Assertivita comportamento assertivo e comunicazione assertiva l.jpg
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 57

ASSERTIVITA’, COMPORTAMENTO ASSERTIVO E COMUNICAZIONE ASSERTIVA PowerPoint PPT Presentation


  • 765 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

ASSERTIVITA’, COMPORTAMENTO ASSERTIVO E COMUNICAZIONE ASSERTIVA. Dott. Roberto Cavaliere. assertività:. dal latino “ad serere”, condurre a sé "asserere”, asserire

Download Presentation

ASSERTIVITA’, COMPORTAMENTO ASSERTIVO E COMUNICAZIONE ASSERTIVA

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Assertivita comportamento assertivo e comunicazione assertiva l.jpg

ASSERTIVITA’, COMPORTAMENTO ASSERTIVO E COMUNICAZIONE ASSERTIVA

Dott. Roberto Cavaliere


Assertivit l.jpg

assertività:

  • dal latino “ad serere”, condurre a sé

  • "asserere”, asserire

  • Asserzione, o affermazione di sé, è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro ed efficace le proprie emozioni e opinioni.


Adsertivness l.jpg

adsertivness

  • capacità di una persona di  comunicare  un ordine, un’opinione, un giudizio , ma anche una lezione, una esposizione, scrivere una lettera…

    in modo da non lasciare molto spazio a titubanze, obiezioni,  dissensi


Asserire non significa sostenere una versione non condivisa l.jpg

“asserire” non significa sostenere una versione non condivisa.

se qualcuno ci dice “L’uomo alla guida asserisce che il semaforo fosse ancora giallo” dentro di noi sorge subito il dubbio che giallo non fosse.

L’assertività è esattamente il contrario: quando l’assertivo dice qualcosa, a nessuno viene in mente di metterla in dubbio.


L assertivo non l.jpg

l’assertivo non è:

  • Una persona prepotente, supponente, che non accetta il dialogo e impone a tutti i costi le sue idee: l’ assertivo non ha bisogno di annientare nessuno.

  • Una persona esitante o titubante, o che parla con giri di parole: va diritto allo scopo. Il suo linguaggio è diretto.

    Ciascuno possiede un proprio grado di assertività.


L assertivit non una caratteristica costante della persona l.jpg

L’assertività non è una caratteristica costante della persona:

...si può essere assertivi solo per un certo periodo del giorno, dell’anno e della vita. 

Per avere delle certezze bisogna arrivarci: occorre passare dal dubbio e dall’ascolto


Assertivita l.jpg

ASSERTIVITA’ è..

capacità di esprimere i propri sentimenti; scegliere come comportarsi in un dato contesto; difendere i propri diritti quando necessario; aumentare la propria autostima; sviluppare una sana dose di sicurezza in sé; esprimere serenamente un’opinione di disaccordo quando si ritiene opportuno; portare avanti i propri piani che richiedono una modifica dei propri comportamenti…


E ancora l.jpg

…e ancora…

…chiedere agli altri di modificare i loro comportamenti quando vengono percepiti come fuori luogo o offensivi.

…in modo propositivo, costruttivo e positivo .

  • approccio che ci mette in condizione di gestire in modo positivo e costruttivo i rapporti interpersonali.

  • tecnica che può essere appresa e, con la pratica, diviene una capacità che può essere migliorata


Essere assertivi l.jpg

Essere assertivi…

  • tenere un comportamento partecipe e proattivo, non reattivo

  • avere un atteggiamento responsabile e fiducioso verso se stessi e gli altri

  • essere capaci di affermare i propri diritti riconoscendo quelli degli altri

  • cercare di non essere giudicanti verso situazioni o persone

  • essere in grado di comunicare in situazioni di confronto in maniera chiara e diretta ma non aggressiva


Essere assertivi serve a l.jpg

Essere assertivi serve a

  • Parlare in pubblico o con persone con cui non si ha famigliarità

  • Fare richieste, chiedere favori

  • Far valere i propri diritti, farsi rispettare

  • Esprimere emozioni negative, lamentele, risentimenti, critiche, disaccordo o il desiderio di essere lasciato in pace

  • Rifiutare richieste, dire di no

  • Esprimere emozioni positive, di gioia, orgoglio, attrazione, piacere.

  • Fare complimenti


E ancora a l.jpg

…e ancora a..

  • Accettare i complimenti degli altri, senza negare o minimizzare

  • Chiedere spiegazioni, chiarimenti

  • Mettere in discussione gli atteggiamenti autoritari o basati sulla tradizione

  • Conversare in maniera sicura e rilassata, esprimendo e condividendo opinioni, emozioni, esperienze

  • Affrontare le seccature, i conflitti, lo stress sociale…

    senza incorrere in comportamenti aggressivi distruttivi o dannosi per la relazione.


Passivit aggressivit assertivit l.jpg

Passività, aggressività, assertività

giusto equilibrio tra due polarità: da una parte il comportamento passivo, dall'altra il comportamento aggressivo.


Assertivit non passivit non aggressivit l.jpg

Assertività non è passività, non è aggressività

La persona assertiva è meno paurosa, meno timida, meno passiva.

La persona assertiva è meno aggressiva, meno arrabbiata, meno ansiosa


Il tipo passivo l.jpg

il tipo passivo

  • pensa più ad accontentare gli altri che non se stesso, è facilmente influenzabile e subisce le situazioni senza opporsi

  • ha un'elevata ansia sociale, non riesce ad esprimere adeguatamente i propri bisogni e le proprie esigenze.

  • desidera ottenere il consenso di tutti ed evitare qualsiasi forma di contrasto con gli altri

  • Antepone i bisogni altrui ai propri


Linguaggio del corpo del tipo passivo l.jpg

Linguaggio del corpo del tipo passivo

Postura:

• Curva • Accasciata • Piegata

Espressione del volto:

• Vuota • Sorriso di convenienza • Disinteressata • Paurosa

Occhi:

• Rivolti verso il basso • Ridotto contatto oculare

Voce:

• Bassa • Esitante/lenta • Debole • Veloce (quando si è timorosi o ansiosi)

Gestualità:

• Smaniosa • Accennare l'assenso col capo • Pizzicarsi velocemente • Torcersi le mani


Il tipo aggressivo l.jpg

il tipo aggressivo

  • non rispetta i limiti degli altri

  • concentrato sui propri desideri senza badare a coloro che gli sono intorno.

  • utilizza qualsiasi mezzo a propria disposizione, anche distruttivo e violento

  • tende a dominare gli altri e l'unico obiettivo che si pone è il potere personale e sociale.

  • Antepone i propri bisogni a quelli altrui


Linguaggio del corpo del tipo aggressivo l.jpg

Linguaggio del corpo del tipo aggressivo

Postura:

• Rigida • Pugni serrati • Denti stretti

Espressione del volto:

• Mascelle serrate • Fugace • Minaccioso • Sguardi di traverso • Viso teso

Occhi:

• Fissi • Sporgenti • Vitrei

Voce:

• Veloce e ad alto volume • Tagliente • Tono acuto • Colore duro e presuntuoso

Gestualità:

• “Affettata” • Accusatoria (puntare il dito) • Invadente lo spazio personale • Tesa


Essere aggressivo essere assertivo l.jpg

Impulsivo

Desideroso di dominare l’altro.

Invadente

Cattivo ascoltatore

Colpevolizzante

Riflessivo

Orientato allo scopo

Tollerante

Paziente

Buon ascoltatore

Non colpevolizzante

Essere Aggressivo Essere Assertivo


Capacit di ascolto l.jpg

Capacità di ascolto

mentre la persona aggressiva giudica e critica..

..e quella passiva è eccessivamente accondiscendente

quella assertiva è aperta e dà la giusta considerazione a colui che sta parlando.

Per far questo, si serve di "messaggi di ricezione" di ciò che viene detto, parafrasando quello che gli viene comunicato e sintetizzando ciò di cui si sta discutendo


Presupposti necessari per un comportamento assertivo l.jpg

Presupposti necessari per un comportamento assertivo

buona immagine di sé (autostima)

adeguata comunicazione

libertà espressiva

capacità di rispondere alle richieste e alle critiche

capacità di dare e di ricevere apprezzamenti

capacità di sciogliere i conflitti


Essere assertivi significa l.jpg

Essere assertivi significa..

  • comunicare in maniera appropriata i propri pensieri, le proprie idee, le proprie opinioni, i propri sentimenti..

  • rendere espliciti i propri bisogni, le proprie richieste, le proprie necessità..

  • esprimere un'opinione, anche quando è contraria a quella dell'interlocutore.

  • confronto

  • umiltà

    La persona assertiva non cerca di vincere e prevaricare sull'altro; semplicemente cerca di risolvere i problemi e di ottenere il risultato migliore per tutti.


Le persone assertive l.jpg

Le persone assertive

  • usano pronomi personali e verbi incisivi

  • non provano difficoltà a manifestare il proprio disappunto verso l'interlocutore e non mascherano le proprie emozioni.

  • non mostrano incongruenza fra comunicazione verbale e corporea

    La comunicazione è “autentica”, franca, diretta.


Caratteristiche dell individuo assertivo l.jpg

caratteristiche dell'individuo assertivo

a livello cognitivo- verbale

  • comunicazione chiara e diretta.

  • esprime onestamente le sue opinioni e sensazioni.

  • non è manipolativo.

  • cerca di comprendere il messaggio dell'interlocutore.  

  • se non comprende chiede chiarimenti  


Linguaggio del corpo del tipo assertivo l.jpg

Linguaggio del corpo del tipo assertivo

Postura:

• Eretta • Rilassata • Aperta

Espressione del volto:

• Coinvolta • Interessata • Sensibile • Comprensiva

Occhi:

• Contatto oculare diretto

Voce:

• Chiara • Rilassata • Amichevole • Ben calibrata • Non sforzata

Gestualità:

• Aperta • Mani che non superano l'altezza dei gomiti • Spalle diritte


Primo livello dell assertivit l.jpg

primo livello dell’assertività

capacità di riconoscere le emozioni, il cui obiettivo riguarda l'autonomia emotiva e la percezione delle emozioni senza il coinvolgimento negativo legato alla presenza di altre persone (arrossire, balbettare, vergognarsi, ecc.).


Secondo livello l.jpg

secondo livello

libertà espressiva, cioè capacità di comunicare emozioni e sentimenti, anche negativi, attraverso molteplici strumenti comunicativi

controllo delle reazioni motorie senza che queste siano alterate o inibite dall'ansia e dalla tensione.


Terzo livello l.jpg

terzo livello

consapevolezza dei propri diritti, cioè rispetto per sé e per gli altri

la distinzione tra i comportamenti aggressivi, passivi e assertivi si fonda sui diritti e sul principio di reciprocità.


Quarto livello l.jpg

quarto livello

disponibilità ad apprezzare se stessi e gli altri

stima di sé

capacità di valorizzare gli aspetti positivi dell'esperienza con una visione funzionale e costruttiva del proprio ruolo sociale


Ultimo livello l.jpg

!ultimo livello!

capacità di auto-realizzarsi

decidere sul fine e sugli scopi della propria vita.


Comunicazione assertiva l.jpg

comunicazione assertiva

  • comportamento partecipe attivo e non "reattivo”

  • atteggiamento responsabile, caratterizzato da piena fiducia in sé e negli altri

  • piena e completa manifestazione di sé stessi, funzionale all'affermazione dei propri diritti senza la negazione di quelli altrui e senza ansie o sensi di colpa


Comunicazione assertiva31 l.jpg

comunicazione assertiva

  • atteggiamento non censorio avulso dall'uso di etichette, stereotipi e pregiudizi

  • capacità di comunicare i propri sentimenti in maniera chiara e diretta ma non minacciosa o aggressiva.


Componenti dell assertivit l.jpg

Componenti dell’assertività

AUTOSTIMA E FIDUCIA IN SE STESSI

OBIETTIVI CHIARI

SAPER ASCOLTARE

SAPER ASSUMERE RISCHI

SAPER DIRE DI NO

SAPER AMMETTERE GLI SBAGLI

CRITICARE IN MANIERA COSTRUTTIVA


E infine assunzione di responsabilit l.jpg

..e infineassunzione di responsabilità

Consapevolezza delle conseguenze delle proprie azioni che consente di modulare in base ad esse le proprie scelte


Lo stile assertivo l.jpg

LO STILE ASSERTIVO

ascolto attivo

riformulazione

descrizione non valutativa, né interpretativa, del comportamento

accettazione ed espressione del sentimento, positivo o negativo

indicazione degli effetti prodotti dal comportamento


Lo stile assertivo35 l.jpg

LO STILE ASSERTIVO

“ Quando intervieni così spesso, mi sento a disagio perché … “

“ Il fatto che Lei mi interrompa spesso quando parlo, mi irrita perché … “

“ Ho notato che alcune volte non presti attenzione a quanto sto dicendo e ciò mi dispiace perché … “

  • “ Quando intervieni così spesso (descrizione non valutativa del comportamento), mi sento a disagio (espressione del sentimento), perché non ho spazio alcuno per esprimere le mie idee (indicazione degli effetti)


Il messaggio assertivo l.jpg

il messaggio assertivo è

DIRETTO

non “molti pensano che” ma “io penso che”,

non “non è normale che” ma

“non sono d’accordo col tuo modo di comportarti”


Il messaggio assertivo37 l.jpg

il messaggio assertivo è..

ONESTO, senza ambiguità

COERENTE con il linguaggio corporeo

ADEGUATO alla situazione


Lo stile assertivo38 l.jpg

Lo stile assertivo

mantiene e favorisce lo scambio comunicativo tra le persone, garantendo una crescente disponibilità al dialogo ed al confronto.


Saper dire di no l.jpg

SAPER DIRE DI NO

NO secco ed inappellabile

NO  ragionato

NO  empatico


La tecnica del disco rotto l.jpg

LA TECNICA DEL DISCO ROTTO

La tecnica del disco rotto è una forma di difesa efficace nei confronti di quelle situazioni comunicative nelle quali l’interlocutore pretende di farci cambiare opinione, oppure vuole manipolarci.

L’unico vero ostacolo all’uso corretto di tale tecnica sta nel controllo delle proprie emozioni.


La tecnica del disco rotto41 l.jpg

LA TECNICA DEL DISCO ROTTO

ripetere più volte il proprio punto di vista, senza cambiare né le parole, né tanto meno la qualità dell’eloquio

scegliere una frase breve e usarla in modo ossessivo, indipendentemente da quello che dice l’interlocutore

la frase scelta deve essere inviata all’interlocutore ogniqualvolta sia possibile. Il rischio è quello di lasciarsi irretire dall’altro, ma bisogna resistere


La tecnica del disco rotto42 l.jpg

LA TECNICA DEL DISCO ROTTO

la frase deve essere detta in modo calmo e rilassato..

..il linguaggio del corpo non deve tradire alcuna emozione negativa (collera, indignazione, ecc.)..

..evitare d’incrociare lo sguardo: guardare l’altro è un incentivo alla continuazione di un dialogo indigesto..

..non temere il silenzio! Durante le pause l’altro ha la possibilità di decidere lo sganciamento.


L asserzione negativa l.jpg

L’ASSERZIONE NEGATIVA

Tecnica usata per proteggersi da critiche ed attacchi che, pur essendo giustificati, vanno in qualche modo sopra le righe.

“Lei ha mai incontrato una persona che, dopo averle fatto notare uno o più errori da lei commessi, continua a martirizzarla al solo scopo di svilirla e demoralizzarla?”


L asserzione negativa44 l.jpg

L’ASSERZIONE NEGATIVA

Rispondere in modo aggressivo serve solo a peggiorare la qualità del rapporto, trasformandolo in un penoso gioco di accuse reciproche.

Se poi la sua risposta sarà stata un’accettazione passiva delle reiterate affermazioni dell’interlocutore, allora lei gli avrà definitivamente dato partita vinta.

Si perde parte della propria autostima e si rinforza lo stile aggressivo dell’altro.


Tecnica dell asserzione negativa l.jpg

TECNICA DELL’ASSERZIONE NEGATIVA

la persona criticata ammette l’errore e mostra disponibilità al cambiamento:

“ Vedo che ho commesso numerosi errori”,

“ E’ vero che ho difficoltà a studiare”;

“ Mi piacerebbe proprio migliorare il mio metodo di studio.


Tecnica del fogging l.jpg

TECNICA DEL FOGGING

Consiste nel prestare attenzione a ciò che l’interlocutore sta dicendo, non quindi a quanto pensiamo che lui stia pensando. I dati sono quindi le parole dell’altro, non i suoi pensieri.

La risposta automatica sarebbe quella del contrattacco, oppure della risposta sarcastica e colpevolizzante


Tecnica dello smoking l.jpg

TECNICA DELLO SMOKING

Effetto fumo:

depista e allontana l’interlocutore da certi argomenti che non vorremmo discutere con lui

ostacola curiosità malevoli

impedisce di penetrare all’interno di argomenti che si vogliono tutelare


L inchiesta negativa l.jpg

L’INCHIESTA NEGATIVA

Si chiede all’interlocutore di abbandonare la tonalità emotiva con cui le critiche vengono spesso condite per indicare con esattezza gli elementi su cui vi è disaccordo.

depotenzia la carica deleteria presente in critiche che mirano solo a svilirci, senza fornirci un feedback adeguato


Indicazione di un eventuale discrepanza l.jpg

INDICAZIONE DI UN’EVENTUALE DISCREPANZA

evidenziare il mancato rispetto di una consegna o di un accordo segnalando il proprio interessamento, volto a scoprirne le cause e a fornire un eventuale aiuto.


Slide50 l.jpg

  • “Alessandro eravamo d’accordo che avresti eseguito i compiti per casa che ti avevo assegnato. Vedo che in realtà non li hai eseguiti. Ci sono stati dei problemi? Degli ostacoli imprevisti?”

  • “ Il dirigente ha deciso che una certa pratica gli sia consegnata da Mariella entro le 15.00. Sono ora le 15.30 e Mariella non si è ancora presentata. Ecco l’intervento: “Mariella, le avevo assegnato un’ora ben precisa per completare la pratica. Ci sono dei problemi imprevisti? Posso aiutarla?


Tipologia dei messaggi assertivi l.jpg

TIPOLOGIA DEI MESSAGGI ASSERTIVI

  • I messaggi assertivi particolarmente rilevanti sono:

  • Formulare e ricevere complimenti

  • Formulare e ricevere critiche


Tipologia dei messaggi assertivi52 l.jpg

TIPOLOGIA DEI MESSAGGI ASSERTIVI

  • FORMULARE E RICEVERE I COMPLIMENTI:

    Ha mai fatto caso? Tendiamo inesorabilmente ad esprimere sul conto degli altri critiche e commenti sgradevoli, piuttosto che ad evidenziare i meriti o gli aspetti positivi ed a renderli espliciti. Le ragioni? La competitività, l’educazione sociale che abbiamo ricevuto dalla famiglia, dalla scuola, dai mass media, ecc.

    Gratificarci l’un l’altro, quando i sentimenti che stanno alla base sono sinceri, è un modo davvero alla portata di tutti per migliorare sensibilmente la qualità della vita in famiglia, a scuola, nel mondo del lavoro, ecc. che si aspetta allora?


Tipologia dei messaggi assertivi53 l.jpg

TIPOLOGIA DEI MESSAGGI ASSERTIVI

  • Il complimento di “plastica”: valutazioni formalmente positive, ma che vengono espresse in un modo così svilente ed artificiale da trasformarle in oltraggio o quasi. Essi sono formulati da chi ha potere su altre persone: genitori, manager, dirigenti … espressi mentre l’emittente è occupato a sbrigare altre faccende, concedendo in tal modo un’attenzione del tutto fuggevole al destinatario dell’apprezzamento.


Tipologia dei messaggi assertivi54 l.jpg

TIPOLOGIA DEI MESSAGGI ASSERTIVI

  • Il complimento “al curry”, dolce all’inizio e intollerabile alla fine. “ Hai svolto bene il compito. Davvero non m’aspettavo tanto da te”. “Te la sei cavata piuttosto bene! Per uno come te “ E’ una duratura e latente disistima nei confronti dell’altro “non illuderti, oggi hai fatto bene, ma ai miei occhi vali sempre poco.


Il complimento assertivo l.jpg

Il complimento “assertivo”.

Alla sua base vi è il genuino apprezzamento nei confronti della prestazione o del comportamento dell’interlocutore e si esprime con parole precise e specifiche, es: ho completato la lettura del suo ultimo libro. Ho apprezzato la chiarezza con cui le sue idee vengono espresse, ho ammirato la sua capacità di mantenere elevato il mio interesse. Il complimento specifica cosa è piaciuto il libro e perché, non è generico che sa di adulazione.


Formulare e ricevere critiche l.jpg

FORMULARE E RICEVERE CRITICHE

  • Saper criticare, è uno dei nuclei portanti

  • Il formulare la critica in modo non adeguato produce conseguenze negative, che vanno dal risentimento alla frustrazione, da un peggioramento dell’autostima nella persona mal criticata al desiderio di vendetta


Formulare e ricevere critiche57 l.jpg

FORMULARE E RICEVERE CRITICHE

  • Formulare critiche in modo corretto motiva la persona,ne migliora le prestazioni future e rendere più positivo il clima relazionale.

  • La critica va focalizzata sulla prestazione e non sulla persona, che va pienamente rispettata.

  • La critica è utile se permette di far identificare i punti sui quali l’interlocutore farebbe bene a riflettere ed a fornire l’aiuto necessario a far sì che allievo o collaboratore non cadano in quello stesso tipo di errori nelle loro future prestazioni.

  • Si sottolinea la continua disponibilità a fornire aiuto e suggerimenti per eventuali difficoltà future.


  • Login