atlas trigger daq
Download
Skip this Video
Download Presentation
ATLAS Trigger/DAQ

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 42

ATLAS Trigger/DAQ - PowerPoint PPT Presentation


  • 83 Views
  • Uploaded on

ATLAS Trigger/DAQ. S.Falciano - INFN Roma1. Outline presentazione. Progetto, partecipazione, milestones 2003 HLT/DAQ TDR : stato e contributi italiani Testbeam “Baseline architecture” e Costi Conclusioni (1) Trigger LVL1 Stato della costruzione

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' ATLAS Trigger/DAQ' - michi


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
atlas trigger daq

ATLAS Trigger/DAQ

S.Falciano - INFN Roma1

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

outline presentazione
Outline presentazione
  • Progetto, partecipazione, milestones 2003
  • HLT/DAQ
      • TDR : stato e contributi italiani
      • Testbeam
      • “Baseline architecture” e Costi
      • Conclusioni (1)
  • Trigger LVL1
      • Stato della costruzione
      • Verifiche in corso (test d’irraggiamento e testbeam)
      • Stato degli extra-costi : tabelle riassuntive
      • Conclusioni (2)

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

struttura del progetto tdaq
Struttura del progetto TDAQ
  • LVL1
    • Muon (barrel + endcap), MuCTPI
    • Calorimeter
    • CTP (Central Trigger Processor)
  • HLT
    • Detector slices
    • LVL2/EF Infrastructure
    • PESA (Physics and Event Selection Architecture)
  • DAQ
    • Data Flow
    • Online Software
    • DCS (Detector Control System)
  • Common activities
    • Architecture
    • Sw releases etc.....

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

attivit italiane
Attività italiane
  • Trigger di Livello-1 muoni (barrel) (Napoli, Roma1, Roma2)
  • Trigger di Livello-2 muoni (barrel) (Pisa, Roma1)
  • Trigger di Livello-2 pixel (Genova)
  • Event Filter (Lecce, Pavia, Roma3)
  • DAQ (LNF, Pavia, Roma1)
  • DAQ testbeam (TDAQ + gruppi detector)

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

incarichi nel progetto tdaq
Incarichi nel progetto TDAQ
  • A.Nisati (Roma1) -> IB Chairperson e Coordinatore algoritmi muoni in PESA
  • V.Vercesi (Pavia) -> Coordinatore PESA (Physics and Event Selection Architecture)
  • F.Parodi (Genova) -> Coordinatore algoritmi b-tagging in PESA
  • S.Veneziano (Roma1) -> Coordinatore trigger LVL1 muoni barrel+endcap+MUCTPI
  • S.Falciano (Roma1) -> Coordinatore Detector Readout nel DIG e Detector HLT slices

... e per i testbeam

  • P.Morettini (Genova) -> Coordinatore DAQ testbeam H8 pixel
  • E.Pasqualucci (Roma1) -> Coordinatore DAQ testbeam H8 muoni

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

milestones 2003
Milestones 2003
  • Marzo
    • Scrittura del nuovo software di Data Flow dell\'Event Filter e Monitoring.
    • Integrazione completa del software di calibrazione dellecamere MDT nell\'EF/DAQ del Testbeam.
  • Aprile
    • Integrazione e test "slice" verticale LVL1/HLT/DAQ/DCS per unrivelatore ATLAS (e.g. rivelatore di muoni) in laboratorio.
  • Giugno
    • Sottomissione al LHCC del Technical Design Report diHLT/DAQ/DCS.
    • Produzione 5% elettronica on-detector per il trigger di primo livello terminata.
  • Settembre
    • FDR elettronica off-detector per il trigger di primo livello.
  • Dicembre
    • Inizio produzione 100% dell\'elettronica del trigger di primolivello.

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

stato milestones 06 2003
Stato Milestones 06/2003
  • Marzo
    • Scrittura del nuovo software di Data Flow dell\'Event Filter e Monitoring.

100%Il software, il cui disegno era iniziato nel 2002, e‘ stato completamente sviluppato ed e\' ora utilizzato su testbeam.

    • Integrazione completa del software di calibrazione dellecamere MDT nell\'EF/DAQ del Testbeam.

100% Anche questa integrazione, iniziata nel 2002, è stata effettuata ed e\' operativa nell\'attuale testbeam.

  • Aprile
    • Integrazione e test "slice" verticale LVL1/HLT/DAQ/DCS per unrivelatore ATLAS (e.g. rivelatore di muoni) in laboratorio.

100% Integrazione effettuata in laboratorio per LVL1/RPC/TGC

e camere MDT (elettronica di lettura e software di acquisizione e trigger). Il testbed e\' stato particolarmente utile per la messa a punto del software e di parte dello hardware per il testbeam del 2003.

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

stato milestones 06 2003 cont
Stato Milestones 06/2003 (cont.)
  • Giugno
    • Sottomissione al LHCC del Technical Design Report diHLT/DAQ/DCS.

Milestone in corso di completamento (30/6/2003). Il TDR è pronto per la stampa. I contributi italiani sono stati notevoli ed hanno riguardato il DAQ e i trigger di alto livello (LVL2 per Pixel e Muoni, adattamento programmi di ricostruzione offline all\'Event Filter, framework software e responsabilità di alcuni capitoli importanti quali quello di PESA).

    • Produzione 5% elettronica on-detector per il trigger di primo livello terminata.

100% Pre-produzione Splitter Box terminata. I test iniziano entro il mese di giugno.

0% Pre-produzione delle PAD legata alla situazione finanziaria del LVL1 (vedi documento di E.Petrolo e S.Veneziano /Roma1 e A.Aloisio/Napoli).

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

attivit hlt daq
Attività HLT/DAQ
  • Algoritmi di trigger di LVL2 basati sui rivelatori Pixel, TileCal, RPC e MDT
  • Valutazione dei programmi di ricostruzione e calibrazione offline dei muoni (MOORE e CALIB) come candidati per i programmi di filtro e calibrazione online
  • Calcolo delle trigger rate
  • Software framework per HLT (CORE software)
  • Core software per l’Event Filter
  • Software per Data Flow (Data Collection e Monitoring)
  • Sviluppi DAQ per testbeam
  • Slice verticale di LVL1 + HLT per i muoni

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

slide10

Flusso dei dati

  • in LVL1/HLT/DAQ
  • Lavoro caratterizzato da :
  • Attenzione verso i detector
  • Integrazione con il LVL1
  • Validazione delle scelte Hw
  • e Sw attraverso Testbeam e Testbed

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

event filter

R

O

D

C

C

C

O

R

B

O

B

E

A

M

CC

R

O

D

C

C

T

T

C

V

i

C

O

R

B

O

A

D

C

s

T

D

C

s

B

E

A

M

CC

A

D

C

s

T

D

C

s

C

C

A

I/F

R

O

D

C

C

C

O

R

B

O

C

A

N

I/F

R

O

D

C

C

R

O

D

C

C

C

O

R

B

O

R

O

D

C

C

C

S

M

0

R

O

D

0

P

E

B

R

O

D

1

P

E

B

ROD crate

ROD crate

Beam crate

Beam crate

C

O

R

B

O

L

D

A

Q

R

O

B

2

E

B

I

F

R

O

B

0

R

O

B

1

T

R

G

ROC1

Trigger crate

C

A

M

A

C

R

O

D

C

C

A

D

C

A

D

C

A

D

C

Local SF1

TileCal

CDR

Local SFn

TTC

Back-End

Remote SF1

L

D

A

Q

TRG

EBIF

ROB

Tilecal

Remote SFn

SFC1

Ethernet

ROC1

S

F

I

O

L

D

A

Q

S

F

I

O

L

D

A

Q

Ethernet

CDR

SFC1

Muon

Back-End

B.Di Girolamo

“Event Filter”

DAQ Control Room

SWITCH

Online

Calibration

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

slide12

SCT

TRT

Tilecal

Tilecal

S

B

C

R

O

D

s

G

P

M

S

B

C

R

O

D

G

P

M

S

B

C

R

O

D

G

P

M

S

B

C

R

O

D

G

P

M

S

B

C

G

P

M

G

P

M

ROD Crate

ROD Crate

ROD Crate

ROD Crate

Beam Crate

Muons

S

B

C

G

P

M

G

P

M

Beam Crate

RPC

S

B

C

R

O

D

G

P

M

LAr

MDT

CTP & CTPI

S

B

C

R

O

D

G

P

M

S

B

C

R

O

D

G

P

M

S

B

C

R

O

D

R

O

D

ROD Crate

ROD Crate

ROD Crate

ROD Crate

Pixel

* n

ID ROS

* n

LAr ROS

Tilecal ROS

Combined run 2004 - Global layout

Muon ROS1

LVL1 Calo

Muon ROS2

S

B

C

R

O

D

R

O

D

LVL1 Calo ROS

* n

CTP ROS

ROD Crate

To EB/EF

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

contributi al tdr
Contributi al TDR
  • Studio e validazione delle componenti DAQ
    • Data Flow (Data Collection e Event Filter)
    • Online software (Configurazione, Monitoring, Run Control)
    • Detector software (ROD Crate DAQ, Data Format, Monitoring)
  • Studio e validazione degli HLT
    • Software framework (Athena)
    • Algoritmi di livello-2 (Pixel e Muoni)
    • Algoritmi di filtro e calibrazione ottenuti dai programmi offline (e.g. MOORE per la ricostruzione e CALIB per la calibrazione dei muoni)
    • Uso online dello schema di acceso ai dati dei rivelatori e alla loro geometria secondo l’Event Data Model (definizione e sviluppo software dei formati ByteStream dei dati dei rivelatori utilizzati e della loro definizone ad oggetti, Raw Data Objects utile per gli algoritmi di trigger)
  • Contributo alla scrittura e al coordinamento di importanti capitoli del TDR (vedi PESA)

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

slide14

Perfect match of the two resolutions for pt = 20 GeV

mFast physics

performance

HLT TP, layout M

HLT TP, layout M

HLT TDR, layout P

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

slide15
Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1
moore event filter muon reconstruction
Risoluzione in impulso

Efficienza

MOORE – Event Filter muon reconstruction

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

evoluzione del sistema e staging
Evoluzione del sistema e staging
  • Il sistema TDAQ è stato disegnato tale che dimensioni e performance evolvano in funzione della disponibilità delle risorse. Le performance finali corrispondono ad una trigger rate di Livello-1 di 100 kHz.
  • La stima dei costi del TDAQ di ATLAS è basata su un modello dettagliato del numero di componenti in funzione della rate di trigger di Livello-1 (e.g. 25-30 kHz, 75 kHz, 100 kHz).
  • Fattori di sicurezza sono applicati soprattutto nel tenere conto delle performance degli HLT (tempo di processamento degli eventi e fattori di reiezione) e del costo di componenti “custom” (come ad esempio i ROBin) e “commerciali” (come ad esempio i processori).
  • Si è arrivati a definire un profilo temporale di spesa che è un’evoluzione del sistema a partire dal commissioning del detector fino alla realizzazione di un TDAQ con le sue performance finali

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

tdr baseline architecture

40 MHz

Calo MuTrCh

ROD

Other detectors

RoI

75 kHz

40 MHz

120 GB/s

D

E

T

R/O

LV

L1

RRC

FE Pipelines

2.5 ms

ROB

Lvl1 acc = 75 kHz

ROIB

L2SV

Read-Out Drivers

RoI data = 2%

RRM

120 GB/s

L2N

H

L

T

D

A

T

A

F

L

O

W

L2P

~ 10 ms

ROD-ROB Connection

R/O

S

Y

S

T

E

M

LVL2

RoI Builder

IOM

~2 kHz

RoI

requests

~3+3 GB/s

Read-Out Buffers

L2 Supervisor

L2 N/work

L2 Proc Unit

EBN

ROD-ROS Merger

I/O Manager

SFI

DFM

Lvl2 acc = ~2 kHz

Dataflow Manager

EFN

E

V

B

~ sec

Event Filter

EFP

EFP

EFP

EFP

~3 GB/s

Sub-Farm Input

SFO

Event Filter

Processors

Event Filter N/work

~ 200 Hz

~ 300 MB/s

EFacc = ~0.2 kHz

Sub-Farm Output

TDR Baseline architecture

Trigger

DAQ

Event Building N/work

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

definizione dei sub system hlt e daq
Definizione dei sub-system HLT e DAQ
  • DAQ :
    • Detector R/O : ROBin, ROS, Infrastruttura
    • Event Builder : Data Flow Manager, Switch Farm Interface, EB network, Switch Farm Output con local storage
    • Online (Farm di processori per il software di controllo e monitoring, Network centrale, Infrastruttura relativa)
    • Infra-structure (switch, link, prodotti software, network management tools, etc.)
  • HLT :
    • Livello-2 (ROIBuilder, LVL2 Supervisor, Farm di processori di LVL2, Network, Infrastruttura)
    • Event Filter (Farm di processori EF, Network interno, Infrastruttura)
  • Pre-serie di HLT e DAQ :
    • include una versione su piccola scala del sistema allo scopo di validare l’implementazione del TDAQ (e.g. 10% di Detector R/O, 1 switch per LVL2, 1 switch per EF, 2 sub-farm e 5% del sistema online).
  • La maggior parte delle componenti è basata su COTS : commodity computer e communication hardware (e.g. PCs e Gigabit Ethernet) e strumentazione relativa.

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

slide20

All in USA15 (underground) -TDAQ present allocation : 11 racks (52 U)

Bus-based ROS : 564 U

Network R/O (ROB-VME) : 512 U

http://documents.cern.ch/cgi-bin/setlink?base=agenda&categ=a03434&id=a03434s1t1/moreinfo

100 kHz LVL1 - Full TTC partitioning

R

C

C

R

O

D

R

O

D

R

O

D

R

O

D

R

C

C

R

O

D

R

O

D

R

O

D

R

O

D

ROL

ROL

ROL

ROL

ROL

ROL

ROL

ROL

GbE

GbE

ROBin

PCI bus

ROBin

PCI bus

PCI bus

PCI bus

ROBin

ROBin

GbE

GbE

GbE

GbE

GbE

GbE

GbE

GbE

GbE

GbE

Dataflow s/w supports both I/O path

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

GbE Links to SDX15 (surface)

costi di hlt daq approx in kchf
Costi di HLT/DAQ(approx.) in kCHF

PRELIMINARE !!!!

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

costi di hlt daq approx in keuro
Costi di HLT/DAQ(approx.) in kEuro

PRELIMINARE !!!!

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

item sub system breakdown
Item & Sub-system breakdown

PRELIMINARE !!!!

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

richieste core e alcuni commenti
Richieste CORE e alcuni commenti
  • Si chiede di mantenere gli impegni INFN verso il sistema HLT/DAQ di ATLAS soprattutto a fronte della qualità del lavoro svolto e programmato per il futuro dai gruppi italiani che operano in questo sub-system.
  • Si chiede di approvare il profilo di spesa citato nella percentuale del 13% del totale, con la necessità assoluta di mantenerlo invariato negli anni 2005-2007 e di contribuire alla spesa della pre-serie nel 2004 in modo da partecipare ai primi test del sistema completo del DAQ sui testbed del Cern e su Testbeam
  • L’allungamento del profilo di spesa su piu’ anni rispetto al profilo di spesa già approvato, dovrebbe consentire all’INFN di distribuire meglio le risorse negli anni di picco, sebbene ci sia una richiesta di Atlas di anticipare i “deferral” al 2004.

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

trigger di livello 1 m barrel
Trigger di Livello-1 m barrel
  • Studio delle prestazioni del trigger e sviluppo del codice di simulazione
  • Sviluppo elettronica on-detector
    • connessioni del Front-End con trigger e readout
    • ASIC Matrice di Coincidenza
    • PAD e Splitter Boxes
    • Link ottico (Tx)
  • Sviluppo elettronica off-detector
    • Readout Driver
    • Sector Logic
    • Link ottico (Rx)
  • Il sistema d trigger di Livello-1 nel barrel è anche il sistema di lettura degli RPC.

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

overview
Overview

350,000 canali

870 splitter boxes

On-detector

430 Low Pt boxes

35 kW

430 High Pt boxes

Off-detector

16 crates VME

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

stato del sistema
Stato del sistema
  • In laboratorio e\' stata installata una slice del sistema al fine di:
    • Identificare le modifiche necessarie per la versione finale;
    • preparare il testbeam.
    • (Milestone 2003)
  • I protitipi on-detector di una slice, con tutte le funzionalità e richieste sul numero di canali finali, sono attualmente ad H8.
    • Il software di inizializzazione e controllo ha tutte le funzionalità minimali per essere usato su test beam.
  • I prototipi dell\'elettronica off-detector sono a livello di dimostratori, e ci permetteranno di acquisire su fascio durante l\'estate.
    • L\'integrazione con il DAQ è iniziata nel laboratorio di Roma ad Aprile.

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

slide28

Splitter

 boards e motherboard

h boards

Link

Off detector RX SL demonstrator

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

sistemi di test per la produzione
Sistemi di test per la produzione
  • Tutte le schede di test necessarie per la produzione sono state sviluppate in casa e dalla CAEN all\'interno del progetto 5%.
  • Il software JTAG e\' stato aggiornato

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

slice test
Slice test

CAN

VME TTC

High Pt

Power

Trigger

LowPt

VME RX

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

test beam ad h8 cern
Test beam ad H8-CERN
  • Maggio – settembre. Il Livello-1 ha una settimana a maggio dedicata al run a 25 ns (solo TGC e MUCTPI). Gli RPC hanno un periodo dedicato a fine luglio di circa dieci giorni, ma la presa dati sarà possibile per quasi tutto il periodo.
  • Si stanno attualmente cablando ed equipaggiando con il readout la metà inferiore di due camere BML e BOL, che realizzano due torri di trigger complete (BB5).
  • Con questo Testbeam si vogliono collaudare:
    • Tutte le schede alloggiate nella Splitter Box
    • Tutte le schede alloggiate nella PAD
    • E ottenere un input per la seconda versione del prototipo ASIC
  • Tutta la catena di trigger/readout è stata già integrata e collaudata in laboratorio. Il successo di questo Testbeam è importante per lanciare la produzione dell’elettronica on-detector. Abbiamo bisogno di missioni per lavorare a questo test, come documentato ampiamente nella richiesta inviata ai Referee.
  • Importanza del Run Combinato del 2004 per il Trigger di Livello-1 :
    • Integrazione elettronica on-detector e off-detector per il Barrel Muon Trigger
    • Integrazione Barrel e Endcap Muon Trigger con MUCTPI
    • Muon + Calo Trigger con CTP (LVL1 Central Trigger Processor)

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

test beam 2003
Test beam 2003

Gli sforzi sono stati rivolti ad una prima integrazione a maggio dell\'elettronica presente a marzo in laboratorio, in attesa della seconda versione delle PAD e CM, da usare nel periodo dedicato di luglio e settembre.

  • Set-up ad H8 :

1 Splitter e 1 PAD per low-pT

1 Splitter e 1 PAD per high-pT

ROD Crate : SBC, TDC, TTCvi, RX, BUSY

PC con LDAQ per Config via CANBUS

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

test d irraggiamento
Test d\'irraggiamento
  • Test effettuati :
    • 9-11 maggio PSI
    • 2-3 giugno Lovanio
    • 17-19 giugno ISS
  • I componenti irraggiati sono quelli della tabella e i risultati mostrano che sono in grado di tollerare la radiazione equivalente a 10 anni di run di LHC (3 krad, 1011p/cm2)
  • S.Veneziano e R.Vari

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

milestones 20031
Milestones 2003
  • Finalizzazione elettronica off-detector e inizio produzione elettronica on-detector (integrazione RPC-MDT)
    • (AT) 31 gennaio PRR PAD-OR e SPLITTER (ok)
    • (AT) 31 marzo PRR PAD motherboard (rinviato) , CM boards (no) e Optical Link (ok)
    • Aprile integrazione e test slice verticale LVL1/DAQ/DCS in laboratorio (ok)
    • (AT) 30 aprile radiation tests of all on-detector components (ok)
    • Giugno: fine produzione preserie elettronica on-detector (Splitter ok)
    • (AT) 30 giugno preserie on-detector electronics available
    • Giugno-settembre: test beam per validare la slice on-detector. In produzione solo se il test avra\' successo.
    • (AT) 30 settembre RPC integration start, FDR SL e ROD, PRR of CM ASIC
    • (AT) 31 ottobre, fine del system test della on-detector electonics before mass production
    • (AT) Dicembre: inizio produzione 100% elettronica on-detector

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

schedula atlas 2004 2007
Schedula ATLAS 2004-2007
  • Estate 2004: test beam full trigger-readout slice.
  • (AT) Ottobre 2004: RPC pronti all\'istallazione
  • (AT) Ottobre 2004: off-detector electronics system test before mass-production end.
  • (AT) Novembre 2004: 100% on-detector electronics available
  • (AT) Febbraio 2005: 100% off-detector electronics available
  • Marzo-Novembre 2005: Muon-barrel trigger commissioning
  • (AT) Dicembre 2005: Muon Barrel trigger available
  • (AT) Agosto 2006: ATLAS Commissioning starts

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

commenti introduttivi ai profili di spesa
Commenti introduttivi ai profili di spesa
  • I progetti delle schede sono partiti nell’ambito del progetto 5% (partner industriale). Tali finanziamenti hanno coperto:
    • 2002
        • Prototipo PAD motherboard low pt
        • Prototipo PAD motherboard high pt
        • Prototipo PAD OR
        • Schede di test per PAD e Splitter
        • Prima versione link TX-RX ed FPGA.
        • Prototipo finale PAD
        • Prototipi schede CM Phi e CM Eta
    • 2003
        • Preproduzione PAD, schede CM (preserie)
  • Lo sviluppo e il profilo di spesa presentati nel documento seguono la schedula d’installazione del detector.

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

stato degli extra costi
Stato degli extra-costi
  • Recentissima revisione (17/06/2003) del costo di alcuni componenti dovuta a :
    • un’offerta della collaborazione di contribuirecon 400 kCHF (-> Splitter)
    • Nuova offerta e cambio favorevole tra dollaro e euro (-> ASIC)
    • Ulteriore possibile riduzione (141 kEuro) del costo NRE (-> PAD)
  • Inoltre si propone l’acquisto del sistema di basse tensioni nel 2005 e 2006, acquistando il primo anno un sistema minimale e i cavi.

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

livello 1 summary table keuro
Livello 1 – Summary table (kEuro)

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

contributi agli extra costi
Contributi agli extra-costi
  • Splitter (322 -> 543-259 -> 284 kEuro)
    • Introdotti in corso d’opera (per conversione segnale dal front-end al processore di trigger) sono circa 11800 schede. Questa introduzione ha comportato anche aumenti CORE per power supplies, connettori e cavi. Una pre-produzione di 38 schede completamente equipaggiate è stata gia’ finanziata con 30 kEuro. Le schede sono già a BB5. Per ridurre i costi della produzione finale il gruppo gestirà l’acquisto dei componenti e la produzione, tutti i test verranno eseguiti “in casa”.
  • PAD (851 -> 1523 kEuro)
    • Essenzialmente costo industriale (fattore 1,48). Costo del materiale 1080 kEuro. La differenza copre la gestione della produzione e i test che altrimenti devono essere gestiti dal gruppo

(questa seconda scelta ha comunque un impatto sul manpower INFN e quindi sulla schedula d’installazione).

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

contributi agli extra costi cont
Contributi agli extra-costi (cont.)
  • Link (215 -> 415 kEuro)
    • L’aumento dei costi è stato rivisto di recente e per contenerlo si sono dimezzati i link (mux dati di trigger e readout) che purtroppo ha complicato l’elettronica off-detector e modificato il firmware della PAD, ha avuto un impatto sulla latenza.
  • Cavi (181 -> 415 kEuro)
    • L’introduzione delle Splitter box ha aumentato il numero dei cavi di un fattore circa 3. Al CERN si stanno cercando fornitori diversi per abbassare i costi.
  • Low Voltage (100 -> 668 kEuro)
    • Stima da rivedere nel 2004, basata inizialmente su un unico fornitore (le richieste al sistema si sono evolute nel tempo, e.g. rad tolerant, etc.).
  • Nuovi item(90 kEuro)
    • Si sono accumulati nelle revisioni recenti delle interfaccie al sistema. Sono Crate Procesors, CAN driver cards, CAN cables, PAD-Splitter control cables, ROL source cards.

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

livello 1 profilo di spesa
Livello 1 – Profilo di spesa

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

conclusioni livello 1
Conclusioni Livello-1
  • Nell’ultima revisione dei costi (V 2.0) si e’ cercato di presentare più scenari e, per alcuni di essi, le possibili riduzioni dei costi e il carico di lavoro che esse implicano per il gruppo (vedi Splitter, PAD e Link)
  • Si è anche cercato di capire come diluire la spesa nel tempo per alcuni item che possono attendere (Low Voltage si potrebbe in parte spostare al 2006)
  • Cifra CORE richiesta per il 2003 :
    • sblocchi sj per far partire le gare fino ad un massimo delle intere cifre richieste; in particolare il sj per lASIC serve per il secondo run;
    • finanziamenti per l’acquisto dei cavi da istallare nello Spettrometro prima dell’istallazione del detector.
  • Cifra CORE richiesta per il 2004 :
    • tutte le cifre in tabella.

Gruppo1 - 24/06/2003 S.Falciano - INFN Roma1

ad