Il volo realt e senso figurato
Download
1 / 51

Il volo Realtà e senso figurato - PowerPoint PPT Presentation


  • 112 Views
  • Uploaded on

Il volo Realtà e senso figurato. Aspirazione verso l’alto Fuga Libertà Nuova prospettiva Eccezionalità. Le parole - chiave. Saraceni - Icaro. James Joyce (1882 – 1941). Ritratto dell’artista da giovane (1916). Stefano Dedalo: l’artista. Ulisse (1922).

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Il volo Realtà e senso figurato' - mandek


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Il volo realt e senso figurato

Il voloRealtà e senso figurato

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Le parole chiave

Le parole - chiave

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Saraceni - Icaro

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


James Joyce (1882 – 1941)

Ritratto dell’artista da giovane (1916)

Stefano Dedalo: l’artista

Ulisse (1922)

Artigiano della mitologia che fugge dal labirinto

1° martire cristiano

Icaro

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Wystan Hugh Auden (1907 – 1973)

Musée des Beaux Arts (1938)

About suffering they were never wrong, The Old Masters; how well, they understood Its human position; how it takes place While someone else is eating or opening a window or just walking dully along; How, when the aged are reverently, passionately waiting For the miraculous birth, there always must be Children who did not specially want it to happen, skating On a pond at the edge of the wood: They never forgot That even the dreadful martyrdom must run its course Anyhow in a corner, some untidy spot Where the dogs go on with their doggy life and the torturer's horse Scratches its innocent behind on a tree. In Breughel's Icarus, for instance: how everything turns away Quite leisurely from the disaster; the ploughman may Have heard the splash, the forsaken cry, But for him it was not an important failure; the sun shone As it had to on the white legs disappearing into the green Water; and the expensive delicate ship that must have seen Something amazing, a boy falling out of the sky, had somewhere to get to and sailed calmly on.

"Landscape with the Fall of Icarus" (1558) by Pieter Bruegel, the Elder

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Eroi satanici

Sono tutti paragonabili a Prometeo e a Icaro

Hanno voluto troppo.

I loro peccati: ORGOGLIO, AMBIZIONE, RIBELLIONE

  • FAUST (1773): vuole la conoscenza infinita

  • FRANKENSTEIN (1816):vuole sconfiggere la morte e creare un essere umano, ma la creazione è un atto divino

  • THE BYRONIC HERO (1814):portatore di una nuova moralità, disprezza il compromesso e ammira l’energia indomita e l’ambizione

  • DR JEKYLL (1886): vuole separare la parte buona e quella cattiva della natura umana

  • DORIAN (1891): vuole rimanere giovane e bello per sempre, ma l’immortalità è una caratteristica divina

Morale della storia di Frankenstein

“[…] quanto più felice è l’uomo che crede la sua città natale essere il mondo dell’uomo che aspira a diventare più grande di quello che la sua natura permette.”

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Richard Bach (1936 - )

“A quel gabbiano lì, […], non importava tanto procurarsi il cibo, quanto volare.”

“Non si finisce mai d’imparare”

“[…] la cosa più difficile del mondo è convincere un uccello che egli è libero? e che può dimostrarlo a se stesso, solo che ci metta un po’ di buona volontà? La libertà basta solo esercitarla”

Il gabbiano Jonathan Livingston

“L’unica vera legge è quella che conduce alla libertà”

“Spezzate le catene che imprigionano il pensiero, e anche il vostro corpo sarà libero.”

..Scegliamo il nostro mondo successivo in base a ciò che noi apprendiamo in questo.Se non impari nulla, il mondo di poi sarà identico a quello di prima, con le stesse limitazioni.

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Egli imparò a volare,e non si rammaricava per il prezzo che aveva dovuto pagare.Scoprì che erano la noia e la paura e la rabbia a rendere così breve la vita di un gabbiano.

Mettere in pratica l'amore voleva dire rendere partecipedella verità da lui appresa, conquistata,qualche altro gabbiano che a quella stessa verità anelasse.

D'ora in poi vivere qui sarà più vario e interessante ...Noi avremo una nuova ragione di vita. Ci solleveremo dalle tenebre dell'ignoranza, ci accorgeremo di essere creature di grande intelligenza e abilità. Saremo liberi! Impareremo a volare!

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Luis Sepulveda (1949 - )

“Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”

“vola solo chi osa farlo”

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Sigmund Freud – Leonardo (1910)

“L’unica cosa bella che io abbia mai scritto” 1919

“Questo scriver sì distintamente del nibbio par che sia mio destino, perché ne la mia prima ricordazione della mia infanzia e’ mi parea che, essendo io in culla, che un nibbio venissi a me e mi aprissi la bocca colla sua coda, e molte volte mi percotessi con tal coda dentro alle labbra.”

“Per la sua insaziabile e inesausta sete di ricerca Leonardo è stato chiamato il Faust italiano”

“La sua brama di sapere rivolta al volo degli uccelli deriva dall’esplorazione sessuale infantile.”

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Salto con l’asta

Salto in alto

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Deltaplano

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Aliante

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Parapendio

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Paracadutismo

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Da terra
…da terra…

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


In volo
…in volo …

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Aeropittura

Aeropittura

Noi Futuristi dichariamo che:

Le prospettive mutevoli del volo costituiscono una realtà assolutamente nuova e che nulla ha di comune con la realtà tradizionalmente costituita dalle prospettive terrestri;

….

Dipingere dall’alto questa nuova realtà impone un disprezzo profondo per il dettaglio e una necessità di sintetizzare e trasfigurare tutto;

….

Ogni aeropittura contiene simultaneamente il doppio movimento dell’aeroplano e della mano del pittore che muove matita, pennello o diffusore;

Balla, Benedetta, Depero, Dottori, Fillia, Marinetti,Prampolini, Somenzi, Tato - 1928

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Gerardo dottori sorvolando il lago
Gerardo Dottori – Sorvolando il lago

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Gerardo Dottori – Primavera umbra (1923)

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Gerardo dottori aurora volando
Gerardo Dottori – Aurora volando

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Tato sensazione di volo
Tato – Sensazione di volo

Tato – Sensazione di volo: primo tempo

Tato – Sensazione di volo: secondo tempo

Tato – Sensazione di volo: terzo tempo

1929

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


In guerra
… in guerra…

  • Rivoluzione Francese (1789)

    • Guerre napoleoniche (1796 – 1815)

      • Guerra franco-prussiana (1870- 1871)

        • Costituzione della sezione aerostatica dell’esercito italiano (1885)

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


I fratelli Wright e il loro biplano

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Aereo da guerra

Asiago dopo un bombardamento austriaco

I piloti lanciavano bombe con le mani, volando a bassa quota

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Il maggiore Francesco Baracca in azione (1918)

Il Barone Rosso

D’Annunzio sull’aereo che lo porterà a Vienna

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Fra le due guerre
Fra le due guerre

Mussolini con Francesco De Pinedo

Il Re Vittorio Emanuele III si intrattiene con un pilota durante una manifestazione dell’aeronautica sul campo d’aviazione napoletano

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Umberto Nobile e il dirigibile “Norge” all’epoca della prima trasvolata polare nell’aprile 1926

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


La trasvolata atlantica della squadriglia di idrovolanti di Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

Italo Balbo Ministro dell’Aeronautica dal 1929 al 1933

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


La guerra civile spagnola
La guerra civile spagnola Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

Guernica bombardata (1936)

Pablo Picasso – Guernica (1937)

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


La seconda guerra mondiale
La seconda guerra mondiale Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

Battaglia d’Inghilterra (1940)

Rifugio antiaereo

Lunedì  19  LUGLIO 1943 - ore 11,13NEW YORK TIMES"ROMA COLPITA! - ROMA BRUCIA!"

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004 Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)


Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004 Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)


Il Vesuvio Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


L atmosfera
L’atmosfera Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Composizione dell’atmosfera Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Temperatura Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Propagazione delle onde elettromagnetiche nell’atmosfera Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

  • Tipi diversi di propagazione:

  • ONDA DI SUPERFICIE

  • ONDA DIRETTA

  • ONDA RIFLESSA DAL SUOLO

  • SCATTERING TROPOSFERICO

  • ONDE SPAZIALI

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Onda diretta Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Onda RIFLESSA DAL SUOLO Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

altimetro radaristico

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Diffusione e scattering troposferico Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Onda spaziale riflessa dalla ionosfera Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Onda spaziale riflessa dai satelliti Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Ridimensionamento del mondo
…ridimensionamento del mondo Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

Atmosfera vista dallo spazio

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Oggi il mito dell astronauta
Oggi: il mito dell’astronauta Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

Umberto Guidoni

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Ieri il mito dell aviatore
Ieri:il mito dell’aviatore Italo Balbo in volo sulle Alpi (1932)

Amelia Earhart

Dottori – L’aviatore

Amy Johnson

Charles Lindbergh

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


  • Or d’improvviso i Latini si ricordavano della prima ala d’uomo caduta sul Mediterraneo, dell’ala icaria […]

    • Chi la raccoglierà? Chi con più forte

    • lega saprà rigiugnere le penne

    • sparse per ritentare il folle volo

  • D’improvviso i Latini rimembravano il sogno del Nibbio, che visitò in culla il nuovo Dedalo creatore d’immagini e di macchine, il Prometeo senza supplizio, colui ch’ebbe in sé “la radice e il fiore della volontà perfetta”; e quella culla era ardua come il nido stesso del desiderio sovrumano sospeso nell’Ignoto.

  • (D’Annunzio - Forse che sì forse che no)

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Canto XXVI Inferno d’uomo caduta sul Mediterraneo, dell’ala icaria […]

Considerate la vostra semenza:fatti non foste a viver come bruti,ma per seguir virtute e canoscenza".               120

Li miei compagni fec' io sì aguti,con questa orazion picciola, al cammino,che a pena poscia li avrei ritenuti;                    123

e volta nostra poppa nel mattino,de' remi facemmo ali al folle volo,sempre acquistando dal lato mancino.            126

Paradiso XXVII, 83 “varco folle d’Ulisse”

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Friedrich Wilhelm Nietzsche (1844-1900) d’uomo caduta sul Mediterraneo, dell’ala icaria […]

Aurora (1881):

“Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare.”

Così parlò Zarathustra (1885):

“[…]sempre pronto e impaziente di volare, di volar via, questa è la mia specie: come potrebbe non esservi qualcosa degli uccelli! Tanto più che io sono nemico dello spirito di gravità, come lo sono gli uccelli […] Colui che un giorno insegnerà il volo agli uomini, avrà spostato tutte le pietre di confine […] Ma chi vuol divenire leggero e un uccello, non può non amare se stesso […] Chi vuole imparare un giorno a volare, deve prima di tutto imparare a stare e andare e camminare e arrampicarsi e danzare: il volo non s’impara in volo!”

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Charles Baudelaire – L’Albatro d’uomo caduta sul Mediterraneo, dell’ala icaria […]

Spesso, per divertirsi, gli uomini d'equipaggio       Catturano degli albatri, grandi uccelli dei mari,       Che seguono, indolenti compagni di vïaggio,       Il vascello che va sopra gli abissi amari. 5    E li hanno appena posti sul ponte della nave       Che, inetti e vergognosi, questi re dell'azzurro       Pietosamente calano le grandi ali bianche,       Come dei remi inerti, accanto ai loro fianchi.       Com'è goffo e maldestro, l'alato viaggiatore! 10  Lui, prima così bello, com'è comico e brutto!       Qualcuno, con la pipa, gli solletica il becco,       L'altro, arrancando, mima l'infermo che volava!       Il Poeta assomiglia al principe dei nembi       Che abita la tempesta e ride dell'arciere; 15  Ma esule sulla terra, al centro degli scherni,       Per le ali di gigante non riesce a camminare.

Il poeta, essere eccezionale, nato a volare sulle nubi è costretto invece a vivere tra gli uomini, è destinato all’incomprensione

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


Fine d’uomo caduta sul Mediterraneo, dell’ala icaria […]

Giulia Bertolotti A.S. 2003/2004


ad