauzioni come
    • Usare i guanti e lavarsi bene le mani quando cambiano i pannolini
    • Usare la mascherina in presenza di secrezioni respiratorie aumentate
ad