Docente salvatore toscano dottore commercialista l.jpg
Sponsored Links
This presentation is the property of its rightful owner.
1 / 22

Docente: SALVATORE TOSCANO Dottore Commercialista PowerPoint PPT Presentation


  • 143 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Incontro di studio su: IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO. Docente: SALVATORE TOSCANO Dottore Commercialista . IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO IVA (D.P.R. 633/72).

Download Presentation

Docente: SALVATORE TOSCANO Dottore Commercialista

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Incontro di studio su:

IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO

Docente:

SALVATORE TOSCANO Dottore Commercialista


IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTOIVA (D.P.R. 633/72)

  • È un’imposta generale che grava sui consumi che si applica alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi effettuate nel territorio dello Stato nell’esercizio di imprese o di arti e professioni nonché alle importazioni da chiunque effettuate;

  • Il costo dell’imposta è sopportato effettivamente dal consumatore finale;

  • Gli adempimenti previsti dalla legge sono a carico dei soggetti economici che effettuano le cessioni dei beni e/o le prestazioni dei servizi.


Presupposti per l’applicazione dell’IVA

L’operazione rientra nel campo IVA quando ricorrono i seguenti requisiti:

  • Oggettivo; deve trattarsi di cessione di beni o prestazione di servizi;

  • Soggettivo; deve essere svolta da imprese, artisti e professionisti, nell’esercizio dell’attività;

  • Territoriale: devono essere svolte nel territorio italiano.


Cessioni di beni(art. 2 c.1)

  • Gli atti a titolo oneroso, cioè verso un corrispettivo, che trasferiscono la proprietà di un bene (contratto di vendita, somministrazione);

  • Alcune operazioni che sono espressamente individuate dal Legislatore non sono considerate cessioni di beni e pertanto classificate “fuori campo IVA”(es. cessioni di denaro, vendita valori bollati, aziende)


Prestazioni di servizi(art. 3 c. 1 e 2)

  • Operazioni derivanti da obbligazioni di fare, di non fare e di permettere;

  • Tutto ciò che non costituisce cessione di beni;

  • La locazione, l’affitto, il noleggio, il leasing, la cessione del diritto d’autore, invenzioni industriali ecc., sono definite operazioni assimilate alle prestazioni di servizio.


Esercizio di Imprese(art. 4)

  • È considerato imprenditore colui che esercita un’attività commerciale o agricola in forma abituale oppure un attività non commerciale purché organizzata in forma di impresa.

  • ES.: Nel caso in cui si debba vendere un autovettura usata.

    • Se venduta da un concessionario la cessione sarà assoggettata ad IVA ;

    • Se venduta da un privato la stessa autovettura non sconterà l’imposta.


Esercizio di Imprese(art. 4)

Segue

  • Es.: Locazione di immobile

    • Se l’immobile è locato da un impresa sconta l’imposta;

    • Se è locato da un privatonon è assoggettato ad IVA.


Artisti e professionisti(art. 5)

  • Sono soggetti passivi IVA coloro che svolgono l’esercizio della professione e/o gli artisti. Tale esercizio si deve svolgere con professionalità.

  • Pertanto le condizioni sono due:

    • L’attività di lavoro autonomo;

    • L’esercizio con professionalità.

  • Non si applica IVA quando mancano uno dei due precedenti requisiti trattandosi ad es. di:

    • Collaborazioni coordinate e continuative;

    • Lavoro occasionale.


Effettuazione delle operazioni(art. 6)

  • Le cessioni di beni si considerano effettuate nel momento della stipula dell’atto se riguardano beni immobili e nel momento della consegna o spedizione se riguardano beni mobili.

  • Gli operatori che effettuano la cessione dei beni hanno l’obbligo di:

    • Documentare il trasferimento del bene (DDT);

    • Addebitare l’imposta al cessionario (fattura);

    • Registrare le fatture, liquidare e pagare la relativa imposta;

    • Presentare la dichiarazione dell’esercizio.


Territorialità dell’imposta(art. 7)

  • Per territorio d’Italia si intende il territorio soggetto alla territorialità della Repubblica italiana, ad esclusione dei territori extra doganali dei comuni di Livigno e campione d’Italia e delle acque italiane del lago di Lugano.

  • Ai fini di determinare il luogo di effettuazione dell’operazione si ha riguardo al luogo dove si trova il bene e non rileva la residenza dei soggetti cedenti.


Tipologie di operazioni

  • IMPONIBILI: Soggette ad IVA, sono le operazioni soggette all’imposta in base ad una determinata aliquota - Aliquote: 4 - 10 - 20 %;

  • NON IMPONIBILI: Operazioni non gravate da imposta si tratta di esportazioni extra CEE (Art.8) assimilate all’esportazione (Art. 8 bis) e servizi internazionali o connessi agli scambi internazionali (Art. 9)

  • ESENTI: Trattasi di operazioni tassativamente elencate nell’Art.10 (esempi prestazioni sanitarie, istruzione, spese funebri, affitti di fondi agricoli, servizi postali)


Detraibilità dell’imposta

  • I soggetti alla disciplina dell’imposta sul valore aggiunto detraggono l’IVA sulle operazioni di acquisto secondo quanto prescritto dall’art. 19 del DPR.

  • L’articolo contiene tutte le operazioni per le quali è possibile detrarre l’imposta nonché quelle per le quali è tassativamente vietata la detrazione.

    Esempio:

    Nel periodo oggetto di liquidazione, effettuo operazioni soggette ad imposta (vendite di beni o prestazioni di servizi) per € 240 di cui:

    • imponibile200

    • IVA al 20 % 40

  • Effettuo, altresì, acquisti con IVA detraibile per € 36 di cui

    • imponibile 30

    • IVA 20 % 6

      Posso detrarre € 6 dall’imposta sulle operazioni attive

      Versamento all’erario € 34:

    • € 40 operazioni attive

    • € - 6 operazioni acquisto


  • Indetraibilità dell’imposta(art. 19 e 19 bis)

    • Oggettiva: per l’acquisto di alcuni beni, tassativamente indicati dalla legge, non è consentita la detraibilità della relativa IVA, avvolte anche parziale, senza rilevare l’uso a cui vengono destinati gli stessi beni (es. beni di lusso, spese di rappresentanza, automezzi, telefonini);

    • Soggettiva: Per coloro che svolgono una attività che comporta la non applicazione dell’imposta (esente IVA art. 10) alle proprie vendite o prestazioni. Ai contribuenti che nel corso dell’esercizio hanno svolto attività che hanno comportato il diritto di detrazione e contestualmente attività che non hanno comportato tale diritto, il diritto alla detrazione spetta in misura proporzionale alla prima categoria di operazioni (pro rata).


    Adempimenti contabili ai fini IVA

    • Il contribuente nella generalità dei casi dovrà annotare i documenti rilevanti ai fini IVA (fatture acquisti e/o vendite, corrispettivi) sugli appositi registri che non necessitano di alcuna vidimazione.

    • Modalità di registrazione

    • ACQUISTI: “... anteriormente alla liquidazione periodica, ovvero alla dichiarazione annuale, nella quale è esercitato il diritto alla detrazione” (norma di natura solo fiscale e non civilistica)


    Modalità di registrazione

    Segue

    • VENDITE: la fattura deve essere annotata entro 15 giorni dalla data di emissione. Il termine per emettere la fattura, se non emessa immediatamente, è entro il 15 del mese successivo dalla data di consegna del bene ed entro tale data deve anche essere annotata nel registro.

    • CORRISPETTIVI: devono essere annotati distinti per giorno, entro il giorno non festivo successivo.

    • RIEPILOGATIVO: è il registro che si usa per annotare le risultanze dei registri precedenti con cadenza periodica (trimestrale o mensile). Il registro non viene messo in uso se il contribuente utilizza solo il registro corrispettivi o vendite.


    Liquidazione e versamento dell’imposta

    • Ai fini della liquidazione dell’imposta si deve tener conto delle cessioni già eseguite nel periodo di competenza, anche se non fatturate, nonché degli acquisti registrati nello stesso periodo;

    • Le liquidazioni si debbono eseguire mensilmente o per opzione, se non si superano determinati limiti di fatturato, possono effettuarsi trimestralmente.

    • L’eventuale pagamento va eseguito entro il giorno 16 del mese successivo alla chiusura della liquidazione, presso gli sportelli bancari (oggi trasmissione telematica) tramite il modello F 24.


    Esempio: Registrazione contabile fattura acquisti con IVA


    Esempio: Registrazione contabile fattura vendita con IVA


    Esempio: Registrazione contabile liquidazione e pagamento IVA


    Acquisti Intracomunitari(D.L. 331/93)

    • Gli acquisti compiuti dai paesi appartenenti alla CEE debbono essere annotati separatamente e comportano i seguenti adempimenti:

      • Istituzione di registri sezionali (acquisti e vendite);

      • L’istituzione del registro riepilogativo;

      • In fase di liquidazione debbono essere distinte le operazioni CEE;

      • Si procederà ad una doppia registrazione, sui rispettivi registri acquisti e vendite, ed in definitiva ciò comporterà la neutralità dell’operazione.


    Esempio: Acquisti Intracomunitari

    • Nell’ipotesi di un acquisto di €. 1.000, le scritture contabili sono:

    • diversiaFornitore 1.200

      Merce 1000

      IVA a credito 200

    • Fornitore 1.200a diversi

      c/transitorio acquisti UE 1.000

      IVA a debito 200

    • c/transitorio ... a Fornitore 1.000

    • Risultato scritture:

      Debito verso fornitore 1.000 (pari al documento)

      Debito verso l’erario zero

      Saldo conto transitorio zero


    Altri adempimenti acquisti intracomunitari

    • È altresì obbligatorio presentare gli elenchi riepilogativi (c.d. modelli INTRASTAT) con la seguente periodicità:


  • Login