slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
Dott. Patrizio Nocentini Fabbriche di Vallico,13 dicembre 2008

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 20

Dott. Patrizio Nocentini Fabbriche di Vallico,13 dicembre 2008 - PowerPoint PPT Presentation


  • 86 Views
  • Uploaded on

Progetto Assistenza continua per la persona non autosufficiente. PdL 18/2008 Fondo Non Autosufficienza. Dott. Patrizio Nocentini Fabbriche di Vallico,13 dicembre 2008. La sfida. Art. 1 comma 1

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Dott. Patrizio Nocentini Fabbriche di Vallico,13 dicembre 2008' - kin


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Progetto

Assistenza

continua per la persona

non autosufficiente

PdL 18/2008 Fondo Non Autosufficienza

Dott. Patrizio Nocentini

Fabbriche di Vallico,13 dicembre 2008

slide2

La sfida

Art. 1 comma 1

… sostenere ed estendere il sistema pubblico dei servizi sociosanitariintegrati a favore delle persone non autosufficienti disabili e anziane

slide3

SI CONSIDERANO NON AUTOSUFFICIENTI…

Art. 1 comma 2

…le persone che hanno subito una perdita permanente, parziale o totale, dell’autonomia, delle abilità fisiche, sensoriali, cognitive e relazionali, da qualsiasi causa determinata, con conseguente incapacità di compiere gli atti essenziali della vita quotidiana senza l’aiuto rilevante di altre persone.

slide4

integrazione

innovazione

Le parole chiave

certezza

organizzazione

semplificazione

slide5

Integrazione

  • Economicaart. 2
  • Istituzionaleart. 1
  • Professionaleart. 11
  • Organizzativaart. 10
slide6

Innovazione

Sistema dei servizi

Ci mettiamo

tutti

in discussione!

CHE COSA?

Noi stessi

Regione art. 16

Comuni

ASL

operatori

slide7

Organizzazione

Artt. 10, 11, 13

I presidi

Il PAP

art. 12

L’accoglienza

(P.I.)

artt. 9 e 10

PUA di zona

UVM

Punti Insieme

Il governo

dell’accesso

art. 10

Isogravità e

isorisorse

art. 13

La valutazione

artt. 11 e 13

slide8

Semplificazione

  • Segnalazione e lettura del bisognoartt. 9 e 10
  • Raccolta informazioni valutativeart. 13
  • Tempi certi per la presa in carico
  • Art. 10, comma 1
  • Art. 11, comma 5, lett. e)
  • Art. 12, comma 3
slide9

Certezza

  • Accessoartt. 9 e 10
  • Presa in caricoartt. 11 e 13
  • Risposta assistenziale appropriataart. 7
slide10

La sfida si vince se ci sono:

  • Una condivisione diffusa
  • Forti motivazioni
  • Molto coraggio
  • Una buona dose di incoscienza
slide11

IL GOVERNO DELL’ACCESSO

OSPEDALE

MMG

MMG

Resp

di Zona

RETE INFORMATICA SOCIOSANITARIA

ASSISTITO

Rete familiare o informale

ASSISTITO

Rete familiare o informale

MMG

Il livello territoriale: Zona sociosanitaria

slide12
PUNTO INSIEME deve diventare per se stesso segnale di accoglienza, certezza di ascolto, garanzia di sostegno.
  • La persona non autosufficiente e la sua famiglia vivono una difficoltà quotidiana: PUNTO INSIEME è il luogo dell’incontro, il luogo dove si percepisce che il tuo problema riguarda la collettività tutta.

LA COMUNICAZIONE

slide13
PUNTO INSIEME è la porta di accesso
  • Garantisce accoglienza e professionalità
  • Avvia la risposta assistenziale appropriata entro una scadenza temporale predefinita a partire dalla segnalazione del bisogno
  • Il contratto con l’assistito e l’individuazione del REFERENTE per tutto il percorso assistenziale personalizzato

LA COMUNICAZIONE

slide14

L’offerta dei servizi

  • Interventi domiciliari sociosanitari, di aiuto alla persona, forniti in forma diretta dal servizio pubblico
  • Interventi domiciliari in forma indiretta, tramite titoli per l’acquisto di servizi e sostegno alle funzioni assistenziali e di cura, in coerenza con la programmazione regionale
  • Inserimenti in strutture semiresidenziali
  • Inserimenti temporanei o di sollievo in residenza
  • Inserimenti permanenti in residenza
slide15

Il monitoraggio della Fase pilota nelle Zone

ANNO 2008

I dati dell’accesso

849.136

Popolazione >65anni

ISTAT 31.12.06

37.609

Totale domande pervenute

pari al 4,43%

slide16

Il monitoraggio della Fase pilota nelle Zone

ANNO 2008

I dati delle valutazioni

4 zone

> 900 valutazioni

5 zone

> 500 valutazioni

14 zone

> 200 valutazioni

11 zone

< 200 valutazioni

Totale TOSCANA

14.005 valutazioni

slide17

Il monitoraggio della Fase pilota nelle Zone

ANNO 2008

I dati dell’assistenza

Popolazione >65anni

ISTAT 31.12.06

849.136

Ass. domic. diretta 12.281

Totale persone

assistite

28.213

Serv. Semiresidenziali 1.432

Serv. Resid. perman. 9.011

pari al 3,32%

Serv. Resid. tempor. 2.033

pari al 25%

se calcolato sulle

Indennità di

accompagnamento

(circa 118.000

in Toscana)

Contrib. Assist. Famil. 2.037

Altri Contrib. Econom. 1.419

slide19

Il monitoraggio della Fase pilota nelle Zone

ANNO 2008

I dati dell’assistenza coperta con le risorse aggiuntive

Totale persone assistite

28.213

…di cui con risorse Fase pilota

5.027

Domiciliare 4.741

RSA 286

il monitoraggio della fase pilota nelle zone anno 20081
Il monitoraggio della Fase pilota nelle ZoneANNO 2008

I dati dell’assistenza coperta con le risorse aggiuntive

ad