Tempo e linguaggio a a 08 09 prof francesco orilia
Download
1 / 38

tempo e linguaggio A.A. 08-09 prof. Francesco Orilia - PowerPoint PPT Presentation


  • 80 Views
  • Uploaded on

tempo e linguaggio A.A. 08-09 prof. Francesco Orilia. Filosofia analitica del linguaggio, mod. ontologia (laurea magistrale, cl. LM-7818/S) Filosofia del linguaggio M (laurea triennale, cl. 29) Lezz. 7-12. Lez. 7. 25/2/09.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' tempo e linguaggio A.A. 08-09 prof. Francesco Orilia' - myron


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Tempo e linguaggio a a 08 09 prof francesco orilia

tempo e linguaggioA.A. 08-09prof. Francesco Orilia

Filosofia analitica del linguaggio, mod. ontologia (laurea magistrale, cl. LM-7818/S)

Filosofia del linguaggio M (laurea triennale, cl. 29)

Lezz. 7-12


Lez 7
Lez. 7

  • 25/2/09



Tarski 1901 1983
Tarski (1901-1983) terrà nell’aula D.

  • Alfred Tarski (1971) at the University of Berkeley, where he taught from 1942 until the end of his life.


Da una biografia di tarski
Da una biografia di Tarski terrà nell’aula D.

  • On September 2, 1939, the German army marched into Poland. With high probability, Tarski, a Jew, would have lost his life, although he had converted to the Catholic faith many years before. Miraculously, Tarski's wife and his son and daughter survived this terrible time. His parents, brother, and other relations were wiped out in 1944 by the Nazi savagery. As the Fefermans write:

  • "Stan Ulam recalled, 'I spent much of my time with the other Poles who had found their way to Cambridge---Tarski, Stefan Bergman and Alexander Wundheiler. They were all terribly unhappy. . . . We would sit in front of my little radio which I left on all day long and listen to the war news.'"

  • One wonders how these people, dislodged from country and family under such circumstances, were able to maintain their sanity. In later years, Tarski hardly ever mentioned the Holocaust.


Semantica modellistica
Semantica modellistica terrà nell’aula D.

  • Linguaggio L della logica predicativa (BZ, 23)

  • Formule atomiche: P1a, R2bc,etc.

  • Formule molecolari

  • Modello: M = <D, F>

  • assegnazioni alle variabili: g(x)  D

  • costanti individuali: F(a)  D

  • costanti predicative: F(Pn)  Dn


Lez 8
Lez. 8 terrà nell’aula D.

  • 27/2/09


Semantica modellistica cont
Semantica modellistica (cont.) terrà nell’aula D.

  • Linguaggio L della logica predicativa (BZ, 23)

  • Formule atomiche: P1a, R2bc,etc.

  • Formule molecolari

  • Modello: M = <D, F>

  • assegnazioni alle variabili: g(x)  D

  • costanti individuali: F(a)  D

  • costanti predicative: F(Pn)  Dn

  • NB: D1 = insieme potenza di D, in quanto si assume <x> = x


Esempio
ESEMPIO terrà nell’aula D.

  • [[zQz]]M,g = 1 sse per ogni u in D, [[Qz]]M,g[u/z] = 1

  • g[u/z](x) = g(x)

  • g[u/z](y) = g(y)

  • g[u/z](z) = u

  • g[u/z](w) = g(w),etc.

  • Insomma: [[zQz]]M,g = 1 sse ogni oggetto in D si trova dentro l’insieme di oggetti F(Q)


Altro esempio
Altro esempio terrà nell’aula D.

  • [[zQz]]M,g = 1 sse per qualche u in D, [[Qz]]M,g[u/z] = 1

  • g[u/z](x) = g(x)

  • g[u/z](y) = g(y)

  • g[u/z](z) = u

  • g[u/z](w) = g(w),etc.

  • Insomma: [[zQz]]M,g = 1 sse almeno un oggetto in D si trova dentro l’insieme di oggetti F(Q)


Verit e verit logica
Verità e verità logica terrà nell’aula D.

  • Una formula A è vera in un modello sse è vera rispetto a qualsiasi assegnazione di valore alle variabili. Ossia:

  • M |= A sse per ogni g, [[A]]M,g = 1

  • Una formula A è logicamente vera sse è vera in ogni modello, ossia:

  • |= A


La nozione di pensiero in frege
La nozione di pensiero in Frege terrà nell’aula D.

  • Leggere cit. da Frege (1848-1925) in BZ, 25

  • senso (Sinn) vs. denotazione/riferimento/referente/

    significato (Bedeutung)

  • commentare schema (23), 28

  • interpretazione di Frege: BZ, 26 vs. teoria dei nomi ibridi di Künne (Künne, W., 1992, “Hybrid Proper Names,” Mind, 101, 721–731 )


Lez 9
Lez. 9 terrà nell’aula D.

  • Lunedì 2 Marzo, ore 10


Frege
Frege terrà nell’aula D.

  • senso/denotazione dei nomi propri: concetto individuale vs. individuo

  • senso/denotazione dei predicati: proprietà vs. classe

  • senso/denotazione degli enunciati: pensiero (proposizione) vs. valore di verità (V o F)

  • Uso idiosincratico di “concetto” in Frege


La teoria di frege in azione
La teoria di Frege in azione terrà nell’aula D.

  • Funziona molto bene per gli enunciati matematici:

  • “3 è dispari” esprime in qualsiasi momento la stessa proposizione (vera)

  • Ma cosa fare con:

  • “Leo sta mangiando” ?

  • Esprime una proposizione che cambia valore di verità nel tempo? Prior segue questa via

  • Per Frege le proposizione hanno un valore di verità fisso, ma a seconda del contesto, che include il momento del proferimento, gli enunciati possono esprimere proposizioni diverse

  • Tra gli altri fattori contestuali rilevanti può esserci il parlante

  • “io mangiai”: la proposizione espressa dipende sia dal momento che dal parlante


  • commentare schema (23), 28 terrà nell’aula D.

  • interpretazione di Frege di BZ, 26: gli elementi del contesto vanno presi in considerazione per determinare il senso

  • teoria dei nomi ibridi di Künne (Künne, W., 1992, “Hybrid Proper Names,” Mind, 101, 721–731): Frege considera le espressioni legate al contesto come ibride: “sta mangiando” detto al momento t è un verbo che “contiene” il momento t stesso. “io” detto da Giovanni “contiene” Giovanni stesso

  • Tralasciamo qui i problemi interpretativi


Ora ridondante
“ora” è ridondante? terrà nell’aula D.

  • Sto mangiando = sto mangiando ora

  • Analogamente, la neve è bianca = è vero che la neve è bianca

  • Ma allora potremmo fare a meno dell’avverbio “ora”?

  • E analogamente, potremmo fare a meno del predicato “vero”?


Lez 10
Lez. 10 terrà nell’aula D.

  • Lunedì 2 Marzo, ore 11


Contro esempio 1 alla ridondanza di ora
Contro-esempio 1 alla ridondanza di “ora” terrà nell’aula D.

  • Sarà re un uomo che ama la pace

  • NB: è diverso dal dire:

  • “sarà re un uomo che amerà la pace” [magari molto tempo dopo che è diventato re]

  • Ed è diverso dal dire …




Contro esempio 2
Contro-esempio 2 terrà nell’aula D.

  • Irma non vuole partecipare alla gita in montagna se c’è maltempo

  • Il colonnello Bernacca alla sera predice che l’indomani mattina pioverà a dirotto





Contro esempio alla ridondanza di vero
contro-esempio alla ridondanza di “vero” ma Irma è rimasta a casa ed se la prende col colonnello …

  • Tutto quello che ha detto Nixon (quando ha confessato) è vero

  • Solo con una lista completa di tutte le affermazioni fatte da Nixon potremmo essere in grado di dire una frase equivalente


Lez 11
Lez. 11 ma Irma è rimasta a casa ed se la prende col colonnello …

  • Mercoledì, 4 marzo


Annunci
ANNUNCI ma Irma è rimasta a casa ed se la prende col colonnello …

  • Domande preparatorie: mercoledì 4 Marzo: vedi sito

  • Esame intermedio: Lunedì 16 marzo

  • Venanzio Raspa, Università di Urbino

    13 Marzo, ore 12, aula D:

  • “La logica immaginaria di N. A. Vasil'ev”


Ancora sull utilit di ora
Ancora sull’utilità di “ora” ma Irma è rimasta a casa ed se la prende col colonnello …

  • Professore distratto “Devo fare lezione alle 12, per fortuna sono ancora le 11”

  • Non sa che ora è, nel senso in cui il commissario non sa ancora chi è l’autore del delitto

  • NB: sapere chi/che cosa è una questione di gradi, il grado è relativo agli scopi del soggetto


Sapere qual il tempo presente
Sapere qual è il tempo presente ma Irma è rimasta a casa ed se la prende col colonnello …

  • v. BZ,p. 46:

  • In un certo senso tutti lo sappiamo:

  • il tempo presente è ora, tutto ciò che avviene (ora) è presente.

  • In un altro senso, potremmo non saperlo:

  • Devo fare lezione il giorno 12/3/09, ore 11, ora italiana

  • il (tempo) giorno 12/3/09, ore 11, ora italiana è ora (il tempo presente)

  • Quindi, devo fare lezione ora


Operatori modali
operatori modali ma Irma è rimasta a casa ed se la prende col colonnello …

  • Estensione della semantica modellistica per trattare necessità e possibilità

  • M = <D, F, W, R>

  • W è un insieme di mondi possibili

  • R è una relazione di accessibilità tra mondi. (nel caso più semplice assumiamo che tutti i mondi sono mutualmente accessibili)

  • F assegna un individuo in D a ogni costante individuale (trattata come “rigida”) e per ogni mondo possibile: un sottoinsieme di D ad ogni costante predicativa monadica (per es. la classe dei greci cambia da mondo a mondo, Socrate potrebbe essere turco in un certo mondo possibile)

  • [[Pt]]M,w,g = 1sse la classe corrispondente a “P” nel mondo w del modello M (ossia [[P]] M,w,g) contiene l’individuo corrispondente a “t” (ossia [[t]] M,w,g )

  • [[MA]]M,w,g = 1 sse vi è ALMENO UN mondo w’ accessibile da w tale che [[A]]M,w’,g = 1

  • [[LA]]M,w,g = 1 sse in OGNI mondo w’ accessibile da W, [[A]]M,w’,g = 1


Operatori temporali
Operatori temporali ma Irma è rimasta a casa ed se la prende col colonnello …

  • Estensione della teoria dei modelli per trattare il tempo

  • M = <D, F, <, T>

  • T è l’insieme degli istanti e < è la relazione ‘prima di’

  • F assegna classi diverse allo stesso predicato, in relazione ai diversi istanti (per es. a “bambino” corrispondono classi diverse in instanti diversi)

  • [[PA]]M,t,g = 1sse vi è un istante t’ tale che t’<t e tale che [[A]]M,t’,g = 1

  • [[FA]]M,t,g = 1sse vi è un istante t’ tale che t<t’ e tale che [[A]]M,t’,g = 1

  • Modalità + tempo? (v. scheda n. 3 p. 38)


Lez 12
Lez. 12 ma Irma è rimasta a casa ed se la prende col colonnello …

  • 6/3/09


Quantificatori e operatori temporali
Quantificatori e operatori temporali ma Irma è rimasta a casa ed se la prende col colonnello …

  • tutti gli uomini sono mortali

  • x(x è uomo  x è mortale)

  • x(uomo(x)  mortale(x))

  • qualche uomo è mortale

  •  x(x è uomo  x è mortale)

  • nessun uomo è mortale

  • x(x è uomo  x è mortale)

  • tutti gli uomini saranno felici

  • x(x è uomo F x è felice)

  • Fx(x è uomo  x è felice)

  • qualche uomo è stato felice

  • P  x(x è uomo  x è felice)

  •  x(x è uomo P x è felice)


Inadeguatezza degli operatori temporali
Inadeguatezza degli operatori temporali? ma Irma è rimasta a casa ed se la prende col colonnello …

  • Riusciamo a esprimere con gli operatori temporali tutto ciò che riusciamo a esprimere con i tempi verbali nel linguaggio naturale? Consideriamo questi esempi:

  • (1) Leo intervistò uno scrittore che avrebbe vinto il premio Nobel (BZ, p. 42)

  • (2) Leo intervistò uno scrittore che vincerà il premio Nobel (BZ, p. 43)

  • Esempio analogo di Kamp 1971 (v. BZ, 68):

  • (3) nacque un bambino che sarà re

  • (4) nacque un bambino che sarebbe stato re

  • Riusciamo ad esprimerle con gli operatori temporali di Prior?


Il bambino che sar re
il bambino che sarà re ma Irma è rimasta a casa ed se la prende col colonnello …

  • (3) nacque un bambino che sarà re

  • (4) nacque un bambino che sarebbe stato re

  • BZ sostengono che NON possiamo interpretare (3), ma solo (4), così:

  • (4a) P x(nasce(x) F re(x))

  • nel passato, ossia in un momento t’ prima del momento t del proferimento, c’è un x tale che x nasce e nel futuro, successivo al momento del proferimento t, x è re

  • [come notato in classe da uno studente (4a) però non rende adeguatamente (4), perché (4) implica che il bambino è diventato re prima del proferimento, mentre (4a) è compatibile con il fatto che il bambino diventi re dopo il proferimento (a meno che non specifichiamo che un “F” dentro un “P” comporti sempre il riferimento a un momento precedente al proferimento]

  • (3) invece dice:

  • nel passato, ossia in un momento t’ prima del momento t del proferimento, c’è un x tale che x nasce e nel futuro, successivo al momento della nascita t’, x è re

  • Ma è vero che non possiamo interpretare (3) con le risorse offerte dagli operatori temporali?


La donna che carlo spos
la donna che Carlo sposò ma Irma è rimasta a casa ed se la prende col colonnello …

  • (3) nacque un bambino che sarà re

  • Io penso che invece possiamo interpretare (3) così:

  • (4a) x(P nasce(x) F re(x))

  • c’è un x tale che nel passato x nasce e nel futuro x è re

  • c’è un x tale che nel passato, ossia in un momento t’ prima del momento t del proferimento, x nasce e nel futuro, successivo a t, x è re

  • Come interpretare la (5)?

  • (5) Terry incontrò una donna che poi Carlo sposò

  • (5’) terry incontrò una donna che Carlo avrebbe sposato

  • c’è un x tale che x è donna e nel passato, ossia in un momento t’ prima del momento t del proferimento, Terry incontra x e nel passato, in un momento successivo a t’ ma precedente rispetto a t, Carlo sposa x

  • La (5) è analoga alla (4). Con soltanto gli operatori “P” ed “F” sembra non si riesca a renderle.


Annuncio
ANNUNCIO ma Irma è rimasta a casa ed se la prende col colonnello …

  • La lezione del 20 Marzo ore 10 si svolgerà nell’aula H di Palazzo Ugolini


ad