GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 27

PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL: ASPETTI DEFINITORI TIPOLOGIE DI OPERAZIONE PowerPoint PPT Presentation


  • 72 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE. PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL: ASPETTI DEFINITORI TIPOLOGIE DI OPERAZIONE CARATTERISTICHE DEL MERCATO ITALIANO Lezione 6-7-8. PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL CARATTERISTICHE DEL MERCATO ITALIANO STRUTTURAZIONE DI UN FONDO E

Download Presentation

PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL: ASPETTI DEFINITORI TIPOLOGIE DI OPERAZIONE

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE

PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL:

ASPETTI DEFINITORI

TIPOLOGIE DI OPERAZIONE

CARATTERISTICHE DEL MERCATO ITALIANO

Lezione 6-7-8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL

CARATTERISTICHE

DEL MERCATO ITALIANO

STRUTTURAZIONE DI UN FONDO E

ATTIVITÀ DI FUNDRAISING

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

Il mercato italiano del Private Equity nel 2011

Raccolta

1.049 Milioni di Euro

-52% rispetto al 2010

19 operatori

Investimenti

3.583 Milioni di Euro

+46% rispetto al 2010

326 operazioni

+12% rispetto al 2010

Disinvestimenti

3.180 Milioni di Euro

+225% rispetto al 2010

139 exit

+13% rispetto al 2010

Fonte: AIFI-PwC

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

L’evoluzione dell’attività di raccolta

Fonte: AIFI-PwC

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

L’evoluzione dell’attività di investimento

* Il dato relativo all'ammontare investito comprende (sopra la linea tratteggiata) l'attività di operatori non aventi advisor formale sul territorio italiano

Fonte: AIFI-PwC

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

Distribuzione degli investimenti per tipologia

Fonte: AIFI-PwC

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

Distribuzione settoriale degli investimenti nel 2011

Fonte: AIFI-PwC

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

Distribuzione % per classi di dipendenti delle target

PMI 84%

Fonte: AIFI-PwC

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

L’evoluzione dell’attività di disinvestimento

Fonte: AIFI-PwC

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

Distribuzione dei disinvestimenti per tipologia

Fonte: AIFI-PwC

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

Performance: confronto Italia-Europa

IRR netto al 31 Dicembre 2008 (10 anni)

IRR netto al 31 Dicembre 2009 (10 anni)

IRR netto al 31 Dicembre 2010 (10 anni)

Fonte: KPMG, EVCA

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

Le tendenze attuali del mercato

Difficoltà nel raccogliere nuovi fondi, soprattutto all’estero

Investimenti di minori dimensioni

Minor ricorso alla leva finanziaria

Focus sul mid market

Difficoltà nel disinvestire le quote partecipate

Sostegno alle imprese in portafoglio

Aumento degli start up

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

I principali veicoli di investimento europei

  • La strutturadeifondidi private equity variadaPaese a Paese

  • Le piùfrequentistruttureutilizzatesono:

  • Limited Partnership neiPaesianglosassoni

  • FCPR in Francia

  • SICAR in Lussemburgo

  • PRICAF in Belgio

  • FondoChiuso in Italia

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

I veicolidiinvestimento

azionisti

sottoscrittori

SGR

Fondo

Struttura italiana

gestore

fondo

General

Partner

Limited

Partner

L.P.

Struttura

Internazionale

Limited

partnership

L.P.

L.P.

gestore

sottoscrittori

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

Tipologiedifondi

SGR

FONDO

CHIUSO

RETAIL

RISERVATI

QUOTATI

NON

QUOTATI

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

Schema generaledi un fondochiuso

Soci promotori

Società di gestione

Sottoscrittori

Fondo

Imprese partecipate

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

La strutturazione di un nuovo fondo chiuso: Timing

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

La strutturazione di un nuovo fondo chiuso: 1° Step

tempo richiesto: 2 mesi

Studio di fattibilità e bozza del regolamento del fondo contenente:

  • le caratteristiche del fondo e dell’attività di investimento;

  • le modalità di sottoscrizione ed il mercato di riferimento;

  • il regime delle spese;

  • le forme di pubblicità previste;

  • le politiche di distribuzione dei proventi.

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

La strutturazione di un nuovo fondo chiuso: 2° Step

tempo richiesto: 4 mesi

Processo di autorizzazione per avviare l’operatività

della Società di Gestione del Risparmio (SGR):

  • costituzione della SpA (1 mese circa);

  • autorizzazione di Banca d’Italia all’esercizio dell’attività di gestione (3 mesi circa dalla presentazione della domanda);

  • il termine di 3 mesi può essere interrotto se la documentazione è incompleta.

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

La strutturazione di un nuovo fondo chiuso: 3° Step

Il DL 70 del 13 maggio 2011 e la ComunicazionediBancad’Italiadigiugno 2011 hannofatto venire meno (a partiredal 14 maggio 2011) ilpoteredellaBancad’Italiadiapprovareiregolamentideifondiriservatiagliinvestitoriqualificati.

Le SGR devono continuare a trasmettere a Banca d’Italia, entro 10 giorni dall’approvazione del regolamento da parte del CdA, il testo, la delibera del CdA, le informazioni anagrafiche sul nuovo fondo e la data di avvio.

Continuano ad applicarsi ai fondi riservati le regole in materia di attività di investimento.

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

La strutturazione di un nuovo fondo chiuso: 4° Step

tempo richiesto: 3-12 mesi

  • Pre-funding, attività di promozione e funding:

  • durante il pre-fundingè importante attrarre sottoscrittori con un’elevata reputazione perché danno valore al lancio del veicolo;

  • il funding può iniziare anche prima dell’approvazione del regolamento del fondo.

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

La raccolta: 5° Step

tempo richiesto: 6-24 mesi

La raccolta si articola in 4 fasi

1. preparazione e distribuzione del materiale

di marketing;

2. incontri con i potenziali investitori;

3. preparazione della documentazione legale;

4. chiusura.

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

La raccolta

Preparazione e distribuzione

del materiale di marketing

In questa fase si redige il placement memorandum. Il management del fondo

deve riuscire a sintetizzare ciò che è stato fatto in passato, con le relative

performance ottenute, come pensa di agire per mantenere o migliorare tali

risultati e quale è il proprio vantaggio competitivo rispetto ad altri soggetti

(ciò che dovrebbe indirizzare la scelta verso il proprio fondo). Un placement

memorandum deve contenere la descrizione di tutti i termini e delle

condizioni, previste dal regolamento includendo, quindi, dati e

prospetti a proposito di:

  • dimensione e durata del fondo;

  • dimensione delle quote di partecipazione e meccanismo di

  • drawdown;

  • politiche di investimento;

  • politiche di distribuzione dei proventi e ripartizione costi tra

  • fondo e gestore;

  • management fee;

  • costi di organizzazione e struttura;

  • altri costi;

  • attività di reporting verso gli investitori.

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

La raccolta

Incontri con i potenziali

investitori

Anche se il target è identificato, numerosi

sono i contatti da attivare e spesso si

ricorre al Placement Agent, il quale

si occupa di:

Generare contatti

Redigere l’information

memorandum

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

La raccolta

Preparazione della documentazione legale

Accanto al regolamento del fondo possono essere

sottoscritti accordi di altro tipo. Per chi non utilizza la

struttura giuridica delle SGR, tutti gli accordi

delle parti sono nello statuto delle

società veicolo e nella

documentazione legale

(patti parasociali).

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

La raccolta

Chiusura

Il closing può avvenire anche in caso di over o under closing e la sottoscrizione delle quote avviene di conseguenza e come

previsto dal documento. Laddove le condizioni economiche saranno modificate, verrà inviato alla Banca d’Italia

il regolamento definitivo.

Lezione 8


Private equity e venture capital aspetti definitori tipologie di operazione

Caratteristiche delle commissioni

Lezione 8


  • Login