Giudaismo non rabbinico
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 40

GIUDAISMO NON RABBINICO PowerPoint PPT Presentation


  • 88 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

GIUDAISMO NON RABBINICO. IL CONFRONTO CON L’ELLENISMO. Versione greca dei LXX – antico frammento. Le comunità della diaspora greca. Attorno al II sec. a.e.v. sentono l’esigenza di tradurre l’originale ebraico della Scrittura in greco

Download Presentation

GIUDAISMO NON RABBINICO

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Giudaismo non rabbinico

GIUDAISMONON RABBINICO


Il confronto con l ellenismo

IL CONFRONTO CON L’ELLENISMO

Versione greca dei LXX – antico frammento


Le comunit della diaspora greca

Le comunità della diaspora greca

  • Attorno al II sec. a.e.v. sentono l’esigenza di tradurre l’originale ebraico della Scrittura in greco

  • Nasce così un vivace dibattito rilevabile già dal prologo del Libro del Siracide


Dal prologo del siracide vv 21 25

dal prologo del Siracide vv. 21-25

  • …le cose dette in ebraico non hanno la medesima forza quando sono tradotte in altra lingua.

  • E non solamente quest’opera, ma anche la stessa Torah, i profeti e il resto dei libri conservano un vantaggio non piccolo nel testo originale.


La lettera di aristea

La “Lettera di Aristea”

  • Opera giudeo-ellenistica composta nel 140 a.e.v. circa ad Alessandria

  • Descrive in forma leggendaria la storia della versione in greco dei LXX a favore della biblioteca di Alessandria

  • Il racconto fa da cornice ad un trattato tipico della diaspora ellenistica schierato su posizioni filotolemaiche in polemica con l’Israele asmoniaco


Tolomeo ii parla con alcuni dei 72 traduttori

Tolomeo II parla con alcuni dei 72 traduttori

Jean-Baptiste de Champaigne 1672, Versailles


Giudaismo non rabbinico

Versione greca dei LXX – frammento – Università di Göttingen


Un tentativo di dialogo con l ellenismo

Un tentativo di dialogo con l’ellenismo

  • Il “trattato” contenuto nella “Lettera di Aristea”, a differenza del prologo del Siracide, mostra un tentativo di dialogo con la cultura ellenistica

  • Tuttavia rivela anche un modo diverso di concepire la religione di Israele in netto contrasto con linea farisaica confermata dalla tradizione rabbinica


In tale contesto la torah

In tale contesto la Torah

  • È compresa come paideia di Israele

  • Non solo Israele è testimone del “Dio unico” ma anche i pagani che riconoscono “il Dio vero e il suo culto”

  • La paideia greca può essere considerata un itinerario salvifico di “purificazione” e “consapevolezza”

  • È una posizione diversa rispetto al noachismo rabbinico


I samaritani

I SAMARITANI


Gli abitanti della samaria

Gli abitanti della Samaria

  • Ai tempi di Esdra e Neemia non sono più considerati “ebrei legittimi”, quindi edificano un loro luogo di culto sul M.te Garizim presso Sichem

  • I samaritani si ritengono autentici custodi dell’ebraismo biblico

  • Riconosciuti dalla “Legge del ritorno” nello Stato di Israele, sono oggi circa mezzo migliaio concentrati fra Nablus (M.te Garizim) e Cholon (Tel Aviv)


Nella loro storia

Nella loro storia

  • Hanno utilizzato quattro lingue: ebraico, greco, un particolare dialetto aramaico e l’arabo

  • Ancora oggi utilizzano un particolare Pentateuco, scritto in ebraico non quadrato, del quale possiedono anche una versione aramaica

  • Compiono ancora sacrifici e mantengono usanze arcaiche


Giudaismo non rabbinico

Pentateuco samaritano


Sinagoga samaritana

Sinagoga samaritana


Samaritani sul m te garizim per shavu ot dono della torah al sinai

Samaritani sul M.te Garizim per Shavu’ot ( dono della Torah al Sinai)


Samaritani in pellegrinaggio sul m te garizim

Samaritani in pellegrinaggio sul M.te Garizim


Samaritani in preghiera sul m te garizim

Samaritani in preghiera sul M.te Garizim


I falasci

I FALASCIÀ


La loro origine

La loro origine

  • Potrebbe derivare da una popolazione locale convertita da ebrei provenienti dalla colonia di Elefantina nell’alto Egitto (IV sec. a.e.v.) o dall’Arabia meridionale (Yemen)

  • Secondo la loro tradizione sarebbero invece i discendenti della mitica regina di Saba (1Re 10; 2Cr 9)


La tradizione

La tradizione

  • Leggono la Scrittura in una traduzione ghe’ez che comprende alcuni testi considerati apocrifi dal canone ebraico (es. Libro dei Giubilei e Henoc)

  • Hanno mantenuto la tradizione ebraica in una forma piuttosto arcaica

Henoc etiopico – frammento


Fino a pochi anni fa

Fino a pochi anni fa

  • erano stanziati unicamente nella provincia del Tigrè in Etiopia

  • dove, Nel 1974, vivevano più di 25.000 falascià, mentre solo 200 erano i falascià che vivevano in Israele


Nel 1975

Nel 1975

  • Una commissione governativa israeliana ha sancito la possibilità di applicare anche a loro la “Legge del ritorno”

  • Fra il 1984 e il 1985, attraverso un ponte aereo segreto, “l’operazione Mosè” , sono stati trasferiti in Israele più di 10.000 falascià

  • Nel 1991 con l’analoga “operazione Salomone” ne sono arrivati più del doppio


Operazione mos e salomone

“Operazione Mosè e Salomone”


L arrivo dei falasci in israele

L’arrivo dei falascià in Israele

  • Denominati anche “Beta Israel”

  • Ha creato difficoltà di rapporti e di integrazione tuttora visibili

  • Spesso svolgono i lavori più umili

  • Il loro modo “arcaico” di intendere la tradizione, soprattutto riguardo le norme di “purità”, fatica ad integrarsi nell’Israele “moderno”


Alcune immagini fra luci e ombre

Alcune immagini fra “luci” e “ombre”

Una famiglia di falascià


Giudaismo non rabbinico

Giovani falascià in preghiera


Giudaismo non rabbinico

Un falascià nell’esercito israeliano

Gruppo di falascià che manifesta perché ritiene di non avere gli stessi diritti degli altri ebrei israeliani


I caraiti

I CARAITI


La loro origine1

La loro origine

  • Appartengono ad un movimento antirabbinico sorto a Babilonia verso la seconda metà del VII sec. e.v.

  • Nel quale sono confluite varie correnti ebraiche che rifiutano la codificazione rabbinica della Torah orale (Mishnah)

  • Seguono quindi solo la Torah scritta e, come i falascià, sono rigidi nelle norme di “purità”


Fra il ix e il xii sec e v

Fra il IX e il XII sec. e.v.

  • Hanno avuto molto seguaci in Palestina e in Egitto e si sono diffusi in diverse aree della diaspora ebraica

  • Successivamente la loro presenza si è fatta consistente in Lituania e in Crimea

  • Dopo essere stato un movimento di dimensioni notevoli ha perso lentamente consistenza

  • Anche Maimonide si è opposto a loro


Libro di preghiere caraita con spiegazioni in giudeo arabo

Libro di preghiere caraita con spiegazioni in giudeo-arabo


La scuola della comunit caraita presso il cairo in egitto agli inizi nel 1920

La scuola della comunità caraita presso Il Cairo, in Egitto, agli inizi nel 1920


Ingresso della sinagoga caraita de il cairo

Ingresso della Sinagoga caraita de Il Cairo


Attualmente

Attualmente

  • Si calcola che in tutto il mondo i caraiti siano circa 17.000

  • Presenti in vari paesi, ma con una comunità vitale e forte dal punto di vista dell’identità soprattutto in Israele, dove sono arrivati dalla comunità de Il Cairo

  • Anche loro beneficiano della “Legge del ritorno”


L ingresso della sinagoga caraita a gerusalemme

L’ingresso della Sinagoga caraita a Gerusalemme


La sinagoga caraita di ashdod

La Sinagoga caraita di Ashdod


Dal punto di vista culturale

Dal punto di vista culturale

  • L’influsso dei caraiti è stato notevole

  • Il loro appello alla parola biblica “pura” ha suscitato un impegno più intenso per lo studio della grammatica e della filologia anche da parte dei seguaci del giudaismo rabbinico

  • Che hanno dovuto replicare ai loro avversari senza potersi appellare alla tradizione orale


Non va dimenticato

Non va dimenticato

che non sono mancate tendenze antitalmudiche in seno all’ebraismo anche fuori da una esplicita adesione al movimento caraita


Elena lea bartolini de angeli

Elena Lea Bartolini De Angeli

Ad uso esclusivamente didattico

Docente di Giudaismo ed Ermeneutica ebraica

Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale (ISSR-MI)

Università degli Studi di Milano-Bicocca

[email protected]


  • Login