Modulo II
Download

Modulo II







Advertisement
/ 41 []
Download Presentation
Comments
oshin
From:
|  
(4731) |   (0) |   (0)
Views: 104 | Added: 04-10-2011
Rate Presentation: 0 0
Description:
Modulo II. Pedagogia, educazione e scienze dell’educazione . Educazione, Pedagogia, Relazione Educativa. Il termine Educazione rimanda ad un vasta area semantica che rispecchia la complessità della nozione stessa. . Definizioni esemplari del termine educazione:.
Modulo II

An Image/Link below is provided (as is) to

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use only and may not be sold or licensed nor shared on other sites. SlideServe reserves the right to change this policy at anytime. While downloading, If for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.











- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -




Slide 1

Modulo II

Pedagogia, educazione e scienze dell’educazione

Slide 2

Educazione, Pedagogia, Relazione Educativa

Slide 3

Il termine Educazione rimanda ad un vasta area semantica che rispecchia la complessità della nozione stessa.

Slide 4

Definizioni esemplari del termine educazione:

  • EDUCAZIONE COME PERFEZIONAMENTO

  • EDUCAZIONE COME COMUNICAZIONE

  • EDUCAZIONE COME SISTEMA

  • EDUCAZIONE COME PRODOTTO

  • EDUCAZIONE COME PROCESSO

Slide 5

EDUCAZIONE COME PERFEZIONAMENTO

L’etimologia stessa del termine “perfezione”

(Per-ficere = completare) suppone una modificazione dell’uomo che porta al miglioramento della persona, un’acquisizione di qualità nuove che prima non possedeva, uno sviluppo massimo di tutte le sue potenzialità, vale a dire, un’ottimizzazione che si raggiunge nella misura in cui il processo educativo procede verso il compimento

Slide 6

EDUCAZIONE COME COMUNICAZIONE

La comunicazione nei soggetti umani è un processo che si qualifica come intenzionale o non intenzionale, diretto o indiretto, che pone in essere un qualche sistema di contatto ovvero implica una relazione sul piano spaziale e temporale fra due o più persona che cambia qualcosa.

Slide 7

EDUCAZIONE COME SISTEMA

  • Struttura sociale

  • Periodo storico

  • Concezione politica, religiosa, sociale…

  • Mezzi di comunicazione di massa

  • Diverse età Diverse forme di educazione

  • Teorie pedagogiche

Slide 8

ATTIVITA’

Non è intenzionale

Fare, operare

AZIONE

Implica intenzionalità e responsabilità.

Ha un fine prestabilito

EDUCAZIONE COME PRODOTTO

L’educazione è il prodotto di un’azione e non di un’attività.

La differenza tra le due è nella finalità

Slide 9

EDUCAZIONE COME PROCESSO

I movimenti di innovazione pedagogica insistono sulla necessità di considerare l’educazione come un processo di interazione reciproca, di comunicazione bidirezionale, mediante la quale l’educatore influisce sull’educando e a sua volta riceve influenza da questo

Slide 10

Educazione non formale

Insieme di istituzioni che, pur non essendo strutturate in maniera esplicita per promuovere processi educativi di istruzione e formazione tuttavia esprime INTENZIONALITA’ in questa direzione in un territorio e lungo l’intero arco della vita dei soggetti. Non porta al conseguimento di qualifiche ufficialmente riconosciute.

Educazione formale

Si riferisce al sistemaeducativo di istruzione e formazione istituito e strutturato (INTENZIONALITA’) dallo Stato dalle Regioni e dagli Enti Locali.Porta al conseguimento di diplomi e qualifiche riconosciute.

Educazione informale

E’ rappresentata dalla vita sociale ordinaria che non esprime programmatiche potenzialità formative, pur determinandole di fatto funzionalmente in maniera anche irreversibile.

Slide 11

AMBITI DI INTERVENTO:

Formale

riguarda il sistema formativo, l’istituzione scolastica, il rilascio di un titolo di studio

Slide 12

Informale

(Riguarda l’insieme di esperienze formative che non sono riconducibili a luoghi, tempi e azioni che tali si dichiarano e che riguardano la complessiva e quotidiana esperienza di vita del soggetto)

Slide 13

Non formale

azioni formative realizzate all’esterno dell’istituzione scolastica ma dotate di intenzionalità e progetto, non rilasciano titoli di studio ma danno competenze che possono aiutare il soggetto a riposizionarsi nella propria carriera ed aspirazioni professionali

Slide 14

Educazione

Tutte quelle pratiche che influiscono sul modo di essere dell’individuo, intenzionali o meno, considerate nei loro risvolti materiali, tecnici, prescrittivi, ideologici, valoriali e teleologici, colti nella loro traduzione e attuazione.

Slide 15

Pedagogia

La scienza che ha per oggetto di studio le teorie, i metodi, e i problemi relativi all’educazione.

Slide 16

La pedagogia riguarda

Riflessioni, progetti, saperi, teorie che vengono a situarsi tanto a livello di ripensamento, di testimonianza, di analisi, di critica, di consiglio, di proposta, di regola operativa riguardo a un aspetto particolare dell’educare, quanto sul piano di una riconsiderazione e di una giustificazione globale dei fini e delle condizioni di esso.

Slide 17

Educazione azione pratica

Può presentare o meno livelli di consapevolezza, intenzionalità e strumentazione didattica

Pedagogia azione teorica

Il luogo dell’azione teorica in cui consapevolezza, intenzionalità e strumentazione sono o dovrebbero essere, esplicitati, scelti, analizzati e governati.

Slide 18

La pedagogia è un sapere sull’educazione ma non semplicemente un sapere che vuole sapere qualcosa sull’evento educativo, è un sapere pratico che vuole che avvenga qualcosa!

Slide 19

Il Pedagogista/l’educatore

Ha il compito di prefigurare e quindi di architettare i luoghi, le situazioni, le opportunità mediante le quali il bambino, come l’anziano, possano continuare a crescere.

Slide 20

L’educazione

Ha come caratteristica dominante quella di presentarsi sempre come un’attività modificatrice, volta al cambiamento, al superamento della situazione presente verso il futuro.

Slide 21

L’educazione

È la dimensione relazionale e intenzionale tra i soggetti in cui dovrebbe essere presente come finalità la modificazione della situazione presente in termini di costruzione e crescita della personalità dell’educando e in termini di trasmissione di un patrimonio culturale: conoscenze, strumenti, comportamenti, valori.

Slide 22

Non dobbiamo mai dimenticare come educatori che...

Lo spazio dell’educazione è anche lo spazio in cui irrompe l’imprevedibile, in cui si manifestano eventi imprevisti, in cui è necessario mettere nel conto “smarrimenti” e “delusioni”.

Slide 23

L’elemento costitutivo dell’educazione è la relazione reciproca tra almeno due soggetti educatore ed educando.

Non ci può essere educazione al di fuori di una relazione interpersonale.

Slide 24

RELAZIONE EDUCATIVA

Un reciproco dono di senso da parte di due coscienze in una relazione di co-esistenza verso il raggiungimento di un fine e in una prospettiva progettuale.

Questa relazione è impostata intenzionalmente

ed è intesa dal punto di vista pedagogico come “prospettazione di certi orizzonti, di certe visioni, di certi valori verso cui tendere e per mezzo dei quali modificare il comportamento umano

in un perfezionamento continuo

e sempre più alto”

Slide 25

Elementi della relazione educativa

  • Reciprocità e partecipazione

  • Responsabilità e impegno

  • Intenzionalità

  • Dialogo

Slide 26

Reciprocità/partecipazione

La relazione educativa non è una mera trasmissione di esperienze, tradizioni, valori e conoscenze ma è un incontro umano da intendersi come vero e proprio scambio in cui entrambi gli attori ricevono e danno qualcosa e si educano vicendevolmente.

Sistema relazionale

Caratterizzato da interdipendenza soggettiva

e da una causalità circolare dei sistemi di interazione (feedback)

Slide 27

Reciprocità/partecipazione

Partecipazione e reciprocità devo coesistere nella relazione educativa poiché essa non si sostanzia di un semplice essere presente né un generico stare insieme bensì esige un essere per l’altro inteso come disponibilità, donazione, responsabilità.

Slide 28

Responsabilità

Aspetto integrante della partecipazione ed elemento fondamentale dell’educazione.

Responsabilità Impegno

Volontà del soggetto ad assumersi un compito

e ad agire in conformità a scopi e valori.

Essa vuol dire fedeltà ad un progetto di formazione umana inteso come emancipazione e liberazione delle potenzialità della persona in piena libertà e autonomia.

Slide 29

Educabilità

Possibilità/dovere/necessità di educare connesso alla responsabilità stessa dell’atto educativo.

Educare vuol dire rispondere alla natura di ciascun essere umano;

Slide 30

Responsabilità/co-responsabilità

L’educatore e la società devono impegnarsi nel favorire un processo educativo che permetta la crescita e lo sviluppo della persona ma anche l’educando deve diventare responsabile di se stesso e degli altri in un processo continuo di autoformazione e costante ricerca della propria identità attraverso lo scambio, la condivisione, la negoziazione di significati con gli altri.

Slide 31

Intenzionalità

La relazione educativa è una relazione teleologica cioè orientata secondo finalità, verso il conseguimento di obiettivi.

L’intenzionalità è l’elemento più importante della relazione educativa .

Essa va intesa come tensione di un soggetto verso un altro con la finalità di conoscerlo e supportarlo nella sua crescita.

Essa è dunque apertura verso l’altro

Slide 32

Dialogo

L’educando cresce attraverso l’incontro con l’educatore che sa costruire reale reciprocità e partecipazione.

Questo è possibile solo se gli attori della relazione sanno aprirsi al dialogo permettendo una partecipazione consapevole.

La relazione educativa può essere intesa come una particolare forma dialogica che presuppone un orizzonte di senso tra i due soggetti.

Slide 33

2. Pedagogia e scienze dell’educazione

Slide 34

Il concetto di scienza

Scienza:

sapere sistematico,

coerente nei contenuti, che riguarda un oggetto di studio peculiare, studiato attraverso una propria logica ed una metodologia adeguata

Slide 35

La pedagogia è una scienza teorico-pratica

Slide 36

Le scienze dell’educazione

  • Concetto di scienze dell’educazione

  • Tipologie:

    - psicologia dell’educazione

    - sociologia dell’educazione

    - economia dell’istruzione

    - demografia scolastica

    - statistica pedagogica

    - biologia dell’educazione

    - fisiologia dell’educazione

    - antropologia sociale e culturale

    - psicologia dell’età evolutiva

    - psicopedagogia

Slide 37

Pedagogia

Si occupa dell’educazione in modo esclusivo e specifico nei suoi rapporti con l’universo sociale

analisi scientifica dei processi e dei modelli educativi coinvolti nel sistema sociale

Studia i processi formativi in tutta la loro multidimensionalità anche nella dimensione axiologica e morale

Sociologia dell’educazione

Studia le relazioni sociali che si ripetono con un certo ordine

Comportamento umano modellato e partecipato comune a più persone che ha caratteristiche di regolarità.

Chiarificazione dei rapporti tra individuo, educazione e società

Educazione come funzione della società

La società come funzione dell’educazione

Psicologia dell’educazione

  • Si occupa del comportamento dell’individuo o dei gruppi nella società.

    Studia l’evento comportamentistico interpersonale e tenta di ricavarne le leggi

Slide 38

Pedagogia Sociale

Scienza:

Empirico- normativa

Ricognitiva -normativa

Operativa

Progettuale

Interviene operativamente nella prassi dei rapporti educativi

Sociologia dell’educazione

Scienza empirico -sperimentale

Descrive i rapporti intercorrenti tra le istituzioni implicate nella problematica educativa

Studio sistematico delle relazioni tra educazione e società

Osserva, comprende e spiega i processi di educazione e socializzazione

Psicologia Sociale

  • Descrive i i comportamenti dell’individuo e dei gruppi nella società mediante il metodo empirico – sperimentale

  • Analisi descrittivo – constatativa

Slide 39

L’ENCICLOPEDIA DELLE SCIENZE DELL’EDUCAZIONE (LA “TORTA” di Luigi Visalberghi -1978)

divisione delle scienze dell’educazione in quattro settori:

Settore psicologico

Settore sociologico

Settore metodologico -didattico

Settore dei contenuti

Slide 40

- La pedagogia generale che fine fa? - In quale posto della torta si colloca e quale funzioni ha?

Slide 41

dibattito aperto:

  • diventa una filosofia dell’educazione

  • ha una funzione di raccordo tra le varie scienze dell’educazione

    …manca un accordo tra gli studiosi…ognuno ha la sua idea


Copyright © 2014 SlideServe. All rights reserved | Powered By DigitalOfficePro