Dal e il cinema
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 35

Dalí e il cinema PowerPoint PPT Presentation


  • 75 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Dalí e il cinema. Salvador Dalí mentre dipinge Gran Cabeza de dios griego , per la pellicola Destino di Walt Disney, 1946. Le diverse fasi del rapporto di Dalí con il cinema. L’esperienza alla Residencia di Madrid Primo periodo: l’influenza del surrealismo

Download Presentation

Dalí e il cinema

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Dal e il cinema

Dalí e il cinema

Salvador Dalí mentre dipinge Gran Cabeza de dios griego, per la pellicola Destino di Walt Disney, 1946


Le diverse fasi del rapporto di dal con il cinema

Le diverse fasi del rapporto di Dalí con il cinema

  • L’esperienza alla Residencia di Madrid

  • Primo periodo: l’influenza del surrealismo

  • Secondo periodo: l’esperienza Hollywoodiana


L avvicinamento al cinema l esperienza alla residencia di madrid

L’avvicinamento al cinema: l’esperienza alla Residencia di Madrid

● Tra il 1921 ed il 1926 Dalí studia alla Residencia des Estudiantes di Madrid, dove conosce BuÑuel e Lorca.

● Alla Residencia, che organizzava spettacoli teatrali, proiezioni cinematografiche ed altre iniziative culturali, Dalí vive in un ambiente altamente stimolante.

Frequenta anche i caffé madrileni, animati dai dibattiti di giovani intellettuali ed artisti.

● A volte si recava al cinema per vedere i film comici americani, soprattutto quelli di Turpin e Keaton, che considerava molto divertenti, e comincia a recepire l’essenza espressiva del cinema.


Primo periodo l influenza del surrealismo 1924 1937

Primo periodo: l’influenza del surrealismo1924-1937

Giá nel “Primo Manifesto surrealista” del 1924, Breton si era interessato al cinema definendolo un occhio artificiale, capace di riprendere uno spazio virtuale in cui immaginazione e realtá perdevano i loro confini, scambiandosi continuamente di ruolo.

Il cinema é considerato, dai surrealisti, il mezzo per fare incontrare le dimensioni del sogno e della realtá.

Lo scopo di una pellicola é di colpire lo spettatore e di proiettarlo in una nuova realtá.


Dal e il cinema

Dalí si unisce ufficialmente al gruppo di Breton nel 1929, ma giá nel 1927 aveva spedito a Miró numerose fotografie delle sue opere, in quanto sperava di potere entrare in contatto con i surrealisti.

Oltre ad essere attratto dal modo in cui i surrealisti esprimevano il reale funzionamento del pensiero, attraverso le loro opere; Dalí era rimasto affascinato da Miró, il quale, nei sui quadri, riscriveva il reale utilizzando un codice di libere associazioni.

Durante questo periodo compreso tra il 1927 ed il 1929, infatti, sia i dipinti daliniani, che le sue idee riguardanti l’arte in generale, risentono molto dell’influenza del surrealismo.


Dal e il cinema

Dalí scrive il “Manifesto antiartistico catalano”, insieme a Gasch e Montanyá nel 1928 in cui esprime:

▪ il bisogno di appropiarsi del mezzo cinematografico per inquadrarlo con i propositi dell’avanguardia surrealista;

▪una condanna all’arte tradizionale, legata alla cultura popolare e ad un contesto regionale;

▪una valorizzazione del genere del documentario.


Dal e il cinema

Nel 1928 Dalí pubblica “Guía sinoptica: Cinema” ne “l’Amic de les Arts” in cui:

▪esalta l’industria cinematografica e la macchina da presa come mezzo adatto a proporre immagini dirette, provenienti dalla liberazione dell’inconscio;

▪critica il cinema artistico e sentimentale, di radice letteraria, diretto a colpire il gusto popolare, citando Murnau e Gance, per esaltare quello comico di Keaton: rapido, intenso ed acuto.


Dal e il cinema

Nel 1929 scrive un articolo significativo

“Documental: Paris” per la rivista “La Publicitat”, in cui sottolinea:

▪la capacitá del cinema di registrare una realtá ignota;

▪il merito della scrittura surrealista, che riesce a captare il reale funzionamento del pensiero e la capacitá della fotografia di riflettere una realtá inedita e nascosta ai nostri sensi;

▪il rapporto tra fotografia e cinema che porta al genere del documentario, espressione oggettiva del reale.


Un chien andalou 1929

Un chien andalou1929

  • Natale 1928: Dalí e BuÑuel trascorrono le vacanze a Cadaqués e maturano l’idea di realizzare una pellicola cinematografica

  • I due artisti si raccontano i sogni fatti durante la notte, che contribuiranno alla stesura del progetto;

    entrambi lavorano sia alla sceneggiatura che alla scenografia per tutto il mese di Gennaio.


Prologo de un chien andalou

Prologo de Un chien andalou


Dal e il cinema

Il cortometraggio realizzato dura venticinque minuti ed é il risultato della liberazione totale dell’inconscio dei due artisti.

Si possono rintracciare sequenze scandite da associazioni concettuali libere, caratterizzate da immagini veloci ed in continua trasformazione.

La dimensione onirica e psicanalitica, l’istinto sessuale, la tensione erotica sono alcuni dei temi trattati.


Fotogrammi sulla tensione erotica dell uomo

Fotogrammi sulla tensione erotica dell’uomo


Dal e il cinema

Un chien andalou si caratterizza per il susseguirsi di immagini che mirano a scandalizzare ed insieme disorientare lo spettatore.

La pellicola mira a provocare il suo pubblico, scatenando reazioni istintive di attrazione e repulsione, che trasportino alle origini del sogno ed eliminino le idee, fino ad allora condivise, in campo cinematografico.


Dal e il cinema

Alcuni

fotogrammi

della

pellicola

Un chien andalou


Analisi delle immagini filmiche

Analisi delle immagini filmiche

Il rapporto tra alcuni fotogrammi de

Un chien andalou e le opere di Dalí


La merlettaia di vermeer e la muchacha de figueres 1926

La Merlettaia di Vermeer e La Muchacha de Figueres 1926


Moncherino e la mano cortada 1927

Moncherino e La mano cortada 1927


Mano con formiche e gioco lugubre 1929

Mano con formiche e Gioco lugubre 1929


Asini putrefatti e il miele pi dolce del sangue 1927

Asini putrefatti e Il miele é piú dolce del sangue 1927


L asino putrefatto 1928 e il william tell 1930

L’asino putrefatto 1928 e il William Tell 1930


Ascella della donna e cenicitas 1928

Ascella della donna e Cenicitas1928


Primo piano della donna e il collage le ph nom ne de l exstase 1933

Primo piano della donna e il collage Le phénomène de l’exstase 1933


Epilogo e l angelus di millet riproposto da dal

Epilogo e L’Angelus di Millet riproposto da Dalí


Ambientazione dell epilogo e rocce di cadaqu s 1926

Ambientazione dell’epilogo e Rocce di Cadaqués 1926


Dal e il cinema

Dalí e BuÑuel sembrano abbandonare la logica lineare della narrazione in favore di un disorientamento spazio-temporale.

Questo effetto é dovuto, in parte, all’utilizzo del montaggio come strumento per sovvertire la logica lineare dello spazio e del tempo.

In conclusione, i fotogrammi possono essere paragonati a dei quadri in movimento, dotati di un’autonomia espressiva propria.


Secondo periodo l esperienza hollywoodiana 1938 1960

Secondo periodo: l’esperienza Hollywoodiana1938-1960

Nel 1937, a causa della gerra civile spagnola, Dalí si trasferisce negli Stati Uniti.

Il desiderio di conquista del grande pubblico lo avvicina ancora una volta al cinema, considerato il mezzo piú diretto e veloce.

Ad Hollywood, peró, si producono maggiormente pellicole che mirano a colpire un target eterogeneo di spettatori ed a riempire le sale dei cinema, assicurando cosí incassi veloci.


Dal e il cinema

L’artista propone diverse sceneggiature di stampo surrealista a molti produttori, ma con esito negativo.

Infatti durante gli anni ’40 e ’50 Dalí, contattato da grandi registi, viene considerato unicamente per collaborazioni circoscritte all’ambito della scenografia.

Dalí lavora a numerosi scenari, produce bozzetti, locandine e disegni adattandosi alle esigenze del copione propostogli.


Disegno per destino di walt disney 1946

Disegnoper Destino di Walt Disney 1946


Disegno della ballerina di destino

Disegno della ballerina di Destino


Locandina di richard 1956

Locandina di Richard ІІІ1956


Dal e il cinema

In questo periodo molti produttori contattano Dalí con lo scopo di pubblicizzare le proprie pellicole.

Le sue doti artistiche vengono poste in secondo piano per evidenziare, invece, il lato eccentrico e bizzarro di un artista tanto chiaccherato dai media.


Bozzetto per spellbound io ti salver di a hitchcock 1945

Bozzetto per Spellbound (Io ti salveró) di A.Hitchcock 1945


Dipinto ad olio usato come sfondo per spellbound

Dipinto ad olio, usato come sfondo per Spellbound


Dal e il cinema

Nonostante l’impossibilitá di realizzare le sue iniziali aspirazioni, l’artista si adegua a questa situazione di collaborazioni ristrette all’ambito della scenografia.

Dalí abbandona le sue convinzioni riguardanti il mezzo cinematografico, sostenute durante gli anni ’20.

Il cinema hollywoodiano diventa, per lui, uno di quei campi artistici di cui approfittare per accrescere la propria popolaritá ed aumentare i propri guadagni.


Dal e il cinema1

Dalí e il cinema

Salvador Dalí mentre dipinge Gran Cabeza de dios griego, per la pellicola Destino di Walt Disney, 1946


  • Login