“Laboratorio Sperimentale
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 13

Progetto FSE, Misura E1, n. 32135 PowerPoint PPT Presentation


  • 68 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

“Laboratorio Sperimentale per l’attivazione di servizi mirati per l’imprenditorialità femminile delle aree montane”. Progetto FSE, Misura E1, n. 32135. Comunità Montana Valle Imagna. Comunità Montana Oltrepo’ Pavese. Associaz agricole. Ascolto avanzato. Scuola. Associaz artigiane.

Download Presentation

Progetto FSE, Misura E1, n. 32135

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Progetto fse misura e1 n 32135

“Laboratorio Sperimentale per l’attivazione di servizi mirati per l’imprenditorialità femminile delle aree montane”

Progetto FSE, Misura E1, n. 32135


Progetto fse misura e1 n 32135

Comunità Montana

Valle Imagna

Comunità Montana

Oltrepo’ Pavese


Schema del centro risorsa donna in montagna

Associaz

agricole

Ascolto avanzato

Scuola

Associaz

artigiane

Banche

Centro Risorse Donne in Montagna

Comunità Montana

Accordo istituzionale

Mediatori culturali

Ascolto avanzato

C.C.I.A.A.

Comitato Imprenditoria femminile

Enti pubblici

Centri per Impiego

Data base

A.S.L.

Ascolto avanzato

Ascolto avanzato

Ass.PMI

Ass. Industriali

Commercianti

Associaz.

Volontariato

Questura

Schema del Centro Risorsa Donna in Montagna

  • Comunità Montana Valle Imagna


Il centro risorsa donna in montagna stato incardinato sulle seguenti caratteristiche

Il Centro Risorsa Donna in Montagna è stato incardinato sulle seguenti caratteristiche:

  • E’ stato basato sulla specificità e identità culturale del territorio;

  • E’ stato promosso attraverso l’interazione tra i diversi livelli di istituzioni presenti sul territorio: la Comunità Montana, i Comuni, il Terzo Settore, le forme di volontariato presenti, le Associazioni di Categoria, ecc.;

  • E’ stato basato sul metodo della ricerca intervento che permette di individuare in itinere le problematiche e le relative soluzioni da adottare, calibrando gli interventi per costituire un sistema integrato di servizi alle donne coerenti con le necessità delle utenti stesse;

  • E’ stato fortemente incentrato sulla presenza territoriale dell’operatore del Centro, quale elemento fondamentale nel processo di conoscenza dei bisogni delle aree territoriali, nella costruzione della rete e nella creazione di un momento di riferimento per l’accesso dell’utente al sistema integrato


Aree di intervento

Comunità Montana Oltrepò Pavese – Lombardia – Sistema Appenninico

Comunità Montana Valle Imagna – Lombardia – Sistema Alpino

Aree di intervento


Modalit di intervento

Modalità di intervento:

  • Servizio di ascolto itinerante sul territorio della Comunità Montana

  • Colloqui a domicilio con le donne su indicazioni e per appuntamento: 2 giorni alla settimana

  • Sportello fisso presso il Centro in valle : una giornata alla settimana dalle ore 9.00 alle ore 17.00

  • Servizio di consulenza in sede CELIT e attività di back-office: 2 giornate alla settimana.


Modalit di pubblicizzazione

Modalità di pubblicizzazione

L’intervento è stato divulgato attraverso:

  • stampa e affissione di manifesti in tutti i comuni e in tutti i luoghi pubblici (comuni, chiese, bar…)

  • pubblicazione sul sito della Comunità Montana e del CELIT

  • articoli sui giornali locali.

  • comunicazione scritta ai sindaci

  • invio comunicazione ai nuclei familiari

  • comunicazioni durante altre attività: corsi di formazione, incontri con le famiglie fatte dalla Associazione famigliare NovaCana


I servizi

I servizi

  • ascolto delle esigenze e delle problematiche delle donne attraverso incontri individuali e di gruppo;

  • messa in rete delle donne coinvolte nel progetto;

  • sostegno alla creazione d’impresa;

  • sportello itinerante relativo alla legge 215/92;

  • creazione del data base dei servizi presenti sul territorio;


I servizi1

I servizi

  • organizzazioni di diversi momenti di animazione/informazione territoriale per la presentazione delle diverse opportunità offerte dal territorio (presentazione dell’Obiettivo 2, leggi sull’imprenditoria femminile, leggi sulle cooperative, progetto Multimisura Orientamento, leggi sul volontariato);

  • organizzazione di due mostre sull’imprenditorialità femminile nei due territori oggetto del progetto;


I servizi2

I servizi

  • organizzazioni di seminari di approfondimento relativi a diverse tematiche

    • “Tavoli di confronto sulle problematiche delle donne

    • “La donna come mediatrice culturale: tavolo di lavoro”

    • “Incontro con le donne imprenditrici agricole della Valle Imagna”

    • “Donne in politica”


Valore aggiunto del progetto

Valore aggiunto del progetto:

  • Nascita del progetto “Lavoro e conciliazione dei tempi nelle zone montane: un modello di impresa femminile di servizi al territorio” realizzato per l’Assessorato alle Politiche Familiari della Regione Lombardia;

  • Nascita del progetto FSE Misura E1 anno 2004 “Ricerca-intervento per ampliare la conoscenza relativa alle dinamiche delle donne in politica nelle amministrazioni locali lombarde (Comuni, Comunità Montane, Enti Pubblici...)”


Valore aggiunto del progetto1

Valore aggiunto del progetto:

  • Presentazione del progetto FSE “Valle Imagna in rosa” sulle istanze e progettualità nate nel Centro Risorsa Donna in Montagna;

  • Nascita di cinque progettualità di imprese femminili attraverso la presentazione delle domande di finanziamento sulla L. 215/92 e sul bando per l’imprenditoria femminile della Provincia di Pavia;

  • Nascita di tre Centri Risorsa Donna nei Comuni di Varzi, Bagnaria e Unione dei Comuni di Canneto Pavese, Castana e Montescano che aderiscono alla Rete dei Centri Risorsa della Regione Lombardia;


Valore aggiunto del progetto2

Valore aggiunto del progetto:

  • Le persone contattate sono rimaste patrimonio del CE.L.I.T. per i futuri progetti presentati

  • Presentazione di un documento- testimonianza delle donne al Ministro per gli Affari regionali con delega alla Montagna Enrico la Loggia

  • Inserimento della Consulta delle donne di montagna nella nuova legge nazionale sulla montagna


  • Login