STORIA, ECONOMIA, DIRITTO
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 41

STORIA, ECONOMIA, DIRITTO QUINTO MODULO IL GOVERNO PowerPoint PPT Presentation


  • 78 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

STORIA, ECONOMIA, DIRITTO QUINTO MODULO IL GOVERNO. Cosa studieremo. Forme di governo Come nasce, vive e muore un governo I poteri del governo I ministri ed i ministeri. FORME DI STATO E FORME DI GOVERNO.

Download Presentation

STORIA, ECONOMIA, DIRITTO QUINTO MODULO IL GOVERNO

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Storia economia diritto quinto modulo il governo

STORIA, ECONOMIA, DIRITTO

QUINTO MODULO

IL GOVERNO


Cosa studieremo

Cosa studieremo

  • Forme di governo

  • Come nasce, vive e muore un governo

  • I poteri del governo

  • I ministri ed i ministeri


Forme di stato e forme di governo

FORME DI STATO E FORME DI GOVERNO

  • Se si studiano i rapporti tra l’apparato statale e l’individuo si studia la FORMA DELLO STATO.

  • Se si studia come si esercita il potere di governare, il potere esecutivo, si studia la FORMA DI GOVERNO.


Le forme di stato

Le FORME DI STATO

  • lo Stato Assoluto (sudditi e non cittadini, il potere esecutivo, quello giudiziario e quello legislativo sono uniti),

  • lo Stato liberale (si affermano alcuni diritti dei cittadini e potere esecutivo, giudiziario e legislativo sono separati),

  • lo Stato Liberal democratico (tutti i cittadini hanno uguali diritti, c’è una Costituzione e il suffragio universale),

  • lo Stato sociale (lo Stato interviene nell’economia e garantisce servizi indispensabili come istruzione, sanità, ecc.).

  • Non analizziamo in questa sede né lo Stato Socialista, né lo Stato Fascista.


Forme di governo a

FORME DI GOVERNO (a)

  • la MONARCHIA ASSOLUTAdell’ARABIASAUDITA, dell’OMAN, del QATAR, ecc. (i tre poteri nelle mani di un sovrano),

  • la MONARCHIA COSTITUZIONALEdel LESOTHO, della CAMBOGIA, del PRINCIPATODIMONACO (il re ha il potere esecutivo e può porre il veto a leggi approvate dal Parlamento),

  • la MONARCHIA PARLAMENTAREdiGRANBRETAGNA, BELGIO, DANIMARCA, OLANDA, SPAGNA, ecc. (è una democrazia con i tre poteri divisi ed il re rappresenta l’unità della nazione),


Forme di governo b

Forme di governo (b)

  • la REPUBBLICAPARLAMENTARE dell’ ITALIA, (al posto del re c’è un Presidente della Repubblica eletto),

  • la REPUBBLICAPRESIDENZIALE degli USA (il capo dello Stato è eletto direttamente dal popolo; è insieme capo dello Stato e capo del Governo),

  • la REPUBBLICASEMIPRESIDENZIALE della FRANCIA (il presidente eletto dal popolo sceglie il capo del governo, il parlamento può levare la fiducia al capo del governo),

  • la REPUBBLICACONCANCELLIERE della GERMANIA (il Cancelliere, una specie di Primo Ministro, è nominato dal Presidente ed avere la maggioranza del Parlamento, il Parlamento può rifiutare o cambiare il Cancelliere solo se ha un candidato che abbia la maggioranza del Parlamento).


Il programma di governo

Il “programma di Governo”

  • Cosa si intende con questa espressione?

  • Governare significa fare scelte per far vivere meglio la collettività.

  • Ciascun partito (o coalizione), prima delle elezioni, si rivolge ai cittadini e chiede di essere votato.

  • Il “programma politico di governo” indica le scelte che una coalizione ritiene più importanti e che si impegna a realizzare in caso di vittoria

  • E’ su questi “programmi” che i cittadini si orientano dando la propria preferenza all’una o all’altra coalizione o partito.


Come nasce un governo in italia dopo le elezioni 1

Come nasce un governo in Italia? Dopo le elezioni (1)

Si tengono le elezioni politiche

In base ai risultati delle elezioni il Presidente della Repubblica fa “le consultazioni”, chiama cioè a colloqui separati i dirigenti di tutti i partiti, gli ex presidenti della repubblica e i presidenti delle Camere ancora operanti.

  • A questo punto dà l’incarico ad un esponente politico, che ha le maggiori probabilità di formare un governo ed ottenere la maggioranza in Parlamento. Questi accetta “con riserva” e fa la lista dei ministri.

  • Una volta sciolta la riserva e scelti i ministri, il Presidente incaricato si presenta con tutti i ministri per il giuramento daL Presidente della repubblica.

  • Dopo alcuni giorni il Governo si presenta alle due Camere per ricevere la fiducia dal Parlamento.


Esempi recenti come nasce un governo in italia 2

Esempi recenti: Come nasce un governo in Italia? (2)

  • Nelle ultime legislature la prassi si è modificata perché con le elezioni si indicava, di fatto e non di diritto, il leader delle due coalizioni contrapposte. In teoria niente impedisce al capo dello stato di indicare un altro esponente

  • E’ quello che è successo quando è caduto il primo governo di Berlusconi (dicembre 1994) e l’incarico è stato affidato, senza nuove elezioni, a Lamberto Dini che non era un leader di coalizione. E’ quello che è successo quando è caduto il primo governo Prodi (ottobre 1998) e l’incarico è stato affidato a Massimo D’Alema che non era il leader dell’Ulivo.


Come finisce un governo 1

Come finisce un governo? (1)

  • La crisi di governo può essere parlamentare o extraparlamentare. Nei primi 40 anni della nostra storia repubblicana la durata media di un governo era di circa un anno, contro i cinque di una normale legislatura.

  • Molte di queste crisi erano extraparlamentari: uno dei partiti di governo usciva dalla coalizione, ed il governo, prima di essere sfiduciato da un voto in Parlamento dava le dimissioni. A quel punto il presidente della Repubblica vedeva se c’era un altro esponente politico che poteva ottenere la maggioranza in Parlamento. Se non era possibile indiceva nuove elezioni.


La questione di fiducia a

La “questione di fiducia” (a)

  • Negli ultimi tempi le crisi sono per lo più parlamentari: un governo chiede il voto di fiducia. Se non l’ottiene il governo cade.

  • Quando e quante volte un governo chiede la fiducia? Negli ultimi anni sia il centrodestra che il centrosinistra sono ricorsi al voto di fiducia sempre più spesso. Il governo può andare in minoranza su una legge o su un ordine del giorno, ma non può andare in minoranza, pena la decadenza, se “ha posto la fiducia”.


Perch si pone la questione di fiducia b

Perché si pone la “questione di fiducia” (b)

  • Per le leggi più importanti come la finanziaria o per la politica estera

  • Con la richiesta della fiducia il governo impedisce che vengano discussi gli emendamenti proposti da alleati ed opposizione

  • Qualche studioso di politica ha suggerito che la “richiesta di fiducia” non sia un’operazione contro gli avversari ma contro i propri alleati. In effetti si dice ai propri alleati: “se votate contro questa legge che vuole il governo, si va tutti a casa”.


Quali poteri ha il governo

Quali poteri ha il governo?

  • Ha il potere esecutivo, controlla la cosiddetta “stanza dei bottoni”. Guida, con la maggioranza del Parlamento, la linea politica del paese.

  • E’ a capo del poderoso apparato dell’AmministrazionePubblica.

  • E’ al comando della Polizia e delle ForzeArmate.

  • Amministra le Finanze dello Stato.

  • Sceglie i più alti funzionaripubblici.


Il potere di fare leggi

Il potere di fare leggi

Il Governo ha anche un potere legislativo:

  • A) Iniziativa legislativa quando presenta i disegni di legge per l’approvazione del Parlamento

  • B) Decreti legge in caso di necessità ed urgenza da convertire in legge entro 60 giorni

  • C) Decreti legislativi su delega del Parlamento

  • D) Emana regolamenti attuativi

  • Ratifica trattatiinternazionali anche senza la convalida del Parlamento.


Quali poteri ha il parlamento sul governo

Quali poteri ha il Parlamento sul Governo?

  • Il governo inizia ad operare solo quando ha ottenuto la fiducia

  • Il governo presenta ogni anno il BilancioPreventivo (quante imposte e quali spese) e il Parlamento può modificarlo, respingerlo o approvarlo.

  • Il Parlamento controlla l’operato del Governo con interrogazioni, interpellanze, mozioni.

  • Un governo non cade se va in minoranza o se una sua legge non passa. Un governo cade se viene approvata in una delle due Camere una mozione di sfiducia (mozionemotivata e votoperappellonominale).


Mozione di fiducia e questione di fiducia

Mozione di fiducia e questione di fiducia

  • Di solito un governo che sa di non avere più la maggioranza si scioglie prima di arrivare alla mozionedisfiducia. Fino ad oggi ci sono stati 60 governi, 48 dei quali si reggevano su coalizioni di partiti. Può bastare che si distacchi anche un solo partito che il governo non abbia più la maggioranza.

  • Anche il Governo può porre la “questionedifiducia”. Se una legge è particolarmente importante il governo chiede la fiducia, dice cioè alla sua maggioranza: o votate a favore o il governo si dimette.


Le elezioni dell aprile 2006 1

LE ELEZIONI DELL’APRILE 2006 (1)

  • Il precedente governo di centrodestra ha modificato il sistema elettorale: si è passati da un sistema misto (maggioritario per il 75% dei seggi, proporzionale per il 25%) ad un SISTEMA PROPORZIONALE CORRETTO CON PREMIO DI MAGGIORANZA.

  • Si vota normalmente col proporzionale, ma il partito (o la coalizione) che ottiene più voti ha un PREMIO DI MAGGIORANZA (PIU’ SEGGI DI QUANTO GLI SPETTANO). In questo modo avrà una maggioranza più stabile.

  • SI CAPISCE COME FUNZIONA QUESTO SISTEMA, PRENDENDO IN ESAME IL CASO DELL’ATTUALE CAMERA DEI DEPUTATI IN ITALIA.

  • Le ultime elezioni politiche le abbiamo fatte il 9 e il 10 aprile 2006.


Le elezioni dell aprile 2006 2

LE ELEZIONI DELL’APRILE 2006 (2)

  • ALLA CAMERA…

  • l’Unione, che è lo schieramento di Centrosinistra, guidato da Romano Prodi, ha avuto 19.002.598 voti (49,81%),

  • mentre la Casa delle Libertà, che è lo schieramento di Centrodestra, guidato da Silvio Berlusconi, ha avuto 18.977.483 voti (49,74%)

  • LA DIFFERENZA E’ SOLO DELLO 0,07%

  • In base alla nuova legge elettorale, con premio di maggioranza, approvata dal precedente governo di centrodestra, alla Camera…

  • l’Unione ha 348 deputati (compresi 8 deputati votati all’estero)…

  • mentre la Casa delle Libertà ha 281 deputati (compresi 4 deputati votati all’estero) .

  • LA DIFFERENZA E’ BEN DI 57 DEPUTATI.


Camera dei deputati

SEGGI DEL CENTROSINISTRA

Ulivo (DS e Margherita) 220

Rifondazione Comunista 41

La Rosa nel pugno 18

Comunisti italiani 16

Italia dei valori 16

Verdi 15

UDEUR 10

SVP 4

Aut. Lib. Democ. 1

TOTALE 341

SEGGI DEL CENTRODESTRA

Forza Italia 137

Alleanza nazionale 71

UDC 39

Lega Nord 26

DC e nuovo PSI 4

TOTALE 277

CENTROSINISTRA 341

CENTRODESTRA 277

SEGGI DI ITALIANI ALL’ESTERO 12

TOTALE CAMERA 630 DEPUTATI

CAMERA DEI DEPUTATI


Il senato

SEGGI DEL CENTROSINISTRA

DEMOCRATICI DI SINISTRA 62

MARGHERITA 39

RIFONDAZIONE COMUNISTA 27

INSIEME CON L’UNIONE 11

ITALIA DEI VALORI 4

UNIONE S.V.P. 3

UDEUR 3

AUT.LIB.DEM. 1

S.V.P. 2

ULIVO 1

LISTA CONSUMATORI 1

TOTALE 154

SEGGI DEL CENTRODESTRA

FORZA ITALIA 78

ALLEANZA NAZIONALE 41

UDC 21

LEGA NORD 13

CASA DELLE LIBERTA’ 2

TOTALE 155

Più 6 seggi di italiani all’estero (4 al centrosinistra 2 al centrodestra), più 7 senatori a vita.

LA MAGGIORANZA AL SENATO DEL CENTROSINISTRA E’ PIUTTOSTO RIDOTTA.

IL SENATO


Il governo di centrosinistra

Il governo di centrosinistra

  • Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, dà l’incarico di formare il governo a Romano Prodi.

  • Il presidente del Consiglio dei Ministri è Romano Prodi e il suo Governo è formato da 26 ministri (di cui 6 donne). Il precedente governo era formato da 24 ministri (2 donne).

  • 18 sono ministri con ministero vero e proprio, ingenti fondi, e bilancio ed 8 sono “senza portafoglio” sono cioè ministri “di indirizzo politico”, che non gestiscono un vero e proprio ministero.


I ministeri dal 2006 1

I Ministeri dal 2006 (1)

  • 1) AFFARI ESTERI: MASSIMO D’ALEMA (DS)

  • 2) INTERNO: GIULIANO AMATO (area Prodi)

  • 3) GIUSTIZIA: CLEMENTE MASTELLA (UDEUR)

  • 4) ECONOMIA E FINANZE:

    TOMMASO PADOA SCHIOPPA (tecnico)

  • 5) SVILUPPO ECONOMICO:

  • PIERLUIGI BERSANI (DS)

  • 6) UNIVERSITA’ E RICERCA: FABIO MUSSI (DS)

  • 7) PUBBLICA ISTRUZIONE:

    BEPPE FIORONI (Margherita)

  • 8) COMMERCIO INTERNAZIONALE:

    EMMA BONINO (Rosa nel Pugno)

  • 9) LAVORO E PREVIDENZA SOCIALE:

    CESARE DAMIANO (DS)

  • 10) SOLIDARIETA’ SOCIALE: PAOLO FERRERO (Rifondazione Comunista)

  • 11) DIFESA: ARTURO PARISI (Margherita)

  • 12) POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI FORESTALI: PAOLO DE CASTRO (Democratici)

  • 13) AMBIENTE E TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE: ALFONSO PECORARO SCANIO (Verdi)

  • 14) INFRASTRUTTURE: ANTONIO DI PIETRO (Italia dei Valori)

  • 15) TRASPORTI: ALESSANDRO BIANCHI (area Prodi)

  • 16) SALUTE: LIVIA TURCO (DS)

  • 17) BENI E ATTIVITA’ CULTURALI:

    FRANCESCO RUTELLI (Margherita)

  • 18) COMUNICAZIONI: PAOLO GENTILONI (Margherita)


I ministeri dal 2006 2

I Ministeri dal 2006 (2)

  • Ministri senza portafoglio

  • 19) Affari regionali e autonomie locali: LINDA LANZILLOTTA (DS)

  • 20) Attuazione programma di governo: GIULIO SANTAGATA (Area Prodi)

  • 21) Riforme e innovazioni nella Pubblicaamministrazione:

    LUIGI NICOLAIS (DS)

  • 22) Diritti e pari opportunità:

    BARBARA POLLASTRINI (DS)

  • 23) Politiche europee:

    EMMA BONINO (Rosa nel Pugno)

  • 24) Rapporti con il Parlamento e riforme istituzionali:

    VANNINO CHITI (DS)

  • 25) Politiche per la famiglia:

    ROSY BINDI (Margherita)

  • 26) Politiche giovanili e attività sportive: GIOVANNA MELANDRI (DS)


Ministro degli esteri massimo d alema

Ministro degli EsteriMassimo D’Alema

  • Il Ministro degli Esteri cura i rapporti con gli altri stati, europei e non, con l’Organizzazione delle Nazioni Unite, con l’Unione Europea, con le organizzazioni internazionali, ecc.

  • Scrive o modifica trattati e convenzioni internazionali.

  • Segue le attività di cooperazione per lo sviluppo di altri paesi.

  • Tutela i lavoratori italiani all’estero.

  • Fanno parte del Ministero degli Esteri gli ambasciatori (rappresentano l’Italia presso un altro governo) e i consoli (tutelano gli italiani che si trovano in un altro paese).


Il ministro dell interno giuliano amato

Il Ministro dell’InternoGiuliano Amato

  • Deve lavorare per garantire l’ordine e la sicurezza di tutti e quindi coordina le forze di polizia.

  • Deve seguire anche le attività per la protezione civile (incendi, terremoti, alluvioni, ecc.).

  • Deve garantire la tutela dei diritticivili compresi quelli delle minoranze religiose, linguistiche, ecc.

  • Deve coordinare gli interventi in merito agli immigrati e a chi chiede asilo politico.

  • Deve garantire il regolare svolgimento delle elezioni.


Storia economia diritto quinto modulo il governo

Il Ministro della GiustiziaClemente Mastella

  • Il ministro della Giustizia o Guardasigilli si occupa delle funzioni amministrative dei tribunali e degli Istituti di pena.

  • Deve cioè garantire l’organizzazione e il funzionamento della giustizia, dei tribunali di ogni livello.

  • Il ministro non ha poteri sui giudici che dipendono solo dal Consiglio Superiore della Magistratura, ma può promuovere ispezioni e chiedere al Consiglio azioni disciplinari.


Il ministro per l economia e le finanze tommaso padoa schioppa

Il Ministro per l’Economia e le Finanze Tommaso Padoa Schioppa

  • Attua le scelte del governo in economia, finanza e bilancio

  • Programma gli investimenti pubblici

  • Decide sul fisco e sul sistema dei tributi

  • Decide sul patrimonio dello Stato (edifici e terreni posseduti dallo stato, demanio, ecc.)

  • Interviene sulla gestione del Catasto e delle Dogane

  • Decide interventi dello Stato per favorire lo sviluppo economico


Ministro per lo sviluppo economico pier luigi bersani

Ministro per lo Sviluppo EconomicoPier LuigiBersani

  • Questo ministero che si chiamava prima “per le attività produttive”, accorpa tutta una serie di funzioni in campi anche diversi tra loro:

  • industrie

  • artigianato

  • energia

  • commercio fiere e mercati

  • prodotti agro-industriali

  • turismo e industria alberghiera

  • miniere, cave, torbiere, ecc.

  • acque minerali e terme

  • commercio con l’estero


Ministro per l universit e la ricerca fabio mussi

Ministro per l’Università e la RicercaFabio Mussi

  • Prima il ministero per l’ Università e la Ricerca comprendeva anche il settore dell’Istruzione (elementari, medie e superiori). Con l’attuale governo vi sono due ministeri separati.

  • Il ministero è diviso in dipartimenti che intervengono nell’Università, nell’alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica (danza), nella Ricerca scientifica e tecnologica.

  • Il ministero interviene anche in materia di diritto allo studio.

  • Il Ministero ha anche una Direzione Generale per i processi di internazionalizzazione della ricerca scientifica e tecnologica.


Beppe fioroni ministro della pubblica istruzione

Beppe FioroniMinistro della Pubblica Istruzione

  • L’aggettivo “pubblica” che era scomparso nel precedente governo del centrodestra torna con l’attuale governo di centrosinistra.

  • Il ministero segue tutti gli ordini scolastici.

  • Seleziona i docenti di ogni livello dell’insegnamento.

  • Detta le regole per le scuole statali e non statali.

  • Ha un dipartimento per l’Istruzione con cinque direzioni generali: Affari Internazionali, Istruzione Post secondaria, Ordinamenti scolastici, Personale della scuola, Studenti.

  • Ha un dipartimento per la Programmazione con cinque direzioni generali: Comunicazione, Politica Finanziaria e di Bilancio, Risorse Umane, Sistemi informativi, Studi e programmazione


Emma bonino ministro del commercio internazionale

Emma BoninoMinistro del Commercio Internazionale

  • Questo ministero raggruppa le funzioni dei precedenti ministeri del Commercio Estero e del dipartimento Politiche Comunitarie.

  • Il ministero è diviso in tre direzioni generali:

  • 1) Direzione per le Politiche di Internazionalizzazione (utilizzare fondi per rendere internazionali le imprese).

  • 2) Direzione per la politica commerciale (tutelare gli interessi economici e commerciali nazionali).

  • 3) Direzione per la Promozione degli scambi (far conoscere all’estero le produzioni nazionali).

  • Vi è poi un Dipartimento per le Politiche Comunitarie (attuare gli impegni assunti dall’Italia nella Comunità Europea).


Il ministro del lavoro e della previdenza sociale cesare damiano

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza SocialeCesare Damiano

  • E’ questo il ministero del cosiddetto “welfare state” (stato del benessere o stato sociale).

  • Ha competenze in materia di prevenzione e riduzione delle condizioni di bisogno e di disagio delle persone e delle famiglie.

  • Interviene nelle politiche del lavoro cercando di incrementare l’occupazione.

  • Tutela il lavoro e garantisce che il sistema previdenziale sia adeguato ai bisogni dei cittadini.


Il ministro della solidariet sociale paolo ferrero

Il Ministro della Solidarietà Sociale Paolo Ferrero

  • Questo Ministero ha delle funzioni prima inserite nel Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

  • Questo nuovo Ministero interviene in tre grandi settori:

  • 1) politiche sociali

  • 2) lavoratori extracomunitari

  • 3) politiche antidroga


Il ministro della difesa arturo parisi

Il ministro della DifesaArturo Parisi

  • Si occupa della difesa e della sicurezzamilitare dello Stato.

  • Segue la politica militare dello stato compresi interventi in stati esteri: intermediari tra forze ostili, mantenere o rafforzare la pace, addestrare forze di polizia di altri paesi, ecc.

  • Segue la politica militare dello stato anche nelle alleanze internazionali.

  • Coordina le diverse forze armate (esercito, marina, carabinieri, ecc.).

  • Interviene in quelle attività industriali che hanno a che fare con l’esercito (munizioni, ottica di precisione, aeronautica, ecc.).


Il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali paolo de castro

Il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e ForestaliPAOLO DE CASTRO

  • Il campo di intervento di questo ministero è molto vasto.

  • La Direzione delle Politiche agricole interviene nel settore lattiero-caseario, nel settore del vino, dell’ortofrutta, del florovivaismo, dell’olio di oliva, dei prodotti zootecnici, dei Cereali, dello zucchero, del Tabacco, ecc.

  • La Direzione della Trasformazione Agroalimentare e dei mercati interviene stabilendo regole di concorrenza, politiche agroalimentari, agroindustriali, negli Accordi di Filiera.

  • La Direzione della Pesca marittima e dell’acquacoltura interviene per la conservazione delle risorse interne, progetta il piano triennale per la pesca, gestisce i Fondi Europei, ecc.

  • Il Ministero impiega un Comando dei Carabinieri per le politiche agricole, interviene per la tutela dei consumatori, ha un Ispettorato Centrale di Repressioni Frodi.

  • Dipende da questo ministero il CORPO FORESTALE DELLO STATO.


Il ministro dell ambiente e della tutela del territorio e del mare alfonso pecoraro scanio

Il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del MareALFONSO PECORARO SCANIO

  • Questo ministero ha organizzato i propri numerosi interventi attraverso due Direzioni.

  • La Direzione per la Protezione della natura interviene per la protezione della flora e della fauna, delle Aree Naturali protette, per il monitoraggio delle biodiversità, contro l’inquinamento marino e terrestre, sui Beni demaniali e sui Parchi, per la protezione delle coste, ecc.

  • La Direzione per la Qualità della vita interviene a tutela delle acque, per proteggere fiumi e laghi, per controllare il ciclo dei rifiuti, per le bonifiche e gli interventi di risanamento.

  • Il ministero controlla anche due Agenzie nazionali l’ICRAM (Istituto Centrale per la ricerca applicata al Mare) e l’APAT (Agenzia per la Protezione dell’Ambiente e per i servizi Tecnici).


Il ministro delle infrastrutture antonio di pietro

Il Ministro delle InfrastruttureAntonio Di Pietro

  • Questo ministero nasce dalla divisione del precedente ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

  • Le infrastrutture sono le reti, il sistema di arterie del “corpo nazione”.

  • Sono le reti elettriche, le reti idrauliche, le strade.

  • Dipende da questo ministero il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.

  • A questo ministero sono affidate le politiche urbane e di edilizia abitativa.

  • E’ questo, per esempio, il ministero che dovrebbe esprimere un parere sulla realizzazione del Ponte di Messina.


Ministro dei trasporti alessandro bianchi

Ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi

  • Il Ministero dei Trasporti ha molte competenze in comune con il Ministero delle infrastrutture.

  • Deve occuparsi di strade, autostrade, autotrasporti, ecc.

  • Questo ministero deve occuparsi di trasporto terrestre, marittimo ed aereo.

  • E’ questo, per esempio, il Ministero che segue patenti, punti, limiti di velocità, ecc.

  • Dipende da questo ministero il Comando Generale delle Capitanerie di Porto.


Il ministero della salute livia turco

Il Ministero della SaluteLivia Turco

  • Il ministro è coadiuvato nelle sue funzioni dal Consiglio Superiore di Sanità.

  • Il Dipartimento dell’Innovazione interviene nel controllo dei farmaci e dei dispositivi medici, nella ricerca scientifica e tecnologica.

  • Il Dipartimento per la Prevenzione e la Comunicazione interviene nella prevenzione sanitaria, nella sanità veterinaria, nella sicurezza degli alimenti e della nutrizione.

  • Dal ministro dipende il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute.


Il ministro per i beni e le attivit culturali francesco rutelli

Il Ministro per i Beni e le Attività CulturaliFrancesco Rutelli

  • Vi è un dipartimento dedicato ai Beni Culturali e Paesaggistici che tutela Architetture, Beni Paesaggistici, il Patrimonio storico, artistico ed Etnoantropologico. Tutela anche i Beni archeologici e l’arte e l’architettura contemporanea.

  • Vi è un dipartimento per i Beni Archivistici e Librari che tutela Archivi storici, beni librari e Istituti culturali.

  • Vi è poi un dipartimento per il Cinema, lo spettacolo dal vivo e lo sport.

  • Il Ministero decentra le sue attività con tutta una serie di organi periferici: le Soprintendenze ai Beni Architettonici, le Soprintendenze per il patrimonio storico, le Soprintendenze ai beni archeologici, gli Archivi di Stato, le Biblioteche statali e i Musei dello Stato.


Il ministro delle comunicazioni paolo gentiloni

Il Ministro delle ComunicazioniPaolo Gentiloni

  • E’ un ministero i cui compiti si sono allargati con il progresso delle comunicazioni.

  • Oggi segue il sistema postale, le telecomunicazioni, l’editoria, le produzioni multimediali, le applicazioni informatiche e telematiche, la radiodiffusione sonora (dalla RAI alle radio private), il sistema delle televisioni (dalla RAI-TV alle televisioni private).

  • Questo ministero segue anche il commercioelettronico, lo scambio di prodotti in internet, ecc.

  • E’ questo il ministero che dovrà affrontare la difficile situazione del sistema televisivo, diviso tra i due monopoli: la RAI e MEDIASET.


  • Login