19.00
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 68

19.00 PowerPoint PPT Presentation


  • 155 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

19.00. Santa Caterina da Siena. ORAZIONE XI. NEL GIORNO DELL’ANNUNCIAZIONE. Roma 25 marzo 1379, fatta in astrazione. O Maria, Maria tempio della Trinità! O Maria portatrice del fuoco! Maria porgitrice di misericordia. Maria germinatrice del frutto,

Download Presentation

19.00

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


19 00

19.00


19 00

Santa Caterina da Siena


19 00

ORAZIONE XI


19 00

NEL GIORNO

DELL’ANNUNCIAZIONE

Roma 25 marzo 1379, fatta in astrazione


19 00

O Maria, Maria tempio della Trinità!

OMaria portatrice del fuoco!

Maria porgitrice di misericordia.

Maria germinatrice del frutto,

Maria ricompratrice dell'umana generazione,

perché sostenendo la carne tua

nel Verbo fu ricomprato il mondo:

Cristo ricomprò con la sua passione

e tu col dolore del corpo e della mente.


19 00

O Maria mare pacifico,

Maria donatrice di pace,

Maria terra fruttifera.

Tu, Maria, sei quella pianta novella

della quale abbiamo il fiore odorifero

del Verbo unigenito Figliuolo di Dio,

però che in te, terra fruttifera,

fu seminato questo Verbo.

Tu sei la terra e sei la pianta.


19 00

O Maria carro di fuoco,

tu portasti il fuoco nascosto e velato

sotto la cenere della tua umanità.


19 00

O Maria vasello d'umilità,

nel quale vasello sta e arde

il lume del vero conoscimento,

col quale tu levasti te sopra di te,

e però piacesti al Padre eterno,

onde egli ti rapì e trasse a sé

amandoti di singolare amore.


19 00

Con questo lume e fuoco della tua carità

e con l'olio della tua umiltà

traesti tu e inchinasti la divinità sua

a venire in te,

benché prima fu tratto

da l'ardentissimo fuoco

della sua inestimabile carità

a venire a noi.


19 00

O Maria, perché tu avesti questo lume, però non fosti stolta ma prudente,

onde con prudenza volesti investigare dall'angelo come fosse possibile quello che t'annunciava.

E non sapevi tu che questo era possibile all'onnipotente Dio?

Certo sì, senza veruna dubitazione.


19 00

Dunque perché dicevi quoniam virum non cognosco – perché non conosco uomo?

Non perché tu mancassi in fede, ma per la tua profonda umiltà, considerando la indegnità tua;

ma non che tu dubitassi che questo fosse possibile appresso Dio.


19 00

Maria, fosti tu conturbata nella parola dell'angelo per paura?

Non pare, se io riguardo nel lume, che per paura tu fossi conturbata,

benché tu mostrassi alcun atto d'ammirazione ed alcuna conturbazione.


19 00

Adunque, di che ti meravigli?

Della grande bontà di Dio la quale tu vedevi;

e considerando te medesima, quanto tu ti conoscevi indegna a tanta grazia eri stupefatta;

dunque nella considerazione della indegnità e infermità tua

e della ineffabile grazia di Dio diventasti ammirata e stupefatta.


19 00

Così domandando tu con prudenza

dimostri la profonda umiltà tua;

e, come detto è,

non avesti timore, ma ammirazione

della smisurata bontà e carità di Dio

per la bassezza e piccolezza

della virtù tua.


19 00

Tu, o Maria,

sei fatta libro

nel quale oggi è scritta

la regola nostra.


19 00

In te oggi è scritta

la sapienzia del Padre eterno,

in te si manifesta oggi

la fortezza e libertà dell'uomo.


19 00

Dico che si mostra

la dignità dell'uomo

però che se io riguardo

in te, Maria,

veggo che la mano dello Spirito santo

ha scritta in te la Trinità,


19 00

Formando in te

il Verbo incarnato,

unigenito Figliuolo

di Dio:


19 00

Ci scrisse la sapienza del Padre,

cioè il Verbo;

ci ha scritto la potenza,

però che fu potente a fare questo grande mistero;

e ci ha scritto la clemenza dello Spirito santo,

che solo per grazia e clemenza divina

fu ordinato e compito tanto mistero.


19 00

Se io considero il grande consiglio tuo, Trinità eterna,

veggo che nel lume tuo vedesti la dignità e nobiltà dell'umana generazione;

onde, sì come l'amore ti costrinse a trarre l'uomo di te,

così quel medesimo amore ti costrinse a ricomprarlo, essendo perduto.


19 00

Ben dimostrasti che tu amasti l'uomo prima che egli fosse, quando tu lo volesti trarre di te solo per amore;

ma maggiore amore gli mostrasti dando te medesimo, rinchiudendoti oggi nel vile saccuccio della sua umanità.

E che più gli potevi dare, che dare te medesimo?

Onde veramente tu gli puoi dire: Che t'ho io dovuto o potuto fare che io non l'abbi fatto?


19 00

Così veggo che ciò che la sapienza tua vide in quel grande ed eterno consiglio che fosse da fare per la salute dell'uomo,

la clemenza tua volle e la potenza tua l'ha oggi adempito,

sì che nella salute nostra s'accordò in quel consiglio la potenza, la sapienza e la clemenza tua, o Trinità eterna;


19 00

in quel consiglio la grande misericordia tua voleva fare misericordia alla fattura tua,

e tu, Trinità eterna, volevi compire in lei la verità tua di darle vita eterna,

che per questo l'avevi creata, acciocchè partecipasse e godesse di te.


19 00

Ma a questo la giustizia tua contraddiceva, allegando nel grande consiglio che, sì come la misericordia t'è propria,

così la giustizia, la quale giustizia tua permane in eterno;

onde, perché la tua giustizia non lascia nessun male impunito, sì come nessun bene non remunerato,

non si poteva salvare perché non poteva soddisfare a te della colpa sua.


19 00

Che modo trovasti, Trinità eterna,

acciocchè s'adempisse la tua verità e facessi misericordia all'uomo,

e che fosse soddisfatto alla giustizia tua?

Che rimedio ci hai dato?

O ecco fatto rimedio: tu disponesti di darci il Verbo dell'unigenito tuo Figliuolo,


19 00

e che pigliasse la massa della carne nostra che t'aveva offeso

acciocchè, sostenendo egli in essa umanità, fosse soddisfatto alla tua giustizia,

non in virtù dell'umanità, ma in virtù della deità unita in essa.

E così fu fatto e fu adempita la verità tua e saziata la giustizia e la misericordia.


19 00

O Maria, io veggo questo Verbo dato a te essere in te, e non di meno non è separato dal Padre,

sì come la parola che l'uomo ha nella mente che, benché ella sia profferta di fuori e comunicata ad altri,

non si parte però né è separata dal cuore.

In queste cose si dimostra la dignità dell'uomo, per cui Dio ha operate tante e sì grandi cose.


19 00

In te ancora, o Maria, si dimostra oggi la fortezza e libertà dell'uomo,

perché, dopo la deliberazione di tanto e sì grande consiglio,

è mandato a te l'angelo ad annunciarti il mistero del consiglio divino e cercare la volontà tua,

e non discese nel ventre tuo il Figliuolo di Dio prima che tu lo consentissi con la volontà tua.


19 00

Aspettava alla porta della tua volontà

che tu gli aprissi,

che voleva venire in te;

e giammai non vi sarebbe entrato

se tu non gli avessi aperto dicendo:

«Ecco l'ancella del Signore,

sia fatto a me

secondo la parola tua».


19 00

Dunque manifestamente si dimostra la fortezza e libertà della volontà,

che né bene né male veruno si può fare senza la volontà;

e non è demonio né creatura che possa costringerla a colpa di peccato mortale se ella non vuole,

né ancora può essere costretta ad adoperare verun bene più che ella si voglia,

sì che la volontà dell'uomo è libera, che nessuno la può costringere a male né a bene se ella non vuole.


19 00

Picchiava, o Maria, alla porta tua la deità eterna,

ma se tu non avessi aperto l'uscio della volontà tua non sarebbe Dio incarnato in te.

Vergognati, anima mia, vedendo che Dio oggi ha fatto parentado con te in Maria.

Oggi t'è mostrato che benché tu sia fatta senza te non sarai salvata senza te;

onde, come detto è, oggi bussa Dio alla porta della volontà di Maria e aspetta che ella gli apra.


19 00

O Maria, dolcissimo amore mio,

in te è scritto il Verbo

dal quale noi abbiamo la dottrina della vita;

tu sei la tavola

che ci porgi quella dottrina.

Io veggo questo Verbo,

subito che egli è scritto in te,

non essere senza la croce

del santo desiderio;


19 00

ma subito che egli fu concepito in te

gli fu innestato ed annesso il desiderio di morire per la salute dell'uomo, per la quale si era incarnato;

onde grande croce gli fu a portare tanto tempo quel desiderio

il quale egli avrebbe voluto che subito si fosse adempito.


19 00

A te ricorro, Maria,

e a te offro la petizione mia

per la dolce sposa di Cristo dolcissimo tuo figliuolo

e per il vicario suo in terra,

che gli sia dato lume

sì che con discrezione tenga il modo debito

atto per la riformazione della santa chiesa.


19 00

Si unisca ancora il popolo insieme, e si conformi il cuore del popolo col suo,

sì che mai non si levi contro il capo suo.

Pare a me che tu, Dio eterno, abbi fatto di lui una incudine,

che ognuno lo percuote con la lingua e con le opere quanto può.


19 00

Anco ti prego per quelli che tu hai messi nel desiderio mio con singolare amore,

che tu arda i cuori loro sì che siano carboni non spenti ma accesi ed affocati nella carità tua e del prossimo,

sì che nel tempo del bisogno essi abbino le navicelle loro ben fornite per loro e per altrui.


19 00

Io ti prego per quelli e quali tu m'hai dati,

benché io non sia loro cagione di verun bene, ma sempre di male,

perché io non sono loro specchio di virtù

ma di molta ignoranza e di negligenza.


19 00

Ma oggi io domando arditamente

perché è il dì delle grazie

e so che a te, Maria,

nessuna cosa è negata.

O Maria,

oggi la terra tua

ha germinato a noi il Salvatore.


19 00

Peccavi Domino

tutto il tempo della vita mia,

peccavi Domino;

miserere mei,

dolcissimo ed inestimabile amore.


19 00

O Maria, benedetta sia tu tra tutte le femmine in seculum seculi – per tutti i secoli, che oggi tu ci hai dato della farina tua.

Oggi la deità è unita ed impastata con l'umanità nostra sì fortemente che mai non si potè separare, né per morte né per nostra ingratitudine, questa unione;


19 00

anco sempre fu unita la deità, eziandio col corpo nel sepolcro e con l'anima nel limbo,

e insieme con l'anima e con il corpo in Cristo.

Per sì fatto modo fu contratto e congiunto questo parentado, che sì come mai non fu diviso,

così in perpetuo mai non si discioglierà. Amen.


  • Login