A cura di cinzia olivieri
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 30

A cura di Cinzia Olivieri PowerPoint PPT Presentation


  • 120 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Organi collegiali e Forum dei genitori: Storia, modalità e requisiti della partecipazione, tra continuità, alternanza, possibili sinergie e prospettive. A cura di Cinzia Olivieri. Premessa. Ripercorriamo insieme le modalità e le norme della partecipazione dei genitori nella e della scuola.

Download Presentation

A cura di Cinzia Olivieri

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


A cura di cinzia olivieri

Organi collegiali e Forum dei genitori: Storia, modalità e requisiti della partecipazione, tra continuità, alternanza, possibili sinergie e prospettive

A cura di Cinzia Olivieri

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Premessa

Premessa

Ripercorriamo insieme le modalità e le norme della partecipazione dei genitori nella e della scuola.

Gli Organi Collegiali sono stati introdotti con il DPR 416/74 (Decreti Delegati), poi modificato con il D.L.vo 297/94 e si distinguono in:

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Organi collegiali di istituto

Organi Collegiali di istituto

  • Consiglio di intersezione, di interclasse e di classe (art. 5 D.L.vo 297/94)

  • Consiglio di circolo o di istituto e giunta esecutiva (art. 9 D. L.vo 297/94)

    Normativamente disciplinati e stabili.

    I regolamenti interni delle scuole dispongono per quanto non previsto dalle norme. In mancanza di regolamento il Ministero ha emanato un “regolamento tipo” con la C.M. 105/75

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Organismi di partecipazione

Organismi di partecipazione

  • Assemblee di sezione, di classe o di istituto (art. 15 D.L.vo 297/94)

  • comitati genitori (art 15 comma 2 D.L.vo 297/94)

    La concreta attività dei quali è rimessa alla libera iniziativa dei genitori

    Sono i rappresentanti di classe interclasse, intersezione che “possono” istituire il comitato

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Organi collegiali territoriali

Organi Collegiali Territoriali

  • Consiglio Scolastico Distrettuale (artt. 16-19 D.Lvo 297/94)

  • Consiglio Scolastico Provinciale (artt. 20-22 D.Lvo 297/94)

  • Al Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione (artt. 23-25 D.L.vo 297/94) non partecipano i genitori

    Il Dlgs 233/99aveva previsto nuovi organi che non si sono mai insediati per mancanza dei decreti attuativi

    Con la L 10/11 che ha convertito il Decreto Milleproroghe 2011 ha prorogato anche per quest’anno il solo CNPI

    Le ultime elezioni (suppletive) dei Consigli Scolastici Distrettuali e Provinciali sono state indette con la C.M. 192/00

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Organi collegiali territoriali1

Organi Collegiali Territoriali

Intanto le liste si sono esaurite e con esse le componenti elettive, tra cui quella dei genitori.

Così sono stati progressivamente svuotati di poteri, funzioni e risorse e se n’è finito per perdere persino il ricordo

L’art. 139 del Dlgs 112/98 ha trasferito alle Province le funzioni relative alla “costituzione, i controlli e la vigilanza, ivi compreso lo scioglimento, sugli organi collegiali scolastici a livello territoriale”.

Ma tali funzioni, considerata l’attuale situazione degli organi territoriali, non sono mai state esercitate

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


I requisiti della partecipazione

I requisiti della partecipazione

(Art. 38 D.L.vo 297/94; Art. 51 O.M. 215/91)

Partecipano agli organi collegiali i genitori di alunni iscritti nella scuola e fino al 31 agosto successivo al conseguimento del titolo finale di studio ovvero dalla data di perdita della qualità di studente

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Le modalit della partecipazione

Le modalità della partecipazione

Modalità e compiti degli organi collegiali e degli organismi di partecipazione sono disciplinati dalle norme

Le principali sono:

  • Il D.L.vo 297/94 (che ha modificato il D.P.R. 416/74)

  • Il Decreto Interministeriale 28 maggio 1975 modificato dal Decreto Interministeriale 44/01

  • La C.M. 105/75 (regolamento tipo)

  • Il D.P.R. 275/99 (regolamento dell’autonomia)

  • L’O.M. 215/91 elezione OO.CC. di istituto

  • L’O.M. 216/91 elezione del Consiglio Scolastico Distrettuale

  • L’O.M. 217/91 elezione del Consiglio Scolastico Provinciale

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Le modalit della partecipazione1

Le modalità della partecipazione

È pertanto importante conoscere le norme per comprendere il proprio ruolo, ma soprattutto è fondamentale la redazione condivisa diregolamenti interni che la disciplinano. Questo aiuta a dare regole certe ed impedire o superare eventuali contrasti

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Come e quando il partenariato si realizza anche all interno della scuola

Come e quando il partenariato si realizza anche all’interno della scuola

LaCM 255/91, per rendere più incisiva la partecipazione dei genitori e facilitare il necessario collegamento tra le componenti scolastiche in vista delle elezioni degli organi collegiali, ha consentito l'accesso nelle scuole ai rappresentanti delle associazioni e la diffusione ed affissione di materiale elettorale o avvisi concernenti la loro attività

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Istituito il forum

È istituito il Forum

Il Forum Nazionale delle Associazioni dei Genitori (FoNAGS) viene istituito ufficialmente con ilDM 14/02.

Sonostatericonosciute dal Ministero prima AGe, AGeSC e CGD e di recente Faes e Moige

Con il DPR 301/05 sono introdotti nuovi criteri di accreditamento e previste le diramazioni regionali dei Forum dei genitori (FoRAGS) che si sono incontrati per la prima volta presso il ministero il 27 ottobre 2010. I Forum provinciali (FoPAGS), non disciplinati, sono stati comunque istituiti da qualche Ufficio Scolastico. Non sono ovunque operativi

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Il forags

Il FoRAGS

Come il Forum Nazionale, il FoRAGS è costituito da non più di due rappresentanti delle Associazioni Genitori aderenti al Forum Nazionale, e di quelle maggiormente rappresentative a livello regionale che ne chiedano l’adesione, nonché dal Direttore Scolastico Regionale o un suo delegato

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


I requisiti per partecipare al forags

I requisiti per partecipare al FoRAGS

Possono quindi partecipare al forum i rappresentanti delle associazioni che siano genitori di alunnifrequentantiistituti scolastici statali o paritari

I partecipanti sono designati dalle associazioni di appartenenza fino al rinnovo delle sue componenti

Per ampliare la partecipazione occorre favorire l’istituzione dei Forum Provinciali

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Il forags campania

Il FoRAGS Campania

Il FoRAGS Campania è stato istituito con decreto del direttore regionale il 7 novembre 2008

Il Forum elegge un coordinatore e si dota di un regolamento interno di organizzazione

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Compiti dei forum

Compiti dei Forum

  • favorire il dialogo e il confronto fra il Ministero/ gli Uffici Scolastici e le realtà associative dei genitori;

  • rappresentare le esigenze e formulare le proposte della componente genitori della scuola;

  • esprimere parerisugli atti e sulle iniziative che gli sono sottoposte;

  • esprimere, anche di propria iniziativa, pareri sui provvedimenti attinenti all’istruzione;

  • essere sede di consultazione fra il Ministero/ gli Uffici Scolastici e le Associazioni dei genitori sulle problematiche scolastiche.

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


La scuola dell autonomia e le opportunit di condivisione

La scuola dell’autonomia e le opportunità di condivisione

L’art. 21 della L 59/97 ha riconosciuto alle istituzioni scolastiche autonomia organizzativa e didattica

Conseguentemente sono stati emanati il DPR 275/99, regolamento in materia di autonomia, ed il DI 44/01 che detta le istruzioni sulla gestione amministrativo-contabile

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Le opportunit del pof

Le opportunità del POF

Il DPR 275/99 ha introdotto il POF, il Piano dell'offerta formativa che ogni istituzione scolastica predispone, con la partecipazione di tutte le sue componenti

Il POF è elaborato dal collegio dei docenti sulla base degli indirizzi generali … e delle scelte generali di gestione e di amministrazione definiti dal consiglio di circolo o di istituto, tenuto conto delle proposte e dei pareri formulati dagli organismi e dalle associazioni anche di fatto dei genitori e, per le scuole secondarie superiori, degli studenti. Il Piano è adottato dal consiglio di circolo o di istituto

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Le opportunit del patto educativo di corresponsabilit

Le opportunità del Patto educativo di corresponsabilità

Il DPR 235/07 ha introdotto il Patto educativo di corresponsabilità sottoscritto contestualmente all'iscrizione dai genitori e dagli studenti e finalizzato a definire diritti e doveri nel rapporto tra scuola, studenti e famiglie.

I regolamenti di istituto disciplinano le procedure di sottoscrizione nonché di elaborazione e revisione condivisa

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Le opportunit per risolvere i conflitti l organo di garanzia

Le opportunità per risolvere i conflitti: l’organo di garanzia

Con la nuova disciplina della valutazione del comportamento (L 169/08DM 5/09DPR 122/09) hanno assunto determinante importanza i regolamenti interni elaborati secondo le disposizioni del DPR 249/98 cioè lo “Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria” come modificato dal DPR 235/07

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


L organo di garanzia interno

L’organo di garanzia interno

I regolamenti delle scuole secondarie devono infatti individuare i comportamenti che configurano mancanze disciplinari, le relative sanzioni, gli organi competenti ad irrogarle e il relativo procedimento.

In particolare devono prevedere la costituzione di un organo di garanzia interno alla scuola, istituito e disciplinato dai regolamenti, che decide nel termine di dieci giorni dei ricorsi contro le sanzioni disciplinari, proposti nel termine di quindici giorni dalla comunicazione della loro irrogazione.

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Composizione dell organo di garanzia interno

Composizione dell’organo di garanzia interno

È presieduto dal Dirigente scolastico e di norma composto da un docentedesignato dal consiglio di istituto e, nella scuola secondaria superiore, da un rappresentante eletto dagli studenti e da un rappresentante eletto dai genitori, ovvero, nella scuola secondaria di primo grado da due rappresentanti eletti dai genitori

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


L organo di garanzia regionale

L’organo di garanzia regionale

È stato introdotto dall’art. 2 del DPR 235/07 che ha sostituito l'art. 5 del DPR 249/98 il quale prevedeva un organo a livello provinciale, la designazione dei docenti e del genitore del quale era rimessa al consiglio scolastico provinciale, ormai svuotato delle sue componenti per effetto della mancanza di indizione di nuove elezioni

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Compiti dell organo di garanzia regionale

Compiti dell’organo di garanzia regionale

Esprime parere vincolantema non obbligatorio in merito ai reclami avverso la legittimità del provvedimento in materia disciplinare e/o dei regolamenti in conformità allo Statuto, ma è il Direttore Regionale o suo delegato che decide in via definitiva

Si ritiene, analogamente a quanto previsto per il ricorso all’organo di garanzia interno, che il termine per la proposizione del reclamo sia di quindici giorni dalla comunicazione della decisione di quest’ultimo o dallo spirare del termine di decisione ad esso attribuito.

Se non emette il suo parere nel termine, il direttore regionale può decidere indipendentemente

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Composizione dell organo di garanzia regionale

Composizione dell’organo di garanzia regionale

È presieduto dal Direttore regionale o da un suo delegato e composto per la scuola secondaria di secondo grado da due studenti designati dal coordinamento regionale delle consulte provinciali degli studenti, da tre docenti e da un genitore. Per la scuola secondaria di primo grado in luogo degli studenti sono designati altri due genitori

Ciascun USR individua le modalità più idonee di designazione delle componenti dei docenti e dei genitori. Tuttavia la nota del 31 luglio 2008 ha suggerito che “con riferimento alla designazione dei genitori, nel rispetto dell’autonoma decisione di ciascun Ufficio Scolastico Regionale, … la stessa avvenga nell’ambito dei rappresentanti del Forum Regionale delle Associazioni dei genitori (FORAGS)”

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Le procedure di valutazione

Le procedure di valutazione

L’ultima parte del comma 9 dell’art. 21 della L 59/97 prevede l'obbligodi adottareprocedure e strumenti di verifica e valutazionedella produttività scolastica e del raggiungimento degli obiettivi

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Prospettive

Prospettive

Le prospettive rappresentate dalle proposte di legge in discussione in VII^ Commissione Cultura ci presentano una partecipazione eventuale e rimessa interamente agli Statuti delle scuole, i quali determinano le modalità di costituzione delle rappresentanze di docenti, genitori e studentinonchéaltre eventuali forme di partecipazione. Il testo base della PDL 953 è stato modificato accogliendo i contributi dei gruppi parlamentari, ma non è mai stato adottato dal gruppo ristretto

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


In sintesi

In sintesi

“La storia della ‘partecipazione’ dei genitori a scuola presenta più delusioni che soddisfazioni, nonostante generosi progetti nazionali”*

“Giornate dei genitori, seminari, forum regionali e provinciali cercano di rianimare il movimento dei genitori impegnati nella scuola”*

*da: ”I Forum delle associazioni dei genitori della scuola” Rivista dell’Istruzione n. 6/10 Ed. Maggioli

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


In sintesi1

In sintesi

“Nonostante bilanci ufficiali positivi, la realtà dei forum è assai difforme nei diversi territori e non riesce di fatto a decollare”*

“Al di là di alcune esperienze positive (Toscana, Bergamo, Modena) manca l’anello decisivo dell’effettivo coinvolgimento dei genitori presidenti di organi collegiali”*

“da: I Forum delle associazioni dei genitori della scuola” Rivista dell’Istruzione n. 6/10 Ed. Maggioli

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


Proposte

Proposte

“È necessario favorire il collegamento in rete

di rappresentanti eletti nei consigli e nei comitati e le realtà associative, per valorizzare impegni e buone

Pratiche”*

“da: I Forum delle associazioni dei genitori della scuola” Rivista dell’Istruzione n. 6/10 Ed. Maggioli

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


A cura di cinzia olivieri

Organi collegiali e Forum dei genitori: Storia, modalità e requisiti della partecipazione, tra continuità, alternanza, possibili sinergie e prospettive

Grazie per l’attenzione

Cinzia Olivieri

[email protected]

Sportello Genitori Studenti e Scuola

http://www.edscuola.it/archivio/famiglie/famsportello.html

Napoli - PICO - 7 aprile 2011 Seminario di informazione, formazione e sensibilizzazione


  • Login