l inflazione
Download
Skip this Video
Download Presentation
L’inflazione

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 36

L inflazione - PowerPoint PPT Presentation


  • 211 Views
  • Uploaded on

L’inflazione. Cos’è l’inflazione Come può essere misurata Quali sono gli effetti Quali sono le cause I rimedi per contrastare l’inflazione. Cos’è l’inflazione. Con il termine inflazione si intende l’aumento progressivo del livello generale dei prezzi di un insieme di prodotti (paniere)

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'L inflazione' - kathryn


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
l inflazione

L’inflazione

  • Cos’è l’inflazione
  • Come può essere misurata
  • Quali sono gli effetti
  • Quali sono le cause
  • I rimedi per contrastare l’inflazione
slide3

Con il termine inflazione si intende

l’aumento progressivo del livello generale dei prezzi di un insieme di prodotti (paniere)

e la conseguente

diminuzione del potere d’acquisto della moneta

slide4

Anche se, dal punto di vista strettamente macroeconomico, per inflazione si indica

l’aumento della quantità di moneta in circolazione

(dal latino inflatio-onis = gonfiore)

slide5

Cos’è il potere d’acquisto della moneta?

la quantità di beni e servizi che si può acquistare, in un dato momento storico, con una determinata quantità di moneta.

slide6

Per esprime l’inflazione di un Paese si fa ricorso ad un termine specifico

TASSO D’ INFLAZIONE

che non è altro che il livello d’inflazione espresso in termini percentuali

a marzo 2009 il tasso d’inflazione del Paese Italia è stato pari a 1,2%

slide8

Per determinare il tasso d’inflazione si ricorre a metodi statistici chiamati

NUMERI INDICE

i numeri indice più conosciuti sono

NIC

l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività

FOI

l’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati

slide9

L’istituto preposto al calcolo dell’inflazione è

l’Istituto Nazionale di Statistica

più conosciuto con l’acronimo ISTAT

le cui attività comprendono i censimenti generali e le indagini economiche

Fu istituito come Istituto Centrale di Statistica nel 1926 durante il Fascismo, per raccogliere, in forma organizzata, alcuni dati essenziali riguardanti lo Stato. È stato in seguito riorganizzato, nel 1989 che ha istituito il Sistema Statistico Nazionale e ha dettato norme sui compiti e l\'organizzazione dell\'ISTAT, cambiandone tra l\'altro la denominazione in Istituto Nazionale di Statistica.

L\'attuale presidente è l\'economista Luigi Biggeri.

slide10

l’indice NIC

si riferisce ai prezzi di un paniere di beni richiesti dalla generalità delle famiglie italiane

l’indice FOI

si riferisce ai prezzi di un paniere di beni richiesti da una famiglia la cui persona di riferimento è un lavoratore dipendente (operai ed impiegati).

È quindi più specifico del NIC.

È l\'indice che viene utilizzato come base per l\'adeguamento degli affitti o degli assegni di mantenimento (dovuti al coniuge separato).

slide11

Nel 2009 il paniere per il calcolo dell’inflazione è composto da

1.143 prodotti

(erano 1.099 nel 2008).

Entrano, ad esempio, nel paniere 2009 :

Pasta base per pizze,

Mais in confezione,

Chiave USB,

Film in DVD.

Il NIC e FOI si basano sullo stesso paniere, ma il peso attribuito a ogni bene o servizio è diverso, a seconda dell\'importanza che questi rivestono nei consumi della popolazione di riferimento. Per il NIC la popolazione di riferimento è l\'intera popolazione italiana, ovvero la grande famiglia di oltre 59 milioni di persone; per il FOI è l\'insieme di famiglie che fanno capo a un operaio o un impiegato.

slide13

Con il termine

DEFLAZIONE

si intende, invece, la condizione opposta di una diminuzione del livello dei prezzi

in un dato periodo di tempo.

I fenomeni di diminuzione dei prezzi si verificano di rado e coincidono generalmente con fasi di profonda recessione.

slide14

A seconda dell’intensità dell’inflazione possiamo distinguere tra

Inflazione strisciante

quando l’aumento è relativamente modesto ad una sola cifra (inferiore al 10% su base annua)

Inflazione galoppante

nel caso di forti aumenti arrivando a tassi a due o tre cifre

Iperinflazione

quando gli aumenti diventano incontrollabili e la moneta può arrivare a perdere completamente il suo valore!

slide15

A proposito di iperinflazione…….

I casi più incredibili furono l’iperinflazione tedesca degli anni 1922-1924, il tasso d’inflazione superò il 300% con un picco nell’ottobre del 1923 pari al 29.000%.

Per fortuna, oggi, casi di iperinflazione così spaventosa sono rari, anche se tassi molto elevati sono stati registrati in molti paesi dell’America Latina nel corso dell’ultimo decennio.

Nel 1990 Argentina e Brasile avevano un tasso annuo di inflazione superiore al 2.000%, mentre quello del Perù era pari a circa il 7.000%.

slide17

chi ha contratto un

debito

trae vantaggio dal rialzo improvviso dei prezzi,

poiché alla scadenza, dovrà restituire una somma di denaro che

dal punto di vista nominale ha sempre lo stesso valore ma

dal punto di vista reale ha perso potere d’acquisto.

Proprio per evitare questi effetti, molte forme di debito

(soprattutto a lunga scadenza come i mutui)

hanno tassi d’interesse variabili

che si adeguano cioè all’inflazione (all’andamento dei prezzi).

slide18

Per questa ragione gli investitori sono interessati al

TASSO REALE

e non al tasso nominale

Il tasso d’interesse reale non è altro che il tasso d’interesse nominale depurato dall’inflazione

esempio

inflazione del 3%

intesse nominale del 5%

interesse reale del

2% !

slide19

In una fase ad inflazione in ascesa

induce, infatti, i consumatori a

ridurre il proprio risparmio sotto forma di

investimenti in strumenti finanziari

e ad investire, invece, in beni

meno soggetti a perdite di valore

come

appartamenti,

terreni e

metalli preziosi

slide20

Un secondo grave effetto dell’inflazione è l’alterazione nella distribuzione dei redditi.

L’aumento dei prezzi colpisce, infatti, coloro che percepiscono un reddito fisso

(impiegati, dipendenti, pensionati ecc.).

Tali soggetti dovranno cioè provvedere ai propri fabbisogni con un reddito che, in termini reali, è uguale a quello percepito antecedentemente all’aumento dei prezzi

slide22

se esistesse un’unica causa dell’inflazione sarebbe anche relativamente facile trovare una soluzione al problema

Per semplificare la questione

studieremo solo due cause dell’inflazione

inflazione da domanda

inflazione da costi

slide23

inflazione da domanda

si verifica quando la domanda di beni e servizi è in eccesso rispetto alle risorse del sistema economico (offerta). La domanda globale è quindi in eccesso rispetto alle capacità produttive del sistema.

Se per esempio i cittadini ottengono un incremento di reddito, domanderanno una quantità maggiore di beni e servizi.

Se non è possibile aumentare l\'offerta in uguale quantità, i prezzi tenderanno ad aumentare.

I consumatori faranno a gara tra di loro per accaparrarsi i pochi beni in circolazione e causeranno così un aumento dei prezzi.

slide24

inflazione da domanda

l’inflazione da domanda si verifica quando la domanda globale supera le capacità produttive del sistema.

In un sistema di piena occupazione delle risorse disponibili ogni incremento della domanda determina uno scarto inflazionistico fra domanda ed offerta, cosicché la crescita della domanda si tramuta semplicemente in un aumento dei prezzi che colma tale divario.

in sintesi l’inflazione da domanda è causata da

un eccesso della domanda sull’offerta

slide25

lo stesso concetto detto in un altro modo……….

se la domanda cresce oltre il potenziale di produzione di un paese

le imprese non sono in grado di adeguare la loro offerta

e pertanto si viene a creare un eccesso di domanda.

Per riportare in equilibrio domanda e offerta

i prezzi saliranno determinando in questo modo l’inflazione.

slide26

inflazione da costi

non è altro che l’aumento dei prezzi

dei fattori produttivi e delle materie prime

FATTORI PRODUTTIVI

MATERIE PRIME

es. costo del lavoro (stipendi)

es. energia

Un aumento degli stipendi, non compensato da un incremento della produzione, induce gli imprenditori ad aumentare i prezzi di vendita dei beni, in modo da lasciare inalterato il loro margine di profitto.

e i lavoratori?

Se ad esempio l’Italia importa una grande quantità di petrolio, l’aumento del suo prezzo comporterà una crescita dei costi di produzione e, quindi, dei prezzi dei beni prodotti.

slide28

Le politiche anti-inflazionistiche

i rimedi saranno diversi a seconda delle cause

se l’inflazione è la conseguenza di un eccesso di domanda

In questo caso il Governo di un Paese dovrà adottare interventi di politica economica che comprimano i consumi (ridurre la domanda).

In che modo?

ad esempio con un aumento del prelievo fiscale.

se l’inflazione è la conseguenza del rialzo dei costi di produzione

In questo caso il Governo di un Paese dovrà adottare la cosiddetta politica dei redditi:

In che modo?

ad esempio con il blocco dei salari (costo del lavoro)

slide29

La teoria

di

Arthur Phillips

slide30

La teoria di Arthur Phillips

relazione inversa

tra

inflazione

e

disoccupazione

slide33

in sintesi…..

più alto è il tasso d’inflazione, più basso sarà il tasso di disoccupazione

slide34

L’evoluzione storica dell’inflazione

Nel XVI e XVII secolo l\'inflazione fu strisciante. Durante la rivoluzione francese invece i prezzi aumentarono sensibilmente.

In seguito inflazione e deflazione si alternarono per lunghi periodi legati ad eventi particolari.

Durante la prima guerra mondiale e con le crisi economiche successive si ebbero dei rialzi dei prezzi molto elevati. Si verificarono casi di iperinflazione soprattutto in Germania.

Durante la seconda guerra mondiale e dopo di essa il fenomeno inflazionistico si ripresentò in tutta la sua drammaticità colpendo sia i vinti che i vincitori.

Dopo questi picchi all\'insù, motivati da eventi specifici, il livello dei prezzi tendeva a stabilizzarsi.

Dalla metà degli anni sessanta, però, l\'inflazione divenne galoppante. Specialmente negli anni settanta, in seguito alla quadruplicazione dei prezzi del petrolio, i paesi industrializzati si trovarono di fronte ad una situazione insostenibile. In particolare Italia e Gran Bretagna adottarono delle drastiche misure restrittive.

slide35

Mentre in precedenza (anni cinquanta/sessanta) per ottenere dei prezzi stabili bastava accettare dei periodi di elevata disoccupazione (teoria di Phillips), negli anni settanta si verificò un nuovo fenomeno, chiamato stagflatione, caratterizzato da un\'elevata inflazione accompagnata da un\'elevata disoccupazione. Inflazione e stagnazione produttiva contemporaneamente elevate comportarono delle scelte di politica economica definite di "stop and go" (frena e vai). Era necessario far procedere lo sviluppo produttivo a corrente alterna. Per un certo periodo (stop) attraverso politiche restrittive per comprimere l\'inflazione, in un secondo momento (go) adozione di politiche espansive per rilanciare la produzione e l\'occupazione.

Negli anni ottanta, in seguito a delle politiche restrittive particolarmente rigorose, l\'inflazione ritornò a livelli modesti in diversi paesi. In Italia, bisognò attendere la metà degli anni novanta per ridimensionare il fenomeno inflazionisticodi speculazione dalla parte dell\'offerta dei beni e servizi (fornitori, commercianti, professionisti, enti pubblici, ecc.) generando ripercussioni a catena in tutto il sistema. Mentre la politica dei redditi affliggeva i percettori di reddito fissi, i prezzi aumentavano nel settore agroalimentare e tariffario. Assicurazioni, trasporti, energia, ecc. sono diventate pesanti voci d\'uscita che si sono andate a sommare alla spesa giornaliera di tipo alimentare.

slide36

Gli effetti non si sono fatti attendere. Il cittadino ha percepito l\'inflazione in tutti i suoi drammatici aspetti. La guerra di cifre tra l\'ISTAT, l\'ente pubblico di rilevazione statistica, con il suo paniere di beni per famiglia tipo che poco corrisponde alla realtà di tanti cittadini, e le associazioni dei consumatori è storia recente. Qualsiasi ulteriore commento risulta superfluo... Probabilmente hanno ragione entrambi, tutto dipende dai punti di vista! Un dato di fatto è però certo: i prezzi sono aumentati in diversi settori (ben oltre del dato ufficiale) e l\'ingiustizia sociale è aumentata. Qualcuno è diventato più ricco e qualche altro è decisamente più povero...