slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
APPARATO ENDOCRINO

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 32

APPARATO ENDOCRINO - PowerPoint PPT Presentation


  • 241 Views
  • Uploaded on

APPARATO ENDOCRINO. Poiché un organismo funzioni come un insieme integrato, i suoi organi devono comunicare reciprocamente e coordinare le loro attività. Nell’uomo due entità sono preposte a svolgere queste funzioni di integrazione e controllo: Il sistema nervoso L’apparato endocrino

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' APPARATO ENDOCRINO' - montana


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

Poiché un organismo funzioni come un insieme integrato, i suoi organi devono comunicare reciprocamente e coordinare le loro attività.

  • Nell’uomo due entità sono preposte a svolgere queste funzioni di integrazione e controllo:
  • Il sistema nervoso
  • L’apparato endocrino
  • La principale differenza con in sistema endocrino sta nel tipo di risposta: la risposta del sistema nervoso è una risposta a breve termine, rapida di breve durata che termina con la cessazione dello stimolo. Le risposte endocrine sono invece più lente, di durata maggiore e stabili nel tempo(risposta a lungo termine).
  • Generalmente coinvolge modifiche nell’azione di un enzima
slide3

FORMAZIONE DEGLI EPITELI

  • Tutti gli epiteli originano come epiteli semplici.
  • Si differenziano in epiteli di rivestimento e ghiandolari.
  • Durante la formazione di una ghiandola endocrina le cellule di connessione, che altrimenti formano il dotto, scompaiono.
slide6

GHIANDOLE ENDOCRINE

  • Quando una ghiandola perde il dotto escretore e quindi il contatto con l’epitelio di origine, viene definita endocrina.
  • Le secrezioni di queste ghiandole, chiamate ormoni, diffondono nel torrente sanguigno agendo su tessuti distanti da quello di origine. Ne sono un esempio il pancreas, la tiroide e l’ipofisi.
  • Le ghiandole endocrine sono spesso formate da raggruppamenti, detti cordoni, o da follicoli di cellule secernenti circondati da una ricca rete di vasi sanguini al cui interno vengono riversati gli ormoni.
slide13

IPOTALAMO & IPOFISI

  • Ipotalamo ed ipofisi attraverso il sistema portale ipofisario, costituiscono un sistema di controllo in grado di regolare gran parte delle funzioni endocrine.
  • L’ipotalamo è il pavimento del diencefalo ed insieme al talamo di destra e di sinistra ospita il III ventricolo encefalico; svolge molte delle sue funzioni regolatorie attraverso l’ipofisi.
  • Produce sei ormoni che regolano l’attività dell’ipofisi anteriore:
  • 4 sono ormoni di rilascio che stimolano l’attività della adenoipofisi
  • 2 sono ormoni inibitori
slide15

IPOFISI

  • Ha una forma ovale
  • E’ localizzata nella sella turcica dell’osso sfenoide
  • E’ attaccata all’ipotalamo con il quale comunica attraverso il peduncolo ipofisario: i capillari primari localizzati nel peduncolo, quelli secondari nell’adenoipofisi; i capillari sono tutti fenestrati per favorire il passaggio degli ormoni nel sangue
  • Funzionalmente si compone di due porzioni:
  • Ipofisi anteriore o adenoipofisi: formata di una pars distalis(o anteriore) e una pars tuberalische si avvolge attorno al peduncolo. E’ collegata all’ipotalamo dal sistema portale.
  • Ipofisi posteriore o neuroipofisi
slide17

ORMONI ADENOIPOFISI

  • L’ipofisi anteriore secerne 6 ormoni:
  • 4 sono chiamati trofici perché stimolano la crescita di altre cellule endocrine; di questi FSH ed LH sono chiamate gonadotropine perché hanno come organi bersaglio le gonadi:
  • FSH
  • LH
  • TSH
  • ACTH
  • PRL
  • GH
slide19

ORMONI IPOFISI POSTERIORE

  • Secerne due ormoni:
  • -ADH
  • -OT
slide21

GHIANDOLE SURRENALI

  • Localizzate sulla sommità di ciascun rene
  • Organi retroperitoneali
  • Reni mignon: formati da una corticale e da una midollare:
  • Corticale: secerne corticosteroidi, ormoni con struttura simile al colesterolo (cortisolo, piccole quantità di estrogeni o di androgeni).
  • Midollare: secerne adrenalina, noradrenalina e dopamina che simulano l’azione del SN simpatico,
slide24

TIROIDE

  • Ghiandola follicolare a forma di farfalla
  • Impari e mediana
  • Si trova nella regione anteriore del collo.
  • Deve il suo nome alla vicinanza con cartilagine tiroidea della laringe.
  • Presenta due lobi uniti da un ristretto ponte chiamato istmo.
  • Arterie tiroidee superiori collaterali delle carotidi; arterie tiroidee inferiori collaterali delle succlavie; vene tiroidee tributarie delle giugulari
  • Le cellule follicolari producono T3 e T4.
  • Le cellule C , cellule meno intensamente colorabili, secernono la calcitonina che stimola la deposizione di calcio all’interno dell’osso.
  • Le ghiandole paratiroidi (generalmente 4, site posteriormente alla tiroide ma variabili in numero e localizzazione ) secernono l’ormone paratiroideo, antagonista della calcitonina che in risposta a bassi livelli del calcio nel sangue, stimola l’azione degli osteoclasti.
slide29

PANCREAS

  • Principalmente ghiandola esocrina annessa al duodeno, produce succhi pancreatici che aiutano la digestione.
  • Ghiandola allungata di consistenza spugnosa è localizzata al di sotto e dietro lo stomaco.
  • Costituito da una testa e da una coda; la testa è accolta all’interno del duodeno.
  • Presenta dei raggruppamenti di cellule endocrine chiamate isole pancreatiche o isole di Langerhans, costituite da 5 tipi di cellule:
  • Cellule α: secernono il glucagone, principalmente nell’intervallo dei pasti
  • Cellule β: secernono insulina in risposta all’aumento dei livelli ematici di glucosio
  • Cellule δ: secernono la somatostatina che regola la velocità della digestione
  • Cellule PP o F: secernono il peptide pancreatico che regola la produzione dei succhi pancreatici
  • Cellule G: secernono gastrina in grado di regolare l’attività gastrica.
ad