La comunicazione scritta
Download
1 / 36

La comunicazione scritta - PowerPoint PPT Presentation


  • 143 Views
  • Uploaded on

La comunicazione scritta. Le competenze del business writer (1). a. sviluppare capacità di sintesi b. scrivere chiaro c. trovare argomenti d. organizzare la struttura del testo e. cominciare. Le competenze del business writer (2). f. argomentare g. concludere

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' La comunicazione scritta' - lihua


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Le competenze del business writer (1)

a. sviluppare capacità di sintesi

b. scrivere chiaro

c. trovare argomenti

d. organizzare la struttura del testo

e. cominciare


Le competenze del business writer (2)

f. argomentare

g. concludere

h. catturare e tenere viva l’attenzione del lettore

i. evitare i luoghi comuni

l. potenziare lo stile


a. Sviluppare capacità di sintesi

Scomporre, scegliere, eliminare l’inutile

e valorizzare il rimanente

L’architetto manifesta una preferenza per l’illuminazione alogena.

L’architetto preferisce l’illuminazione alogena.

Forbici e colla


b. Scrivere chiaro

  • periodi brevi

  • periodi brevi, ma legati e fluidi

  • espressioni dirette e concrete

  • parole brevi, semplici e comuni

  • forma attiva

  • scrivere per punti

  • non pensare solo agli addetti ai lavori

  • sintesi!!!


c. Trovare argomenti: il clustering

1) scrivi la parola chiave al centro del foglio

2) fai un cerchio intorno alla parola

3) fermati e rilassati

4) registra ogni pensiero in una parola, scrivilo,

cerchialo…

5) dai un ordine ai tuoi pensieri


d. Organizzare la struttura del testo

L’ordine del sergente

L’ordine di Cicerone

  • dico ciò che dirò

  • lo dico

  • dico ciò che ho detto

  • exordium

  • narratio e argumentatio

  • peroratio


e.Cominciare

L’inizio, come la fine,

sono le parti più delicate di un messaggio.

L’inizio è sempre legato all’aspettativa

e alla sensibilità del lettore


f. Argomentare

  • Alcuni criteri per la distribuzione degli argomenti

  • nella parte centrale del testo:

    • piramide rovesciata

    • deduzione

    • induzione

    • cronologia

    • problema/soluzione

    • con & pro


g. Concludere

  • Nella conclusione, il richiamo, ma non la ripetizione,

  • può produrre tre effetti positivi:

    • riduce i rischi di incomprensione

    • aiuta a ricordare

    • facilita la persuasione


h. Catturare e tener viva l’attenzione del lettore

Superare la distrazione, la noia, la fretta del lettore

  • reader focused writing

  • you style? Oppure tu? Io? Noi? Si?

  • Q&A: il potere del questioning

  • teaser

  • billboard style

Retorica: la ginnastica della lingua


i. Evitare i luoghi comuni

“ Un luogo comune è semplicemente

una verità ripetuta fino al punto che

la gente si stufa di sentirla”


l. Potenziare lo stile

  • Gli elementi caratterizzanti dello scrittore:

  • write the way you speak

  • rafforzare i paragrafi

  • fluidificare le frasi

  • parallelismi

  • scrittura a “singhiozzo”

  • nemici dello stile: rabbia, sarcasmo, fretta,

  • pignoleria, luoghi comuni...


La lettera: come iniziare (1)

  • porsi nei panni del destinatario

  • dirgli ciò che noi vorremmo sentirci dire

  • tono disteso, chiaro, comprensibile, attraente

  • incontro personale: primo approccio

ANALOGIE

e

DIFFERENZE

  • telefonata: primi dieci secondi

  • lettera: prime righe


La lettera: come iniziare (2)

No convenevoli “rompighiaccio”

  • “in risposta alla pregiata vostra del…”

  • “facendo seguito a…”

  • “con riferimento al…”


La lettera:

suscitare attenzione, interesse, consenso

  • una breve citazione

  • un’informazione molto incisiva

  • una domanda che coinvolga subito il lettore

  • un concetto nel quale egli si ritrovi subito

Ma nessuna soluzione standard!


La lettera: il corpo centrale

Catturata l’attenzione, non perdere tempo:

dichiarare l’obiettivo

  • elencare i vantaggi per lui se fa

  • evidenziare gli svantaggi per lui se non fa

  • portare testimonianze

  • garanzia “soddisfatti o rimborsati”


La lettera: conclusione, saluti, firma e P.S.

La conclusione: l’invito a fare

  • dare tutte le indicazioni

  • spingere ad agire subito!

  • azione semplice, inequivocabile

  • la firma

  • il P.S. è tra le prime cose che si legge


La circolare: la lingua

  • frasi corte

  • verbi nella forma attiva

  • avverbi, aggettivi, circonlocuzioni

  • più verbi che sostantivi


La circolare: inizio e conclusione

inizio

  • identificazione della fonte

  • formula di cortesia

conclusione

  • saluti e ringraziamenti

    per l’attenzione prestata

  • firma comprensibile,

    estesa, con qualifica


Il verbale di riunione

  • il lavoro di gruppo

  • riunioni: 20/50% del tempo-lavoro (manager)

  • verbale: rilevanza strategica


Il verbale di riunione: requisiti

  • essenzialità: solo il necessario

  • esaustività: tutto il necessario

  • chiarezza e oggettività, senza interpretazioni

    personali e fuorvianti


La monografia aziendale (1)

È lo strumento di comunicazione più istituzionale dell’impresa

target esterno: clienti, banche, investitori, comunità finanziaria

target interno: dipendenti e collaboratori


La monografia aziendale (2)

È il biglietto da visita dell’impresa

risponde alle domande che il pubblico si pone sull’organizzazione

  • chi è

  • quando

  • che cosa fa

  • in che modo

  • come lo fa

  • per chi

  • dove

  • con chi


La brochure, il dépliant, il leaflet

Pubblicazioni che descrivono

un prodotto o un servizio dell’azienda,

i punti di forza, le modalità d’uso.

La differenza tra questi tre strumenti

sta essenzialmente nel formato,

e quindi nel grado di approfondimento

dei contenuti.


1. L’house organ

È un organo di informazione

aziendale di alto profilo,

rivolto a pubblici sia esterni che interni.


2. La newsletter

News-letter: lettera di notizie

Strumento di comunicazione più agile,

veloce e tempestivo dell’house organ.

È rivolto a pubblici interni

ma soprattutto esterni.


4. Le edizioni di prestigio

Sono pubblicazioni occasionali

di alto profilo,

che riguardano il settore in cui opera l’azienda

o argomenti di particolare interesse per l’impresa


Scrivere o... disegnare?

grafo

calligrafia, fotografia, ecografia, tipografia, fonogramma, telegramma, diagramma, istogramma, cardiogramma, grammatica…grafica


La grafica

  • Insieme di tecniche relative a:

    • forma

    • formato

    • segni, immagini, spazi, colori


Il carattere o font

Un esempio di “graziato romano”: Times.

Questa riga è in Times.

Un “graziato egizio”: Courier.

Questa riga è in Courier.

Un altro esempio di “graziato egizio”: Rockwell.

Questa riga è scritta in Rockwell.



La qualità del marchio

  • semplice e chiaro

  • attenzionale

  • riconoscibile

  • memorabile

  • adeguato

  • originale

  • duttile


Il manuale di corporate identity (1)

Guida all’uso del marchio

in tutte le sue forme di comunicazione scritta

Guida al formato

di ogni strumento di comunicazione scritta.


Il manuale di corporate identity (2)

  • carattere del marchio e proporzioni

  • posizione nei vari formati

  • fondi colorati

  • area di rispetto

  • usi particolari

  • giochi grafici


Il manuale di corporate identity (3)

  • cancelleria (stationery)

  • letteratura aziendale

  • sito internet

  • packaging

  • oggettistica promozionale

  • segnaletica


ad