Il bilancio d esercizio nella normativa civilistica
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 23

Il bilancio d’esercizio nella normativa civilistica PowerPoint PPT Presentation


  • 70 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Il bilancio d’esercizio nella normativa civilistica. Impianto normativo contenuto nel codice civile: Aspetti sostanziali Aspetti formali Aspetti collaterali. Il bilancio d’esercizio nella normativa civilistica. Aspetti sostanziali :

Download Presentation

Il bilancio d’esercizio nella normativa civilistica

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Il bilancio d esercizio nella normativa civilistica

Il bilancio d’esercizio nella normativa civilistica

Impianto normativo contenuto nel codice civile:

  • Aspetti sostanziali

  • Aspetti formali

  • Aspetti collaterali


Il bilancio d esercizio nella normativa civilistica1

Il bilancio d’esercizio nella normativa civilistica

  • Aspetti sostanziali:

    Fanno riferimento al fine del bilancio (art.2423), ai principi generali di redazione (art.2423-bis) e ai principi particolari di valutazione (art. 2426) e sono tra loro strettamente correlati


Il bilancio d esercizio nella normativa civilistica2

Il bilancio d’esercizio nella normativa civilistica

DAL FINE

Dipendono i:

PRINCIPI GENERALI DI VALUTAZIONE

DAI

PRINCIPI GENERALI DI VALUTAZIONE

Dipendono i:

PRINCIPI PARTICOLARI DI VALUTAZIONE


Il bilancio d esercizio nella normativa civilistica3

Il bilancio d’esercizio nella normativa civilistica

  • Aspetti formali:

    Si riferiscono al modello di Stato Patrimoniale (art. 2424), di Conto Economico (art.2425) e Nota Integrativa (art. 2427), nonché alle modalità di presentazione delle voci all’interno degli schemi previsti.


Il bilancio d esercizio nella normativa civilistica4

Il bilancio d’esercizio nella normativa civilistica

  • Aspetti collaterali:

    Integrano e circostanziano le modalità di esposizione in bilancio delle singole poste da inserire nello SP (art. 2424-bis), nel CE (art. 2425-bis) e i criteri di classificazione delle poste (art. 2423-ter).


Principi di redazione del bilancio d esercizio

Principi di redazione del bilancio d’esercizio

  • Clausola generale art. 2423

  • Principi di redazione art. 2423-bis

  • Schemi di redazione artt. 2424 - 2425


Art 2423 redazione del bilancio

art. 2423. Redazione del bilancio

Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito

  • dallo stato patrimoniale,

  • dal conto economico,

  • e dalla nota integrativa.

Documenti quantitativi- contabili

Documento analitico-descrittivo

Questi tre documenti costituiscono un insieme unitario ed inscindibile

Nelle società di capitali il bilancio d’esercizio deve essere corredato dalla relazione sulla gestione da redigersi a cura degli amministratori. (art. 2428)


Clausola generale art 2423

Clausola generale art. 2423

  • Il bilancio deve essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società e il risultato economico dell’esercizio.


Principio di chiarezza art 2423

Principio di Chiarezza art. 2423

La chiarezza: consiste in una rappresentazione formale dei conti che permetta ai fruitori del bilancio di comprenderne il contenuto.

in virtù di tale principio il legislatore impone il rispetto di definiti schemi, imposti dai seguenti artt.:

  • Art. 2424 Stato Patrimoniale

  • Art 2425 Conto Economico

  • Art 2423-ter 2424-bis 2425-bis

  • Art. 2427 Nota Integrativa


Chiarezza art 2423 ter

Chiarezza: art. 2423-ter

Obiettivo del principio

Perseguire la standardizzione dei bilancio

Le comparazioni nello spazio e nel tempo

Consentire


Chiarezza art 2423 ter1

Chiarezza: art. 2423-ter

  • Rispetto degli schemi di bilancio

  • Rispetto dell’ordine di esposizione

  • Divieto di raggruppamenti di voci

  • Obbligo di inserimento di nuove voci

  • Adattamento delle voci quando la natura dell’attività esercitata lo esige

  • Comparabilità delle voci

  • Divieto di compensi di partite


Clausola generale art 2423 principi di verit e correttezza

Clausola generale art. 2423 (principi di verità e correttezza)

2. Principio di verità: corrispondenza fra i fatti aziendali e i valori iscritti in bilancio

3. Principio di correttezza: il redattore del bilancio deve fornire un’informazione neutrale, nel rispetto delle norme del codice civile. Tale principio mira a circoscrivere la discrezionalità degli amministratori.


Art 2423

Art. 2423

I due principi: Verità e Correttezza

Costituiscono:

“Quadro fedele”

“True and fair view”

Contenuto nell’art. 2 comma 3 della IV direttiva CEE


Art 2423 terzo e quarto comma

Art. 2423 – terzo e quarto comma

  • Informazioni supplementari:

    Se le informazioni richieste da specifiche disposizioni di legge non sono sufficienti a dare una rappresentazione veritiera e corretta, si devono fornire le informazioni complementari necessarie allo scopo.


Art 2423 terzo e quarto comma1

Art. 2423 – terzo e quarto comma

  • Deroga per speciali ragioni:

    si prevede l’obbligo di derogare alle disposizioni relative al bilancio di esercizio, qualora, in casi eccezionali, la loro applicazione sia in contrasto con la rappresentazione veritiera e corretta.


Principi di redazione art 2423 bis

Principi di redazione: art. 2423-bis

1) Prudenza (commi 1, 2, 4, 5)

2) Prevalenza della sostanza sulla forma (comma 1)

3) Continuità della gestione (comma 1)

4) Competenza (comma 3)

5) Separatezza valutativa (comma 5)

6) Costanza dei criteri di valutazione (comma 6)


1 principio di prudenza

1. Principio di prudenza

Si concretizza:

Scopo della norma

DIVIETO di IMPUTARE UTILI SPERATI

OBBLIGO di IMPUTARE RISCHI E PERDITE PRESUNTE

- Evitare la sopravalutazione delle attività e la sottovalutazione delle passività ANNACQUAMENTO DEL CAPITALE

COSTIUSCE LA PRINCIPALE FORMA DI GARANZIA PER I TERZI


2 prevalenza della sostanza sulla forma

2. Prevalenza della sostanza sulla forma

  • La valutazione delle voci deve essere fatta tenendo conto della funzione economica dell’elemento dell’attivo o del passivo considerato.


3 continuit della gestione going concern

3. Continuità della gestione (going concern)

  • La valutazione delle voci deve essere fatta nella prospettiva della continuazione dell’attività.

L’AZIENDA E’ DESTINATA A PERDURARE NEL TEMPO E QUINDI DEVONO ESSERE APPLICATI CRITERI DI FUNZIONAMENTO


4 principio di competenza

4. Principio di competenza

Significa che si devono imputare all’esercizio i costi e i ricavi che trovano nello stesso giustificazione economica indipendentemente dalla loro manifestazione numeraria.

QUANDO UN COSTO E UN RICAVO SONO DI COMPETENZA?

UNRICAVO E’ DI COMPETENZA: quando è avvenuta la consegna del bene e si è conclusa la prestazione del servizio

UN COSTO E’ DI COMPETENZA: quando ha trovato il correlativo ricavo o ragionevolmente non potrà più trovarlo.


5 il principio della separatezza valutativa

5. Il principio della separatezza valutativa

  • Non è possibile effettuare la compensazione di partite dal punto di vista quantitativo


6 il principio di costanza dei criteri di valutazione

6. Il principio di costanza dei criteri di valutazione

  • I criteri di valutazione adottati nella redazione del bilancio non possono essere variati da un esercizio all’altro.

  • La variabilità inficerebbe la qualità delle informazioni.

  • La capacità informativa di bilancio è esaltata dalla possibilità di comparazione in una serie storica.


Deroga al principio di costanza dei criteri di valutazione

Deroga al principio di costanza dei criteri di valutazione

  • Da adottare solo in casi eccezionali

  • La sua adozione non è un obbligo ma è facoltativa

  • Può essere esercitata solo nell’ambito dei criteri di valutazione indicati dal legislatore

  • Comporta un obbligo di evidenziazione e giustificazione delle conseguenze in nota integrativa


  • Login