Microclima
Download
1 / 15

Microclima - PowerPoint PPT Presentation


  • 190 Views
  • Uploaded on

Microclima. Introduzione. Benessere termico: stato di piena soddisfazione del soggetto nei confronti dell’ambiente termico Problematiche degli ambienti termici moderati “ “ “ severi 1919 definizione della temperatura effettiva 1940-45 studi sullo stress termico

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Microclima' - neva


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Introduzione
Introduzione

  • Benessere termico: stato di piena soddisfazione del soggetto nei confronti dell’ambiente termico

    • Problematiche degli ambienti termici moderati

    • “ “ “ severi

  • 1919 definizione della temperatura effettiva

  • 1940-45 studi sullo stress termico

  • anni ’60 Fanger  benessere termico


Bilancio termico

M +/- C +/- R +/- E = O

Omeotermia T. 36,7 +/- 0,2

Scambio termico

1.     conduzione – scarsa nell’uomo – limitata a mani e piedi 3%

  • 2.     convezione – costituisce il 28% dello scambio termico

  • 3.     irraggiamento - costituisce il 40% dello scambio termico attraverso onde elettromagnetiche

  • 4.     evaporazione (alveoli

  • 5.     Sudorazione

  • M = 1 +/- 2 +/- 3


Omeotermia è funzione del

1.     microclima

2.     attività svolta W/m2

3.     indumenti indossati clo


Misura della temperatura
Misura della temperatura

T. a liquido

T. a termistore

T. metallico

T. a bulbo umido


Misura della velocit dell aria
Misura della velocità dell’aria

Anemometro a paletta

Anemometro a filo caldo

Catatermometro ad alta temperatura


Misura della umidit
Misura della umidità

Importanza della umidità relativa

Igrometri a capello

Psicrometro di Assmann


Misura della radiazione termica
Misura della radiazione termica

Globotermometro di Vernon

Rilevatore di temperatura radiante asimmetrica


Indici di stress termico
Indici di Stress Termico

1. TEC (Yaglou 1920)

T° ed Umidità corretti per la ventilazione

Si usano il globotermometro e dei nomogrammi appositi

Utile anche per ambienti termici severi



Indici di stress termico1
Indici di Stress Termico

2. WBGT

  • Molto utilizzato per la sua semplicità (proposta ACGIH)

    0.7 WB + 0.2 GT + 0.1 DB (all’aperto)

    0.7 WB + 0.3 GT (al chiuso)

    WB – bulbo umido GT – globotermometro DB – bulbo secco


Hsi heat stress index
HSI (Heat stress index)

E’ il Rapporto tra sudore necessario e sudore producibile nell’individuo

IMPLICAZIONI FISIOLOGICHE PER ESPOSIZIONI DI 8 ORE

0 Assenza di "affaticamento" calorico

da +10 a +30 Lieve e moderato "affaticamento" calorico. Se il lavoro comporta funzioni intellettuali superiori, prontezza, attenzione, c’è da attendersi un sostanziale calo delle prestazioni. Nell’esecuzione di un lavoro fisico pesante, c’è da attendersi un lieve calo in soggetti capaci di svolgere tale attività in ambienti a microclima confortevole in maniera efficiente.

da +40 a +60 Severo "affaticamento caloricoche comporta una minaccia alla salute se l’uomo non è fisicamente sano. E’ richiesto un periodo di acclimatamento preventivo. C’è però da attendersi un calo delle prestazioni nelle attività lavorative. E’ desiderabile una selezione medica del personale, poiché queste condizioni sono incompatibili con una compromissione dell’apparato respiratorio e cardiovascolare o con una dermatite cronica. Queste condizioni sono anche incompatibili con attività che comportino uno sforzo mentale protratto.


HSI (Heat stress index)

da +70 a + 90 "Affaticamento" calorico molto grave. Solo una piccola percentuale della popolazione è idonea a questa attività. Il personale deve essere selezionato attraverso un esame medico e attraverso prove di lavoro, dopo acclimatazione. Sono necessarie particolari misure per assicurare un adeguato apporto di acqua e di sali minerali. E’ auspicabile un miglioramento delle condizioni di lavoro con qualsiasi mezzo disponibile, al fine di ottenere una diminuzione di rischio per la salute e una maggiore efficienza.

+100 Massimo "affaticamento" tollerabileda un individuo giovane ed acclimatato.

>100 Tempo di esposizione limitato. Aumento della temperatura interna corporea.


PMV

PPD %

VALUTAZIONE AMBIENTE TERMICO

+3

100

Molto caldo

+2

75,7

Caldo

+1

26,4

Leggermente caldo

+0,85

20

Ambiente termicamente accettabile

+0,5<PMV<-0,5

< 10

Benessere termico

-0,85

20

Ambiente termicamente accettabile

-1

26,8

Fresco

-2

76,4

Freddo

-3

100

Molto freddo


Indici di comfort termico
Indici di Comfort Termico

PMV (predicted mean vote)

  • Algoritmo di previsione della sensazione termica.

  • Indicato in valutazioni di ambienti termici moderati (Uffici, scuole, laboratori, Ospedali)

  • Raccomandato quando

    • dispendio energetico = 1 - 4 met;

    • impedenza termica da abbigliamento = 0 - 2 clo;

    • temperatura del bulbo secco = 10 - 30°C;

    • temperatura radiante media = 10 - 40°C;

    • velocità dell’aria = 0 - 1 m/sec;

    • pressione di vapore = 0 - 2,7 Kpa.

      Per la norma ISO 7730 PPD deve essere < 10%.


ad