CUSAS
Download
1 / 14

Formule istituzionali e modelli gestionali per la filiera dei servizi nefrologici - PowerPoint PPT Presentation


  • 78 Views
  • Uploaded on

CUSAS. Formule istituzionali e modelli gestionali per la filiera dei servizi nefrologici. Genova, 26 luglio 2012. In un contesto di crisi finanziaria . In un contesto di demografia della professione. Da dove partire: due premesse.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Formule istituzionali e modelli gestionali per la filiera dei servizi nefrologici' - kiana


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

CUSAS

Formule istituzionalie modelli gestionali per la filiera dei servizi nefrologici

Genova, 26 luglio 2012




Da dove partire due premesse
Da dove partire: due premesse

  • Le aziende/UU.OO. per perseguire le loro finalità devono assicurarsi (e coordinare) le disponibilità di beni e servizi, il che può avvenire attraverso:

    • organizzazione/gerarchia(f.c. orientare il comportamento degli individui)

    • mercato/contratti(f.c. definire i risultati e controllare)

  • I confini tra le organizzazioni sono sempre più frastagliati

    • parti significative dei processi produttivi e amministrativi affidati a entità diverse (senza vincoli spaziali)

    • assetti istituzionali variegati (contratti, accordi, joint-ventures, partecipazioni azionarie)


Esternalizzazione i diversi livelli
Esternalizzazione:i diversi livelli

  • Sistema:

    • aziende pubbliche

    • aziende private non profit

    • aziende private profit

  • Azienda

    • contractingin (ASL, Aziende H)

    • contracting out (H for profit, H non profit, imprese di servizie prodotti)

  • Unità operativa

    • altra unità operativa

    • azienda esterna


Esternalizzazione ragioni e criteri di scelta
Esternalizzazione:ragioni e criteri di scelta

  • Qualità competenze

  • Efficienza/efficacia

    • operativa (produttività, razionalità strutturale, specializzazione produttiva)

    • economica (condizioni gestionali, mix risorse,)

    • finanziaria (disponibilità di investimenti)

  • Possibilità di comportamenti opportunistici:

    • allineamento delle finalità

    • controllo dei risultati

  • Coerenza dinamica


Make or buy una sintesi
Make or buy: una sintesi



La filiera nefrologica
La filiera nefrologica

  • I segmenti della filiera sono rappresentati da nuclei omogenei di attività “tipiche” della pratica nefrologica riconducibile a specifici ambiti assistenziali:

    • Acuzie gestite attraverso i ricoveri diurni e ordinari

    • Prevenzione, diagnosi/follow up in setting ambulatoriali

    • Dialisi

    • Trapianti

  • Ciascun nucleo omogeneo di attività rappresenta:

    • Accadimenti aziendali tipici dell’attività dei nefrologi

    • Uno specifico ambito assistenziale dedicato ad attività differenti

Acuzie in regime di ricovero

Attività diagnosi e follow up

Dialisi

Trapianto

Pazienti

Risorse

Sapere


La filiera nefrologica e le sue interdipendenze
La filiera nefrologica e le sue interdipendenze

  • Lo scorporo di attività induce una serie di fabbisogni:

    • di riconnessione della filiera rispetto alle esigenze del paziente (presa in carico nefrologica), dei saperi (orientamento specialistico o generalistico del nefrologo), delle risorse;

    • di organizzazione delle attività sanitarie e amministrative di supporto al di fuori dei legami aziendali

  • Lo scorporo potrebbe consentire maggiore focalizzazione

ATTIVITA’ SANITARIE DI SUPPORTO

ATTIVITA’ AMMINISTRATIVE DI SUPPORTO

Dialisi

Acuzie in regime di ricovero

Attività diagnosi e follow up

Pazienti

Risorse

Sapere


Una ricerca sulle nefrologie
Una ricerca sulle nefrologie

  • Osservare le “tensioni” che l’esternalizzazione di un nucleo omogeneo di attività (o di sue parti) può indurre nella presa in carico del pz e nella gestione ordinaria delle attività della struttura:

    • Governo strategico del malato attraverso il governo delle filiera

    • Presidio della qualità delle cure (Governo clinico nella pratica professionale) a tutela delle forme di specializzazione del sapere nefrologico

  • I casi: AOU Sant’Orsola Malpighi di Bologna, Ospedale Belcolle di Viterbo, AO Bolognini di Seriate, Ospedale Santa Maria Annunziata di Firenze, Ospedale di Acireale, Ospedale San Giovanni Bosco di Torino

  • La nefrologia mostra forme diffuse e variegate di esternalizzazione:

    • Acquisto di beni e materiali di supporto (Ospedale Don Bosco di Torino)

    • Reclutamento di personale infermieristico (Ospedale Don Bosco di Torino)

    • Intera filiera nefrologica (AO di Seriate)

    • Dialisi esternalizzata (AOU Sant’Orsola Malpighi, Ospedale S. M. della Misericordia di Firenze, Ospedale Belcolle di Viterbo, Ospedale di Acireale)


L a dialisi nella strategia delle nefrologie
La dialisi nella strategia delle nefrologie:

  • Focusedfactorydella dialisi: garantirsi le condizioni di supporto per erogare tutta l’attività dialitica necessaria in azienda.

    • Questioni chiave sono: 1 - mix di pz eterogeneo e necessità di volumi di risorse necessarie per rispondere alla domanda; 2 – fabbisogno di flessibilità nella gestione di personale e beni strumentali

  • Dialisi specialistica: su target focalizzati di pazienti critici

    • Questioni chiave: 1 - “domanda” da parte di altri specialisti di competenze nefrologiche; 2 - strumenti di integrazione ad hoc per allineare sul malato diverse routine (ad es. routine di rianimazione e quelle dialitiche, infermiere case manager)

  • Dialisi complessa: su target focalizzati di pazienti complessi in ospedale per intensità di cure.

    • Questioni chiave: 1 –competizione/integrazione su pazienti pluripatologici; 2 - focalizzazione sui percorsi


I vantaggi perseguiti
I vantaggi perseguiti

  • Focalizzazione

  • Alleggerimento operativo

  • Mobilitazione delle risorse

  • Controllo della variabilità operativa ed economica

  • Efficienza economica complessiva


Un insieme variegato di condizioni
Un insieme variegato di condizioni

  • Orientamento alla missione e governo strategico del paziente

  • Cultura e tradizione di rapporti PP

  • Natura e clausole nel rapporto contrattuale

  • Meccanismi di filtro e invio del paziente

  • Meccanismi e condizioni per il controllo professionale

  • Orientamenti e strumenti gestionali del fornitore

  • Cultura e strumenti di governo clinico


ad