Quinto Orazio Flacco
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 18

Quinto Orazio Flacco PowerPoint PPT Presentation


  • 555 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Quinto Orazio Flacco. La vita. I luoghi. Il pensiero. Le opere. I generi. Gli aspetti chiave. Un’arte raffinata e una potente ispirazione fanno della multiforme attività poetica di Orazio una delle voci più alte della letteratura latina. Lo stile. I testi.

Download Presentation

Quinto Orazio Flacco

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Quinto orazio flacco

Quinto Orazio Flacco


Quinto orazio flacco

La vita

I luoghi

Il pensiero

Le opere

I generi

Gli aspetti chiave

Un’arte raffinata e una potente ispirazione fanno della multiforme attività poetica

di Orazio una delle voci più alte

della letteratura latina

Lo stile

I testi


Quinto orazio flacco

La vita: l’autore e il suo tempo 1

a.C.

Nasce ad Venosa, figlio di un modesto liberto

65

63-62

Congiura di Catilina

Primo triumvirato

60-59

58-50

Campagna di Cesare in Gallia

Studia a Roma e

ad Atene

49-45

Guerra civile tra Cesare e Pompeo

44

Morte di Cesare

Combatte a Filippi nell’esercito di Bruto

42

43-42

Secondo triumvirato

e battaglia di Filippi

Viene presentato a Mecenate,

che lo ammette nel suo circolo

38

Dissoluzione del secondo triumvirato

36

Battaglia di Azio: sconfitta di Marco Antonio e Cleopatra

31

menu


Quinto orazio flacco

La vita: l’autore e il suo tempo 2

a.C.

Riceve in dono da Mecenate una villa

in Sabina

27

Ottaviano riceve i titoli di princeps senatus e di Augustus

Ottaviano Augusto ottiene la tribunicia potestas e l’imperium maius atque infinitum

23

Compone un inno

per i ludi saeculares

17

12

Augusto diventa pontifex maximus

Abbandona progressivamente l’attività poetica

Morte di Mecenate

Muore

8

8

menu


Quinto orazio flacco

La vita: l’autore e il suo tempo 3

Mecenate

  • Nasce nel 70 a.C. circa, da una nobile famiglia etrusca

  • È tra i principali consiglieri di Ottaviano, pur non rivestendo alcuna carica

  • Svolge una funzione essenziale nella politica culturale augustea, facendo da intermediario tra il princepse alcuni grandi poeti, come Virgilio, Orazio e Properzio

  • Orienta i letterati verso forme di poesia impegnate nella celebrazione del principato augusteo

  • Ha rapporti di profonda amicizia con Orazio, a cui dona una villa in Sabina e che gli dedica quasi tutte le sue opere

  • Pratica personalmente l’attività letteraria, scrivendo opere in prosa e componimenti poetici, di cui restano pochi versi

  • Muore nell’8 a.C. e lascia tutti i suoi beni ad Augusto

menu


Quinto orazio flacco

I luoghi

menu


Quinto orazio flacco

Il pensiero

«imperturbabilità» che deriva dall’assenza di paure e desideri ; desume da Epicuro la concezione del piacere stabile, presupposto della felicità

ataraxia

Epicureismo

O. richiama la concezione epicurea degli dei, che vivono negli intermundia, ma non segue Lucrezio nella polemica ‘illuministica’ contro la superstizione.

Epicurei sono il culto dell’amicizia, l’amore per la campagna e le cose semplici.

Dei-uomini

«indipendenza interiore» o «autosufficienza» del saggio da ogni condizionamento esterno

autárkeia

La morale del «giusto mezzo» che aveva le sue origini nell’antica saggezza greca ed era stata codificata dall’aristotelismo

Diàtriba

metriótes

Imperturbabilità del saggio

Bisogno di virtù e di coerenza

Stoicismo

menu


Quinto orazio flacco

Le opere 1

Composte fra il 41e il 30 a.C.

  • 18 componimentiin esametri,in 2 libri,con impostazione:

  • narrativa (racconto di fatti o aneddoti) o discorsiva (argomentazioni o riflessioni)

  • monologica o dialogica

Satire

Diversi modelli: le satire di Lucilio, la commedia greca, la diàtriba

Composti fra il 41 e il 30 a.C.

Epodi

17 componimenti in metri giambici

I modelliprincipali del genere sono i poeti giambici greci Archiloco (VII sec. a.C.) e Ipponatte (VI sec. a.C.), ma l’invettiva d’occasione e i toni più pacati di O. rimandano principalmente ai Giambi di Callimaco

menu


Quinto orazio flacco

Le opere 2

Composte fra il 23e il 13 a.C.

  • 103 componimentiin metri lirici, raccolti in 4 libri, rivolti spesso ad un interlocutore reale o fittizio e collegati a situazioni convenzionali

  • Carmen saeculare scritto su incarico di Augusto nel 17 a.C.

Odi

I modelli principali sono i poeti lirici greci, tra cui Alceo e Saffo (VII-VI sec. a.C.), ma anche Anacreonte e Pindaro

Composte fra il 23e il 13 a.C.

  • 22 componimenti in esametri, in 2 libri

  • Ars poetica (Epistula ad Pisonem), trattato in esametri

Epistole

Il modello è Lucilio, già autore di epistole in versi, ma è originale la scelta di comporre un’intera raccolta

menu


Quinto orazio flacco

I generi 1

Genere di origine latina caratterizzato dalla varietà dei temi e, a partire da Lucilio, dall’utilizzo dell’esametro

Definizione

Satira

  • Impostazione soggettiva, autobiografica

  • Molteplicità degli argomenti e degli atteggiamenti dell’io satirico

  • Moralismo, ora bonario ora risentito

  • Aggressività, ma in O. è smorzata

  • influenza della diàtriba cinico-stoica

Caratteri

Poesia caratterizzata dal giambo, utilizzato in diverse combinazioni metriche

Definizione

Poesia giambica

  • Realismo degli argomenti e dei toni

  • Aggressività, che sfocia nell’attacco personale

  • Atteggiamenti di irrisione e derisione

Caratteri

menu


Quinto orazio flacco

I generi 2

  • Nell’antichità: poesia eseguita con l’accompagnamento della lira

  • In età moderna: poesia soggettiva

Definizione

Lirica

  • Brevità e impostazione soggettiva

  • Esecuzione con l’accompagnamento musicale

  • Poesia d’occasione, destinata all’esecuzione in situazioni specifiche

Caratteri

Definizione

Satira in forma epistolare

Epistola oraziana

  • Moralismo e soggettività, già tipici delle satire

  • Destinatari ben definiti e specificità dei contenuti e delle situazioni

  • Centralità della tematica letteraria

Caratteri

menu


Quinto orazio flacco

Gli aspetti chiave 1

Nella produzione lirica e giambica emulazione di modelli greci, rielaborati e variati in modo originale.

Motivo dell’ego primus

L’arte allusiva

T

Varietà dei generi poetici, dei toni e dei temi: rappresentazione della vita quotidiana, riflessione morale, tematica erotica, religiosa, civile, letteraria

La varietà

Prevalente impostazione soggettiva dei componimenti, coerente con i generi poetici praticati

Il soggettivismo

menu


Quinto orazio flacco

Gli aspetti chiave 2

  • Concezione della poesia come valore supremo e scelta di vita

  • Coscienza del proprio valore e definizione di se stesso come vates, poeta ispirato e protetto dagli dèi

  • Temi e motivi ricorrenti: il filone erotico, il filone gnomico, il simposio, l’amicizia, la natura, l’angulus, il láthe biósas e il frui paratis, i il carpe diem, la vocazione letteraria

La poesia

Interesse per i temi morali e proposta di un ideale di vita razionale basato sul rifiuto degli eccessi e sull’equilibrio interiore

Il moralismo

T

Adesione sincera ai temi della propaganda augustea: esaltazione della pace e dell’antica virtù

La politica

T

menu


Quinto orazio flacco

Lo stile

  • Raffinatezza e apparente semplicità

  • Lessico quotidiano e familiare, ma non volgare

  • Sintassi agile e caratterizzata dalla paratassi

  • Cura nella disposizione delle parole per ottenere nessi originali (callida iunctura)

  • Per quanto riguarda le Satire O. parla di Musa pedestris

Satire ed Epòdi

  • Molteplicità di registri, a seconda dei temi trattati

  • Lessico più alto rispetto a quello delle Satire, ma lontano dalla sublimità dell’épos

  • Sintassi in genere semplice

  • Sobrietà nell’uso delle figure retoriche (soprattutto enjambements ed antitesi)

  • Callidae iuncturae

Odi

Linguaggio affine a quello delle Satire, ma più sobrio e urbano

Epistole

menu


Quinto orazio flacco

I testi: l’arte allusiva

Ripresa con variazioni del seguente componimento del poeta lirico greco Alceo:

Zeus piove. Dal cielo un grande

temporale. Sono gelati i corsi dei fiumi.

Scaccia via quest’inverno, attizzando il fuoco,

e mescendo senza risparmio vino

dolce; e intorno alle tempie

cingi fasce morbide di lana.

(fr. 90 Diehl; trad. F. Sisti)

Vedi come si erge candido

d’alta neve il Soratte! I boschi al peso

non reggono, fiaccati, e per l’acuto

gelo si sono rappresi i fiumi.

Dissipa il freddo deponendo legna

sul focolare, in abbondanza, e mesci

da un’anfora sabina a doppia ansa,

Taliarco, vino di quattr’anni!

(Carmina, I, 9, vv. 1-8; trad. L. Canali)

gli aspetti chiave 1

menu


Quinto orazio flacco

I testi: il moralismo

rifiuto degli atteggiamenti irrazionali e superstiziosi

Non chiedere, o Leuconoe, (è illecito saperlo) qual fine

abbiano a te e a me assegnato gli dèi,

e non scrutare gli oroscopi babilonesi. Quant’è meglio accettare

quel che sarà! Ti abbia assegnato Giove molti inverni,

oppure ultimo quello che ora affatica il mare Tirreno

contro gli scogli, sii saggia, filtra vini, tronca

lunghe speranze per la vita breve. Parliamo, e intanto fugge l’astioso

tempo. Afferra l’oggi, credi al domani quanto meno puoi.

(Carmina, I, 11; trad. L. Canali)

invito a vivere in pienezza il presente, senza affidare la propria felicità all’incerto domani

invito ad accettare

con serenità

ciò che non dipende da noi

gli aspetti chiave 2

menu


Quinto orazio flacco

I testi: la politica

Ora si beva, ora con libero piede

si batta la terra.

[...]

Ma spense

la sua follia la sola nave sfuggita all’incendio,

e le ridusse al pauroso vero

l’animo stravolto dal vino

mareotico Cesare a volo dall’Italia

ad incalzarla con le navi (quale avvoltoio

le tenere colombe od un veloce

cacciatore la lepre sui campi nevosi

d’Emonia) per mettere in catene

quel mostro fatale.

(Carmina, I, 37, vv. 1-2; 12-21; trad. L. Canali)

gioia per la morte di Cleopatra, che suggella

la fine della guerra civile

esaltazione della figura di Ottaviano: le similitudini e il linguaggio, richiamando l’epica, gli conferiscono

una statura eroica

gli aspetti chiave 2

menu


Testi da studiare

Testi da studiare

  • Epodi: «Un volgare arricchito» (Epodo 4) T1 a p. 200 in ITA

  • Satire: «Libertino patre natus» (Satira I,6) T3 a p. 208 in ITA

    «Il seccatore» (Satira I,9) T 4 a p. 211, in ITA (cerca traduzione)

    «Il topo di campagna e il topo di città» (Satira II,6, 79-117) in ITA (fotocopia)

  • Odi: «L’inverno della vita» (Ode 1,9) T5 a p. 218 in ITA

    «Carpe diem» (Ode 1,11) T6 a p. 222 in LAT

    «Siamo polvere e ombra» (Ode 4,7) T8 a p. 227 in ITA

    «L’angulus del poeta e dei suoi amici» (Ode 2,6) T9 a p. 231 in ITA

    « La fuga del tempo» (a Postumo) (Ode 2,14) in ITA (fotocopia)

    «Non omnis moriar» (Ode 3,30) T17 a p. 259 in LAT

  • Epistole:«Ad Albio, per consolarlo» (Epistola I,4) T18 a p. 262 in ITA

    «Un torpore mortale» (Epistola I,8) in ITA (fotocopia)

    «La strenua inertia» (Epistola I,11) T19 a p. 266 In ITA

  • Ars poetica: «L’inizio dell’Ars poetica» (Ars poetica, vv. 1-23) T21 a p. 272 in ITA


  • Login