Unita di apprendimento
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 20

UNITA’ DI APPRENDIMENTO PowerPoint PPT Presentation


  • 183 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

UNITA’ DI APPRENDIMENTO. “IL NATALE NELL’ARTE”. ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA:. Si ipotizza che l’Unita di apprendimento sia rivolta ad un gruppo di bambini grandi (5-6 anni), composto da 23 alunni. Gli alunni conoscono già la figura dell’insegnante di Religione Cattolica e

Download Presentation

UNITA’ DI APPRENDIMENTO

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Unita di apprendimento

UNITA’ DI APPRENDIMENTO

“IL NATALE

NELL’ARTE”


Analisi della situazione di partenza

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA:

Si ipotizza che l’Unita di apprendimento sia rivolta ad un gruppo di

bambini grandi (5-6 anni), composto da 23 alunni.

Gli alunni conoscono già la figura dell’insegnante di Religione Cattolica e

questo permette di continuare a favorire l’approccio gioioso e profondo alla

tematica proposta.

P.O.F.: Ipotizziamo di fare riferimento al P.O.F. della scuola in cui si

opera.


Osa obiettivi specifici di apprendimento

OSA (obiettivi specifici di apprendimento)

  • Osservare il mondo che viene riconosciuto dai cristiani e da tanti uomini religiosi, dono i Dio Creatore;

  • Scoprire la persona di Gesù di Nazaret come viene presentata dai Vangeli e come viene celebrata nelle feste cristiane;

  • Individuare i luoghi di incontro della comunità cristiana e le espressioni del comandamento evangelico dell’amore testimoniato dalla Chiesa.


O f obiettivi formativi di apprendimento

O.F.(obiettivi formativi di apprendimento)

  • Accogliere il Natale quale festa luminosa e gioiosa per la nascita di Gesù;

  • Valorizzare la propria nascita e identità personale, attraverso un parallelismo che coinvolge i bambini e Gesù Bambino;

  • Sperimentare un approccio ludico alle opere d’arte con tematica religiosa.


Nuclei tematici

NUCLEI TEMATICI

  • Il mondo del bambino, la vita e il suo mistero;

  • Il Natale di Gesù nei segni-simboli culturali e nei loro significati;

  • La vita e il messaggio di Gesù nei Vangeli;

  • La Pasqua di Gesù nei segni-simboli culturali e nei loro significati;

  • La vita della comunità cristiana.


Struttura dell unita di apprendimento natale nell arte

STRUTTURA DELL’UNITA’ DI APPRENDIMENTO “NATALE NELL’ARTE”:

  • PERIODO: novembre e dicembre

  • FASI: 4 (dell’Annuncio; della nascita di Gesù; dei festeggiamenti; della presentazione dell’opera)

  • RIVOLTA: al gruppo dei bambini grandi (5 – 6 anni)


Itinerario didattico fase 1 l annuncio

ITINERARIO DIDATTICO:FASE 1: L’ANNUNCIO

Competenze attese: comprendere e comunicare l’importanza dell’attesa della

nascita.

Metodologia didattica e operativa: l’attività si svolge con lezioni frontali e

lavoro individuale assistito con l’uso di schede strutturate e diverse tecniche

pittoriche e materiali.

Attività:

  • Brainstorming sulla parola “attesa” in una visione generale;

  • Conversazione guidata sull’attesa della nascita di un bambino;

  • Racconto dell’Annunciazione con riferimento alla Bibbia, sottolineando le emozioni di Maria;

  • Racconto dell’annuncio con riferimento ad una storia personale di una mamma in attesa.

    Verifica informale attraverso il dialogo e schede strutturate.


Fase 2 la nascita

FASE 2: LA NASCITA

Competenze attese: comprendere e comunicare l’importanza della nascita.

Metodologia didattica e operativa: l’attività si svolge con lezioni frontali e

lavoro individuale assistito con l’uso di schede strutturate e diverse tecniche

pittoriche e materiali.

Attività:

  • Gioco:”Tocco e scopro” con l’utilizzo di oggetti relativi alla nascita (fiocco, ciuccio, biberon, vestiti);

  • Brainstorming sulla parola “nascita”;

  • Racconto della nascita di Gesù tratto dalla Bibbia e conversazione guidata sulle impressioni dei bambini;

  • Costruzione in classe del luogo dove è nato Gesù: la capanna, con utilizzo di una scatola di scarpe e paglia;

  • Rielaborazione della storia iniziale raccontata dalla mamma focalizzando il momento della nascita in ospedale.

    Verifica informale attraverso il dialogo, schede strutturate e il gioco “Io sono nato”.


Fase 3 i festeggiamenti

FASE 3: I FESTEGGIAMENTI

Competenze attese: comprendere e comunicare l’importanza di una nuova vita attraverso i festeggiamenti dei

parenti e amici.

Metodologia didattica e operativa: l’attività si svolge con lezioni frontali e lavoro individuale assistito con

l’uso di schede strutturate e diverse tecniche pittoriche e materiali.

Attività:

  • Racconto dell’arrivo dei pastori tratto dalla Bibbia e conversazione guidata sulle impressioni dei bambini;

  • Rappresentazione grafica del racconto;

  • Sottolineatura dell’importanza della nascita di Gesù come evento gioioso;

  • Scoperta delle diverse rappresentazioni di questo evento (disegno dei bambini stessi, scheda dell’insegnante e opera d’arte);

  • Presentazione, osservazione e commento della scheda dell’arrivo dei pastori, evidenziando tutti i particolari;

  • Presentazione dell’opera d’arte di Bencovich;

  • Costruzione in classe di un dono portato dai pastori: una bottiglia di latte realizzata con del bristol;

  • Confronto dei festeggiamenti di Gesù con quelli dei bambini attraverso la scheda.

    Verifica informale attraverso il dialogo.


Fase 4 analisi dell opera d arte

FASE 4: ANALISI DELL’OPERA D’ARTE

Competenze attese: comprendere e comunicare ciò che l’opera d’arte vuole trasmettere..

Metodologia didattica e operativa: l’attività si svolge con lezioni frontali e lavoro individuale

assistito con l’uso di schede strutturate e diverse tecniche pittoriche e materiali.

Attività:

  • Fase proiettiva: ripresentazione, osservazione dei particolari da parte dei bambini dell’opera di Bencovich, attraverso delle domande stimolo proposte dall’insegnante;

  • Fase di approfondimento dell’opera d’arte da parte dell’insegnante: la composizione, la luce, il messaggio globale e i personaggi;

  • Fase riespressiva: esperienza del mimo con gioco della luce con l’aiuto di una pila.

    Verifica informale attraverso il dialogo e riproduzione dell’opera su un lenzuolo e le tempere.


  • Login