Disabilit tra pei e progetto di vita secondo il modello icf
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 16

Disabilità tra PEI e Progetto di vita secondo il modello ICF PowerPoint PPT Presentation


  • 110 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Disabilità tra PEI e Progetto di vita secondo il modello ICF. Centro Culturale di San Giorgio 17 Aprile 2013 A cura di Lucia Balboni. Cosa vedi?. RICERCA (Lucangeli) GLI INSEGNANTI MODIFICANO COSÌ IL LORO APPROCCIO ALLA RELAZIONE EDUCATIVA. 2007 • Ha un disturbo dell’attenzione

Download Presentation

Disabilità tra PEI e Progetto di vita secondo il modello ICF

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Disabilit tra pei e progetto di vita secondo il modello icf

Disabilità tra PEI e Progetto di vita secondo il modello ICF

Centro Culturale di San Giorgio

17 Aprile 2013

A cura di Lucia Balboni


Cosa vedi

Cosa vedi?


Ricerca lucangeli gli insegnanti modificano cos il loro approccio alla relazione educativa

RICERCA (Lucangeli)GLI INSEGNANTI MODIFICANO COSÌ IL LORO APPROCCIO ALLA RELAZIONE EDUCATIVA

2007

• Ha un disturbo dell’attenzione

• È dislessico

• È iperattivo

• È demotivato

• È bullismo

• Ha un disturbo dell’attenzione

• È discalculico

• Ha un deficit di memoria

• È un po’ autistico

1997

• Si distrae, non sta attento

• Legge stentatamente

• Non sta mai fermo

• Non mi ascolta

• Mi sfida

• Ha la testa tra le nuvole

• Non è portato alla matematica

• Dimentica subito ciò che studia

• È timido, chiuso


Handicap

Handicap?

  • Handicap

  • Certificazione L.104/92

  • Disabilità

  • Diversamente abile

  • con Bisogni educativi speciali


Risorse diritti doveri

Risorse-Diritti-Doveri

  • la legge 104/92:

  • (Invalidità) tutela la persona che a causa di una menomazione (insorta in qualsiasi momento della vita) necessita di assistenza nello svolgimento delle normali funzioni quotidiane;

  • (Handicap) tutela il bambino ragazzo giovane che non è in grado di accedere all’apprendimento in modo autonomo


Chi fa che cosa

Chi fa che cosa

  • Titolare del processo di individuazione= la Famiglia

  • La scuola può segnalare «le difficoltà» alla famiglia

  • UONPIA emette la diagnosi

  • La Commissione redige il Verbale dell’Accertamento dell’Handicap


Disabilit tra pei e progetto di vita secondo il modello icf

Individua il grado scolastico

Individua la gravità

Descrive la patologia utilizzando il codice ICD 10

Durata/validità


Integrazione inclusione

Integrazione=Inclusione?

  • integrazione s. f. [dal lat. integratio-onis, con influenza, nel sign. 3, dell’ingl. integration]. – 1. In senso generico, il fatto di integrare, di rendere intero, pieno, perfetto ciò che è incompleto o insufficiente a un determinato scopo, aggiungendo quanto è necessario o supplendo al difetto con mezzi opportuni: istituire corsi d’i. con insegnamento di materie specifiche; concedere un assegno straordinario a i. dello stipendio; i. degli alimenti, di un alimento, con aggiunta di fattori... 

  • inclusione s. f. [dal lat. inclusio-onis]. – 1. a. L’atto, il fatto di includere, cioè di inserire, di comprendere in una serie, in un tutto (spesso contrapp. a esclusione): i. di un nome nella graduatoria dei vincitori; i. di alcune clausole cautelative in un contratto; in frasi negative: hanno protestato per la non i. del loro nominativo nella lista; la non i. di certe clausole nel contratto ha suscitato molto malumore. b...


Programmazione

Programmazione

PEI= Piano Educativo Individualizzato

  • Documento redatto dal CdC in collaborazione con la famiglia e il servizio sanitario che ha in carico il b.

  • nel PEI dopo un’attenta osservazione, vengono individuati: Obbiettivi, Contenuti, Metodologie, Tempi e Criteri di valutazione secondo i reali bisogni del soggetto disabile


Progetto di vita

Progetto di vita

  • Documento complesso alla cui costruzione concorrono più soggetti e soprattutto il disabile per la messa a punto di strategie e di servizi per il miglioramento della qualità di vita personale, sociale, lavorativa


Icf icf cy

ICF/ICF-CY

  • È un sistema di classificazione del funzionamento della disabilità e della salute messo a punto dall’O.M.S.

  • Non è un sistema di classificazione della disabilità;

  • Non sostituisce la Diagnosi clinica (ICD-10) - (necessaria per sancire il diritto) ma ci permette di utilizzare lo stesso linguaggio per identificare, descrivere e comprendere le competenze “funzionamento” di un individuo;

  • È suddiviso in: Funzioni e Strutture corporee, Attività e Partecipazione, Fattori ambientali e Fattori personali;

  • Utilizza un codice alfanumerico


Schema di riferimento icf

Schema di riferimento ICF

Condizioni fisiche

Funzioni corporee - Strutture corporee

Attività personali

Partecipazione sociale

Fattori contestuali ambientali e personali


La rete nel progetto di vita

La rete nel progetto di vita

  • Scuola

  • Soggetto disabile/Famiglia

  • Neuropsichiatria

  • Ente Locale

  • Associazioni

  • ……….


La zuppa di sasso

La zuppa di sasso

  • C'era una volta un giramondo che un giorno arrivò in un paese e, avendo fame, bussò alla prima porta che vide per chiedere cortesemente qualcosa da mangiare. Un uomo aprì la porta e, vedendo uno straniero, gli rispose bruscamente e lo cacciò via. Il giramondo bussò allora ad un'altra porta, ma anche questa volta venne allontanato. Ricevette la stessa risposta in tutte le case del paese.

  • Per niente scoraggiato, andò nella piazza e accese un fuoco, prese una pentola, la riempì d'acqua e vi gettò dentro un grosso sasso. Cominciò quindi a cucinare. Da lì a poco, incuriositi da questa cosa strana, uno dopo l'altro, gli abitanti del paese si avvicinarono al giramondo. Ad un certo punto qualcuno gli chiese cosa stesse facendo.

  • Lo straniero, assaggiando l'acqua, rispose: "Sto preparando una squisita zuppa di sasso, una mia specialità!". Un altro curioso, vedendolo assaggiare la zuppa, gli chiese come stava venendo. Il giovane rispose che era molto buona, ma che lo sarebbe stata ancora di più se avesse avuto qualche carota e un po' di sale. Non fece in tempo a finire la frase che qualcuno gli offrì carote e sale.

  • Assaggiò di nuovo la zuppa e disse: "Andiamo bene, ma se ci fosse un po' di carne e qualche patata sarebbe ancora meglio!". E così gli fu offerto anche questo. La cosa si ripeté per molti altri ingredienti e il giramondo dopo poco poté gustarsi finalmente la sua zuppa. Cucchiaio dopo cucchiaio, se la mangiò tutta e rimase dentro alla pentola solo il sasso. A quel punto la gente che lo osservava disse in coro: "E il sasso?". Il giramondo, sorridendo, si mise in tasca il sasso e rispose: "Lo porto con me, perché se incontrerò nuovamente gente così generosa come lo siete stati voi, mi potrà servire ancora!".

    GRAZIE per l’attenzione!


  • Login