Nuova sociologia economica
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 34

Nuova sociologia economica PowerPoint PPT Presentation


  • 64 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Nuova sociologia economica. Dibattito sulle nuove forme di organizzazione produttiva. Insoddisfazione riguardo le teorie tradizionali (basate solo sui fattori tecnologici) Economisti : necessità di spiegazioni più complesse – tentativi di adattare gli strumenti interpretativi della disciplina

Download Presentation

Nuova sociologia economica

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Nuova sociologia economica

Nuova sociologia economica


Dibattito sulle nuove forme di organizzazione produttiva

Dibattito sulle nuove forme di organizzazione produttiva

Insoddisfazione riguardo le teorie tradizionali (basate solo sui fattori tecnologici)

Economisti: necessità di spiegazioni più complesse – tentativi di adattare gli strumenti interpretativi della disciplina

Sociologi: evidenziano i limiti dell’approccio economico e il ruolo delle reti di relazioni sociali e dei fattori culturali e politici


Neoistituzionalismo economico economia dei costi di transazione ect

Neoistituzionalismo economico - Economia dei costi di transazione (ECT)


Concetto pi ampio di impresa

Concetto più ampio di impresa

Le organizzazioni (d’impresa) hanno al loro interno degli assetti non soltanto gerarchici, ma anche di mercato, che riguardano i rapporti con altre imprese

L’impresa come «rete di contratti»


I presupposti

I presupposti

Impresa A

Impresa B

Costi di transazione

Razionalità limitata

Opportunismo


I presupposti1

I presupposti

Lavoratore X

Impresa A

Costi di transazione

Razionalità limitata

Opportunismo


Definizioni

Definizioni

Razionalità limitata: deriva dai limiti neuro fisiologici del cervello umano e quindi dai limiti delle conoscenze umane

Opportunismo: nei rapporti sociali le persone possono cercare di fare i propri interessi con mezzi illeciti come l’inganno e la frode (fare minacce o promesse false o vuote, assumere impegni in cui non si crede)


Definizioni1

Definizioni

Costi di transizione

Antecedenti al contratto: costi per cercare la controparte, condurre la trattativa, stipulare il contratto

Successivi al contratto: costi per far osservare il contratto


Esigenza delle imprese

Esigenza delle imprese

Minimizzare, oltre i costi di produzione, anche i costi di transazione


Il dilemma fondamentale

Il dilemma fondamentale

Comprare o produrre?

Fino a che punto a una impresa conviene ricorrere al mercato e da che punto in poi conviene invece produrre per contro proprio?

(A parità di costi di produzione) l’impresa farà la scelta che comporta i minori costi di transazione


Una correzione

Una correzione

I costi della gerarchia

Al crescere della dimensione di impresa possono sorgere dei problemi (perdita di controllo, conflitti interni, ecc.), quindi aumento dei costi delle transazioni interne


La rielaborazione successiva

La rielaborazione successiva

Rimane l’importanza dei fattori umani (come caratteri biopsichici dei soggetti)

Ma l’attenzione si concentra sulla specificità delle risorse (cioè il grado di specializzazione degli investimenti) e la frequenza della transazione


Meccanismi di governo in base a frequenza e specificit delle risorse

Meccanismi di ‘governo’ in base a frequenza e specificità delle risorse


Punti deboli

Punti deboli

  • Razionalità limitata e opportunismo sono costruzioni sociali, dipendono da tanti fattori

  • Trascura l’influenza dei fattori culturali e politici e delle reti di relazioni sulle origini dei modelli di organizzazione che si affermano nei vari contesti

  • Sottovaluta la persistenza di assetti organizzativi anche meno efficienti, che possono ugualmente riprodursi


La nuova sociologia economica

La nuova sociologia economica


Approcci diversi

Approcci diversi

(qui consideriamo)

  • approccio strutturale e delle reti sociali

  • neoistituzionalismo sociologico


Elementi comuni 1

Elementi comuni (1)

L’azione è socialmente costruita (critica alla concezione iposocializzata dell’attore tipica dell’economia, ma anche a quella ipersocializzata presente in sociologia)

Viene sottolineata la collocazione dei soggetti nella rete di relazioni sociali (approccio strutturale) o il peso delle componenti cognitive e normative (approccio neoistituzionalista)


Elementi comuni 2

Elementi comuni (2)

Embeddedness dell’azione: indica il radicamento sociale dell’azione, il suo essere concretamente immerso nel contesto entro cui si produce

Es. l’organizzazione economica va compresa collegandola all’influenza esercitata dalle reti in cui i soggetti sono inseriti (approccio strutturale), facendo riferimento alle componenti cognitive e normative, quindi della cultura (approccio neoistituzionalista)


Approccio strutturale

Approccio strutturale


Nuova sociologia economica

L’azione è influenzata dalla collocazione dei singoli soggetti nelle reti di relazioni sociali in cui sono coinvolti

Reti sociali stabili costituiscono strutture che è necessario ricostruire/studiare per comprendere il comportamento dei soggetti

Possono essere più o meno presenti e possono favorire o meno determinate soluzioni


Critiche a ect 1

Critiche a ECT (1)

Ruolo delle relazioni nel generare fiducia e nello scoraggiare l’opportunismo

L’inserimento dei soggetti in stabili reti di relazioni consente di diffondere informazioni e di tenere sotto controllo il comportamento, isolando coloro che non meritano fiducia


Critiche a ect 2

Critiche a ECT (2)

Transazioni complesse e potenzialmente rischiose possono essere condotte attraverso il mercato se esistono reti di relazioni fiduciarie che legano le imprese


Capitale sociale

Capitale sociale

Insieme delle relazioni sociali di cui un soggetto individuale e un soggetto collettivo dispone in un determinato momento

Attraverso il capitale sociale si rendono disponibili risorse cognitive (informazioni) e risorse normative (fiducia)


Nuova sociologia economica

(A livello aggregato) si può dire che un determinato contesto risulta ricco di capitale sociale a seconda che i soggetti individuali o collettivi che vi risiedono sono coinvolti in reti di relazioni

È un bene collettivo: non è divisibile e i suoi vantaggi non sono appropriabili individualmente (a differenza del capitale finanziario e del capitale umano)


Nuova sociologia economica

«La maggiore parte delle forme di capitale sociale sono create e distrutte come sottoprodotto di altre attività»

Anche se ciò non esclude che si possano compiere sforzi consapevoli per creare reti (clan, contrattazione relazionale, ecc.)

Non è né positivo né negativo. Non è possibile definire a priori i suoi effetti sullo sviluppo economico


Nuova sociologia economica

La fiducia che circola attraverso le reti di relazioni può limitare l’opportunismo e favorire la cooperazione economica

Ma le reti possono essere anche uno strumento che elude la concorrenza, per forme di collusione più o meno legali

Reti particolarmente dense possono esercitare un controllo sul comportamento individuale così forte da scoraggiare l’innovazione


Nuova sociologia economica

Possono essere anche uno strumento attraverso il quale informazioni e fiducia circolanti tra i soggetti aumentano il loro potere a scapito di altri soggetti

Es. reti di imprese che funzionano a scapito dei consumatori, di altre imprese, che consentono di eludere la concorrenza, ecc.)


Neoistituzionalismo sociologico

Neoistituzionalismo sociologico


Differenze con l approccio strutturale

Differenze con l’approccio strutturale

Per gli strutturalisti: le reti determinano risorse e vincoli che condizionano il perseguimento razionale degli interessi da parte dei soggetti

Per i neoistituzionalisti: i fattori culturali contribuiscono a definire gli interessi stessi e le modalità attraverso le quali vengono perseguiti


Nuova sociologia economica

Svolta verso spiegazioni cognitive e culturali e a un interesse verso le caratteristiche di unità di analisi sovra-individuali

In evidenza il ruolo di regole routinarie, largamente date per scontate, nell’orientare il comportamento


Critiche a ect

Critiche a ECT

Di fronte a carenza di informazioni e ai rischi delle transazioni, i soggetti (individuali o collettivi) si affidano non solo alle reti, ma alle soluzioni che sono considerate più appropriate e legittime nell’ambiente nel quale si collocano


Isomorfismo istituzionale

Isomorfismo istituzionale

Si vuole spiegare l’omogeneità dei modelli di comportamento

Omogeneità che deriva da fattori istituzionali, ossia dalla cultura, ecc.


Tre forme di isomorfismo istituzionale

Tre forme di isomorfismo istituzionale

1. coercitivo: deriva più spesso dalla regolazione pubblica, dalle relazioni industriali (che pongono vincoli che obbligano ad assumere modelli simili comportamento)


Nuova sociologia economica

2. normativo: legato al diffondersi di idee e standard professionali di comportamento che assumono un’elevata legittimità (ruolo delle università, delle scuole, delle agenzie di consulenza)

3. mimetico: deriva da processi imitativi (soprattutto di fronte all’incertezza)


  • Login