slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
L’analisi del punto di pareggio per la programmazione aziendale

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 24

L’analisi del punto di pareggio per la programmazione aziendale - PowerPoint PPT Presentation


  • 95 Views
  • Uploaded on

L’analisi del punto di pareggio per la programmazione aziendale. Il punto di pareggio. Tecnica di previsione dei costi Basata sulla distinzione tra CF e cv Utile per definire il P.U.Z. e livelli di profitto obiettivo

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' L’analisi del punto di pareggio per la programmazione aziendale' - meara


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
il punto di pareggio
Il punto di pareggio
  • Tecnica di previsione dei costi
  • Basata sulla distinzione tra CF e cv
  • Utile per definire il P.U.Z. e livelli di profitto obiettivo
  • Impiegata sia in momenti di definizione del business che di ordinaria programmazione
slide4

Costi fissi e variabili

Logica marginalistica: per ciascun livello di produzione (compreso entro una data capacità produttiva) il costo totale è costituito da una componente di costi fissi (legati alla capacità) e da una componente di costi variabili (legata dall’utilizzo della capacità).

CT = CV + CF = cv * Q + CF

prodotto

periodo

slide5

Costi fissi e variabili

…occorre definire:

• Driver di costo (la cui variazione determina variazioni nel costo)

• Area di rilevanza (intervallo entro cui le ipotesi di costanza e variabilità restano valide)

slide7

Costi fissi e variabili

…rispetto ad un COST DRIVER (es. numero allievi o ore di docenza) e nell’ambito di un definita AREA DI RILEVANZA, possiamo distinguere:

C

CV

Costi Fissi: CF = k

Costi Variabili: CV = vQ

CF

k

Q

Area di Rilevanza

slide8

La variabilità di un costo può assumere forme differenti:

Q

Q

Q

Area di Rilevanza

Area di Rilevanza

Area di Rilevanza

Variabilità più che Proporzionale

Costi Progressivi

Variabilità meno che Proporzionale

Costi Degressivi

Variabilità Proporzionale

slide9

Il COSTO TOTALE è determinato attraverso la somma dei COSTI TOTALI FISSI E VARIABILI:

CT

C

CV

Costi Fissi: CF = k

Costi Variabili: CV = vQ

Costi Totali: CT = CF + CV

Costi Totali: CT = k + vQ

CF

k

Q

Area di Rilevanza

slide10

Costi Totali: CT = k + vQ

Costo Unitario:

CT

Q

k

Q

=

+ v

Costi Variabili

Costi Fissi

CVT

CFT

CVU

CFU

Costi Totali

CT

CTU

slide11

Costi fissi e variabili

  • Metodi di analisi del regime di variabilità dei costi:
  • Metodo dei due punti
  • Metodi statistici (regressione)
metodo dei due punti
Metodo dei due punti
  • Si considera C come il livello più elevato di costi e Q il relativo driver;
  • Si considera C’ come il livello più basso di costi e Q’ il relativo driver. Quindi…

(C-C’)/(Q-Q’)=v coefficiente di variabilità

C-Q*v=CF

il punto di pareggio un ottica algebrica
Il punto di pareggio: un’ottica algebrica

Dati:

CT=CF + v*Q

RT=p*Q

Allora il punto di pareggio equivale al valore di Q che determina un uguaglianza tra RT e CT

Q=CF/(p-v)

il punto di pareggio un ottica grafica
Il punto di pareggio: un’ottica grafica

RT=p*Q

Costi

Ricavi

PUZ

CT=v*Q+CF

CF

0

Quantità vendute/prodotte

esercizio 1
Esercizio (1)

Determinare il punto di pareggio, sia in termini di volumi che di fatturato sulla base dei dati seguenti:

P 10000

v 4000

CF 90000000

il punto di pareggio con l utile obiettivo
Il punto di pareggio con l’utile obiettivo

Qo= (Uo+CF)/(p-v)

RTo=(Uo+CF)/(1-B)

Con B=v/p

esercizio 2
Esercizio (2)

Sulla base dei dati dell’esercizio precedente calcolare il fatturato obiettivo per ottenere un reddito operativo al netto delle imposte di 30.000.000, con un’aliquota fiscale del 40%

l analisi what if
L’analisi What if

RT=p*Q

Aumento

del

prezzo

CT=v*Q+CF

l analisi what if1
L’analisi What if

RT=p*Q

Aumento

cv

CT=v*Q+CF

l analisi what if2
L’analisi What if

RT=p*Q

Aumento

CF

CT=v*Q+CF

l analisi what if3
L’analisi What if

RT=p*Q

Aumento

Q

CT=v*Q+CF

Q

Q’

il profittogramma un ottica algebrica
Il profittogramma: un’ottica algebrica

Da: Qo= (Uo+CF)/(p-v)

A: Uo=Q*(p-v)-CF

Da: RTo=(Uo+CF)/(1-B)

A: Uo=RT*(1-B)-CF

il profittogramma un ottica grafica
Il profittogramma: un’ottica grafica

Utile

Uo=Q*(p-v)-CF

0

- CF

Quantità/Fatturato

ad