Come eseguire un ecocolordoppler del circolo venoso superficiale degli arti inferiori
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 27

Come eseguire un ecocolordoppler del circolo venoso superficiale degli arti inferiori PowerPoint PPT Presentation


  • 338 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Come eseguire un ecocolordoppler del circolo venoso superficiale degli arti inferiori. F. Annoni. LA DIAGNOSTICA VASCOLARE E’ UN’ ARTE?. QUALITA’ DEGLI ESAMI E. D. TROPPO VARIABILE DA PESSIMA A ELEVATA METODOLOGIA E REFERTI “ FANTASIOSI ” SPESSO MANCA LA DOCUMENTAZIONE

Download Presentation

Come eseguire un ecocolordoppler del circolo venoso superficiale degli arti inferiori

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Come eseguire un ecocolordoppler del circolo venoso superficiale degli arti inferiori

Come eseguire un ecocolordoppler del circolo venoso superficiale degli arti inferiori

F. Annoni


La diagnostica vascolare e un arte

LA DIAGNOSTICA VASCOLARE E’ UN’ ARTE?

  • QUALITA’ DEGLI ESAMI E. D. TROPPO VARIABILE

    DA PESSIMA A ELEVATA

  • METODOLOGIA E REFERTI “ FANTASIOSI ”

  • SPESSO MANCA LA DOCUMENTAZIONE

  • LINEE GUIDA NON SEGUITE

  • MANCA UN LIVELLO STANDARD MINIMO


Malattia varicosa in un esame standard di 15 min

MALATTIA VARICOSA… IN UN ESAME STANDARD DI 15 min.

- ORIGINE DEL REFLUSSO SUPERFICIALE

- ASSE DEL REFLUSSO SUPERFICIALE

- RIENTRO DEL REFLUSSO

- CI SONO PERFORANTI INCONTINENTI?

- LA SAFENA E’ DUPLICE?

- LE VENE PROFONDE SONO CONTINENTI?


Flusso retrogrado o reflusso

FLUSSO RETROGRADO o REFLUSSO

DEFINIZIONE

FLUSSO EMATICO CON DIREZIONE INVERTITA RISPETTO A QUELLA FISIOLOGICA

USUALMENTE CENTRIPETO CENTRIFUGO

RICORDIAMO CHE PERCHE’ CI SIA UN FLUSSO DEVE ESSERCI:

- INCONTINENZA VALVOLARE

- RIENTRO


Reflusso

REFLUSSO

BASALEINTERMITTENTE IN ESPIRAZIONE, RARO

PROVOCATO DA UNA MANOVRA :

a ) STATICA: - VALSALVA

(VALUTA GRADIENTE IPERTENSIVO)

- COMPRESSIONE / RILASCIAMENTO

( VALUTA GRADIENTE GRAVITAZIONALE)

- (COMPRESSIONE PROSSIMALE)

- (MANICOTTO PNEUMATICO)

b ) DINAMICA: - OSCILLAZIONE DELPZ. / M. PARANA

- FLESSIONI DELLE DITA DEL PIEDE


Reflusso il gradiente pressorio

REFLUSSO IL GRADIENTE PRESSORIO

( RICORDIAMO CHE NON C’E’ FLUSSO SENZA GRADIENTE PRESSORIO)

GRADIENTE IPERTENSIVO :

NELLA MANOVRA DI VALSALVA

GRADIENTE GRAVITAZIONALE :

- STATICO

NELLA MANOVRA DI COMPRESSIONE / RILASCIAMENTO

- DINAMICO

NELLA OSCILLAZIONE DEL PAZIENTE

NELLA MANOVRA DI PARANA’


La manovra di valsalva

LA MANOVRA DI VALSALVA

  • IPERPRESSIONE ADDOMINALE A GLOTTIDE / NASO CHIUSI

  • LA STANDARDIZZAZIONE DIPENDE DAL PAZIENTE

    -RICHIEDE L’AVALVULIA DELL’ASSE PROFONDO A MONTE

    ( …. ATTENZIONE ALLA PICCOLA SAFENA …. )


La compressione distale manovra di compressione rilasciamento

LA COMPRESSIONE DISTALEMANOVRA DI COMPRESSIONE - RILASCIAMENTO

-SULLA GRANDE SAFENA AL GINOCCHIO

-ALLA FACCIA INTERNA DELLA COSCIA

-AL POLPACCIO

-SULLA PICCOLA SAFENA

INDISPENSABILE PER VALUTARE LA PICCOLA SAFENA

LA STANDARDIZZAZIONE DIPENDE DALL’OPERATORE


Come eseguire un ecocolordoppler del circolo venoso superficiale degli arti inferiori

REFLUSSOPARAMETRI DI VALUTAZIONE

1) DURATA

2) AMPIEZZA- VELOCITA’ MASSIMA (n.s.)

- PROFILO DELLE VELOCITA’

3) ESTENSIONE

4) DIAMETRO DEL LUME


Come eseguire un ecocolordoppler del circolo venoso superficiale degli arti inferiori

…. è bene ricordare l’ anatomia ….


Scansione trasversale

SCANSIONE TRASVERSALE

PER VALUTARE:

  • LA TOPOGRAFIA DELLA REGIONE

  • LA PROFONDITA’ DELLA VENA

  • LA SEDE DI ORIGINE DELLE COLLATERALI

  • IL DIAMETRO DELLA VENA

    SCANSIONE LONGITUDINALE

    PER VALUTARE :

  • LA VELOCITA’ DEL FLUSSO EMATICO

  • LA DIREZIONE DEL FLUSSO EMATICO

    IMMAGINI ICONOGRAFICAMENTE “ PIU ’ FACILI “


Il reflusso si valuta sempre in ortostatismo

IL REFLUSSO SI VALUTA SEMPREIN ORTOSTATISMO


Reflusso parametri di valutazione

REFLUSSOPARAMETRI DI VALUTAZIONE

1)DURATA

- NEL NORMALE NON SUPERA 0,5 SEC.

- NEL PATOLOGICO SUPERA 1 SEC.

( DA SCHADECK, 1994 )

LA DURATA DEL REFLUSSO MISURA

IL TEMPO NECESSARIO PER PAREGGIARE LA PRESSIONE

NEL SISTEMA VENOSO PROFONDO E

NEL SISTEMA VENOSO SUPERFICIALE

(VALSALVA: > P. VENOSA ADDOMINALE)

(COMPR. / RILASC.: < P. VENOSA SUPERFICIALE)


Reflusso parametri di valutazione1

REFLUSSOPARAMETRI DI VALUTAZIONE

2) AMPIEZZA

VALUTAZIONE COMPLEMENTARE ALLA DURATA

SE LA DURATA E’ PROLUNGATA E LA VELOCITA’

E’ BASSA :

-REFLUSSO INTRAVALVOLARE

-REFLUSSO POST SCLEROSI EFFICACE


Reflusso parametri di valutazione2

REFLUSSOPARAMETRI DI VALUTAZIONE

3) ESTENSIONE

DISTALE NEL TRONCO SAFENICO

SI CORRELA CON LA SIGNIFICATIVITA’

PATOLOGICA


L emodinamica patologica va comunque descritta presenza di reflusso non vuole dire nulla dove come

L’EMODINAMICA PATOLOGICAVA COMUNQUE DESCRITTA“ PRESENZA DI REFLUSSO “NON VUOLE DIRE NULLADOVE ? COME ?


Reflusso parametri di valutazione3

REFLUSSOPARAMETRI DI VALUTAZIONE

4) DIAMETRO DEL LUME

- SPECIE NELLA GRANDE SAFENA

- IN SCANSIONE LONGITUDINALE E

TRASVERSALE

- UTILE PER LA SCELTA DELLA TERAPIA

- CORRELATO AL RISULTATO DELLA

SCLEROTERAPIA

TOPOGRAFIA DEL REFLUSSO VALVOLARE


Reflusso topografia nella valvola

REFLUSSOTOPOGRAFIA NELLA VALVOLA

- TOTALE / GLOBALE

- FREQUENZA VARIABILE

- DURATA VARIABILE

- INTERVALVOLARE / CENTRALE

- FREQUENZA BASSA

- DURATA LUNGA

- COMMISSURALE / LATERALE

- FREQUENZA ALTA

- DURATA LUNGA


In conclusione

.....IN CONCLUSIONE.....

PARAMETRI

- DURATA NON SI CORRELA ALLA PORTATA

- AMPIEZZA NON SI CORRELA ALLA PORTATA

- ESTENSIONE NON SI CORRELA ALLA PORTATA

VALUTAZIONE

- EMODINAMICA

- MORFOLOGICA

- TOPOGRAFICA


Studio delle vene perforanti

STUDIO DELLE VENE PERFORANTI

  • NELLA M. VARICOSA LE VENE SUPERFICIALI

    SI DILATANO

  • ANCHE LE PERFORANTI SPESSO SI DILATANO …


Vena perforante incontinente

VENA PERFORANTE INCONTINENTE

LA DILATAZIONE CON IL TEMPO DIVENTA INCONTINENZA

  • DI RIENTRO : DA NON TRATTARE MAI !

  • DEFLUENTE : TRATTABILI - SCLEROTERAPIA

    - CHIRURGIA

    SOLO SE :

  • C’ E’ UNA SITUAZIONE CLINICA PESANTE

  • QUESTO E’ L’ UNICO REFLUSSO PATOLOGICO


La vena perforante terminale

LA VENA PERFORANTE ( TERMINALE )

INCONTINENTE :

REFLUSSO IN SISTOLE

(SENZA SIGNIFICATO PATOLOGICO)

INSUFFICIENTE / SCOMPENSATA :

REFLUSSO ANCHE IN DIASTOLE

( HA SIGNIFICATO PATOLOGICO )


Vena perforante terminale scompensata

VENA PERFORANTE ( TERMINALE ) SCOMPENSATA

SE ALL’ ESAME DOPPLER PRESENTA :

  • REFLUSSO DURANTE LA DIASTOLE MUSCOLARE

  • O , PEGGIO, SIA IN SISTOLE CHE IN DIASTOLE

  • … MISURIAMO ANCHE IL DIAMETRO


  • Login