Livelli essenziali di assistenza e delle prestazioni: il punto di vista del movimento delle persone ...
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 25

La convenzione ONU PowerPoint PPT Presentation


  • 106 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Livelli essenziali di assistenza e delle prestazioni: il punto di vista del movimento delle persone con disabilità. Convenzione ONU = livelli essenziali di assistenza = filtro interpretativo per la definizione dei livelli essenziali delle prestazioni. La convenzione ONU.

Download Presentation

La convenzione ONU

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


La convenzione onu

Livelli essenziali di assistenza e delle prestazioni: il punto di vista del movimento delle persone con disabilità

Convenzione ONU = livelli essenziali di assistenza = filtro interpretativo per la definizione dei livelli essenziali delle prestazioni

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


La convenzione onu

La convenzione ONU

  • Non introduce nuovi diritti

  • Sposta la collocazione delle disabilità dal “modello medico” al “modello sociale”

  • E’ occasione per definire una via nazionale per la tutela dei diritti umani

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


Modello sociale vs modello medico

Modello medico delle disabilità “complesse”

Le gravi/particolari menomazioni compromettono la capacità di formazione e inserimento professionale

Le menomazioni impediscono alle persone con disabilità “complesse” di lavorare

Modello sociale delle disabilità “complesse”

Le gravi/particolari menomazioni richiedono programmi e percorsi di formazione adeguati

La mancanza di programmi e percorsi di formazione adeguati impediscono alle persone con disabilità “complesse” di lavorare

MODELLO SOCIALE VS. MODELLO MEDICO

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


Impatto della convenzione sulla legislazione

Impatto della Convenzione sulla legislazione

  • Chiarisce il campo di azione, precisando principi, politiche e trattamenti, coinvolgendo “pubblico” e “privato”

  • Lega i diritti civili, sociali ed economici con i diritti umani

  • Obbliga ad alcune revisioni e precisazioni della legislazione (accomodamento ragionevole, partecipazione delle organizzazione delle persone con disabilita’ nei giudizi)

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


La strategia di cambiamento basata sui diritti umani

la strategia di cambiamento basata sui diritti umani …

  • si pone come obiettivo l’inclusione sociale (cambiare le regole)

  • si tratta quindi di superare l’equazione

    Persona con disabilità = servizi

  • si deve “ri-leggere” la condizione di vita delle persone con disabilità partendo dai diritti negati (utilizzo del principio di accomodamento ragionevole connesso ai principi di non discriminazione e pari opportunità) procedendo, poi, alla valutazione dei bisogni

  • le valutazioni sui diritti negati vanno condotte non solo in relazione alla persona con disabilità, ma anche in relazione alla famiglia …

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


Le famiglie con disabili

Le famiglie con disabili …

  • Sono più esposte di altre famiglie al rischio di essere coinvolte in processi di impoverimento (rinuncia alla carriera professionale e/o al lavoro da parte di uno dei due genitori, maggiori costi per la vita ordinaria – tempo libero del figlio/a e per sé stessi, costi sanitari – soprattutto nelle prime fasi della vita – discriminazione economica in relazione alla fruizione di servizi in relazione a servizi analoghi utilizzati da coetanei non disabili – p.e. istruzione/servizi diurni, trasporto)

  • Sono discriminate rispetto ad altre famiglie con figli relativamente alla fruizione dei servizi pubblici e, complessivamente, per l’accesso ai diritti di partecipazione

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


Le sole politiche assistenziali provocano discriminazione emarginazione

LE “SOLE” POLITICHE ASSISTENZIALI PROVOCANO DISCRIMINAZIONE/EMARGINAZIONE

puntare alle politiche attive per lo

sviluppo(occupazione, istruzione,

vita degna di essere vissuta)

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


1 individuazione dei liveas

1. Individuazione dei LIVEAS

  • la definizione dei LIVEAS va intesa come un processo articolato, dinamico e necessariamente multidisciplinare, utilizzando quale scenario di fondo la tutela dei diritti umani, prima ancora di quelli civili e sociali (inclusione)

  • In tal senso, occorre che la Repubblica (art. 114 Cost.) si attrezzi in modo che:

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


1 elementi per la definizione dei liveas presa in carico

1. Elementi per la definizione dei LIVEAS (presa in carico)

  • La presa in carico sia intesa come processo globale e continuativo saldamente governato dalla P.A.

  • Sia garantito il coordinamento delle politiche ai diversi livelli istituzionali (Stato:art. 41 L.104/1992 – Regioni:piani regionali di sviluppo/piani sociosanitari/progetti obiettivo – Province+distretti ASL+ Comune: PdZ e PAT)

  • Siano definiti strumenti per governare il processo di presa in carico

  • Siano definiti criteri omogenei per valutare il concorso alla spesa da parte dei cittadini/utenti (ISEE) fermo restando il rispetto del principio di non discriminazione (NON VA PAGATA LA PARI OPPORTUNITA’)

  • Sia promosso il massimo coinvolgimento della PCD e di chi la rappresenta (se la persona non è in grado di rappresentarsi da sola) anche ai fini della valutazione di efficacia della presa in carico (qualità della vita)

  • Il progetto individuale (per “noi” il riferimento resta l’art. 14 L.328/2000) deve essere considerato livello essenziale, e in tal senso vanno create le condizioni professionali, organizzative ed istituzionali affinchè gli EE.LL possano dare corso a quanto indicato dalla Legge (con una priorità: realizzare l’integrazione sociosanitaria)

    SOPRATTUTTO…

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


2 elementi per la definizione dei liveas presa in carico

2. Elementi per la definizione dei LIVEAS (presa in carico)

Occorre che la definizione dei LIVEAS, a differenza di quanto accaduto per il LEA, sia un provvedimento che giunga al termine di un processo ampio e diffuso di confronto su uno degli elementi centrali del sistema del welfare (le risorse)

  • federalismo fiscale

  • Criteri di ripartizione (valgono ancora i criteri sinora utilizzati se, prima, non si installa il Sistema Informativo sui Servizi Sociali?)

  • Criteri per il concorso alla spesa (il discrimine deve essere la capacità/possibilità di avere accesso al reddito e la non discriminazione)

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


La proposta del livello zero presentata al min ferrero

La proposta del “livello zero” presentata al Min.Ferrero

la proposta (luglio 2006) integra le due proposte presentate dalla FISH in materia di LEA e di Presa in Carico. La proposta intende stabilire:

  • Chi, dove e in che modo si debba procedere alla valutazione dei bisogni e quindi alla progettazione globale individuale

  • In che misura e con quali strumenti si possano creare le condizioni per il coinvolgimento reale della persona con disabilità (e di chi la rappresenta) in tutte le fasi del processo

  • Da chi e in che modo possa essere garantito il governo del progetto globale di presa in carico

  • Con quali strumenti, metodi e tempi svolgere le operazioni di verifica e di valutazione di efficacia

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


La convenzione onu

Molti degli elementi presenti nella proposta di legge sono già descritti e previsti dalla legislazione vigente

  • La valutazione (art. 2 DPCM 14.02.2001; art. 14 co.2 L.328/2000)

  • La progettazione individuale (art. 14 L.328/2000; D.M. 07.05.1998; L.162/1998; L.68/1999; norme per l’integrazione scolastica)

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


Non esistono invece o sono scarsamente definiti riferimenti normativi nazionali in merito a

Non esistono invece (o sono scarsamente definiti), riferimenti normativi nazionali in merito a:

  • Valutazione di efficacia (o di esito)

  • Governo del processo di presa in carico (responsabile di progetto/case manager, ecc.)

  • Coinvolgimento della persona

  • Diritto di ricorso

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


La proposta in sintesi valutazione del bisogno chi la fa 1

La proposta in sintesi/valutazione del bisogno: chi la fa/1

  • Art. 3 – valutazione delle condizioni personali e definizione del Progetto Globale Individuale:

  • Ambiti e strumenti del processo di valutazione

  • Istituzione delle UMV

  • Composizione delle UMV

  • Responsabilità attribuite all’interno della UMV

  • Diritto di partecipazione della PCD

  • Redazione del progetto globale di presa in carico

  • raccordo con i progetti specifici

  • Nomina del responsabile di progetto

  • Dossier Unico

  • Diritto di ricorso della PCD

  • Priorità alle situazioni di gravtà già riconosciute

  • Applicazione DPCM 14.02.2001

  • Livelli essenziali art. 22 comma 4 L.328/2000

  • Istituzione dei Comitati Consultivi Misti presso le ASL

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


La proposta in sintesi valutazione del bisogno chi la fa 2

La proposta in sintesi/valutazione del bisogno: chi la fa/2

Sostituzione delle attuali commissioni di accertamento dell’invalidità civile (QUANTO COSTANO OGGI LE COMMISSIONI L.295?) con una equipe permanente a livello distrettuale (UMV) che:

  • accerti dal punto di vista sanitario la condizione della persona (ICD 10/OMS)

  • valuti la condizione di funzionamento (ICF/OMS)

  • accerti la condizione socio-economica della persona ai soli fini dell’eventuale concorso alla spesa (D.Lgs.130/2000)

  • stabilisca il diritto a percepire le forme di assistenza economica vigenti o stabilite in base alla riforma di cui all’art. 24 L.328/2000

  • rediga il PROGETTO GLOBALE DI PRESA IN CARICO (X° sistema AAMR?)

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


La proposta in sintesi valutazione del bisogno chi la fa 3

La proposta in sintesi/valutazione del bisogno: chi la fa/3

Composizione dell’UMV:

  • Medico legale

  • Medico specialista della patologia

  • Assistente sociale

  • Psicologo (età evolutiva/età adulta)

  • Terapista occupazionale e/o altro tecnico della riabilitazione

  • Educatore professionale

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


La proposta in sintesi valutazione del bisogno ruolo della persona con disabilit

La proposta in sintesi/valutazione del bisogno/ruolo della persona con disabilità

I diritti di partecipazione della PCD:

  • essere presente/coinvolto/protagonista nelle varie fasi della valutazione

  • possibilità di presentare ricorso anche attraverso il giudice ordinario (dopo essere ricorso alla Commissione Reg.le DPR 21.09.1994)

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


La proposta in sintesi il progetto globale di presa in carico chi lo fa

La proposta in sintesi/il progetto globale di presa in carico: chi lo fa

Dopo la valutazione la UMV procede alla redazione del progetto globale che deve contenere:

  • La descrizione dei bisogni

  • La definizione degli obiettivi di autonomia e di inclusione sociale

  • i servizi e le prestazioni

  • le azioni positive per concorrere alla creazione delle condizioni di non-discriminazione e pari opportunità

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


La proposta in sintesi rapporto tra il progetto globale e i progetti specifici 1

La proposta in sintesi/rapporto tra il progetto globale e i progetti specifici/1

La coerenza della strategia complessiva compete alle equipe che devono curare i progetti specifici:

  • progetto riabilitativo (D.M. 1998)

  • progetto didattico di integrazione scolastica (L.104/1992)

  • progetto di collocamento mirato (L.68/1999)

  • progetto di inserimento sociale e sostegno alle necessità familiari (L.328/2000)

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


La proposta in sintesi rapporto tra il progetto globale e i progetti specifici 2

La proposta in sintesi/rapporto tra il progetto globale e i progetti specifici/2

  • La verifica della coerenza interna tra il progetto globale e i progetti specifici la governa il Responsabile di Progetto, oltre alla persona e/o a chi la rappresenta

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


La proposta in sintesi il territorio

La proposta in sintesi/il territorio

Costituzione di un comitato consultivo misto presso ogni ASL per:

  • monitorare l’andamento delle attività delle UMV, in particolare in relazione a:

  • completezza delle piante organiche

  • rispetto dei diritti di partecipazione delle PCD

  • tempi medi di svolgimento delle fasi di valutazione e delle attività per la redazione del progetto globale di presa in carico

    Il parere del Comitato Consultivo Misto è vincolante in relazione a:

  • Redazione del PAT e del PdZ

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


La proposta in sintesi l integrazione e il coordinamento delle politiche stato regioni enti locali

La proposta in sintesi/l’integrazione e il coordinamento delle politiche (stato/regioni/enti locali)

  • Attuare l’art. 41 bis L.104/1992

  • Istituire il comitato nazionale

  • Definire la rappresentanza delle associazioni

  • Assegnare al Min.Welfare il coordinamento

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


La convenzione onu

LIVELLI ESSENZIALI “FISH”

Quattro fasi della vita:

  • infanzia, adolescenza, età adulta, età senile

    Le condizioni e gli strumenti per l’attuazione dei LEA:

  • PORTA UNICA DI ACCESSO

  • SEGRETARIATO SOCIALE DISTRETTUALE

  • EQUIPE MULTIDISCIPLINARE di VALUTAZIONE

  • SERVIZIO DI ASCOLTO E SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


Nel frattempo per

Nel frattempo però…

  • Le persone con disabilità e le loro famiglie continuano ad essere esposti a elevati rischi di impoverimento

  • I livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali sono solo parzialmente definiti (sanità/sociosanitario/istruzione) e non si è in presenza di una condizione di esigibilità, e nemmeno di una condizione di esigibilità omogenea nel Paese (squilibri territoriali)

  • è sinora del tutto assente una prassi che porti a revisionare le liste dei LEA in base a criteri di miglioramento della qualità della vita della persona, e le operazioni sinora condotte non hanno visto la partecipazione della organizzazioni sociali

  • I comportamenti della P.A. circa il concorso alla spesa da parte degli utenti sono non solo disomogenei (creando condizioni di oggettiva iniquità) e illegittimi (mancata attuazione D.Lgs.130/2000), ma sono sempre più vessatori nei confronti di cittadini/utenti e familiari

  • Il ricorso, in alcune regioni, al massiccio utilizzo di titoli per l’acquisto di servizi e prestazioni sociali e sociosanitarie (p.e. Lombardia) colloca la risposta ai bisogni delle persone più sul piano mercantile che su quello della presa in carico

  • le esperienze che puntano al coinvolgimento della persona e di chi la rappresenta sono ancora troppo esili e poche per individuare modelli precisi e sicuri

  • Il documento del gruppo di lavoro del Min.Salute per la definizione e l’aggiornamento dei LEA è prepotentemente “sanitario” (residenze sanitarie – è assente il termine “casa”)

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


Le cose da fare avviare subito e contemporaneamente

le cose da fare/avviare subito e contemporaneamente:

  • Avvio di sperimentazioni regionali su basi distrettuali

  • Sviluppo di ricerche sociali e di sistemi di raccolta dei dati (sui bisogni, sulla destinazione dei finanziamenti, sulle valutazioni di esito)

  • strumenti/luoghi per il coinvolgimento delle organizzazioni sociali

  • Miglioramento del funzionamento della P.A.

  • INFRASTTRUTTURE DI BASE (processi di presa in carico)

  • Revisione ISEE: tutelare le persone e non i patrimoni

seminario Fond.Zancan luglio '07 - livelli essenziali assistenza


  • Login