ETICA E SCIENZA
Download
1 / 29

ETICA E SCIENZA LUIGI – LEONARDO – Maria Chiara – Andrea 13 Dicembre 2010 - PowerPoint PPT Presentation


  • 111 Views
  • Uploaded on

ETICA E SCIENZA LUIGI – LEONARDO – Maria Chiara – Andrea 13 Dicembre 2010. LA CLONAZIONE.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' ETICA E SCIENZA LUIGI – LEONARDO – Maria Chiara – Andrea 13 Dicembre 2010' - moira


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

ETICA E SCIENZA

LUIGI – LEONARDO – Maria Chiara – Andrea

13 Dicembre 2010


La clonazione
LA CLONAZIONE

  • Nella moderna genetica, e nelle scienze biologiche applicate in genere, la clonazione è la tecnica di produzione di copie geneticamente identiche di organismi viventi tramite manipolazione genetica. In questa ultima accezione il termine è divenuto di uso comune a partire dagli anni novanta, quando prima Neal First (1994), quindi IanWilmut (il padre della famosa pecora Dolly - 1996) provarono a clonare, con successo, una pecora.

  • Clonare in laboratorio un organismo, in questo caso, significa creare ex-novo un essere vivente che possiede le stesse informazioni genetiche dell'organismo di partenza. Quindi le moderne tecniche di clonazione prevedono il prelevamento e trasferimento del nucleo di una cellula somatica dell'organismo da clonare in una nuova cellula uovo della stessa specie dell'organismo da replicare. Poiché il nucleo contiene quasi tutte le informazioni genetiche necessarie per realizzare una forma di vita, l'uovo ricevente si svilupperà in un organismo geneticamente identico al donatore del nucleo.


Che ne pensate
CHE NE PENSATE…?


Cultura scientifica

CULTURA UMANISTICA

CULTURA SCIENTIFICA


Etica e scienza

ETICA E SCIENZA

ETICA E SCIENZA

DEFINIZIONE DI ETICA

DEFINIZIONE DI SCIENZA


Etica e scienza1

ETICA E SCIENZA

  • Nozione del Bene e Male

  • Preservazione dei Valori

  • Senso della Vita

  • Desiderio di Conoscenza

  • Superamento dei limiti

  • Miglioramento della qualità della vita

PRINCIPI IDEOLOGICI


Etica e scienza2

ETICA E SCIENZA

QUANDO SORGE IL PROBLEMA ?


Etica e scienza3

ESTREMISMI IDEOLOGICI

ETICA E SCIENZA

IDEALISMO

POSITIVISMO


Etica e scienza4
ETICA E SCIENZA

…E LA CHIESA?


Morale cristiana
MORALE CRISTIANA

1 La vita è un dono di Dio

Dobbiamo rispettare il dono di Dio (non ci appartiene)

2 Siamo ad immagine e somiglianza di Dio

Dignità assoluta dell’essere umano


È illusorio pensare che la fede, dinanzi a una ragione debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.

Giovanni Paolo II

Fides et Ratio


FERMI TUTTI! debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.


Etica e scienza5
ETICA E SCIENZA debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.

  • Risvolti pratici ...ED EVENTI CRITICI

GALILEO GALILEI - ELIOCENTRISMO

CHARLES DARWIN - EVOLUZIONISMO

DNA – RICOMBINAZIONE GENICA

NASCITA DELLA BIOETICA


In conclusione
….IN CONCLUSIONE debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.

  • La fede e la ragione sono come le due ali con le quali lo spirito umano s'innalza verso la contemplazione della verità. E’ Dio ad aver posto nel cuore dell'uomo il desiderio di conoscere la verità e, in definitiva, di conoscere Lui perché, conoscendolo e amandolo, possa giungere anche alla piena verità su se stesso

  • Sia in Oriente che in Occidente, è possibile ravvisare un cammino che, nel corso dei secoli, ha portato l'umanità a incontrarsi progressivamente con la verità e a confrontarsi con essa. E un cammino che s'è svolto — né poteva essere altrimenti — entro l'orizzonte dell'autocoscienza personale: più l'uomo conosce la realtà e il mondo e più conosce se stesso nella sua unicità, mentre gli diventa sempre più impellente la domanda sul senso delle cose e della sua stessa esistenza.

    • Giovanni Paolo II – Lettera Enciclica FidesetRatio-


Apriamo il dibattito
APRIAMO IL DIBATTITO debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.


Quando sorge il problema
QUANDO SORGE IL PROBLEMA debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.

  • Il divorzio tra scienza e discipline umanistiche è avvenuto meno di due secoli fa, innescato in Europa dalla filosofia positivista dell’Ottocento. Ma per venticinque secoli, cioè a partire dal VI secolo avanti Cristo – quando nasce, nella Grecia classica, la cultura europea – scienza e umanesimo, sbocciati simultaneamente, avevano camminato uniti e in perfetta simbiosi.La separazione tra scienza e "studia humanitatis" si può far risalire addirittura a Immanuel Kant. Ma nel senso che, secondo l’autore della Critica della ragion pura,le scienze debbono occuparsi del mondo della natura mentre il mondo dell’uomo va riservato alla filosofia e alle altre discipline umanistiche. Il positivismo si appropria della tesi kantiana, la enfatizza, e decreta che anche la filosofia e le altre forme di conoscenza umanistica debbono rientrare nella giurisdizione della scienza. Cioè questa avrebbe il diritto di interpretare con il metodo sperimentale ,anche «questioni come il senso della vita, il destino ultimo dell’uomo, la dignità della persona, la libertà e il senso morale».


Idealismo
IDEALISMO debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.

Per idealismo si intende in filosofia una visione del mondo secondo cui tutto ciò che è reale è già contenuto preliminarmente (a priori) nella nostra mente. In senso lato, il termine abbraccia quelle filosofie, come ad esempio il platonismo, che privilegiano la dimensione ideale rispetto a quella materiale, affermando che l'unico vero carattere della realtà sia di ordine spirituale.

Nell'idealismo è generalmente implicita una concezione fortemente etica della vita, come ad esempio nel pensiero di Fichte, che è incentrato sul dovere morale dell'uomo di ricondurre il mondo al principio ideale da cui esso ha origine.


Positivismo
POSITIVISMO debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.

Il positivismo è un movimento filosofico e culturale ispirato ad alcune idee guida fondamentali riferite in genere alla esaltazione del progresso e del metodo scientifico che nasce in Francia nella prima metà dell’800 e che si diffonde nella seconda metà del secolo a livello europeo e mondiale.

Henri de Saint-Simon introdusse per la prima volta il termine positivismo

Il positivismo non si configura dunque come un pensiero filosofico organizzato in un definito sistema come quello che aveva caratterizzato la filosofia idealistica, ma piuttosto come un movimento per certi aspetti simile all'Illuminismo, di cui condivide la fiducia nella scienza e nel progresso

Il termine positivismo deriva etimologicamente dal latino positum, participio passato neutro del verbo ponere tradotto come ciò che è posto, fondato, che ha le sue basi nella realtà dei fatti concreti.

Positivo vorrà dire allora:

ciò che è reale, concreto, sperimentale, contrapponendosi a ciò che è astratto;

ciò che è utile, efficace, produttivo in opposizione a ciò che è inutile.


Etica

ETICA debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.

ETICA

  • L'etica(dal greco antico εθος (o ήθος), èthos, "carattere", "comportamento", "costume", “consuetudine") è quella branca della filosofia che studia i fondamenti oggettivi e razionali che permettono di assegnare ai comportamenti umaniuno status deontico ovvero distinguerli in buoni, giusti, o moralmente leciti, rispetto ai comportamenti ritenuti cattivi o moralmente inappropriati.


Scienza
SCIENZA debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.

La scienza è una interpretazione matematica dei dati osservati

strumentalmente negli esperimenti, capace di prevedere dati

ulterioriQuesta definizione va esaminata nelle sue singole componenti:

  • La scienza è una interpretazione: la scienza rappresenta uno dei modi possibili per l'uomo di rapportarsi al mondo; non è l'unico né il più fondamentale.

  • La scienza è una interpretazione matematica: la grande potenza della scienza occidentale moderna, quella che la distingue sia dalla scienza classica sia dalle scienze apparse in altre regioni del pianeta Terra, è l'uso della matematica come strumento di analisi e di previsione. Tutto ciò non è affatto ovvio né scontato. Per esempio, la matematica presso i pitagorici e presso i filosofi del Rinascimento aveva un valore simbolico:


Storia dell etica
STORIA DELL’ ETICA debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.

La storia dell’etica è costituita dalla successione delle riflessioni sull’uomo e sul suo agire. Nel corso della storia, i vari filosofi hanno sempre riservato un notevole spazio ai problemi etici. Esaminiamo brevemente i più importanti :

  • SOCRATE : intellettualismo etico. L’etica non è insegnabile, ognuno deve “partorire” la propria verità (arte della maieutica).

  • PLATONE : idea del bene come supremo principio della realtà e del mondo delle idee, estraneo alla vita pratica dell’uomo. Politica di giustizia.

    Virtù = sapienza, coraggio, temperanza.

    Giustizia = conoscenza e conseguimento del bene.

    Scopo dell’etica = raggiungimento del bene assoluto

  • ARISTOTELE : Scopo dell'etica = realizzazione del bene del singolo.

    Bene supremo = alla portata dell'uomo con il conseguimento della felicità.

    L'etica non è più scienza dell'essere, ma scienza del divenire : è il sapere pratico autonomo.

  • NICCOLÒ MACCHIAVELLI

  • ROSSEAU

  • KANT

  • SCHELER Per approfondimenti clicca per guardare il testo


Storia della scienza
STORIA DELLA SCIENZA debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.

  • Scienza PRE-SPERIMENTALE

    riluttanza ad usare la sperimentazione. ARISTOTELE

  • Medioevo in Europa

    la conoscenza in Europa occidentale si concentrò nei monasteri fino alla nascita delle prime università medioevali nel XII e XIII secolo.

  • Scienza Moderna

    Rinascimento ( ricordiamo Leonardo, Michelangelo)viene considerato il primo periodo della scienza moderna. periodo di grandi avanzamenti scientifici, che ora è noto come rivoluzione scientifica..

    Si svilupparono le basi del metodo scientifica: il nuovo modo di pensare metteva l'accento sulla sperimentazione e sulla ragione.

    Per approfondimenti clicca per guardare il testo


Galileo galilei
GALILEO GALILEI debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.

  • " ... Diciamo, pronuntiamo, sententiamo e dichiariamo che tu, Galileo sudetto, per le cose dedotte in processo e da te confessate come sopra, ti sei reso a questo S. Off.ovehementemente sospetto d'heresia, cioè d'haver tenuto e creduto dottrina falsa e contraria alle Sacre e divine Scritture, ch'il sole sia centro della terra e che non si muova da oriente ad occidente, e che la terra si muova e non sia centro del mondo, e che si possa tener e difendere per probabile un'opinione dopo esser stata dichiarata e diffinita per contraria alla Sacra Scrittura.”


L evoluzionismo di darwin
L’EVOLUZIONISMO debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.DI DARWIN

Oggi dire evoluzionismo è dire Darwin. La teoria dell'evoluzione del naturalista inglese è esposta principalmente in due importantissimi libri: L'origine delle specie e L'origine dell'uomo. La sua teoria, sin dalla pubblicazione dell'Origine delle specie (1859), è al centro di dibattiti e polemiche lontane dall'esaurirsi a 150 anni di distanza. Sottolineiamo i cardini dell’evoluzionismo di Darwin.

  • Discendenza comune

  • Speciazione

  • Evoluzione graduale


L evoluzionismo di darwin1
L’EVOLUZIONISMO debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.DI DARWIN

  • “Nuove conoscenze hanno portato al riconoscimento che l’ evoluzione sia più che una ipotesi. In realtà è notevole che questa teoria sia stata progressivamente accettata dai ricercatori in seguito a una serie di scoperte in diversi campi delle conoscenze. La convergenza, che non è stata né forzata né fabbricata, dei risultati dei diversi lavorisvolti in modo indipendente è di per se un argomento significativo a favore di questa teoria”

    • Giovanni Paolo II –Osservatore Romano 1996-


DNA debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.

  • Contiene le informazioni genetiche necessarie alla biosintesi di RNA e proteine, molecole indispensabili per lo sviluppo ed il corretto funzionamento della maggior parte degli organismi viventi

  • il DNA è un polimero organico costituito da monomeri chiamati nucleotidi. Tutti i nucleotidi sono costituiti da tre componenti fondamentali: un gruppo fosfato il deossiribosio (zucchero pentoso )e una base azotata

  • La disposizione in sequenza di queste quattro basi costituisce l'informazione genetica, leggibile attraverso il codice genetico

  • Negli eucarioti, il DNA si complessa all'interno del nucleo in strutture chiamate cromosomi

  • Nel genoma, l'informazione è conservata in sequenze di DNA chiamate geni

  • Con il termine di DNA ricombinantesi intende una sequenza di DNA ottenuta artificialmente dalla combinazione di materiale genetico di origini differenti


Bioetica
BIOETICA debole, abbia maggior incisività; essa, al contrario, cade nel grave pericolo di essere ridotta a mito o superstizione. Alla stessa stregua, una ragione che non abbia dinanzi una fede adulta non è provocata a puntare lo sguardo sulla novità e radicalità dell'essere.

  • Il termine nasce ad opera dell’oncologo Van Rensselaer Potter, nel 1970, quando compare per la prima volta il suo articolo “Bioethics. The science ofsurvival”.

  • Lo scopo della Bioetica, doveva essere di fare come da “ponte” tra le conoscenze scientifiche e quelle umanistiche, cercando quindi di tutelare la vita umana e non solo. Il raggio d’azione della bioetica sarebbe dovuto essere l’uomo, ma anche ogni suo intervento sulla vita in generale. Quindi il concetto di bioetica doveva abbracciare un campo molto più ampio, comprensivo pure del mondo in cui l’uomo vive, della natura, dell’atmosfera, ecc…

  • In effetti la concezione di bioetica, per Potter, parte da una situazione allarmistica in quanto, in quel periodo storico, c’è un incremento del processo scientifico riguardo all’ingegneria genetica. Tutto ciò fa prospettare la possibilità non soltanto di costruire nuove armi biologiche, ma anche di poter alterare le varie forme di vita, e non soltanto quella dell’uomo.


ad