La certosa del berluska
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 12

La “Certosa” del Berluska PowerPoint PPT Presentation


  • 51 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

La “Certosa” del Berluska.

Download Presentation

La “Certosa” del Berluska

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


La certosa del berluska

La “Certosa” del Berluska


La certosa del berluska

"MAGAZINE" PUBBLICA LE IMMAGINI MAI VISTE DE "LA CERTOSA"ANFITEATRO DI PIANTE GRASSE, AGORÀ, CHIOSTRI, CINQUE PISCINELe foto sono tratte da "Ville esclusive & Resorts", edito da Archideos, curato dal fotografo Giancarlo Gardin, scritto da Isabella Brega e Marco Biagi. Gian Antonio Stella per Corriere della Sera-Magazine


La certosa del berluska

Di camminare sulle acque, per ora, non gli era ancora riuscito. Ma Silvio Berlusconi non è uomo da perdersi d'animo.

E si è fatto progettare nella sua tenuta di Porto Rotondo un breve camminamento a pelo d'acqua che solca il magnifico

laghetto al centro del cosiddetto «anfiteatro» di duemila piante grasse. Per adesso si allena lì, per Tiberiade si vedrà.

Plasmare la natura gli piace. E su questo ha trovato una splendida intesa con il suo Vanvitelli personale, l'architetto

Gianni Gamondi, individuando un obiettivo apparentemente ambizioso messo nero su bianco: il «perfezionamento

della natura naturans in natura naturata».


La certosa del berluska

I PIACERI DEL GIOVIN SIGNOREAl piano seminterrato, affacciate sul parco, si trovano la piscina, una jacuzzi decagonale

e, separata da una parete di specchi, la sauna.


La certosa del berluska

Non è che a Dio, infatti, vengano tutte giuste. Ad esempio, raccontano, il Cavaliere si

ferma di tanto in tanto davanti a certe grandi rocce dalle parti dell'anfiteatro simil-greco

e le guarda perplesso: forse, lavorando di mola e scalpello... Mica facile, correggere le

imperfezioni altrui. Lui ci prova. E lo dimostra un libro straordinario in vendita nelle

migliori librerie specializzate. Si intitola Ville esclusive & Resorts, è edito da Archideos,

curato dal fotografo Giancarlo Gardin, scritto da Isabella Brega e Marco Biagi e illustra

ville e giardini progettati dall'architetto Gianni Gamondi, figlio della nobile colonia italiana

di Alessandria d'Egitto ma cresciuto, laureato e affermatosi a Milano.

PALINSESTO NATURALISTICOOltre duemila varietà di cactus, provenienti da tutto il mondo,

circondano la piscina a forma di anfiteatro.


La certosa del berluska

Un libro prezioso. Tra le creature di cui va orgoglioso l'architetto ha inserito infatti, sia pure senza nominare il

padrone di casa, l'intera tenuta Certosa di Berlusconi: dalla villa principale (progettata a suo tempo per il

faccendiere Flavio Carboni, l'uomo sullo sfondo della misteriosa fuga del banchiere Roberto Calvi finita con la

sua morte sotto il ponte dei Frati Neri a Londra) alle dependance, dal viale per gli ulivi all'«agorà», dalla torretta

«in guisa di nuraghe» al museo dei cactus.

PER IL DIRITTO ALLA PRIVACY BASTA UN CLIC -Uno dei tanti angoli di conversazione ricavati all'interno della

villa di Porto Rotondo. Le colonne di granito dividono il soggiorno dalla sala da pranzo.


La certosa del berluska

Risultato: non solo è per la prima volta possibile vedere pezzo per pezzo la residenza sarda del capo del Governo. Ma

perfino una mappa della tenuta. Mappa quasi completa: la villa, la cascata, la casermetta, la torretta, la quercia, il lago,

l'agrumeto, con i rilievi costieri e le quote altimetriche: tutto. Il che, diciamolo, è una curiosa bizzarria all'italiana.

L'atrio di ingresso è pavimentato, come il resto della villa, in rovere americano delimitato da cornici di granito fantasy fiammato.


La certosa del berluska

La sala da pranzo della dépendance per gli ospiti: un cottage su un unico livello,

«rivestito in muratura di conci di granito sardo e in vecchi coppi di recupero».


La certosa del berluska

La stanza da bagno

nella torretta «con i

vetri a cristalli liquidi

privi di tende per non

rovinare l'effetto visivo

che, con un semplice

scatto di interruttore,

si polarizzano per

garantire la massima

privacy».


La certosa del berluska

Anche non ci fosse questa chicca, però, il libro sarebbe da non perdere. Vi si vede infatti crescere (con una certa elasticità sui permessi)

una reggia vacanziera come, satrapi arabi a parte, non se ne vedeva da un po'. Una reggia che aspira a seguire il solco di villa Pisani a

Stra, del castello di Chenonceau sulla Loira o della Villa d'Este di Tivoli voluta da Ippolito II. Paragoni spericolati? Neanche tanto, se un

giornale amico come il Foglio è arrivato a paragonare la Certosa alla leggendaria domus Jovis, sul cucuzzolo di Capri, dove l'imperatore

Tiberio (che per Tacito si vergognava a farsi vedere in giro per il «nudus capillo vertex», cioè la crapa sempre più pelata) si trasferì per

governare Roma attraverso i segnali luminosi con l'avamposto militare di Punta Campanella da cui con quella specie di «telegrafo»

antico arrivavano all'Urbe.

IL LAGHETTO DI TIBERIADEFra i compiti più difficili che l'architetto paesaggista Gianni Gamondi si è trovato ad

affrontare c'era la «sistemazione» della conca di liquami prodotta dal vecchio

depuratore: è stata bonificata e tramutata in un lago dalle acque cristalline.


La certosa del berluska

Quantunque già avanti con gli anni, aveva un modo gioioso di prendere parte a tutte quelle cose che possono abbellire la vita e darle

un senso. Fu in sua compagnia che le signore apprezzarono per la prima volta in pieno ciò che le circondava, il suo occhio esperto

coglieva ogni effetto con straordinaria freschezza, e tanto più godeva delle sue scoperte, in quanto non aveva mai visto prima quei

luoghi e quasi non riusciva a distinguere tra ciò che era opera dell‘uomo e quel che invece era frutto della natura"».

Il parco di «Punta Volpe» dove sorge la villa del capo del Governo, SilvioBerlusconi.

Si trova su un promontorio allungato nel mare e ricoperto da un folto bosco di ginepri,

lecci, cisti e mirti.


La certosa del berluska

NATURA NATURANS? NO, NATURA NATURATALe piscine di talassoterapia alimentate con acqua marina: la più ampia, divisa in due,

è scavata nel prato: le più piccole sono incastonate tra le rocce, a cascata.

Il Cavaliere si distende così. È la sua nababbo-terapia. Centrata, per dirla con le auliche

parole del libro, sul «gusto della scoperta e l'entusiasmo del riscatto di un antico palinsesto

naturalistico». Ecco cosa mancava: il palinsesto!


  • Login