effat cio apriti
Download
Skip this Video
Download Presentation
« Effatà » cioè: « Apriti !»

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 18

« Effatà » cioè: « Apriti !» - PowerPoint PPT Presentation


  • 107 Views
  • Uploaded on

« Effatà » cioè: « Apriti !». Come il Padre plasmò Adamo dal fango muto, soffiandogli nelle narici un alito di vita, così il Figlio, nuovo Adamo,. stende la mano su un sordomuto, emette un sospiro e dice: “Effatà” cioè “Apriti!”.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' « Effatà » cioè: « Apriti !»' - latona


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2
Come il Padre plasmò Adamo dal fango muto, soffiandogli nelle narici un alito di vita,

così il Figlio, nuovo Adamo,

slide4
“ Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse:

«Effatà», cioè: «Apriti!».

E subito gli si aprirono gli orecchi,

si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente.”Mc 7,32-35

slide5
La parola di Cristo,

come quella del Padre,

è creatrice e ricreatrice:

egli dice e così è fatto.

slide6
“Apriti !”

la parola….

esprime la missione di Gesù fra di noi

egli si incarnato
Egli si è incarnato

per aprirci a Dio,

per aprire le orecchie alla Parola,

per aprirementi e cuori alla conversione,

per aprirci alla realtà di poterci accostare a Dio,

vedere il suo Volto.

slide8
Il sordomuto è ciascuno di noi

quando siamo tentati d’ignorare la Parola di Dio o a selezionare ciò che ci fa comodo,

rischiando di perdere la vita che il Signore ha preparato per coloro che lo amano

( 1 Cor 2,9 )

slide9
Dio è :

parola, comunicazione e dono di sé.

L\'uomo è :

prima di tutto orecchio, e poi lingua.

slide10
La religione cristiana è la religione della parola e dell’ascolto, della comunicazione con Dio che ci parla.
slide11
L\'uomo diventa la parola a cui presta ascolto e dà risposta:

se ascolta Dio diventa Dio,

se ascolta il demonio diventa demonio.

  • Eva ha ascoltato il maligno e ha partorito tutto il male del mondo.
  • Maria ha ascoltato Dio e ha partorito tutto il bene dell\'umanità.
slide12
GGesù è il medico

Vvenuto a ridarci

lla capacità di dialogo

ccon Dio e con i fratelli.

slide13
Pper questo,

eessere sordi e muti

(nel senso religioso)

è è il più grande dei mali.

slide14
Gesù è venuto per guarire l\'umanità,

per farla diventare il vero popolo di Dio,

un popolo che ascolta e risponde a colui che gli dice:

" Ascolta, Israele!" ( Dt 6,4-5 );

" Ascoltate!" ( Mc 4,3 );

"Questi è il Figlio mio prediletto: ascoltatelo!" ( Mc 9,7 ).

slide15
Tutto il mistero di Dio che vuole un rapporto con ogni persona:

un Dio tenero,

un Dio pieno di compassione,

un Dio che si china a toccare,

il Dio trascendente che desidera “respirare” dentro di noi la vita nuova.

slide16
Il Dio invisibile

si fa visibile in Gesù, Figlio di Dio;

Egli è il Volto di Dio per noi:

“ Chi ha visto me, ha visto il Padre ”( Gv 13,9 )

slide17
Simone Weil scrive…

Da sopra l\'Infinito dello spazio e del tempo, l\'amore infinito di Dio ci raggiunge.

viene a suo tempo.

Noi abbiamo il potere

di acconsentire ed accogliere o di rifiutare.

Se restiamo sordi, torna e ritorna come un mendicante, ma ancora come un mendicante un giorno qualsiasi non torna più.

slide18

Il Signore ci chiama al banchetto, alla festa del suo amore:

«Effatà»

cioè:

«Apriti!»

Anna Francioni