Schema di d lgs riforma 2 ciclo sistema educativo di istruzione e formazione
Download
1 / 39

Schema di d.lgs. Riforma 2° ciclo Sistema educativo di istruzione e formazione - PowerPoint PPT Presentation


  • 171 Views
  • Uploaded on

Schema di d.lgs. Riforma 2° ciclo Sistema educativo di istruzione e formazione. Nuovo testo 11 aprile 2005. Art. 1. Unitarietà del segmento costituito dal sistema dei licei e dal sistema dell’istruzione e formazione professionale.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Schema di d.lgs. Riforma 2° ciclo Sistema educativo di istruzione e formazione' - orpah


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Schema di d lgs riforma 2 ciclo sistema educativo di istruzione e formazione

Schema di d.lgs. Riforma 2° cicloSistema educativo di istruzione e formazione

Nuovo testo 11 aprile 2005


Art 1
Art. 1

  • Unitarietà del segmento costituito dal sistema dei licei e dal sistema dell’istruzione e formazione professionale.

  • Lo Stato garantisce il livelli essenziali delle prestazioni del secondo ciclo.

  • Tutte le istituzioni del sistema educativo di istruzione e formazione sono dotate di autonomia.

  • I percorsi liceali e di IFP sono di pari dignità.


Art 11
Art. 1

  • I percorsi assicurano gli strumenti indispensabili per l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita.

  • Si può cambiare scelta tra i due sistemi.

  • Si acquisiscono crediti certificati attraverso la frequenza, con esito positivo, di qualsiasi segmento, compreso l’apprendistato.

  • Le corrispondenze tra crediti scolastici e crediti formativi di IFP sono definite in sede di Conferenza Unificata.


Art 12
Art. 1

  • Sono riconosciuti i crediti formativi conseguiti nelle attività sportive.

  • Al secondo ciclo si accede a seguito del superamento dell’esame di Stato relativo al 1° ciclo di istruzione.

  • I percorsi liceali e IFP possono essere realizzati in un’unica sede.


Art 2 finalit e durata
Art. 2 – Finalità e durata

  • I percorsi liceali si sviluppano in due periodi biennali e in un quinto anno di completamento e approfondimento.

  • Propedeuticità dei percorsi liceali.

  • I percorsi liceali realizzano i PECUP.

  • L’ammissione al quinto anno dà accesso all’IFTS.

  • I licei sono: artistico, classico, economico, linguistico, musicale e coreutico, scientifico, tecnologico e delle scienze umane.


Art 3 attivit educative e didattiche
Art. 3 – Attività educative e didattiche

  • L’orario è articolato in:

  • Attività e insegnamenti obbligatori.

  • Attività e insegnamenti obbligatori a scelta dello studente.

  • Attività e insegnamenti facoltativi.

  • Le ore a scelta dello studente servono prioritariamente a conseguire i livelli attesi dalle indicazioni nazionali.


Art 4 liceo artistico
Art. 4 – Liceo artistico

  • Il percorso si articola in:

  • Arti figurative;

  • Architettura, design, ambiente.

  • Audiovisivo, multimedia, scenografia.

  • Nel primo biennio l’orario annuale obbligatorio è di 1023 ore.


Art 4 liceo artistico1
Art. 4 – Liceo artistico

  • Lett. a): 627 ore nel secondo biennio e nel quinto anno.

  • Lett. b) e c): 693 ore.

  • L’OAO di indirizzo:

  • Lett. a):396 ore;

  • Lett. b) e c): 330 ore


Art 4 liceo artistico2
Art. 4 – Liceo artistico

  • L’orario annuale facoltativo (OAF) è di 165 ore per l’intera durata del percorso e per tutti gli indirizzi.


Art 5 liceo classico
Art. 5 – Liceo classico

  • L’OAO è di 891 ore nel primo biennio, 924 nel secondo biennio e di 825 nel quinto anno.

  • L’OAO a scelta dello studente è di 99 ore nel 1° biennio, 66 ore nel 2° biennio e di 99 ore nel quinto anno.

  • L’OAF è di 99 ore nel 2° biennio e di 66 ore nel quinto anno.


Art 6 liceo economico
Art. 6 – Liceo economico

  • A partire dal 2° biennio si articola in:

  • economico aziendale

    (nei settori: servizi, turismo, produzioni agro-alimentari, moda)

  • economico istituzionale

    (nelle dimensioni: locale, nazionale, europea e internazionale).


Art 6 liceo economico1
Art. 6 – Liceo economico

  • L’OAO è di 891 ore nel 1° e nel 2° biennio e di 825 ore nel quinto anno.

  • L’OAO a scelta dello studente è di 99 ore nel 1° biennio.

  • L’OAO di indirizzo è di 198 ore nel 2° biennio e di 165 nel 5° anno.

  • L’OAF è di 99 ore nel 2° biennio e nel 5° anno.


Art 7 liceo linguistico
Art. 7 – Liceo linguistico

  • L’OAO è di 891 ore nel 1° biennio, 924 nel 2° biennio e 825 nel quinto anno.

  • L’OAO a scelta dello studente è di 99 ore nel 1° biennio, 66 nel 2° e 99 nel 5° anno.

  • L’OAF è di 99 ore nel 2° biennio e di 66 ore nel 5° anno.


Art 7 liceo linguistico1
Art. 7 – Liceo linguistico

  • Dal primo anno del 2° biennio è previsto l’insegnamento in lingua inglese di una disciplina non linguistica.

  • Dal secondo anno del 2° biennio è previsto l’insegnamento nella seconda lingua comunitaria di una disciplina non linguistica compresa o nell’OAO o nell’OAO a scelta dello studente.


Art 8 liceo musicale e coreutico
Art. 8 – Liceo musicale e coreutico

  • L’OAO è di 594 ore nel 1° biennio, 660 ore nel 2° biennio e nel quinto anno.

  • Ad esso si aggiungono 330 ore nel 1° biennio e 363 ore nel 2° biennio e nel quinto anno.

  • L’OAO a scelta dello studente è di 165 ore nel 1° biennio e di 66 ore nel 2° biennio e nel quinto anno.


Art 9 liceo scientifico
Art. 9 – Liceo scientifico

  • L’OAO è di 891 ore nel 1° biennio, 924 nel 2° biennio e di 825 nel quinto anno.

  • L’OAO a scelta dello studente è di 99 ore nel 1° biennio, 66 nel 2° biennio e di 99 nel quinto anno.

  • L’OAF è di 99 ore nel 2° biennio e di 66 ore nel quinto anno.


Art 10 liceo tecnologico
Art. 10 – Liceo tecnologico

  • A partire dal 2° biennio si articola in:

  • Meccanico e meccatronico;

  • Elettrico ed elettronico;

  • Informatico e comunicazione;

  • Chimico e materiali;

  • Produzioni biologiche e biotecnol. alimentari.

  • Costruzioni, ambiente e territorio;

  • Logistica e trasporti.

  • Tecnologie tessili e dell’abbigliamento.


Art 10 liceo tecnologico1
Art. 10 – Liceo tecnologico

  • L’OAO è di 891 ore nel 1° biennio e di 759 nel 2° biennio e nel quinto anno.

  • L’OAO a scelta dello studente è di 99 ore nel 1° biennio;

  • L’OAO di indirizzo è di 330 ore nel 2° biennio e nel 5° anno.

  • L’OAF è di 99 ore per tutta la durata del percorso e per tutti gli indirizzi.


Art 11 liceo delle scienze umane
Art. 11 – Liceo delle scienze umane

  • L’OAO è di 891 ore nel 1° biennio, 924 nel 2° biennio e di 825 nel 5° anno.

  • L’OAO a scelta dello studente è di 99 ore nel 1° biennio, 66 nel 2° biennio e 99 nel 5° anno.

  • L’OAF è di 99 ore nel 2° biennio e di 66 ore nel 5° anno.


Art 12 organizzazione educativa e didattica
Art. 12 – Organizzazione educativa e didattica

  • Permanenza docenti nella sede di titolarità almeno per un periodo didattico.

  • L’insegnamento in lingua inglese di una disciplina del piano di studio.

  • Nell’ultimo anno del percorso di studio, nei percorsi liceali si definiscono con le Università le modalità per approfondire competenze, conoscenze e abilità.


Art 12 organizzazione educativa e didattica1
Art. 12 – Organizzazione educativa e didattica

  • Personalizzazione dei piani di studio.

  • Rapporto con le famiglie e le istituzioni sociali.

  • Funzione tutoriale.


Art 13 valutazioni e scrutini
Art. 13 – Valutazioni e scrutini

  • Frequenza di almeno tre quarti dell’orario annuale personalizzato complessivo.

  • Sostituzione degli esami di idoneità con la valutazione delle competenze, conoscenze e abilità comunque acquisite, da parte di commissioni costituite presso le istituzioni del sistema dei licei.


Art 14 esame di stato
Art. 14 – Esame di Stato

  • Per i percorsi liceali, l’esame si svolge su prove organizzate dalle commissioni d’esame e su prove predisposte dall’INVALSIF, sulla base degli obiettivi specifici di apprendimento del corso e delle discipline d’insegnamento dell’ultimo anno.


Art 15 livelli essenziali delle prestazoni
Art. 15 – Livelli essenziali delle prestazoni

  • Gli artt. da 15 a 18 disciplinano i Percorsi di Istruzione e Formazione Professionale.

  • L’iscrizione e la frequenza dei PIFP rappresentano assolvimento del diritto-dovere all’istruzione e formazione.

  • Nell’esercizio delle loro competenze esclusive, le Regioni assicurano i livelli essenziali delle prestazioni.


Art 15 livelli essenziali delle prestazioni
Art. 15 – Livelli essenziali delle prestazioni

  • I livelli essenziali costituiscono requisiti per l’accreditamento e l’attribuzione dell’autonomia alle istituzioni educative e formative.

  • I titoli e le qualifiche rilasciate alla conclusione dei PIFP di durata almeno quadriennale costituiscono titolo per l’accesso all’IFTS.

  • Gli stessi titoli,più un corso annuale realizzato d’intesa con i licei, consentono di sostenere l’esame di Stato.


Art 16 livelli essenziali dell offerta formativa
Art. 16 – Livelli essenziali dell’offerta formativa

  • Le Regioni assicurano quali livelli essenziali:

  • Il soddisfacimento della domanda di frequenza.

  • Orientamento e tutorato.

  • Permanenza in servizio dei docenti per almeno un periodo didattico.

  • Tirocini formativi ed esperienze di alternanza.


Art 17 livelli essenziali dell orario minimo e articolazione dei pf
Art. 17 – Livelli essenziali dell’orario minimo e articolazione dei PF

  • 990 ore annuali obbligatorie per i PF

  • I PF di durata triennale si concludono con un titolo di qualifica professionale.

  • I PF di durata almeno quadriennale si concludono con un titolo di diploma professionale.


Art 18 livelli essenziali degli obiettivi generali dei pifp
Art. 18 – Livelli essenziali degli obiettivi generali dei PIFP

  • Personalizzazione dei percorsi.

  • Nei primi due anni, la quota prevalente dell’orario complessivo obbligatorio, è destinata all’acquisizione di competenze linguistiche, matematiche, scientifiche, tecnologiche, storico sociali e economiche.

  • Raggiungimento delle competenze professionali.


Art 18 livelli essenziali degli obiettivi generali dei pifp1
Art. 18 – Livelli essenziali degli obiettivi generali dei PIFP

  • Insegnamento della religione cattolica e delle attività fisiche e motorie.

  • Le figure professionali sono definite mediante accordi in sede di Conferenza Unificata Stato – Regioni.

  • Le figure professionali possono essere articolate in profili professionali.

  • Gli standard minimi sono definiti in sede di Conferenza Unificata.


Art 19 livelli essenziali dei requisiti dei docenti
Art. 19 – Livelli essenziali dei requisiti dei docenti PIFP

  • Le Regioni assicurano che le attività educative e formative siano affidate a docenti in possesso di abilitazione e ad esperti con esperienza almeno quinquennale nel settore professionale di riferimento.


Art 20
Art. 20 PIFP

  • Le Regioni assicurano i livelli essenziali riferiti alla valutazione e certificazione delle competenze.

  • Ai fini della valutazione annuale e dell’ammissione agli esami è necessaria la frequenza di almeno tre quarti della durata del percorso.

  • Le competenze certificate sono registrate sul “libretto formativo del cittadino”


Art 21 livelli essenziali delle strutture e dei servizi
Art. 21- Livelli essenziali delle strutture e dei servizi PIFP

  • Le Regioni assicurano il rispetto dei requisiti.

  • Gli standard minimi sono definiti in sede di Conferenza Unificata


Art 22 valutazione
Art. 22 - Valutazione PIFP

  • Ai fini della verifica del rispetto dei livelli essenziali, i percorsi sono oggetto di valutazione da parte dell’INVALSIF.


Capo iv raccordo e continuit tra il primo e il secondo ciclo
CAPO IV – Raccordo e continuità tra il primo e il secondo ciclo

  • Art. 23- Insegnamento strumento musicale.

  • Art. 24 – Diffusione cultura musicale e valorizzazione dei talenti.

  • Art. 25 – Insegnamento dell’inglese e della seconda lingua comunitaria.

  • Art. 25 bis – Insegnamento delle scienze.

  • Art. 25 ter – Insegnamento della informatica nel primo ciclo.


Capo iv norme transitorie e finali
CAPO IV – Norme transitorie e finali ciclo

  • Art. 26 – Passaggio al nuovo ordinamento

  • Gli accordi tra Stato e Regioni sono sanciti entro il 31 dicembre 2005.

  • I percorsi liceali e i PF sono attivati contestualmente a partire dal 2006-2007.


Art 27 trasferimento di competenze alle regioni
Art. 27 – Trasferimento di competenze alle Regioni ciclo

(DA DEFINIRE IN SEDE DI GOVERNO )


Art 28
Art. 28 ciclo

Gradualità dell’attuazione del diritto-dovere all’istruzione e alla formazione


Art 29
Art. 29 ciclo

(Disposizioni particolari per le

Regioni a statuto speciale e le

Province autonome di

Trento e Bolzano)


Art 30
Art. 30 ciclo

(Norma di copertura)


ad