Diabete in gravidanza ruolo dell attivita fisica l.jpg
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 13

DIABETE IN GRAVIDANZA: RUOLO DELL'ATTIVITA' FISICA PowerPoint PPT Presentation


  • 113 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

DIABETE IN GRAVIDANZA: RUOLO DELL'ATTIVITA' FISICA. G. CORIGLIANO, N. TUFANO SABATO 16/06/2001 CENTRO CONGRESSI- STAZIONE MARITTIMA NAPOLI. PREMESSA.

Download Presentation

DIABETE IN GRAVIDANZA: RUOLO DELL'ATTIVITA' FISICA

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Diabete in gravidanza ruolo dell attivita fisica l.jpg

DIABETE IN GRAVIDANZA: RUOLO DELL'ATTIVITA' FISICA

G. CORIGLIANO, N. TUFANO

SABATO 16/06/2001

CENTRO CONGRESSI- STAZIONE MARITTIMA

NAPOLI


Premessa l.jpg

PREMESSA

Benchè l’attività fisica (A.F.) aerobica sia comunemente raccomandata, insieme alla dieta per il trattamento del diabete mellito e per la prevenzione delle complicanze cardiovascolari, il timore di possibili danni sul feto e la mancanza di prove certe di efficacia ne hanno frenato l’applicazione come strumento di controllo del diabete in gravidanza.


Considerazioni fisiologiche l.jpg

CONSIDERAZIONI FISIOLOGICHE

La gravidanza può essere considerata uno stato di alterata sensibilità all’insulina.

Infatti essa si caratterizza per:

  • incremento di ormoni ad attività controinsulare

  • ridotto uptake di glucosio nei muscoli e negli organi splancnici

  • Dal punto di vista emodinamico la gravidanza puo’ essere paragonata ad una forma di lieve esercizio. Infatti si ha:

  • aumento del volume ematico

  • aumento dell’output cardiaco

  • incremento della frequenza cardiaca


Vantaggi dell attivita fisica in gravidanza l.jpg

VANTAGGI DELL’ATTIVITA’ FISICA IN GRAVIDANZA

La contrazione delle fibre muscolari aumenta di molte volte l’uptake di glucosio.

Il miglioramento della tolleranza al glucosio persiste dopo l’esercizio per una durata variabile.

Nel diabete gestazionale uno studio di confronto tra esercizio fisico e terapia insulinica (+ dieta) ha dimostrato pari efficacia nel controllo del compenso glicemico*.

Bung P. DIABETES 1991;40 (Suppl. 2):182-185


Vantaggi dell attivita fisica in gravidanza5 l.jpg

VANTAGGI DELL’ATTIVITA’ FISICA IN GRAVIDANZA

  • IN DONNE CON GDM UNO STUDIO DI CONFRONTO TRA DIETA VS DIETA +A.F. MOSTRO’ A PARTIRE DALLA 4°WK NORMALIZZAZIONE DI FBG,HbA1c E CARICO DI GLUCOSIO SOLO NELLE DONNE ATTIVE (JOVANOVIC-PETERSON :J. AM. COLL. NUTR., 1990)

  • IN GESTANTI IDDM UN PROGRAMMA DI PASSEGGIATE POMERIDIANE COME AUSILIO TERAPEUTICO PRODUSSE UN MIGLIORAMENTO DEI LIPIDI MA NON DELLA GLICEMIA POST-CENA ( HOLLINGSWORTH : AM. J. OBST.GYNECOL. 1987)


Rischi e limitazioni l.jpg

RISCHI E LIMITAZIONI

Un esercizio fisico intenso può favorire crisi ipoglicemiche, possibile causa di contrazioni uterine. L’esercizio strenuo può anche indurre pericolose contrazioni uterine a causa dell’aumento dei livelli di noradrenalina.

Possono inoltre determinare effetti dannosi sul feto:

  • il rischio di chetosi nelle diabetiche tipo 1

  • la ridistribuzione del flusso ematico materno

  • l’aumento della temperatura corporea materna

  • la possibile emoconcentrazione


Rischi e limitazioni7 l.jpg

RISCHI E LIMITAZIONI

  • NON SONO STATI COMUNQUE ACCERTATI DANNI DIRETTI DELLA A.F. AEROBICA SUL FETO DI MADRE DIABETICA

  • STUDI SULLA F.C. FETALE DURANTE A.F.COME INDICATORE DI SOFFERENZA DEL FETO HANNO DATO RISULTATI CONTROVERSI

  • SEC. JOVANOVIC-PETERSON NELLA DONNA DIABETICA IN GRAVIDANZA UNA A.F. AEROBICA BEN CONDOTTA E SUPERVISIONATA NON PROVOCA :

  • DISTRESS FETALE

  • BASSO PESO ALLA NASCITA

  • CONTRAZIONI UTERINE


Controindicazioni all esercizio fisico in gravidanza l.jpg

CONTROINDICAZIONI ALL’ ESERCIZIO FISICO IN GRAVIDANZA

  • RELATIVE:

  • IPERTENSIONE- DISFUNZIONI TIROIDEE- STORIA DI PARTO PRETERMINE- SANGUINAMENTO UTERINO- BRONCHITE CRONICA- MACROSOMIA FETALE- LIMITAZIONI ORTOPEDICHE- OBESITA’ ECCESSIVA

  • ASSOLUTE:

  • STORIA DI ABORTI SPONNTANEI- PATOLOGIA PLACENTARE- INCONTINENZA CERVICALE- RITARDO DI CRESCITA INTRAUTERINA- IPERTENSIONE GRAVIDICA- PREECLAMPSIA


Aspetti pratici chi e come l.jpg

ASPETTI PRATICI: CHI E COME

L’esercizio fisico deve essere personalizzato e condotto sotto stretta sorveglianza medica.

  • Una donna precedentemente allenata che ha un GDM o un NIDDM può continuare una moderata attività fisica.

  • Una donna precedentemente sedentaria con GDM o NIDDM può essere avviata ad un programma a bassa intensità.

  • Nella diabetica in sovrappeso l’esercizio fisico in gravidanza non dovrebbe mai avere come obiettivo la riduzione del peso, ma solo il controllo delle glicemie.

  • Nella diabetica IDDM l’esercizio può essere consentito se in buon controllo glicemico ed in assenza di complicanze.


Aspetti pratici tipo di esercizio e durata l.jpg

ASPETTI PRATICI: TIPO DI ESERCIZIO E DURATA

L’attività fisica deve essere tassativamente aerobica e non traumatica. Sono preferiti:

  • nuoto

  • cyclette

  • esercizi per le braccia (senza pesi)

  • le passeggiate

    L’intensità dell’esercizio è individualizzata in base alla personale percezione dello sforzo da parte della gestante (da lieve a poco faticoso) senza superare il 50% della VO2Max

    La durata consigliata non dovrebbe superare i 45 ‘ (3 cicli di 15’ per seduta) , con pause di 5-10’.

    Durante le pause controllare:

  • glicemie ed eventualmente chetonemia e/ chetonuria

  • M.A.F. ed eventuali contrazioni uterine (autopalpazione dell’addome).


Conclusioni 1 l.jpg

CONCLUSIONI (1)

  • Un esercizio fisico moderato, aerobico, non traumatico è un valido mezzo per il controllo dell’equilibrio glicemico sia in donne con GDM sia in donne NIDDM che diventano gravide.

  • In donne IDDM l’attività fisica in gravidanza può essere assecondata ma non contribuisce al raggiungimento del compenso metabolico.


Conclusioni 2 l.jpg

CONCLUSIONI (2)

  • PANEL DI CONSENSUS DEL COMITATO DI ESPERTI SU ATTIVITA FISICA E GDM:

  • L’ESERCIZIO FISICO E’ UNA DELLE TERAPIE DEL GDM

  • DONNE ATTIVE CON GDM POSSONO CONTINUARE UN REGOLARE, ADEGUATO, TRAINING

  • DONNE SEDENTARIE POSSONO ESSERE INCORAGGIATE AD INIZIARE UNA MODERATA ATTIVITA’ PER CONTENERE L’INSULINO-RESISTENZA E L’IPERGLICEMIA

  • ULTERIORI STUDI SONO NECESSARI PER VALUTARE GLI EFFETTI SUL FETO E SULLA CHETOGENESI


Sulla eccessiva medicalizzazione della attivita fisica l.jpg

. . . SULLA ECCESSIVA MEDICALIZZAZIONE DELLA ATTIVITA’ FISICA . . .

“ SI PREOCCUPI DI FARE UNA VISITA MEDICA CHI VUOLE RIMANERE SEDENTARIO: SAREBBE UTILE PER LUI SAPERE SE LA SUA SALUTE E’ TANTO BUONA DA RESISTERE ALL’ INATTIVITA’

OLOF ASTRAND, fisiologo dello sport


  • Login