SVILUPPO DELLA METODOLOGIA DI ANALISI DEI TEST SULLE GEM
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 5

SVILUPPO DELLA METODOLOGIA DI ANALISI DEI TEST SULLE GEM PowerPoint PPT Presentation


  • 69 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

SVILUPPO DELLA METODOLOGIA DI ANALISI DEI TEST SULLE GEM. TEST DI MAINZ: 3 Camere GEM 10*10 cm 2 Distanza tra le camere circa 50 cm Energia del fascio di elettroni 400-800 MeV - Distanza tra le strip 400 μm.

Download Presentation

SVILUPPO DELLA METODOLOGIA DI ANALISI DEI TEST SULLE GEM

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Sviluppo della metodologia di analisi dei test sulle gem

SVILUPPO DELLA METODOLOGIA DI ANALISI DEI TEST SULLE GEM

  • TEST DI MAINZ:

  • 3 Camere GEM 10*10 cm2

  • Distanza tra le camere circa 50 cm

  • Energia del fascio di elettroni 400-800 MeV

  • - Distanza tra le strip 400 μm

Usando l’APV 25 è stato possibile, per ogni evento, registrare più parti di segnale (in genere ogni 25 ns)

  • Target carbonio

  • Scintillatore Lead glass

  • Scintillatore plastico

- Acquisizione di run senza fascio ( run di piedistallo)

- Acquisizione di run con fascio ad energia variabile


Sviluppo della metodologia di analisi dei test sulle gem

STUDIO DEI RUN DI PIEDISTALLO

Valore medio di adc ottenuto ogni 100 eventi in un run di piedistallo: i valori cambiano per i singoli sample!

Viene accantonata l’idea di sottrarre i run di piedistallo dai run con il fascio. Si decide di creare, per ogni singolo run con fascio, un piedistallo (da sottrarre) formato dalla media dei valori di adc dei primi 200 eventi per tutti i sample (1200 valori in totale).

segnale

Run con fascio senza sottrazione di piedistallo

Run con fascio con sottrazione di piedistallo

Nuovo piedistallo


Sviluppo della metodologia di analisi dei test sulle gem

ANALISI DELLA FORMA DEL SEGNALE

Forma del segnale:

  • - τ1 e τ2 sono i tempi di salita e discesa del segnale;

  • t0 è il tempo di arrivo;

  • A è l’ampiezza;

Ampiezza del segnale al variare delle strip.

Ci si aspettava il picco alla strip 200 (e così accade!) e 0 in tutte le altre strip.


Sviluppo della metodologia di analisi dei test sulle gem

STUDIO DEI SINGOLI RUN CON FASCIO

  • Per ogni run con fascio è stato creato un tree che fornisce, evento per evento, diverse informazioni e tra le più importanti ci sono:

  • Numero di cluster;

  • Numero di strip per ogni cluster;

  • Indice della prima strip di ogni cluster;

  • Somma degli adc di ogni cluster;

  • Centroide di ogni cluster;

  • Numero di tracce presenti (in fase di ultimazione);

  • Le figure che seguono si riferiscono ai primi 300 eventi (sample 2) del run #446 usato a titolo di esempio.

NUMERO DI CLUSTER

NUMERO DI STRIPS IN OGNI CLUSTER


Sviluppo della metodologia di analisi dei test sulle gem

Plot dei centroidi (ogni strip è uguale a 0,4 mm) dei primi 300 eventi.

Somma degli adc dei singoli cluster vs strip.

  • In conclusione: sta venendo ultimata la metodologia e gli scripts per analizzare i test sulle GEM che sono stati e che saranno effettuati a breve.

  • Infine, qualche prima conclusione riguardo il test di Mainz:

  • Il pile-up sembra essere basso

  • Il piedistallo è sample-dipendente


  • Login