L intesa regione province per la programmazione territoriale
Download
1 / 5

L’INTESA REGIONE-PROVINCE PER LA PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE - PowerPoint PPT Presentation


  • 56 Views
  • Uploaded on

L’INTESA REGIONE-PROVINCE PER LA PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE. 4 GIUGNO 2008. I presupposti:.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' L’INTESA REGIONE-PROVINCE PER LA PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE' - keitaro-rin


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

I presupposti: TERRITORIALE

  • Le politiche comunitarie e nazionali, nel sottolineare la centralità della dimensione territoriale per realizzare efficacemente lo sviluppo regionale, ribadiscono l’importanza di coordinare nell’ambito di strategie unitarie i diversi strumenti di programmazione.

  • La programmazione 2000-2006 si è caratterizzata per una moltiplicazione di tipologie di progetti di sviluppo territoriale. La valutazione di queste esperienze, pur positiva, ha messo in luce la difficoltà di tali iniziative a condividere sistemi di governance ed a trovare idonei elementi di raccordo per migliorare la reciproca integrazione e cogliere le opportunità di sinergie.

  • Il ventaglio di competenze conferite dalla legislazione nazionale e dalla programmazione regionale,ha assegnato alla Provincia una naturale vocazione a svolgere il ruolo di istituzione di raccordo fra Regione e comunità locali per la promozione delle politiche di sviluppo.

  • La volontà politica del Governo Regionale è quella di rafforzare la filiera istituzionale che collega la Regione ai territori ed ai cittadini promuovendo adeguate forme di responsabilizzazione e modalità di collaborazione fra le diverse amministrazioni coinvolte.

COME NASCE L’INTESA REGIONE-PROVINCE

1


Nei prossimi anni i territori della nostra regione saranno interessati da diverse tipologie di progetti territoriali, concepiti come insiemi di azioni e interventi messi in atto per il perseguimento di un obiettivo chiaramente identificato di sviluppo:

QUAL È LO SCENARIO DEI PROGETTI LOCALI DI SVILUPPO NELL’ ATTUALE PERIODO DI PROGRAMMAZIONE (2007-2013)

  • i Progetti Integrati Territoriali a valere sul PO FESR 2007-2013 dedicati al miglioramento dell’attrattività delle aree montane;

  • i Piani di Sviluppo Locale a valere sul PSR 2007-2013, che promuovono e realizzano interventi complessi diretti ad orientare, sostenere ed affiancare gli operatori locali nei processi di diversificazione economica delle aree rurali interne;

  • i Progetti territoriali del Programma Regionale FAS che rispondono a tre diversi orientamenti tematici: il miglioramento dell’offerta turistica territoriale e la valorizzazione degli attrattori naturali e culturali, la competitività dei sistemi produttivi locali e l’occupazione, lo sviluppo urbano nei sistemi territoriali intercomunali.

2


L’intesa si propone di promuovere il coordinamento, al livello locale, delle diverse iniziative di sviluppo che interessano un medesimo territorio. In sostanza le Province e la Regione si accordano sui seguenti principi:

OBIETTIVI ED IMPEGNI DELL’INTESA

  • Unitarietà della programmazione territoriale. Per ciascuna area omogenea sarà predisposta un’unica strategia.

  • Univocità del partenariato locale. Un unico Partenariato unitario, organizzato dalla Provincia, per ogni territorio.

  • Coerenza territoriale. I perimetri di delimitazione delle diverse tipologie di progettazione territoriale vengono definiti all’interno delle 8 aree omogenee individuate dal DSR (evitando gli accavallamenti).

  • Ruolo centrale della valutazione e del monitoraggio unitario

  • Reciprocità fra strumenti di sviluppo. I diversi progetti territoriali devono essere coerenti con la strategia unitaria d’area, e mirare ad ottenere effetti reciproci di complementarità e sinergia.

  • Raccordo delle iniziative pertinenti a titolarità provinciale con particolare riferimento alla mobilità, alla formazione professionale, alle politiche attive del lavoro ed alle infrastrutture.

3


  • I Piani di Azione Territoriale (PAT) coordinano, all’interno di un quadro strategico unitario di sviluppo locale, gli strumenti di attuazione delle politiche di sviluppo territoriale in Abruzzo e le iniziative pertinenti a titolarità provinciale.

  • In linea con le indicazioni dell’Intesa, i PAT si definiscono come articolazioni comprensoriali delle strategie di sviluppo individuate dalla Regione Abruzzo, mirate alle specifiche peculiarità ed esigenze dei contesti locali interessati e capaci di valorizzare gli elementi di complementarità e le potenziali sinergie fra i diversi strumenti di programmazione coinvolti.

  • La formulazione dei Piani di Azione Territoriale è promossa dalle Province, in stretta collaborazione con i Comuni e gli altri rappresentanti del partenariato istituzionale e socio-economico locale, per ciascuna delle otto aree omogenee identificate dal Quadro di Riferimento Regionale (QRR) dell’Abruzzo: L’Aquila, Avezzano, Sulmona, Teramo, Chieti, Pescara, Lanciano e Vasto.

COSA SONO I PIANI DI AZIONE TERRITORIALE

4


ad